yes, therapy helps!
La teoria del feedback facciale: gesti che creano emozioni

La teoria del feedback facciale: gesti che creano emozioni

Agosto 20, 2019

La teoria del feedback (del feedback) facciale lo propone i movimenti facciali associati a una certa emozione possono influenzare le esperienze affettive . È una delle teorie più rappresentative dello studio psicologico delle emozioni e della cognizione, quindi continua a essere discusso e sperimentato costantemente.

In questo articolo vedremo qual è la teoria del feedback facciale , come è stato definito e quali sono state alcune delle verifiche sperimentali.

  • Articolo correlato: "Gli 8 tipi di emozioni (classificazione e descrizione)"

Teoria del feedback facciale Il movimento del viso crea emozioni?

La relazione tra la cognizione e le esperienze affettive è stata ampiamente studiata dalla psicologia. Tra le altre cose, è stato fatto un tentativo di spiegare come avvengono le emozioni, in che modo li rendiamo consapevoli e quale sia la loro funzione a livello individuale e sociale.


Parte della ricerca in questo campo suggerisce che le esperienze affettive avvengono dopo aver elaborato cognitivamente uno stimolo associato a un'emozione. A sua volta, quest'ultimo genererebbe una serie di reazioni facciali, ad esempio un sorriso, che spiegano l'emozione che stiamo vivendo.

Tuttavia, la teoria del feedback facciale, o teoria del feedback facciale, suggerisce che possa verificarsi anche il fenomeno opposto: eseguire movimenti con i muscoli facciali legato a una certa emozione, ha un impatto significativo su come lo viviamo; anche senza la necessità di un trattamento cognitivo intermedio.

Si chiama teoria del "feedback" facciale, proprio perché suggerisce l'attivazione muscolare del volto può generare un feedback sensoriale al cervello ; questione che alla fine ci consente di sperimentare coscientemente ed elaborare un'emozione.


  • Articolo correlato: "Psicologia emotiva: principali teorie dell'emozione"

Background e ricercatori correlati

La teoria del feedback facciale ha i suoi antecedenti nelle teorie di fine Ottocento, che danno la priorità al ruolo dell'attivazione muscolare con l'esperienza soggettiva delle emozioni .

Questi studi continuano fino ad oggi, e sono stati sviluppati in un modo importante dagli anni '60, quando le teorie sull'affettività assumono particolare rilevanza nelle scienze sociali e cognitive.

In una raccolta sullo sfondo della teoria del feedback facciale, Rojas (2016) riferisce che nell'anno del 1962, lo psicologo americano Silvan Tomkins ha proposto che il feedback sensoriale effettuato dai muscoli del viso e dalle sensazioni della pelle, possa generare un'esperienza o uno stato emotivo senza bisogno di intercessione cognitiva. Questo rappresentò il primo grande antecedente della teoria del feedback facciale.


Successivamente sono state aggiunte le teorie di Tournages e Ellsworth, nel 1979, che parlavano dell'ipotesi della modulazione emotiva mediata dalla propriocezione, che costituisce un altro dei grandi antecedenti della definizione di questa teoria. Dello stesso decennio Vengono anche riconosciuti i lavori di Paul Ekman e Harrieh Oster sulle emozioni e le espressioni facciali.

Tra i decenni degli anni '80 e '90, sono seguiti molti altri ricercatori, che hanno condotto numerosi esperimenti per verificare se i movimenti muscolari possono attivare determinate esperienze affettive. Svilupperemo alcuni dei più recenti, così come gli aggiornamenti teorici che ne derivano.

Il paradigma della penna a sfera

Nel 1988, Fritz Strack, Leonard L. Martin e Sabine Stepper hanno condotto uno studio in cui ai partecipanti è stato chiesto di guardare una serie di cartoni animati divertenti. Nel frattempo, a una parte di loro è stato chiesto di tenere una penna con le labbra. Agli altri è stata chiesta la stessa cosa, ma con i loro denti.

La richiesta precedente aveva una ragione: la postura facciale che si ottiene avendo una penna a sfera tra i denti contrae il muscolo zigomatico più grande, che usiamo per sorridere , che favorisce l'espressione facciale sorridente. Al contrario, il movimento facciale realizzato con la penna a sfera tra le labbra contrae il muscolo orbicolare, che inibisce l'attività muscolare necessaria per sorridere.

In questo modo, i ricercatori hanno misurato l'attività facciale associata al sorriso e hanno voluto vedere se l'esperienza soggettiva della gioia fosse correlata a quell'attività. Il risultato è stato che le persone che hanno tenuto la penna con i loro denti hanno riferito che i cartoni animati erano più divertenti di quelle persone che hanno tenuto la penna con le labbra.

La conclusione è stata che le espressioni facciali associate ad alcune emozioni possono trasformare efficacemente l'esperienza soggettiva di quell'emozione; Anche quando le persone non sono pienamente consapevoli dei gesti facciali che stanno portando avanti.

Il feedback facciale viene inibito quando siamo osservati?

Nel 2016, quasi tre decenni dopo l'esperimento di Strack, Martin e Stepper, lo psicologo e matematico Eric-Jan Wagenmakers, insieme ai suoi collaboratori, hanno replicato l'esperimento con penna a sfera sostenuta.

Con sorpresa di tutti, non hanno trovato prove sufficienti per sostenere l'effetto del feedback facciale. In risposta, Fritz Strack ha spiegato che l'esperimento Wagenmakers era stato eseguito con una variabile che non era presente nello studio originale, che sicuramente aveva influenzato e determinato i nuovi risultati.

Questa variabile era una videocamera che registrava l'attività di ciascuno dei partecipanti . Secondo Strack, l'esperienza di essere osservati a causa della videocamera avrebbe modificato in modo significativo l'effetto del feedback facciale.

L'effetto dell'osservazione esterna sull'esperienza affettiva

Prima della precedente controversia, Tom Noah, Yaacov Schul e Ruth Mayo (2018) hanno replicato di nuovo lo studio, utilizzando prima una fotocamera e poi omettendo il suo uso. Come parte delle loro conclusioni, propongono che, lungi dall'essere esclusivi, gli studi di Strack e Wagenmakers sono coerenti con teorie che spiegano come la sensazione di essere colpiti influenza i segnali interni correlato all'attività più elementare; in questo caso con feedback facciale.

Nella loro ricerca hanno scoperto che l'effetto del feedback facciale è notoriamente quando non c'è la registrazione di dispositivi elettronici (con il quale i partecipanti non sono preoccupati del monitoraggio della loro attività).

Al contrario, l'effetto diminuisce quando i partecipanti sanno che sono monitorati dalla videocamera. L'inibizione dell'effetto è spiegata come segue: l'esperienza del sentimento osservato genera la necessità di adattarsi alle aspettative esterne , per cui le informazioni interne non sono disponibili o non sono pronte.

Così, Noah, Schul e Mayo (2018) hanno concluso che la presenza della telecamera ha portato i partecipanti ad adottare la posizione di una terza prospettiva sulla situazione, e di conseguenza, ha generato meno melodia prima del feedback facciale dei propri muscoli.

Riferimenti bibliografici:

  • Noah, T., Schul, Y. e Mayo, R. (2018). Quando sia lo studio originale che la sua replica fallita sono corretti: Feeling Observed Elimina l'effetto Feedback facciale. Journal of Personality and Social Psychology, (114) 5: 657-664.
  • Rojas, S. (2016). Feedback facciale e il suo effetto sulla valutazione della pubblicità umoristica. Progetto di laurea finale. Programma di Psicologia, Universidad del Rosario, Bogotá, Colombia.
  • Wagenmakers, E-J., Beek, T., Dijkhoff, L., Gronau, Q. F., Acosta, A., Adams, R. B., Jr., ... Zwaan, R. A. (2016). Rapporto di replica registrato: Strack, Martin e Stepper (1988). Prospettive sulla scienza psicologica, 11, 917-928.
  • Strack, F., Martin, LL. e Stepper, S. (1988). Inibire e facilitare le condizioni del sorriso umano: una prova non invadente dell'ipotesi del feedback facciale. Journal of Personality and Social Psychology. 54 (5): 7688-777.
  • Ekman, P. e Oster, H. (1979). Espressioni facciali di emozione. Annual Review of Psychology, 30: 527-554.

3 clues to understanding your brain | VS Ramachandran (Agosto 2019).


Articoli Correlati