yes, therapy helps!
La stigmatizzazione di persone con diagnosi psichiatriche

La stigmatizzazione di persone con diagnosi psichiatriche

Settembre 20, 2019

La stigmatizzazione è un processo mediante il quale una persona ha diritto a un insieme di caratteristiche che sono considerate socialmente indesiderabili. Ecco perché un processo connesso con la discriminazione e l'esclusione sociale .

Sfortunatamente, la stigmatizzazione è anche un processo molto frequente in contesti clinici in cui i professionisti della salute mentale svolgono il loro lavoro (e non solo nella salute mentale). Ciò ha avuto conseguenze molto negative per entrambe le persone con diagnosi e le loro famiglie, quindi è attualmente un problema rilevante e molto discusso in diverse aree.

In questo articolo spieghiamo cos'è la stigmatizzazione, perché si verifica, quali conseguenze ha avuto e attraverso il quale è stata tentata la mitigazione delle proposte in diversi contesti.


  • Articolo correlato: "No, i disturbi mentali non sono aggettivi"

Stigmatizzazione psicosociale: dallo stigma alla discriminazione

L'uso della parola "stigmatizzazione" ci permette di ritornare al concetto di "stigma" e usarlo come metafora negli studi sociali. Lo stigma in questo contesto si riferisce a un tratto o condizione attribuita a un gruppo di persone e questo provoca atteggiamenti o risposte negative nei loro confronti.

L'applicazione del termine "stigma" in sociologia È stato reso popolare da Erving Goffman negli anni '60, chi lo definirebbe come un "attributo profondamente discredito" che è correlato a uno stereotipo negativo su tratti fisici, comportamenti, origine etnica o condizioni individuali intese in termini di pericolo (ad es. malattie) , migrazione, malattie, criminalità).


Quindi, la stigmatizzazione è il processo attraverso il quale un gruppo acquisisce una caratteristica differenziale o un "segno" di identificazione, che è valutato da altri gruppi come la caratteristica principale, che ha come conseguenza diverse forme di discriminazione verso quel gruppo "segnato ".

La ragione per cui la stigmatizzazione causa discriminazione è perché è un processo in cui i nostri atteggiamenti sono messi in gioco, intesi come un fenomeno di componenti cognitivi, affettivi e comportamentali ; nonostante siano diversi l'uno dall'altro, sono fortemente connessi.

Sono questi atteggiamenti che ci aiutano a classificare o categorizzare ciò che ci circonda in termini di "buono" o "cattivo", "indesiderabile" o "desiderabile", "adeguato" o "inadeguato", che spesso si traduce anche in "Normale-anormale", "sano-malato", ecc.

Queste categorie, essendo caricate con componenti affettivi e comportamentali, ci permettono di stabilire parametri nelle relazioni interpersonali . Ad esempio, evitiamo di avvicinarci a ciò che abbiamo classificato come "indesiderabile", ecc.


  • Forse ti interessa: "In difesa delle persone con demenza: combatti stimmi e pregiudizi"

Chi influenza di solito?

La stigmatizzazione non è un fenomeno che colpisce solo le persone con diagnosi di disturbo mentale. Può interessare un gran numero di persone e per motivi diversi . Generalmente, gruppi o gruppi "vulnerabili" sono usati per riferirsi a persone sistematicamente esposte a essere stigmatizzate ea vivere discriminazioni.

Il "sistematicamente" è importante perché lontano dall'essere vulnerabili di per sé, queste sono persone che sono costantemente vulnerabili a causa di un'organizzazione e di certe strutture sociali. Persone che sono costantemente esposte a situazioni di esclusione e che, paradossalmente, hanno meno possibilità di essere protetti.

In questo senso, la discriminazione non è solo un fenomeno individuale (che determina il modo in cui ci relazioniamo a una persona specifica), ma strutturale, che si trova anche nelle politiche, nei manuali, nel modo in cui gli spazi pubblici sono costituiti , negli altri ambiti della vita sociale.

Così, ad esempio, possono esserci stigma, atteggiamenti negativi nei confronti delle persone razzializzate, nei confronti delle persone con disabilità, nei confronti di persone in situazione di povertà, nei confronti di persone che non sono eterosessuali, nei confronti di persone con diagnosi mediche diverse, solo per citarne alcune.

  • Articolo correlato: "Stereotipi, pregiudizi e discriminazioni: perché dovremmo evitare di pregiudicare?"

Pericolo come stigma nei "disturbi mentali"

L'immaginario sociale della pericolosità in relazione alla "pazzia" si è evoluto in modo significativo nel tempo. Questa evoluzione è stata rafforzata in gran parte dalle strutture assistenziali che esistono ancora in molti luoghi.

Ad esempio, le istituzioni di asilo nelle periferie delle città, che confermano il mito della pericolosità nell'immaginario sociale; così come con pratiche coercitive senza consenso informato, o con il consenso forzato.

Il pericolo e la violenza sono diventati stigmi perché fanno che li riconosciamo come le caratteristiche eccezionali della persona che ha la diagnosi , con la quale, la conseguenza logica è l'esclusione automatica e generalizzata, vale a dire, si verifica anche se la persona non ha commesso atti violenti.

Paura ed esclusione: alcune conseguenze di questo fenomeno sociale

Se il pericolo è quello che evochiamo più rapidamente quando pensiamo a "disordini" o "malattie mentali", allora la reazione logica più vicina è stabilire la distanza, perché con il pericolo si attivano i nostri allarmi e con questo le nostre paure.

A volte vengono attivati ​​automaticamente e involontariamente che non importa se sono paure giustificate o meno (molte volte le persone che più "temono" provano, sono quelli che non hanno mai vissuto con qualcuno che ha una diagnosi psichiatrica). La conseguenza logica di tutto questo è che le persone con la diagnosi sono costantemente esposti al rifiuto e all'esclusione dal vivo .

E sfortunatamente, i professionisti della salute mentale spesso non sono esenti da quanto sopra. Infatti, nel tentativo di comprendere questo fenomeno e contrastarlo, negli ultimi decenni ci sono stati una grande quantità di studi scientifici che analizzano gli stimmi degli operatori sanitari nei confronti degli utenti dei servizi, e come questo ostacoli l'attenzione e crea più problemi che soluzioni.

Un'altra conseguenza della stigmatizzazione correlata alle diagnosi psichiatriche è che, essere inteso come qualcosa di negativo, pericoloso e sinonimo di malattia cronica fonte di costante disagio , le persone che potrebbero aver bisogno dell'attenzione di un servizio di salute mentale sono limitate o fermate quando cercano quella cura.

Vale a dire, la stigmatizzazione provoca una paura e un rifiuto non solo verso le persone che hanno la diagnosi, ma verso i servizi di salute mentale, con i quali i disagi si intensificano, la sofferenza non è accompagnata, i comportamenti sono diventano più problematici, ecc.

Alternative e resistenze

Fortunatamente, dato lo spiacevole scenario sopra descritto, è stato proposto il caso specifico di persone che hanno una diagnosi di disturbo mentale un problema che merita un'attenzione speciale dal momento che le persone con diagnosi e le loro famiglie si sono pronunciate contro lo stigma e la discriminazione.

Quest'ultimo è stato recentemente supportato da molti professionisti della salute mentale, nonché da molte politiche pubbliche e organizzazioni internazionali. Infatti, il 10 ottobre di ogni anno è stata istituita dall'ONU come Giornata internazionale della salute mentale .

Inoltre, in date e luoghi diversi in tutto il mondo, le persone con diagnosi hanno rivendicato il riconoscimento della diversità di corpi ed esperienze, così come la necessità di continuare a lottare contro lo stigma nella salute mentale e cercare soprattutto il rispetto dei diritti .

Riferimenti bibliografici:

  • López, M., Laviana, M., Fernández, L. et al. (2008). La lotta contro lo stigma e la discriminazione nella salute mentale. Una strategia complessa basata sulle informazioni disponibili. Rivista dell'Associazione Spagnola di Neuropsichiatria, 28 (101): 43-83
  • Muñoz, A. e Uriarte, J. (2006). Stigma e malattia mentale. North Mental Health, (26): 49-59.

Stigma malattia mentale (Settembre 2019).


Articoli Correlati