yes, therapy helps!
I poveri sono più razionali dei ricchi, prendendo decisioni d'acquisto

I poveri sono più razionali dei ricchi, prendendo decisioni d'acquisto

Dicembre 7, 2021

Immagina il seguente scenario. Un giorno lavorativo si va in uno stabilimento che vende dispositivi elettronici con l'intenzione di acquistare una nuova stampante. Una volta lì, qualcuno ti informa che il prezzo della stampante è di 250 euro e, tuttavia, sai che in un negozio a 20 minuti da dove sei puoi ottenere lo stesso prodotto per 50 euro in meno. Ne varrebbe la pena fare il viaggio per risparmiare quei soldi?

Probabilmente, a meno che non si presenti qualche urgenza. Tuttavia, cosa succederebbe se la stampante costasse 1.000 euro? Sembrerebbe ancora una buona opzione per camminare per 20 minuti per risparmiare 50 euro? È possibile che in questo caso tu abbia più dubbi.


Poveri e ricchi: quali sono le differenze nel modo in cui gestiscono le loro risorse economiche?

È interessante notare che nel secondo caso è più probabile che le persone sottostimino la convenienza di andare in un altro negozio, sebbene i risparmi siano esattamente gli stessi in entrambi gli scenari: 50 euro, un importo non trascurabile. Decidere di fare il viaggio quando la stampante costa 250 euro ma non farlo quando costa molto di più è un chiaro sintomo le nostre decisioni legati all'acquisto e all'economia non frequentano solo criteri razionali di costi-benefici . E, curiosamente, sembra che questo sia più evidente nelle persone che si trovano in una situazione economica migliore, mentre i poveri non cadono così facilmente in questo tipo di trappola.


Un team di ricercatori ha fornito prove su queste tendenze differenziate, facendo apparire ricchi e poveri una situazione simile a quella descritta nell'esempio della stampante. Per fare questo, hanno diviso più di 2.500 partecipanti in due gruppi: quelli i cui redditi hanno superato la media nazionale e quelli i cui redditi erano inferiori.

I risultati, pubblicati sulla rivista Scienza psicologicaSono intriganti. Mentre i membri del gruppo "ricco" tendevano ad essere più inclini a fare il viaggio quando il prodotto era più economico, ciò non avveniva nel gruppo di persone con redditi inferiori alla media. Questi ultimi avevano la stessa probabilità di fare il viaggio in entrambi gli scenari.

Perché succede?

I ricercatori che hanno guidato lo studio ritengono che questo modello sia spiegato da il modo in cui i ricchi e i poveri considerano se vale la pena fare il viaggio o meno . Le persone con alti redditi tenderebbero ad affrontare il problema in base al prezzo del prodotto, e poiché lo sconto può sembrare più o meno insignificante a seconda del prezzo totale da pagare, la loro decisione dipenderebbe dall'ammontare che devono erogare. Questo è un esempio di euristica: se lo sconto sembra piccolo rispetto al prezzo, non è davvero troppo importante. Le persone con redditi bassi, tuttavia, inizierebbero a valutare lo sconto, non il prezzo del prodotto, e da lì considererebbero quello che possono acquistare con la somma risparmiata: forse alcuni bei pantaloni, o una cena per due in un ristorante.


In breve, il valore che le persone con un piccolo reddito darebbe lo sconto non dipende dal prezzo totale del prodotto e per questo motivo è un criterio più robusto e più razionale. Forse, queste persone sono costrette a decidere ogni giorno secondo una logica di costi-benefici, mentre la popolazione che si trova in una situazione economica più confortevole può permettersi certe eccentricità al momento di decidere cosa comprare e dove farlo.

Dall'economia al modo di pensare

Karl Marx sosteneva che le categorie concettuali con cui pensiamo abbiano la loro origine nel diverso modalità di produzione di ogni epoca. In modo simile, studi come questo spettacolo come la sfera economica influenza il modo di pensare . La linea divisoria tra ricchi e poveri non si trova solo nei loro mezzi materiali di sussistenza, ma anche nei diversi punti di vista che usano per avvicinarsi alla realtà. In un certo senso, avere più o meno possibilità di crescere economicamente potrebbe far sembrare le cose diverse.

Ciò non deve convertire la popolazione economicamente più svantaggiata in una classe privilegiata, poiché è più razionale assumendo determinati tipi di decisioni. Probabilmente seguono una logica costi-benefici perché altrimenti possono essere danneggiati molto più del resto della gente: è un stile di pensiero basato sul bisogno di sussistenza . Forse comprendere le insidie ​​che separano i modi di pensare tra i più umili strati popolari e le minoranze privilegiate può affrontare meglio certi problemi sociali.

Riferimenti bibliografici

  • Shah, A. K., Shafir, E. e Mullainathan (2015). Scarcity Frames Value. Psychological Science, 26 (4), pp. 402-412.

Stop! Rodando el Cambio - sub english / français / italiano / castellano (Dicembre 2021).


Articoli Correlati