yes, therapy helps!
La filosofia di Karl Popper e le teorie psicologiche

La filosofia di Karl Popper e le teorie psicologiche

Luglio 12, 2020

È comune associare la filosofia a un mondo di speculazioni senza alcuna connessione con la scienza, ma la verità è che non è questo il caso. Questa disciplina non è solo la madre di tutte le scienze da una prospettiva storica; è anche ciò che permette di difendere la robustezza o la debolezza delle teorie scientifiche.

Infatti, dalla prima metà del XX secolo, con l'emergere di un gruppo di pensatori noto come il Circolo di Vienna, c'è anche una branca della filosofia che è responsabile del monitoraggio non solo delle conoscenze scientifiche, ma cosa si intende per la scienza.

Riguarda la filosofia della scienza e uno dei suoi primi rappresentanti, Karl Popper fece molto per esaminare la questione della misura in cui la psicologia genera conoscenza approvata scientificamente . In effetti, il suo confronto con la psicoanalisi fu una delle cause principali dell'ingresso nella crisi di questa corrente.


Chi era Karl Popper?

Karl Popper nacque a Vienna durante l'estate del 19002, quando la psicoanalisi stava guadagnando forza in Europa. In quella stessa città studiò filosofia, disciplina alla quale si dedicò fino alla sua morte nel 1994.

Popper era uno dei più influenti filosofi della scienza della generazione del Circolo di Vienna, e le sue prime opere furono molto prese in considerazione nello sviluppo di un criterio di demarcazione, cioè quando si definì un modo per delimitare cos'è che distingue la conoscenza scientifica da ciò che non lo è?

Quindi, il problema della demarcazione è un argomento a cui Karl Popper ha cercato di rispondere inventando modi in cui è possibile sapere che tipo di affermazioni sono scientifiche e quali no. .


Questo è uno sconosciuto che attraversa l'intera filosofia della scienza, indipendentemente dal fatto che sia applicato a oggetti di studio relativamente ben definiti (come la chimica) o altri in cui i fenomeni da indagare siano più aperti all'interpretazione (come la paleontologia). E, naturalmente, la psicologia, essendo sul ponte tra neurologia e scienze sociali, è molto influenzata a seconda che si applichi una demarcazione o un altro criterio.

Così, Popper dedicò gran parte del suo lavoro di filosofo a ideare un modo per separare la conoscenza scientifica dalla metafisica e la semplice speculazione infondata. Ciò lo portò ad una serie di conclusioni che lasciarono in cattive condizioni molto di quello che ai suoi tempi era considerato come psicologia e così hanno sottolineato l'importanza della falsificazione nella ricerca scientifica.


Il falsificazionismo

Sebbene la filosofia della scienza sia nata nel XX secolo con l'apparizione del Circolo di Vienna, i principali tentativi di sapere come accedere alla conoscenza (in generale, non specificamente "conoscenze scientifiche") e fino a che punto questo è vero, è apparso molti secoli, con la nascita di epistemologia.

Auguste Comte e ragionamento induttivo

Il positivismo, o la dottrina filosofica secondo la quale l'unica conoscenza valida è scientifica, fu una delle conseguenze dello sviluppo di questo ramo della filosofia. Apparso all'inizio del diciannovesimo secolo dal pensatore francese Auguste Comte e, naturalmente, ha generato molti problemi ; così tanti che, in effetti, nessuno poteva agire in modo leggermente coerente con esso.

In primo luogo, l'idea che le conclusioni che facciamo attraverso l'esperienza al di fuori della scienza siano irrilevanti e che non meritino di essere prese in considerazione è devastante per chiunque voglia alzarsi dal letto e prendere decisioni rilevanti nel tuo giorno per giorno.

La verità è questa la quotidianità ci impone di fare centinaia di inferenze velocemente senza dover passare attraverso qualcosa di simile al tipo di test empirici necessari per fare scienza, e il frutto di questo processo è ancora la conoscenza, più o meno di successo che ci fa agire in un modo o nell'altro. In realtà, non ci prendiamo nemmeno la briga di prendere tutte le nostre decisioni basate sul pensiero logico: prendiamo costantemente scorciatoie mentali.

In secondo luogo, il positivismo ha posto al centro del dibattito filosofico il problema della demarcazione, che è già molto complicato da risolvere. In che modo è stato compreso dal positivismo di Comte che si dovrebbe accedere alla vera conoscenza? Attraverso l'accumulo di semplici osservazioni basate su fatti osservabili e misurabili. Voglio dire, È fondamentalmente basato sull'induzione .

Ad esempio, se dopo aver fatto diverse osservazioni sul comportamento dei leoni, vediamo che ogni volta che hanno bisogno di cibo ricorrono alla caccia di altri animali, arriveremo alla conclusione che i leoni sono carnivori; dai singoli fatti raggiungeremo una conclusione ampia che copre molti altri casi non osservati .

Tuttavia, una cosa è riconoscere che il ragionamento induttivo può essere utile, e un altro è sostenere che da solo permette di arrivare alla vera conoscenza di come la realtà è strutturata. È a questo punto che entra in scena Karl Popper, il suo principio di falsificabilità e il suo rifiuto dei principi positivisti.

Popper, Hume e falsificazionismo

Il cardine del criterio di demarcazione sviluppato da Karl Popper è chiamato falsificazionismo. Il Falsacionismo è una corrente epistemologica secondo cui la conoscenza scientifica non dovrebbe basarsi tanto sull'accumulazione di prove empiriche quanto sui tentativi di confutare idee e teorie per trovare campioni della sua robustezza.

Questa idea prende alcuni elementi della filosofia di David Hume , secondo cui è impossibile dimostrare una connessione necessaria tra un evento e una conseguenza che ne deriva. Non c'è motivo per noi di dire con sicurezza che una spiegazione della realtà che funziona oggi funzionerà domani. Sebbene i leoni mangiano carne molto spesso, forse in un momento si scopre che in situazioni eccezionali alcuni di loro sono in grado di sopravvivere a lungo mangiando una varietà speciale di piante.

Inoltre, una delle implicazioni del falsificazionismo di Karl Popper è che è impossibile provare definitivamente che una teoria scientifica è vera e descrive fedelmente la realtà. La conoscenza scientifica sarà definita dal modo in cui funziona per spiegare le cose in un dato momento e contesto, n o nella misura in cui riflette la realtà così com'è, poiché la conoscenza di quest'ultima è impossibile .

Karl Popper e la psicoanalisi

Sebbene Popper abbia avuto alcuni incontri con il comportamentismo (in particolare, con l'idea che l'apprendimento si basa sulle ripetizioni attraverso il condizionamento, sebbene questa non sia una premessa fondamentale di questo approccio psicologico) la scuola di psicologia che attaccava con più veemenza era quella della psicoanalisi freudiana , che durante la prima metà del 20 ° secolo ha avuto molta influenza in Europa.

Fondamentalmente, ciò che Popper criticò della psicoanalisi fu la sua incapacità di attenersi a spiegazioni che potevano essere falsificate, qualcosa che considerava imbrogli. Una teoria che non può essere falsificata è in grado di contorcersi e adottare tutte le forme possibili per non mostrare che la realtà non si adatta alle loro proposte , il che significa che non è utile spiegare i fenomeni e, quindi, non è scienza.

Per il filosofo austriaco, l'unico merito delle teorie di Sigmund Freud era che avevano una buona capacità di perpetuarsi, approfittando delle proprie ambiguità per adattarsi a qualsiasi schema esplicativo e adattarsi a tutte le contingenze senza essere sfidati. L'efficacia della psicoanalisi non aveva nulla a che fare con il grado in cui servivano a spiegare le cose, ma con i modi in cui ho trovato il modo di auto-giustificare .

Ad esempio, la teoria del complesso di Edipo non deve essere risentita se, dopo aver identificato il padre come fonte di ostilità durante l'infanzia, si scopre che in realtà il rapporto con il padre era molto buono e che non vi era mai alcun contatto con il padre. madre oltre il giorno della nascita: si identifica semplicemente come una figura paterna e materna per gli altri, dal momento che, poiché la psicoanalisi si basa sul simbolico, non deve adattarsi a categorie "naturali" come i genitori biologici.

Fede cieca e ragionamento circolare

In breve, Karl Popper non credeva che la psicoanalisi non fosse una scienza perché non serviva a spiegare bene cosa succede, ma per qualcosa di ancora più basilare: perché non era nemmeno possibile considerare la possibilità che queste teorie siano false .

A differenza di Comte, che riteneva fosse possibile svelare una conoscenza fedele e definitiva di ciò che è reale, Karl Popper ha preso in considerazione l'influenza che i pregiudizi e i punti di partenza di diversi osservatori hanno su ciò che studiano, ed è per questo che capì che certe teorie erano più una costruzione storica che un utile strumento per la scienza.

La psicoanalisi, secondo Popper, era una specie di miscuglio tra l'argomento ad ignorantiam e l'errore di una richiesta di principio: chiede sempre di accettare premesse in anticipo per dimostrare che, Poiché non vi è alcuna prova del contrario, devono essere vere . Ecco perché ha capito che la psicoanalisi era paragonabile alle religioni: entrambe erano auto-confermanti e basate su un ragionamento circolare per uscire da qualsiasi confronto con i fatti.


La filosofia di Popper - Scienze sociali e politica (Luglio 2020).


Articoli Correlati