yes, therapy helps!
La sindrome da alienazione parentale: invenzione o realtà?

La sindrome da alienazione parentale: invenzione o realtà?

Dicembre 7, 2021

Poiché Richard Gardner descrisse per la prima volta il termine di alienazione dei genitori nel 1985, le controversie e le critiche derivate da questo costrutto sono state molto diverse. I detrattori del concetto si sono affidati a diversi tipi di argomenti per invalidare la loro esistenza negli ultimi decenni, che autori come Suárez e Nodal (2017) hanno analizzato in una recente revisione al fine di far luce su questo complesso fenomeno.

Quindi ... Il concetto di alienazione parentale è fondamentale? Vediamolo

  • Articolo correlato: "Divorzio dei genitori, come influisce sui bambini?"

La sindrome da alienazione parentale

La definizione originale del SAP di Gardner si riferiva all '"alterazione che di solito appare nel contesto di un divorzio, in cui il bambino disprezza e critica uno dei suoi genitori, quando tale valutazione negativa è ingiustificata o esagerata (a Vilalta Suárez, 2011) ".


SAP implica che un genitore influenza in modo pernicioso il bambino in modo che quest'ultimo rifiuti l'altro genitore in quei casi in cui non vi è evidenza di alcun tipo di maltrattamento da parte del genitore alienato nei confronti del bambino. Nello specifico, i seguenti sono inclusi come segni di definizione di SAP (Vilalta Suárez, 2011):

  • Esistenza di una campagna di denigrazione .
  • Razionalizzazioni futili o assurde del rifiuto del genitore.
  • Mancanza di ambivalenza affettiva verso le figure genitoriali.
  • Apparenza del «fenomeno del pensatore indipendente», si sostiene che la decisione di rifiuto è esclusiva del bambino.
  • Supporto automatico al padre "amato" in qualsiasi posizione
  • Assenza di colpa nel bambino per l'espressione del rifiuto.
  • Apparizione nella storia del figlio di scene prese in prestito, che il bambino non ha vissuto o non riesce a ricordare.
  • L'entità del rifiuto alla famiglia o all'ambiente del genitore rifiutato.

Secondo gli autori di cui sopra, la Guida pratica per le misure di protezione integrale contro la violenza di genere, preparata da un gruppo di esperti in materia e dal Consiglio generale della magistratura nel 2016, asserisce l'impossibilità di convalidare l'esistenza del SAP.


Questa categorizzazione si basa sul fatto che una tale entità psicologica non è incluso nei sistemi di classificazione dei disturbi mentali di riferimento corrente, come il DSM-V. Ciò è particolarmente rilevante dal momento che questo documento diventa una guida fondamentale nel campo della psicologia forense e può a sua volta condizionare la concezione che i professionisti nel campo della psicologia clinica hanno del costrutto SAP.

  • Forse ti interessa: "Gli 8 tipi di conflitti familiari e come gestirli"

Analisi critica sulla convalida SAP

Nel lavoro svolto da Suárez e Nodal (2017) vengono presentati diversi argomenti che mettono in discussione le giustificazioni offerte dai detrattori del SAP e dagli autori della suddetta Guida quando si tratta di invalidare la loro esistenza.

In primo luogo, sembra questo la stessa nomenclatura del SAP che la definisce come una sindrome ha generato molto dibattito , nel senso che la sua concettualizzazione debba essere legittimata come un fenomeno patologico, un disturbo mentale o una malattia.


1. Patologizzazione di un fenomeno relazionale

Secondo l'American Psychiatric Association (APA), una sindrome è definita da un insieme di segni e / o sintomi che, in base alla loro frequente concomitanza, possono suggerire una patogenesi (DSM-IV-TR, 2014). Se è vero che l'elemento "sindrome" può essere giustificato in modo insufficientemente scientifico nel SAP, non per questo motivo l'esistenza del fenomeno situazionale può essere negata quella alienazione genitoriale descrive. Questo può essere considerato indipendente dal fatto che vi sia un consenso sufficiente per garantire la nosologia della sindrome.

In relazione a quanto sopra, il SAP non è stato incluso come tale in nessuna delle versioni del DSM, sebbene il dibattito fosse molto presente per includerlo o meno nel gruppo di esperti responsabili dello sviluppo ufficiale del manuale attuale.

2. L'argomento circolare

In questo senso, gli autori del documento sostengono che il fatto che il SAP non sia stato finalmente raccolto nel sistema di classificazione, non implica necessariamente che la sua esistenza debba essere negata . Vedi l'esempio usato come "sindrome della donna maltrattata" o omosessualità, che è stato definito come disturbo mentale fino al 1973. Entrambi giustificano il fatto che, sebbene non ci sia un'etichetta diagnostica specifica su un problema psicologico durante un dato periodo di tempo , questo può essere altrettanto rilevante e di attenzione prioritaria nella pratica clinica professionale.

Quindi, se finalmente il SAP o l'AP (alienazione parentale) sono contemplati in una futura revisione del DSM, implicherebbe che solo da quel momento potrebbe essere definito come una patologia mentale e non prima?

3. Presunta mancanza di interesse da parte della psicologia

Un altro argomento su cui Suárez e Nodal (2017) si riferiscono fa riferimento alla convinzione che il SAP non sia stato (e non sia) di interesse per la comunità scientifica psicologica. Il testo elenca numerosi lavori che mostrano esattamente l'opposto, sebbene sia vero che includono anche studi di meta-analisi che descrivono la difficoltà di validare empiricamente il SAP . Pertanto, non si può affermare che non vi sia alcun interesse da parte della comunità scientifica nell'area clinica e forense per indagare e delimitare il SAP (o l'AP) in modo più oggettivo.

In aggiunta a quanto sopra, sembra che nel campo della giurisdizione non si trovi alcuna sentenza né della Corte Suprema né della Corte dei diritti umani di Strasburgo che mette in discussione intrinsecamente l'esistenza del SAP.

SAP e DSM-V

Come accennato in precedenza, il SAP non è riconosciuto come entità nosologica nel DSM-V. Tuttavia, nella sezione corrispondente a "Problemi che possono essere oggetto di attenzione clinica" sembra contemplare un'entità chiamata "Problemi relazionali tra genitori e figli".

Considerando i suoi criteri diagnostici, questo può essere adattato a quanto definito in SAP: problema di base psicologica, relativo all'educazione familiare e ciò causa una compromissione funzionale a livello comportamentale, emotivo e cognitivo. Pertanto, sebbene sia concepito come un problema di relazione e non come un disturbo mentale, sembra che il SAP o l'AP possano essere descritti in un modo che consenta di individuarli mediante specifici indicatori di definizione in casi reali, la valutazione del necessità di richiedere un intervento a livello psicologico e / o forense e, infine, che consenta in futuro la prosecuzione di indagini che determinino con maggiore accuratezza quali implicazioni presenta il SAP.

Riferimenti bibliografici:

  • American Psychiatric Association., Kupfer, D.J., Regier, D.A., Arango Lopez, C., Ayuso-Mateos, J.L., Vieta Pascual, E., e Bagney Lifante, A. (2014). DSM-5: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (5a ed.). Madrid [ecc.]: Editoriale Panamericana Medical.
  • Escudero, Antonio, Aguilar, Lola e Cruz, Julia de la. (2008). La logica della sindrome da alienazione parentale di Gardner (SAP): "terapia delle minacce", rivista dell'Associazione spagnola di Neuropsichiatria, 28 (2), 285-307. Estratto il 26 gennaio 2018 da //scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0211-57352008000200004&lng=es&tlng=es.
  • Suárez, R.J. V., & Nodal, M.W. (2017). Informazioni sul mito della sindrome da alienazione genitoriale (SAP) e sul DSM-5. Carte dello psicologo, 38 (3), 224-231.
  • Vilalta Suárez, R. J. (2011). Descrizione della sindrome da alienazione genitoriale in un campione forense. Psicothema, 23 (4).

gardner & pedofilia (Dicembre 2021).


Articoli Correlati