yes, therapy helps!
L'origine della musica e le sue implicazioni nelle nostre vite

L'origine della musica e le sue implicazioni nelle nostre vite

Gennaio 20, 2020

In un modo o nell'altro, la musica è presente in quasi tutte le sfere della nostra vita . Può essere, ad esempio, inserito in una scena di un film horror per aumentare la tensione e l'angoscia, oppure può essere usato durante una lezione di fitness in modo che i suoi assistenti seguano il ritmo appropriato.

D'altra parte, in ogni evento sociale che valga la pena, non può mancare una melodia, anche se è sullo sfondo. Dalla famosa marcia nuziale di Richard Wagner In un matrimonio fino a quando le band e i cantautori che impostano i bar notturni, la musicalità è sempre presente.

Gli individui di tutte le società umane possono percepire la musicalità ed essere emotivamente sensibili al suono (Amodeo, 2014). È facile per chiunque sapere quando una canzone gli piace, causa tristezza o addirittura euforia. E, come molte altre cose presenti nelle nostre vite, accettiamo l'esistenza della musica come qualcosa di naturale. Tuttavia, analizzato da un punto di vista scientifico, la capacità di creare e ascoltare la musica è abbastanza complessa e ha attirato l'attenzione di ricercatori provenienti da molti campi diversi.


  • Articolo consigliato: "Che musica ascoltano le persone intelligenti?"

La musica potrebbe favorire la sopravvivenza

Per alcuni decenni, gli scienziati che indagano sull'evoluzione hanno proposto di trovare l'origine della musica nella storia biologica dell'essere umano . Questa prospettiva parte dalla teoria della selezione naturale, affermando che sono i bisogni imposti dall'ambiente a modellare il design di tutte le specie, dal momento che gli individui con i migliori adattamenti (fisiologici o psicologici) sopravviveranno in qualsiasi momento.

Questi tratti benefici derivano da varie mutazioni genetiche, che se positive per la sopravvivenza saranno più facilmente trasmesse di generazione in generazione. Nel caso dell'essere umano, la pressione della selezione naturale ha influenzato la struttura e le funzioni del cervello per migliaia di anni, sopravvivendo al disegno che permetteva di condurre comportamenti più funzionali.


Tuttavia, la nostra specie è molto più complessa. Sebbene la selezione naturale sia stata quella che ha plasmato il disegno biologico dell'organismo, è la cultura e ciò che apprendiamo durante la vita che finisce per definire chi siamo .

Tenendo conto di queste idee, ci sono molti etologi, neuroscienziati, musicologi e biologi che concordano sul fatto che ci sia stato un momento nella storia in cui la musica ha aiutato i nostri antenati a sopravvivere in un ambiente selvaggio e ostile. In una recensione sull'argomento, Martín Amodeo (2014) afferma che la capacità di apprezzare la sound art potrebbe anche avere un ruolo essenziale nell'emergere della specie umana. Queste affermazioni possono sorprendere dal momento che, al momento, l'uso che viene dato alla musica è apparentemente ludico e non suppone una questione di vita o di morte, per fortuna.

Quando è arrivata la musica?

La musicalità sarebbe prima della comparsa di arte e lingua questi ultimi due sono quasi esclusivamente di proprietà dell'Homo sapiens. Gli ominidi prima dell'essere umano non avrebbero la capacità mentale necessaria per elaborare un linguaggio complesso, dovendo attenersi a un sistema di comunicazione pre-linguistica basato su suoni che cambiavano ritmo e melodia. Allo stesso tempo, hanno accompagnato questi suoni con gesti e movimenti, rappresentando nel loro insieme significati semplici sulle emozioni che desideravano raggiungere i loro coetanei (Mithen, 2005). Sebbene per raggiungere il livello attuale ci fosse ancora una lunga strada da percorrere nella storia, la musica e il linguaggio verbale avrebbero qui il loro primitivo punto di partenza.


Tuttavia, sebbene la musica e il linguaggio verbale abbiano un'origine comune, c'è una grande differenza tra loro. I suoni che assegniamo alle parole non hanno alcuna relazione con il significato delle parole nella vita reale. Ad esempio, la parola "cane" è un concetto astratto che è stato attribuito a questo mammifero in modo casuale attraverso la cultura. Il vantaggio del linguaggio sarebbe che certi suoni possono riferirsi a proposizioni molto precise. Al contrario, i suoni della musica sarebbero in un certo modo naturali e si potrebbe dire che "la musica sembra significare ciò che sembra" (Cross, 2010) sebbene il significato di questa suola sia ambiguo e non possa essere espresso con parole esatte.

A questo proposito, i ricercatori dell'Università del Sussex (Fritz et al, 2009) hanno condotto uno studio interculturale a sostegno di questa tesi.Nella loro ricerca, hanno studiato il riconoscimento di tre emozioni fondamentali (felicità, tristezza e paura) presenti in varie canzoni occidentali da membri della tribù africana Mafa, che non avevano mai avuto contatti con altre culture e, ovviamente, non avevano mai sentito le canzoni che sono state presentate a loro. I Mafas hanno riconosciuto le canzoni come felici, tristi o che hanno causato paura, quindi sembra che queste emozioni di base possano anche essere riconosciute ed espresse attraverso la musica.

In sintesi, una delle funzioni principali della musica, nelle sue origini, potrebbe essere l'induzione di stati d'animo in altre persone (Cross, 2010), che può servire a provare a modificare il comportamento degli altri sulla base di alcuni obiettivi.

Portiamo la musica dentro da quando siamo nati

Un altro dei pilastri della musica attuale può essere nella relazione madre-figlio. Ian Cross, professore di musica e scienza e ricercatore presso l'Università di Cambridge, ha studiato l'età dell'acquisizione, da parte dei bambini, di tutte le facoltà che consentono la percezione musicale, concludendo che prima del primo anno di vita e Hanno sviluppato queste capacità a livello di un adulto. Lo sviluppo del linguaggio verbale, al contrario, sarà più esteso nel tempo.

Per far fronte a questo, i genitori del bambino ricorrono a una forma particolare di comunicazione. Come descritto da Amodeo (2014), quando una madre o un padre parlano a un bambino, lo fanno in modo diverso rispetto a quando stabiliscono una conversazione adulta. Quando si parla al neonato mentre si dondola ritmicamente, si usa una voce più acuta del normale, usando schemi ripetitivi, intonazioni un po 'esagerate e curve melodiche molto acute. Questo modo di esprimersi, che sarebbe un linguaggio innato tra il figlio e la madre, aiuterebbe a stabilire una profonda connessione emotiva tra loro. I genitori che in tempi ostili avevano questa capacità avrebbero facilitato la cura dei loro discendenti poiché, per esempio, potevano calmare il pianto di un bambino, impedendogli di attirare i predatori. Pertanto, quelli con questa abilità pre-musicale sarebbero più propensi ad avere i loro geni e le loro caratteristiche sopravvivere e propagarsi nel tempo.

Martín Amodeo sostiene che i movimenti ritmici e le singolari vocalizzazioni eseguite dal genitore avrebbero dato origine a canzoni e musica. Inoltre, la capacità dei bambini di cogliere ciò sarebbe mantenuta per tutta la vita e consentirebbe loro, in età adulta, di provare emozioni quando ascoltano una determinata combinazione di suoni, ad esempio, sotto forma di composizione musicale. Questo meccanismo di interazione materno-filiale è comune a tutte le culture, quindi è considerato universale e innato.

La musica ci fa sentire più uniti

Esistono anche teorie basate sulla funzione sociale della musica, poiché favorirebbero la coesione del gruppo . Per gli umani antichi, la cooperazione e la solidarietà in un ambiente ostile erano la chiave per la sopravvivenza. Un'attività di gruppo piacevole come la produzione e il godimento della musica indurrebbe l'individuo a secernere una quantità elevata di endorfine, qualcosa che si verificherà congiuntamente se la melodia viene ascoltata da più persone contemporaneamente. Questo coordinamento, consentendo alla musica di trasmettere sentimenti ed emozioni di base, consentirebbe di ottenere uno "stato emotivo generalizzato in tutti i membri di un gruppo" (Amodeo, 2014).

Vari studi affermano che l'interazione di gruppo attraverso la musica favorisce l'empatia, consolida l'identità della comunità, facilita l'integrazione in essa e, di conseguenza, mantiene la sua stabilità (Amodeo, 2014). Un gruppo coeso attraverso attività come la musica, sarebbe quindi facilitato dalla sua sopravvivenza poiché promuoverebbe la cooperazione tra grandi gruppi di persone.

Applicandolo anche ai nostri giorni, la bellezza della musica se goduta in un gruppo si baserebbe su due fattori. Da un lato, Esiste un fattore biologico che ci consente di suscitare emozioni condivise prima, ad esempio, della stessa canzone . Ciò favorisce la sensazione di reciproca affiliazione (Cross, 2010). Il secondo fattore è basato sull'ambiguità della musica. Grazie alle nostre complesse capacità cognitive, gli esseri umani hanno la capacità di attribuire significati a ciò che ascoltano in base alla loro esperienza personale. Per questo, oltre a promuovere emozioni di base, la musica consente a ciascuna persona di dare un'interpretazione personale a ciò che ascolta, adattandolo al suo stato attuale.

La pratica musicale migliora le nostre capacità cognitive

L'ultimo fattore che sembra aver aiutato lo sviluppo della musica in quanto tale un fattore culturale complesso è la sua capacità di influenzare altre abilità cognitive. Come quasi tutte le abilità che impari, L'allenamento musicale modifica il cervello nelle sue funzioni e struttura .

Inoltre, esiste una solida base che indica che la formazione musicale ha un'influenza positiva in altri campi come il ragionamento spaziale, la matematica o la linguistica (Amodeo, 2014).

Simile in altre specie

Infine, va ricordato che animali come beluga e molti uccelli hanno seguito processi evolutivi simili. Sebbene la funzione principale del canto in molti uccelli (e in alcuni mammiferi marini) sia quella di comunicare stati o cercare di influenzare altri animali (ad esempio, nel corteggiamento attraverso il canto o per contrassegnare il territorio), sembra che a volte cantino solo per divertimento Inoltre, alcuni uccelli mantengono un senso estetico e cercano di creare composizioni che, analizzate musicalmente, seguono determinate regole .

conclusioni

In conclusione, dato che la musica sembra essere qualcosa di naturale come la vita stessa, la sua conoscenza dovrebbe essere incoraggiata fin dall'infanzia, sebbene sfortunatamente abbia perso peso nell'attuale sistema educativo. Stimola i nostri sensi, ci rilassa, ci fa vibrare e ci unisce come specie, quindi coloro che lo etichettano come il più grande patrimonio che abbiamo non sono lontani dalla realtà.

Riferimenti bibliografici:

  • Amodeo, M.R. (2014). Origine della musica come tratto adattivo nell'umano. Argentine Journal of Behavioral Sciences, 6 (1), 49-59.
  • Cross, I. (2010). Musica nella cultura e nell'evoluzione. Epistemus, 1 (1), 9-19.
  • Fritz, T., Jentschke, S., Gosselin, N., Sammler, D., Peretz, I., Turner, R., Friederici, A. & Koelsch, S. (2009). Riconoscimento universale di tre emozioni fondamentali nella musica. Biologia corrente, 19 (7), 573-576.
  • Mithen, S.J. (2005). Il canto Neanderthal: le origini della musica, del linguaggio, della mente e del corpo. Cambridge: Harvard University Press.

Epigenetica e riprogrammazione cellulare (Gennaio 2020).


Articoli Correlati