yes, therapy helps!
Gli effetti negativi dell'automedicazione

Gli effetti negativi dell'automedicazione

Potrebbe 8, 2024

Una delle conseguenze dell'attuale ritmo della vita e delle elevate esigenze a cui siamo costantemente esposti è l'aumento dello stress cronico, nonché gli episodi di depressione e ansia nella popolazione di tutte le fasce d'età.

Associati a queste variabili di tipo sociale, abbiamo anche altri tipi personali che esacerbano questi stati, come la bassa tolleranza alla frustrazione o le emozioni negative, o un cattivo approccio alle esperienze personali o sentimenti complessi che ci riguardano durante il giorno al giorno Nella società di oggi, Una delle risorse più comuni per affrontare il disagio psicologico di fronte a molte di queste pressioni è l'automedicazione con farmaci psicotropi , essere in grado di raggiungere un abuso e diventare un ulteriore problema.


Ma: sono necessari gli psicofarmaci?

In molte occasioni lo sono . I farmaci psichiatrici possono essere di grande aiuto nella gestione di un problema psicologico o comportamentale in un momento specifico e specifico della vita di una persona. Ricordiamo che questo tipo di sostanze ha come funzione principale quella di regolare l'azione di alcuni neurotrasmettitori, migliorando alcuni dei sintomi patiti dagli interessati.

Inoltre, nei gravi disturbi mentali in cui c'è un'alta discrepanza, sappiamo che il farmaco è strettamente necessario e che ha una funzione cruciale per l'adattamento del paziente, anche se l'intervento psicologico e familiare che di solito accompagna questo tipo non può essere ignorato. dei casi.


Gli effetti psicologici dell'automedicazione con farmaci psicotropi

Tuttavia, in molti altri casi, l'uso di droghe è eccessivo e scarsamente canalizzato come soluzione a un malessere psicologico che deriva da problemi o sintomi quotidiani che non giustificano il suo uso. La prescrizione di farmaci psicotropi deve essere prescritta da un medico ed essere accompagnata da un ulteriore trattamento psicologico se vogliono mantenere miglioramenti a lungo termine. Sappiamo molto sugli effetti collaterali a livello fisiologico dell'uso di questi farmaci, ma è anche importante evidenziare gli effetti collaterali psicologici che rimangono nella persona a livello di auto-efficacia o percezione della risoluzione dei problemi.

La maggior parte dei problemi che creano sofferenza nei pazienti che chiedono aiuto sono di origine psicosociale, non di origine biochimica, quindi Se non si trova la vera causa e l'origine del problema, sarà difficile raggiungere una soluzione e nessuno dei due può ritirare il farmaco (il cui scopo è la stabilizzazione transitoria del sintomo e non il farmaco cronico come soluzione sostenuta).


Consuma farmaci senza controllo professionale: un'autentica roulette russa

Il vero problema dell'automedicazione è l'uso di medicine di propria iniziativa , senza che vi sia alcuna prescrizione medica, controllo o diagnosi professionale associata a tale farmaco. È una pratica che abbiamo molto standardizzato come modo per coprire i sintomi con una certa immediatezza, quanti di noi hanno preso una pillola per un mal di testa, mal di schiena o per dormire ad un certo punto della nostra vita? In questi casi in cui trattiamo un raffreddore, un disagio specifico, staremmo parlando di un auto-farmaco responsabile e limitato nel tempo.

I problemi iniziano quando l'automedicazione è prolungata in eccesso o stabilita come risorsa per controllare un sintomo fastidioso, ma senza curarne l'origine. In questo caso è frequente che la persona creda di aver bisogno di un tale farmaco per gestire la sua giornata o affrontare i suoi problemi. Nello specifico, e in particolare, ci riferiamo a psicofarmaci antidepressivi, ansiolitici e ipnotici il cui consumo si normalizza a medio e lungo termine quando le indicazioni del farmaco stesso hanno limiti temporali di utilizzo.

Effetti (fisici e psicologici) della cattiva abitudine all'automedicazione

A parte gli effetti tipici a livello fisico quando una sostanza chimica viene consumata, indicheremo il tolleranza, astinenza e dipendenza risultante quando alcuni di questi farmaci vengono assunti senza controllo per lunghi periodi di tempo.

Tuttavia, poiché l'effetto più importante che vogliamo evidenziare è a livello psicologico, a causa della mancanza di controllo o di responsabilità per il miglioramento. Il consumo di droghe per la risoluzione di problemi psicologici facilita lo sviluppo di ciò che è noto come luogo di controllo esterno deviando il miglioramento a una risorsa esterna e indipendente della persona. Un paziente con sintomi di depressione o ansia può imparare che ha bisogno di farmaci per essere migliore e agire sulla sua condizione, non imparare che è in grado di agire sulla sua condizione per migliorare. a volte questo effetto può ostacolare i progressi del paziente non acquisendo le risorse necessarie per risolvere da solo una situazione specifica .

Esempi e possibili soluzioni

Prendiamo un esempio, una persona con un certo grado di ansia sociale che sperimenta un grande disagio in determinate situazioni finisce per sviluppare un lavoro di fronte al pubblico in cui si verifica una grande quantità di ansia, che ne condiziona l'esecuzione. I percorsi delle soluzioni richiedono di lasciare il lavoro (che non è un'opzione perché ha bisogno di sostegno economico), cercano attivamente un altro lavoro, ricorrono a farmaci per l'ansia, che dovrai continuare a prendere finché lavori o impari a gestire le situazioni sociali di in un altro modo, con un piano di trattamento che include tra l'altro il lavoro sull'ansia, sulle abilità sociali e sull'autostima.

In casi come questo, ciò che cerchiamo di riflettere è quello Il volo o l'assunzione di droghe sono metodi per evitare il vero problema , che non contribuirà alla crescita o all'apprendimento personale attraverso l'esperienza. Farmaco si, ma sempre con supervisione e per casi che lo richiedono.


Mental Coach: non usare per nuocere ad altri (Potrebbe 2024).


Articoli Correlati