yes, therapy helps!
Le principali teorie della personalità

Le principali teorie della personalità

Luglio 15, 2024

La personalità, intesa come insieme relativamente stabile di tendenze e modelli di pensiero, elaborazione delle informazioni e comportamenti che ognuno di noi manifesta durante tutta la vita e nel tempo e in diverse situazioni, è uno degli aspetti principali che sono stati studiati e analizzati dalla psicologia. Correnti e autori diversi hanno stabilito diverse teorie e modelli di personalità.

Di seguito spieghiamo brevemente alcune delle principali teorie della personalità , che partono da approcci diversi come l'internalista, il situazionista e l'interazionista o il correlazionale, il sperimentale o il clinico.


  • Articolo correlato: "Differenze tra personalità, temperamento e carattere"

Le più importanti teorie sulla personalità della psicologia

Questi sono i contributi allo studio della personalità che tradizionalmente hanno avuto più peso in tutta la storia della psicologia. Tuttavia, non tutti sono ancora validi oggi.

1. La teoria della personalità di Freud

La corrente psicodinamica ha contribuito a diverse teorie e modelli di personalità , essendo i più noti quelli del padre della psicoanalisi, Sigmund Freud. Per lui, il comportamento e la personalità sono legati all'esistenza di impulsi che dobbiamo mettere in pratica e al conflitto che questo bisogno implica e alla limitazione che la realtà implica per il suo adempimento. È un modello clinico e internalista.


Nel suo primo argomento, Freud ha proposto questo la psiche umana era strutturata in tre sistemi , un inconscio governato dalla ricerca della riduzione delle tensioni e delle opere attraverso il principio del piacere, un consapevole che è governato dalla percezione del mondo esterno e dalla logica e dal principio di realtà e da un preconscio in cui i contenuti inconsci possono Diventa consapevole e viceversa.

Nel secondo argomento, Freud determina una seconda grande struttura della personalità compatibile con quella precedente, in cui la psiche è configurata da tre istanze psichiche, l'Id o Ello, l'io e il super-io. L'id è la nostra parte più istintiva, che governa e dirige l'energia interna sotto forma di impulsi e da cui partono tutte le altre strutture.

L'io sarebbe il risultato del confronto tra impulsi e impulsi con la realtà , essendo una struttura mediatrice e in continuo conflitto che utilizza diversi meccanismi per sublimare o reindirizzare le energie provenienti dagli impulsi. Infine, la terza istanza è il Super-Io o parte della personalità che è data dalla società e la cui funzione principale è giudicare e censurare comportamenti e desideri che non sono socialmente accettabili.


La personalità è costruita durante lo sviluppo, in diverse fasi, in base ai conflitti esistenti tra le diverse istanze e strutture e ai meccanismi di difesa applicati per cercare di risolverli.

2. La teoria della personalità di Jung

Oltre a Freud, molte altre componenti della corrente psicodinamica hanno proposto le proprie strutture di personalità . Ad esempio, Carl Jung ha proposto che la personalità sia stata modellata dalla persona o dalla parte della nostra personalità che serve ad adattarsi all'ambiente e che è correlata a ciò che gli altri possono osservare e all'ombra o alla parte in cui sono incluse quelle parti del Sé. che non sono ammissibili per il soggetto.

Allo stesso modo, dagli archetipi acquisiti dall'inconscio collettivo e dai diversi complessi che adottiamo nel nostro sviluppo verso l'identità, vengono generati diversi tipi di personalità a seconda che le preoccupazioni siano dirette verso l'interno o verso l'esterno, se sono più sensibili o intuitivi e se tendono a concentrarsi maggiormente sul pensiero o sul sentimento , essere per pensare, sentire, intuire e percepire le principali funzioni psicologiche.

  • Articolo correlato: "Gli 8 tipi di personalità secondo Carl Gustav Jung"

3. La teoria fenomenologica di Carl Rogers

Da una prospettiva umanista-fenomenologica dell'approccio clinico, Carl Rogers propone che ogni persona abbia il suo campo fenomenologico o il suo modo di vedere il mondo, a seconda del comportamento di quella percezione .

La personalità deriva dall'auto-concetto o dalla simbolizzazione dell'esperienza della propria esistenza, che nasce dall'integrazione della tendenza all'aggiornamento o alla tendenza a migliorare se stessi con i bisogni di sentire l'amore dall'ambiente e l'autostima derivata dal contrasto tra il loro comportamento e la considerazione o la risposta che questo riceve dall'ambiente. Se ci sono contraddizioni, verranno utilizzate misure difensive con cui nascondere detta incongruità.

  • Forse ti interessa: "La teoria fenomenologica di Carl Rogers"

4. Teoria dei costrutti personali di Kelly

come esempio di teoria della personalità derivata dal cognitivismo e dal costruttivismo possiamo trovare la teoria dei costrutti personali di Kelly, anche l'approccio clinico. Per questo autore ogni persona ha la propria rappresentazione mentale della realtà e agisce in modo scientifico cercando di dare una spiegazione a ciò che li circonda.

Si considera che la personalità sia costituita come un sistema gerarchico di costrutti personali dicotomici Si influenzano a vicenda, che formano una rete con elementi nucleari e periferici attraverso i quali cerchiamo di rispondere e fare previsioni sul futuro. Ciò che motiva il comportamento e la creazione del sistema di costrutti è il tentativo di controllare l'ambiente grazie alla capacità di previsione che ne deriva e al miglioramento di detto modello predittivo attraverso l'esperienza.

  • Articolo correlato: "La teoria dei costrutti personali di George Kelly"

5. Teoria della personalità ideografica di Allport

Allport ritiene che ogni individuo sia unico nel senso che ha un'integrazione delle diverse caratteristiche diverse dal resto della gente (è basato sull'ideografico, in ciò che ci rende unici), così come Siamo entità attive che si concentrano sul raggiungimento degli obiettivi .

È uno degli autori che considera la personalità che lavora la personalità da elementi strutturali e stabili, le caratteristiche. Per lui, cerchiamo di rendere il nostro comportamento coerente e di agire in modo tale da creare un sistema dal quale possiamo rendere equivalenti differenti serie di stimoli, così da poter rispondere in modo simile a stimoli diversi.

Quindi, elaboriamo modi per agire o esprimere il comportamento che ci consente di adattarci all'ambiente. Queste caratteristiche hanno un'importanza diversa a seconda dell'influenza che hanno sul nostro comportamento , essere in grado di essere cardinale, centrale o secondario.

L'insieme delle caratteristiche sarebbe integrato nel propio stesso, che è derivato dall'auto-percezione e dall'autocoscienza generate e composte dall'esperienza dell'identità, della percezione, della corporeità, degli interessi e dell'autostima, della razionalità e dell'intenzionalità.

6. Teoria della personalità di Cattell

La teoria della personalità di Raymond Cattell è una delle teorie fattoriali più famose e riconosciute della personalità. Strutturalista, correlazionale e internalista come Allport e partendo dall'analisi del lessico, ritiene che la personalità possa essere intesa come una funzione di un insieme di caratteristiche, che sono intese come tendenza a reagire in un certo modo alla realtà .

Queste caratteristiche possono essere suddivise in temperamentali (gli elementi che ci dicono come agire), dinamici (la motivazione del comportamento o atteggiamento) o fitness (le capacità del soggetto di eseguire il comportamento).

I più rilevanti sono i temperamentali, di cui Cattell estrae i sedici fattori primari della personalità che sono misurati nel 16 PF (che si riferirebbero all'affettività, all'intelligenza, alla stabilità del sé, alla dominanza, all'impulsività, all'audacia, alla sensibilità, al sospetto, al convenzionalismo , immaginazione, astuzia, ribellione, autosufficienza, apprensione, autocontrollo e tensione).

La dinamica della personalità dipende anche dalla motivazione , trovando diverse componenti sotto forma di tratti dinamici o atteggiamenti tra cui ergo (modo di agire su stimoli specifici come sesso o aggressività) e sentimenti.

7. Teoria della personalità di Eysenck

Da una posizione internalista e fattoriale centrata sul biologico, Eysenck genera una delle più importanti ipotesi di personalità esplicativa da un approccio correlazionale . Questo autore genera il modello PEN, che propone che le differenze di personalità siano basate su elementi biologici che consentono processi come la motivazione o l'emozione.

La personalità è una struttura relativamente stabile di carattere, intelletto, temperamento e fisico, ognuno dei quali fornisce la volontà, l'intelligenza, l'emozione e gli elementi biologici che li consentono.

Eysenck trova e isola tre fattori principali in cui tutti gli altri possono essere raggruppati, essendo questi lo psicoticismo o la tendenza ad agire con asprezza, il nevroticismo o stabilità emotiva e l'extraversione / introversione o focalizzazione nel mondo esterno o interno.

L'autore lo considererebbe il livello di estroversione dipendeva dall'attivazione del sistema di attivazione reticolare ascendente o SARA, il nevroticismo del sistema limbico e lo psicotismo, sebbene non sia stato identificato un correlato chiaro, tende ad essere collegato al livello di androgeni o alla relazione tra dopamina e serotonina.

I tre fattori del modello PEN essi integrano i diversi tratti della personalità e consentono all'organismo di reagire in determinati modi alla stimolazione ambientale sulla base di risposte comportamentali più o meno specifiche e frequenti.

8. La teoria dei Big Five di Costa e McCrae

Un'altra delle grandi teorie fattoriali e basata su un approccio lessicale (basato sull'idea che i termini con cui spieghiamo il nostro comportamento consentano, dopo un'analisi fattoriale, di stabilire l'esistenza di raggruppamenti di caratteristiche o tratti di personalità), I Big Five o teoria dei Big Five di Costa e McCrae sono uno dei modelli di personalità più estesi .

Attraverso l'analisi fattoriale, questo modello indica l'esistenza di cinque principali fattori di personalità che tutti noi abbiamo in misura maggiore o minore. Si tratta di nevroticismo o adattamento emotivo , estroversione come quantità e intensità delle relazioni personali, cordialità come qualità espresse nell'interazione, responsabilità o consapevolezza, organizzazione, controllo e motivazione verso gli obiettivi e apertura all'esperienza o interesse alla sperimentazione.

Ognuno di questi grandi fattori è composto da caratteristiche o sfaccettature. Le diverse caratteristiche sono correlate tra loro e insieme rappresentano il modo di percepire il mondo e reagire ad esso.

9. Il modello BIS AND BAS di Gray

Gray propone un modello fattoriale e biologico in cui ritiene che ci siano due dimensioni che consentono elementi come l'emozione e l'apprendimento, basato sulla combinazione dei fattori di sovversione e nevroticismo di Eysenck .

In questo caso, si propone che l'ansia, come una combinazione di introversione e nevroticismo, agisca come un meccanismo di inibizione del comportamento (BIS o Behavior Inhibition System), mentre l'impulsività (che sarebbe equivalente a una combinazione di estroversione e nevroticismo) agirà come un meccanismo di approccio e motivazione all'azione (BAS o Behavior Approximation System). Entrambi i sistemi agirebbero insieme per regolare il nostro comportamento.

10. Modello di Cloninger

Questo modello contempla l'esistenza di elementi temperamentali, essendo questi l'evitare il dolore, la dipendenza dalla ricompensa, la ricerca di novità e persistenza. Questi elementi di natura biologica e acquisita spiegherebbero il modello comportamentale che applichiamo nella nostra vita e dipendono in larga misura dall'equilibrio neurochimico del cervello nei confronti dei neurotrasmettitori.

Incorpora anche elementi di carattere che aiutano a collocare se stessi nella realtà, essendo la cooperazione come comportamento sociale, auto-direzione o autonomia e auto-trascendenza come elemento che ci integra e ci dà un ruolo nel mondo.

11. La Teoria del Social Learning di Rotter

Questo autore ritiene che il modello di comportamento che usiamo di solito sia un elemento derivato dall'apprendimento e dall'interazione sociale . Considera l'essere umano un elemento attivo e usa un approccio ravvicinato al comportamentismo. Agiamo in base all'esistenza dei bisogni e alla visualizzazione e valutazione di questi e dei possibili comportamenti che abbiamo imparato a svolgere. Sebbene sia vicino all'interazionismo, è situato in una prospettiva situazionista

Il potenziale comportamentale è la probabilità di eseguire determinati comportamenti in una situazione specifica. Questo potenziale dipende da elementi come le aspettative (sia la capacità di influenzare i risultati sia il risultato stesso e gli eventuali benefici ottenuti dopo la condotta) e il corrispettivo o valore attribuito alle conseguenze dello svolgimento della condotta in questione, nonché il modo in cui la persona elaborare e valutare la situazione (nota come situazione psicologica).

  • Articolo correlato: "La teoria di Rotter sull'apprendimento sociale"

12. L'approccio interazionista

Nel corso della storia ci sono stati molti autori che hanno una delle due posizioni: che la personalità è qualcosa di innato o che deriva dall'apprendimento. tuttavia C'è una terza opzione, difesa da autori come Mischel , in cui la personalità è formata dall'interazione tra elementi innati e i fenomeni che viviamo.

Questa posizione esplora le caratteristiche della personalità attraverso lo studio dell'esistenza della coerenza del comportamento attraverso le situazioni, la stabilità temporale e la validità predittiva dei tratti. Le conclusioni lo hanno indicato Dovrebbero essere utilizzati altri tipi di categorizzazioni di caratteristiche diverse , perché questi non riflettono un modello predittivo del tutto valido poiché sono di natura più naturalistica. Difendi che sia più efficiente parlare di competenze, valori, aspettative, costrutti e autocontrollo.

Altri autori come Allen riflettono che la coerenza può variare a seconda della persona, così come i principali valori e gli aspetti che meglio prevedono il comportamento. In questo modo, i tratti sarebbero coerenti ma solo se si tiene conto di quelli che sono più rilevanti per ciascuna persona.

Riferimenti bibliografici:

  • Bermúdez, J. (2004). Psicologia della personalità. Teoria e ricerca. (Vol I e ​​II). Unità didattica dell'UNED. Madrid.
  • Hermangómez, L. & Fernández, C. (2012). Psicologia della personalità e del differenziale. Manuale di preparazione CEDE PIR, 07. CEDE: Madrid.

Che Tipo di Uomo Sei? Test della Personalità (Luglio 2024).


Articoli Correlati