yes, therapy helps!
The Extended Mind Theory: psiche oltre il nostro cervello

The Extended Mind Theory: psiche oltre il nostro cervello

Dicembre 7, 2021

È noto che il termine "mente" si riferisce all'insieme dei processi cognitivi, cioè alla coscienza, al pensiero, all'intelligenza, alla percezione, alla memoria, all'attenzione e così via. Ma la mente ha una realtà materiale? È un'entità o uno spazio concreto e tangibile? O è un concetto astratto che raggruppa una serie di esperienze immateriali?

La filosofia della mente, insieme alla scienza cognitiva, hanno offerto diverse teorie per rispondere a queste domande. A loro volta, le risposte sono state spesso formulate attorno alla tradizionale opposizione tra corpo e mente. Per risolvere questa opposizione, la teoria della mente estesa si domanda se sia possibile capire la mente al di là del cervello e anche oltre l'individuo stesso.


Nel seguente testo vedremo brevemente quali sono le proposte dell'ipotesi della Mente Estesa, così come alcuni dei suoi principali antecedenti.

  • Articolo correlato: "Dove si trova la mente?"

Teoria della mente estesa ¿processi mentali oltre il cervello?

La teoria della mente estesa iniziò il suo sviluppo formale nell'anno 1998, dalle opere del filosofo Susan Hurley , che ha proposto che i processi mentali non dovessero necessariamente essere spiegati come processi interni, poiché la mente non solo esisteva tra gli angusti limiti del cranio. Nella sua opera "Coscienza in azione" ha criticato la prospettiva input / output della teoria cognitiva tradizionale.


Nello stesso anno, i filosofi Andy Clark e David Chalmers pubblicano l'articolo "La mente estesa" che è considerato il testo fondante di questa teoria. E un decennio dopo, nel 2008, Andy Clark pubblicò Supersizing the mind, che finisce per introdurre l'ipotesi della mente estesa nei dibattiti della filosofia della mente e delle scienze cognitive.

Dalla metafora computazionale alla metafora del cyborg

Le teorie della Mente Estesa fanno parte dello sviluppo storico della filosofia della mente e delle scienze cognitive. All'interno di questo sviluppo diverse teorie sono emerse sul funzionamento degli stati mentali e le sue conseguenze nella vita umana. Vedremo brevemente cos'è il secondo.

Il modello individualistico e il calcolo

La tradizione più classica della scienza cognitiva ha preso la metafora del sistema operativo computazionale come un modello esplicativo della mente. Ampiamente suggerisce che l'elaborazione cognitiva inizia con input (input sensoriali) e termina con outpus (output comportamentali).


Nello stesso senso, gli stati mentali sono fedeli rappresentazioni degli elementi del mondo, sono prodotte da manipolazioni interne di informazioni e generano una serie di inferenze. Ad esempio, la percezione sarebbe una riflessione individuale e precisa del mondo esterno; e si verifica per ordine logico interno simile a quello di un sistema operativo digitale .

In questo modo, la mente o gli stati mentali sono un'entità che si trova all'interno di ogni individuo. In effetti, sono questi stati che ci danno la qualità di essere soggetti (autonomi e indipendenti dall'ambiente e dalle relazioni con esso).

È una teoria che segue la tradizione dualistica e individualista della ragione e dell'essere umano; René Descartes, il cui principale precursore, dubitava di tutto tranne che di ciò che pensava. Tanto che abbiamo ereditato l'ormai famoso "penso, quindi sono".

Ma, con lo sviluppo della scienza, è stato possibile suggerire che la mente non è solo un'astrazione, ma quella c'è un posto tangibile all'interno del corpo umano per la conservazione . Questo posto è il cervello, che sotto le premesse della prospettiva computazionale svolgerebbe le funzioni di un hardware, poiché è il supporto materiale e auto-configurante dei processi mentali.

L'identità mente-cervello

Quanto sopra emerge in un continuo dibattito con le teorie dell'identità mente-cervello, che suggeriscono che i processi mentali non sono altro che l'attività fisico-chimica del cervello .

In questo senso, il cervello non è solo il supporto materiale dei processi mentali, ma la mente stessa è il risultato dell'attività di quell'organo; con il quale, può essere compreso solo attraverso le leggi fisiche della natura. Sia i processi mentali che la soggettività diventano così un epifenomeno (fenomeni secondari agli eventi fisici del cervello).

In questo senso è una teoria dell'approccio naturalistico e in aggiunta a una teoria centrata sul cervello, dal momento che tutto l'essere umano verrebbe ridotto ai potenziali di azione e all'attività fisico-chimica delle nostre reti neurali.Tra le più rappresentative di queste teorie c'è, ad esempio, l'eliminativismo materialista o il monismo neurologico.

  • Forse ti interessa: "Dualismo in Psicologia"

Oltre il cervello (e l'individuo)

Prima di quest'ultima sorgono altre teorie o modelli esplicativi della mente. Una di queste è la teoria della Mente Estesa, che ha cercato di localizzare l'elaborazione delle informazioni e altri stati mentali, oltre il cervello; cioè, nelle relazioni che la persona stabilisce con l'ambiente e i suoi oggetti.

È, quindi, estendere il concetto di "mente" oltre l'individuo. Questo ultimo rappresenta una grande rottura con l'individualismo tipico della scienza cognitiva più classica.

Ma per raggiungere questo risultato era necessario cominciare a ridefinire sia il concetto di mente che i processi mentali, e in questo il modello di riferimento era il funzionalista. In altre parole, era necessario comprendere i processi mentali dagli effetti che provocano o come effetti causati da cause diverse.

Questo paradigma aveva già impregnato ipotesi computazionali. Tuttavia, per la teoria della Mente Estesa, i processi mentali sono generati non solo all'interno dell'individuo, ma al di fuori di esso. E sono stati "funzionali" mentre sono definiti da una relazione causa-effetto con una data funzione (relazione che include un insieme di elementi materiali, anche senza una vita propria).

In altre parole, gli stati mentali sono l'ultimo anello di una lunga catena di cause che, alla fine, hanno come effetto questi processi. E gli altri anelli della catena possono essere dalle abilità fisiche e sensomotorie, a una calcolatrice, un computer, un orologio o un cellulare. Tutto questo mentre si tratta di elementi che ci permettono di generare ciò che sappiamo come intelligenza, pensiero, credenze e così via.

Di conseguenza, la nostra mente si estende oltre i limiti specifici del nostro cervello e anche oltre i nostri limiti fisici generali.

Quindi cos'è un "soggetto"?

Quanto sopra non solo cambia il modo di intendere la "mente" ma la definizione di "io" (è inteso come un "sé esteso"), così come la definizione del proprio comportamento, poiché non è più di un'azione pianificata razionalmente. Si tratta di un apprendimento che è il risultato di pratiche nell'ambiente materiale . Di conseguenza, l '"individuo" è piuttosto un "soggetto / agente".

Per questa ragione, questa teoria è considerata da molti un determinismo radicale e attivo. Non è più l'ambiente a modellare la mente, ma l'ambiente è parte della mente stessa: "gli stati cognitivi hanno una posizione ampia e non limitata dallo stretto confine del corpo umano" (Andrada de Gregorio e Sánchez Parera, 2005).

Il soggetto è suscettibile di essere costantemente modificato dal suo continuo contatto con gli altri elementi materiali . Ma non è sufficiente avere un primo contatto (ad esempio, con un dispositivo tecnologico) per considerarlo un'estensione della mente e del soggetto. Per essere in grado di pensare in questo modo è essenziale che ci siano condizioni come l'automazione e l'accessibilità.

Per illustrare questo, Clark e Chalmers (citati da Andrada de Gregorio e Sánchez Parera, 2005) danno come esempio un soggetto che ha l'Alzheimer. Per compensare le sue perdite di memoria, il soggetto sottolinea tutto ciò che sembra importante in un notebook; al punto che, automaticamente, è consuetudine rivedere questo strumento nell'interazione e nella risoluzione dei problemi quotidiani.

Il notebook funge da dispositivo di archiviazione per le tue convinzioni, oltre a un'estensione materiale della tua memoria. Il taccuino gioca quindi un ruolo attivo nella cognizione di questa persona, e insieme, stabiliscono un sistema cognitivo.

Quest'ultimo apre una nuova domanda, l'estensione della mente ha dei limiti? Secondo i suoi autori, l'attività mentale si verifica in una costante negoziazione con questi limiti. Tuttavia, la teoria della mente estesa è stata messa in discussione proprio perché non offre risposte concrete a questo.

Allo stesso modo, la teoria della Mente Estesa è stata respinta dalle prospettive più focalizzate nel cervello, di cui sono esponenti importanti i filosofi della mente Robert Rupert e Jerry Fodor . In questo senso, è stato anche messo in discussione per non addentrarsi nel terreno delle esperienze soggettive e per concentrarsi su una visione fortemente focalizzata sul raggiungimento degli obiettivi.

Siamo tutti cyborg?

Sembra che la teoria della mente estesa si avvicini a proporre che gli esseri umani siano e agiscano come una specie ibrida simile alla figura del cyborg. Quest'ultimo ha capito come la fusione tra un organismo vivente e una macchina e il cui scopo è quello di migliorare, o in alcuni casi sostituire, le funzioni organiche.

In realtà, il termine "cyborg" è un anglicismo che significa "organismo cibernetico" (organismo cibernetico).Ma la teoria della mente estesa non è l'unica che ci ha permesso di riflettere su questa domanda. In effetti, pochi anni prima dei lavori fondamentali, nel 1983 la filosofa femminista Donna Haraway pubblicò un saggio intitolato Manifesto dei Cyborg.

In senso lato, attraverso questa metafora ha tentato di mettere in discussione i problemi delle tradizioni occidentali fortemente basate su un "dualismo antagonista", con effetti visibili sull'eccelialismo, sul colonialismo e sul patriarcato (questioni che sono state presenti in alcune tradizioni del femminismo stesso). ).

Quindi, potremmo dire che la metafora del cyborg apre la possibilità di pensare un soggetto ibrido oltre i dualismi mente-corpo . La differenza tra l'una e l'altra è che la proposta della Mente Estesa è inscritta in una tradizione più vicina al positivismo logico, con un rigore concettuale molto specifico; mentre la proposta di Haraway segue la linea della teoria critica, con una componente socio-politica decisiva (Andrada de Gregorio e Sánchez Parera, 2005).

Riferimenti bibliografici:

  • García, I. (2014). Revisione di Andy Clark e David Chalmers, The extended mind, KRK, Editions, Oviedo, 2011. Diánoia, LIX (72): 169-172.
  • Andrada de Gregorio, G. e Sánchez Parera, P. (2005). Verso un'alleanza analitico-continentale: il cyborg e la mente estesa. Colectivo Guindilla Bunda Coord. (Ábalos, H., García, J., Jiménez, A. Montañez, D.) Ricordi del 50 °.

Il segreto per cambiare gli altri | Luca Mazzucchelli | TEDxBologna (Dicembre 2021).


Articoli Correlati