yes, therapy helps!
La rete neurale di default (RND) cosa succede nel nostro cervello quando sogniamo di essere svegli?

La rete neurale di default (RND) cosa succede nel nostro cervello quando sogniamo di essere svegli?

Agosto 12, 2020

È normale sorprendersi in piena situazione di auto-assorbimento, sognare ad occhi aperti o, come si dice in Spagna, "pensare ai toporagni". Anche in situazioni in cui c'è abbastanza luce ed è possibile rilevare il movimento intorno a noi, abbiamo una straordinaria capacità di non pensare a nulla, di ignorare ciò che accade nell'ambiente immediato e, semplicemente, di essere trasportati da una piacevole sensazione di non avere spazio per dirigere la nostra attenzione.

Questi episodi in cui ci perdiamo in un flusso di sensazioni e pensieri confusi e difficili da confondere non avvengono per caso, poiché hanno una base neurale nel normale funzionamento del nostro cervello. Viene chiamato l'insieme di parti del cervello coinvolte in questa attività Default Neural Network (RND), e la ricerca condotta per comprendere meglio questa struttura serve a capire meglio come pensiamo e sentiamo.


Un rumore non così casuale

Per molti anni si è creduto che il cervello fosse un organo il cui livello di attività elettrica dipende, in sostanza, dal fatto che funzioni per risolvere compiti cognitivi o meno. Da questo punto di vista, ad esempio, il meccanismo neurale della nostra testa comincerebbe a cedere davvero solo nel momento in cui cerchiamo di ricordare qualcosa per rispondere a una domanda d'esame, risolvere un enigma, osservare attentamente una persona o, ad esempio , segui alcune istruzioni per assemblare un mobile.

Sognare ad occhi aperti: il cervello funziona ancora

Tuttavia, quando sogniamo di svegliare i neuroni del nostro cervello continuano a inviare impulsi elettrici in modo massiccio . In precedenza si riteneva che questa attività neurale delle aree non correlate alle attività corporee che ci tengono in vita fosse semplice rumore, cioè segnali elettrici lanciati a caso ed emessi in modo scoordinato, come la neve che appare sullo schermo di un TV mal collegata alla tua antenna.


Oggi, tuttavia, lo sappiamo questa attività elettrica mostra schemi ben definiti e c'è una certa coordinazione , che mostra che questi neuroni continuano a rispondere a una funzione in pieno stadio di assorbimento. Sappiamo anche che, sorprendentemente, quando iniziamo a vagare e smettiamo di prestare attenzione al nostro ambiente, il nostro cervello consuma quasi la stessa energia di quando eseguiamo compiti cognitivi complessi che dobbiamo eseguire consapevolmente: solo il 5% in meno .

In qualche modo, il nostro cervello è progettato in modo da poter sognare ad occhi aperti, ed è probabile che questa attività abbia uno o più usi concreti.

L'energia oscura del cervello

Sappiamo che l'attività cerebrale continua ad esistere anche quando smettiamo di prestare attenzione agli stimoli provenienti dal mondo esterno. Ora ... a cosa serve tutta questa attività? Che tipo di processi neurali sono quelli che stanno prendendo tutte quelle risorse che non sono destinate a risolvere problemi legati all'ambiente?


Finora, si sa poco di questo problema, ed è questo che ha portato alcuni ricercatori a parlare di "energia oscura del cervello", un tipo di attivazione che è noto essere lì ma la cui funzione è sconosciuta .

Dove si svolge la rete neurale di default?

Tuttavia, ciò che sappiamo di questa attività neuronale è che è associato a aree del cervello molto specifiche. Questo insieme di regioni coinvolte in questi misteriosi modelli di attivazione è stato battezzato con il nome di Default Neural Network, Modalità predefinita Rete in inglese

In altre parole, queste recenti indagini dimostrano che il cervello umano è preparato in modo che non diminuisca molto il suo livello di attività quando i nostri pensieri ricadono su noi stessi . Nei momenti in cui siamo assorbiti, entriamo in una "modalità predefinita" che abbiamo appena iniziato a capire, e la rete neurale di default è, in questo modo, il tessuto delle cellule nervose che consente questo di accadere.

Esplorando la rete neurale di default

La rete neurale predefinita è distribuita in tre zone: l'area mediale dei lobi temporale, parietale e prefrontale . Queste regioni sono attivate in un modo o nell'altro a seconda che svolgiamo compiti che richiedono un'attenzione focalizzata e costante sui cambiamenti degli elementi del nostro ambiente fisico. Specificamente, e sebbene possa sembrare controintuitivo, la rete neurale di default si attiva quando iniziamo a vagare e ad entrare in uno stato di autoassorbimento, e si spegne quando le attività relative al mondo esterno richiedono la nostra attenzione.

Per quanto riguarda l'aspetto psicologico di ciò che comporta il coordinamento dei neuroni della rete neurale di default, sappiamo che durante i momenti di réverie i nostri pensieri, sebbene imprecisi e difficili da esprimere verbalmente (in parte a causa della poca attenzione che diamo loro) , ruotano intorno all'idea di "io" e alle situazioni immaginarie che potrebbero accadere in futuro , più che revisioni di esperienze passate. Questo ci porta a credere che la funzione della modalità predefinita possa essere correlata all'anticipazione degli eventi e alla nostra reazione ad essi, anche se questa ipotesi deve ancora essere messa alla prova.

Che cosa ci dice la rete neurale di default sulla pratica del daydreaming?

Quello che sappiamo sulla rete neurale di default ci porta a concludere che la natura di questo tipo di "vagabondaggio mentale", o mind-vagante, è diverso da quello che pensavamo: non è un'attività che comporta l'oscuramento di ampie aree del cervello e la diminuzione dell'attività coordinata dei nostri neuroni, ma piuttosto continua ad essere collegato a un funzionamento sistematico e determinato delle aree encefaliche . In altre parole, quando sogniamo da sveglio, il nostro cervello non si disattiva, ma entra in uno stato diverso di attivazione.

La nostra mente non è progettata per "andare in bianco"

Quindi, è difficile valutare fino a che punto la nostra mente è vuota se ciò accade nel nostro cervello entra in un tipo di attivazione che consuma quasi la stessa energia del pensiero focalizzato su stimoli esterni .

Indagare il funzionamento della rete neurale di default può aiutarci a capire meglio di cosa stiamo parlando quando ci riferiamo all'attività del "sogno ad occhi aperti" e ci avvicina la possibilità di rivelare a quali utili aspetti del funzionamento del cervello questo insieme di neuroni è associato e perché la logica è questo tipo di attivazione.


A simple way to break a bad habit | Judson Brewer (Agosto 2020).


Articoli Correlati