yes, therapy helps!
La teoria cognitiva di Jerome Bruner

La teoria cognitiva di Jerome Bruner

Agosto 12, 2020

Oggigiorno, l'idea che conoscere o apprendere qualcosa consiste in un processo in cui riceviamo informazioni dall'esterno, elaborate e infine interpretate in modo tale che finiamo per avere la conoscenza dell'elemento in questione che può sembrare logico e comune.

Questa idea indica che l'individuo che sa partecipa al processo di conoscenza, formazione e interpretazione della realtà in modo diretto. Tuttavia, questa considerazione non è sempre esistita, essendoci molteplici teorie e modi di concettualizzare la realtà che collegava il fatto di conoscere con il trasferimento esatto della realtà oggettiva alla nostra coscienza, essendo la persona un elemento passivo tra realtà e cognizione, o che sebbene ci sia un passaggio intermedio, questo è un elemento indecifrabile.


Le teorie che affermano che il fatto di conoscere e imparare sono mediati da una serie di processi cognitivi interni, manipolando gli elementi simbolici che percepiamo per conferire un significato alla realtà sono le cosiddette teorie cognitiviste, essendo tra loro uno dei primi la teoria cognitiva di Jerome Bruner .

Teoria cognitiva di Bruner: soggetto attivo e teoria della categorizzazione

Per Jerome Bruner e per il resto delle teorie cognitive, uno degli elementi principali quando si tratta di conoscere è la partecipazione attiva del soggetto che apprende. Voglio dire, non si tratta dell'individuo che prende le informazioni dall'esterno senza altro, ma affinché sia ​​trasformato in conoscenza deve essere elaborato , lavorato e dotato di significato dal soggetto.


Secondo la teoria cognitiva di Bruner, nel processo di conoscenza e apprendimento degli esseri umani si tenta di categorizzare gli eventi e gli elementi della realtà in serie di oggetti equivalenti. Quindi, sperimentiamo le esperienze e la realtà percepita creando concetti dalla discriminazione dei diversi stimoli.

In questo processo, chiamato categorizzazione, le informazioni ricevute dall'esterno vengono attivamente lavorate, codificate e classificate con una serie di etichette o categorie per consentire la comprensione della realtà. Questa categorizzazione consente la formazione di concetti e la capacità di fare previsioni e prendere decisioni. È un modello esplicativo molto influenzato dall'informatica , che era basato sul funzionamento dei computer del tempo.

Dalla prospettiva cognitiva di Bruner, dalla categorizzazione siamo in grado di generare conoscenza . Queste categorizzazioni non rimarranno sempre stabili e chiuse, ma varieranno dall'esperienza di vita, dalla modifica all'espansione. Di fronte a una realtà da classificare, l'individuo può stabilire due tipi di processi, la Formazione concettuale o il raggiungimento del concetto.


Formazione del concetto

Questo processo è tipico delle prime fasi di sviluppo. L'oggetto procede a impara un concetto o una categoria, generando da solo le informazioni da classificare nella categoria da lui / lei creato. I modelli comuni sono riconosciuti in diverse unità di informazioni e sono unificati in determinati concetti.

Raggiungimento del concetto

Il secondo tipo di processo che può essere eseguito è l'identificazione di proprietà che consentono di registrare lo stimolo in una categoria esistente, creata da altri. Il soggetto deduce gli attributi principali della categoria che è stata creata Esempi di confronto e contrasto che contengono gli attributi principali della categoria con altri elementi che non li possiedono. In altre parole, questo processo consente la creazione di criteri di inclusione ed esclusione all'interno di una categoria.

Modalità di rappresentazione della realtà secondo la teoria cognitiva di Bruner

Basato su ciò che è stato commentato finora, è possibile dedurre che l'apprendimento di Bruner sia attivo , l'individuo ha una struttura cognitiva basata sull'associazione con la conoscenza precedente che gli consente di costruire conoscenze e fare inferenze.

La rappresentazione della realtà che viene fatta attraverso la cognizione può essere acquisita in tre modi o modi, usati in diversi momenti di sviluppo dello sviluppo a causa della necessità di risorse cognitive sufficienti man mano che diventano più complicate. Queste modalità di rappresentazione non si escludono a vicenda e molte possono essere applicate contemporaneamente per facilitare l'apprendimento.

Rappresentazione enactive

In questa modalità, La conoscenza è acquisita attraverso l'azione e l'interazione diretta con l'elemento da conoscere . Questa modalità di rappresentazione della realtà è tipica delle fasi iniziali dello sviluppo, cioè nei primi anni di vita. È il tipo di rappresentazione ottenuta con l'apprendimento procedurale, come imparare ad andare in macchina o in bicicletta, o usare le posate per mangiare.

Rappresentazione iconica

È noto attraverso la modalità iconica quando vengono utilizzati elementi visivi riconoscibili e non simbolici , come una fotografia o un disegno. È dopo tre anni che la maggior parte dei ragazzi e delle ragazze è in grado di utilizzare questo tipo di rappresentazione, a causa del loro più alto livello di sviluppo.

Rappresentazione simbolica

Conoscere in modo simbolico implica che l'informazione sia ottenuta attraverso simboli, come parole, concetti, astrazioni e linguaggio scritto. Il livello di sviluppo intellettuale necessario per questo tipo di rappresentazione è molto più alto di quelli precedenti , perché richiede la capacità di astrazione e riconoscimento dei simboli e del loro significato. Si ritiene che questo tipo di rappresentazione sia emerso intorno ai sei anni nella maggioranza dei ragazzi e delle ragazze.

Applicazioni della teoria cognitiva nell'educazione

L'apprendimento è il mezzo attraverso il quale gli esseri umani e altri organismi acquisiscono informazioni e conoscenza dell'ambiente. Per questo motivoLa teoria cognitiva di Bruner è servita e in effetti si è concentrata in gran parte sulla promozione dei processi di apprendimento e lo sviluppo fin dall'infanzia, anche se la sua prospettiva diventa costruttivista.

Per Bruner, l'educazione consiste nell'inculcare competenze e conoscenze attraverso la rappresentazione di ciò che è già noto e di ciò che si intende conoscere, in modo che l'individuo possa generalizzare la conoscenza, tenendo conto delle particolarità di ciascuna conoscenza.

Il concetto di ponteggio

Un altro dei concetti fondamentali nella teoria di Bruner, in questo caso da una concezione costruttivista, è il concetto di ponteggio. Per Bruner, l'apprendimento o il processo attraverso il quale otteniamo la conoscenza deve essere facilitato dalla fornitura di aiuti esterni . L'individuo non è l'unica fonte di apprendimento, ma dall'esterno è possibile creare strutture tali da "adattarsi" al livello di apprendimento dell'altra persona e, quindi, migliorare la qualità e la velocità dell'istruzione.

Questi aiuti devono essere premiati in modo graduato, fornendo un grande livello di aiuto all'inizio o in presenza di grandi difficoltà in modo che nel tempo e con la progressiva padronanza da parte dell'apprendista vengano ritirati, dando ogni volta maggiore autonomia all'individuo.

La metafora di un'impalcatura utilizzata per costruire un edificio è evidente, riferendosi a questo processo di adattamento e transitorietà degli aiuti come impalcature.

Importanza di valori, bisogni e aspettative

La conoscenza e persino la percezione dei fenomeni sono state dimostrate in larga misura dipendenti dai bisogni , credenze e aspettative. Vedere come i risultati non si adattino a aspettative troppo alte può causare l'interruzione dell'apprendimento a causa della frustrazione, mentre aspettative troppo basse possono ostacolarlo e prevenire potenziali progressi.

Un esempio dell'importanza delle aspettative è visibile in alcuni esperimenti, in cui, ad esempio, i soggetti con un basso livello economico sono in grado di percepire le monete come più grandi a causa del maggiore valore che esse danno.

Dare un significato: lavorare con ciò che è già noto

È anche essenziale sapere che la nuova conoscenza si basa sul vecchio, in ciò che la persona già conosce, per essere in grado di costruire e modificare le nuove informazioni basate su di esso.

Ciò consente al soggetto di dare un senso alle nuove informazioni , essere in grado di conoscere non solo un'informazione decontestualizzata ma anche altre cognizioni che puoi usare nella tua vita quotidiana.

Alla ricerca dell'apprendimento attraverso la scoperta

Come stipulato nella tua teoria cognitiva, per Bruner il soggetto è un'entità attiva nell'apprendimento e nel processo di conoscenza , che non si limita a registrare informazioni dall'esterno, ma deve operare con esso per convertirlo in conoscenza. In questo senso, ritiene che l'apprendimento tradizionale delle scuole sia stato basato troppo su un processo di acquisizione delle informazioni decontestualizzato.

In opposizione a questo propone un apprendimento alla scoperta, in cui il soggetto impara e viene stimolato a conoscere attraverso la curiosità, la motivazione e l'autoapprendimento, essendo l'insegnante una guida per questo.

Riferimenti bibliografici:

  • Bruner, J. S. (Ed.). (1980). Ricerca sullo sviluppo cognitivo. Madrid: Pablo del Río.
  • Bruner, J. S. (1981). La realtà mentale e mondi possibili. Madrid: Gedisa.
  • Bruner, J. S., Goodnaw, J. J. e Austin, G. A. (1978). Il processo mentale nell'apprendimento. Madrid: Nancea.
  • Guilar, M.E. (2009). Le idee di Bruner: dalla rivoluzione cognitiva alla rivoluzione culturale. Educere, 13; 44, 235-241. Università delle Ande, Venezuela.
  • Méndez, Z. (2003). Apprendimento e Cognizione. San José, Costa Rica. Editore: EUNED, sesta ristampa.

Teoria cognitiva..Jerome Bruner.. Uan (Agosto 2020).


Articoli Correlati