yes, therapy helps!
Le migliori 70 frasi di Eduardo Mendoza

Le migliori 70 frasi di Eduardo Mendoza

Gennaio 30, 2023

Eduardo Mendoza (Barcellona, ​​1943) è un famoso scrittore spagnolo. I suoi romanzi, con uno stile semplice e rivolto a tutti i pubblici, sono stati grandi vendite.

Certo, la qualità delle loro storie è sempre un requisito indispensabile, e sia il critico che il pubblico considerano Eduardo Mendoza uno dei letterati per eccellenza della fine del ventesimo secolo e dei primi del ventunesimo.

  • Articolo correlato: "Le 70 migliori frasi di Miguel de Cervantes"

Citazioni famose di Eduardo Mendoza

Con opere della statura della verità sul caso Savolta, senza notizie di Gurb o l'anno del diluvio, l'opera di Eduardo Mendoza copre anche il processo e il teatro.


Con l'articolo di oggi vogliamo pagare un piccolo omaggio a questo autore per mano delle migliori frasi di Eduardo Mendoza.

1. Erano giorni di pienezza irresponsabile, di felicità impercettibile ...

Frammento poetico della verità sul caso Savolta.

2. È caratteristico della natura umana indebolirsi quando i sogni iniziano a materializzarsi.

Una riflessione che dobbiamo prendere in considerazione.

3. Che tutti quelli rinchiusi lì percepiscano chiaramente la follia degli altri, ma nessuno dei loro ...

Frammento dell'avventura toilette femminile.

4. Le dimensioni ridotte dei locali hanno ridotto i costi di pulizia e di arredamento.

Frammento di La verità sul caso Savolta.


5. Gli antenati e i discendenti sono importanti. Passato e futuro. Senza passato e futuro, tutto è presente e il presente è fugace.

A proposito di tempo e dei suoi limiti.

6. Non sai chi fosse Franco, con lui non c'erano libertà o giustizia sociale, ma è stato bello guardare la TV.

Una grande riflessione sulla dittatura in Spagna.


7. Fai come faccio io: approfitta dell'essere vecchio. Non sono vecchio Vai a praticare. Il segreto per diventare molto vecchio è invecchiare molto presto.

Per tenere a mente per il futuro.

8. Ha simboleggiato meglio di chiunque altro lo spirito di un'epoca che oggi è morta un po 'con lui.

Frammento della città dei prodigi.

9. E tutto questo è stato raggiunto da solo e senza aiuto, partendo da zero basato sul coraggio e sulla volontà?

L'Istituto Cervantes, sulla figura di Eduardo Mendoza.

10. Ti chiederai come avrei potuto avere così tanto successo con gli uomini senza essere valso molto. Non ha alcun merito. Gli uomini sono molto esigenti quando si tratta di esprimere giudizi estetici sulle donne, ma al momento della verità si accontentano di qualsiasi cosa. Quando ho scoperto questo, la mia vita è diventata molto più interessante. Non mi dispiace ammettere di aver usato uomini.

Un altro paragrafo di The WC per donne.

11. Fortunatamente un tip risolve qualsiasi problema in modo soddisfacente. In questo paese tutto è organizzato con un buon consiglio. Al mio arrivo è stato difficile per me capirlo ma ora mi sembra un sistema magnifico: permette di mantenere bassi i salari e al tempo stesso mette in scena la gerarchia. L'impiegato paga metà e l'altra metà deve ringraziare il padrone raddoppiando il suo servilismo.

A proposito della città di Madrid.

12. Paquita deve aver superato leggermente l'età in cui una figlia di una buona famiglia, soprattutto se è aggraziata, intelligente e venditrice, è sposata o, almeno, promessa. Altrimenti, come evidentemente era il caso, la parte interessata aveva l'abitudine di influenzare il prudery o esagerare una facilità e indipendenza che non lasciavano dubbi sulla volontarietà della sua unicità.

Un altro frammento di Rota di gatti.

13. La verità è, nel caso qualche lettore si unisca al racconto di questi vagabondaggi senza una precedente conoscenza del mio passato, che in passato sono stato ingiustamente imprigionato, anche se questo non mi viene in mente, in un centro penitenziario per delinquenti con disturbi mentali e che il centro era gestito dal dott. Sugrañes per la vita e metodi poco geniali.

Il groviglio del mercato azionario e della vita.


14. L'unica cosa che posso assicurarti è che in nessun momento, nemmeno nei momenti più critici, ho visto, come si dice di solito, passare tutta la mia vita davanti a me come se fosse un film, che è sempre un sollievo, perché abbastanza cattivo è di per sé morire per morire guardando il cinema spagnolo.

Dallo stesso lavoro del frammento precedente.

15. Dedica tutta la sua lezione a un singolo dipinto: La morte di Atteone. Non era una delle opere esposte al Louvre, né in nessun altro museo. Apparentemente apparteneva e sicuramente appartiene ancora a un individuo fortunato. (...) l'insegnante stava mostrando i diversi dettagli di quel curioso episodio mitologico.

Dello stesso lavoro del precedente, su un dipinto con dettagli unici.

16. Da alcuni anni, e dopo alcuni inizi un po 'disomogenei, dei quali ai suoi tempi lasciò un documento scritto, gestì un parrucchiere da donna al quale, per un certo periodo, solo un dipendente della Caixa venne con ammirevole regolarità. rivendicare gli arretrati dei loro crediti successivi.

Il mistero della cripta infestata.

17.Gli uomini sono più ottusi: il denaro e il calcio hanno bloccato il loro ipotalamo e i liquidi vitali non circolano. D'altra parte, le donne, non appena scollegano il cellulare, rilasciano i poteri della mente e a cui si trascura hanno già raggiunto la percezione extrasensoriale.

Un ritratto del mondo attuale.

18. La vita mi ha insegnato che ho un meccanismo inserito in un luogo impervio per esperienza che mi impedisce di fare tutto ciò che potrebbe giovarmi e mi costringe a seguire gli impulsi più folli e le tendenze naturali più dannose ...

Mendoza, in preda ai desideri carnali.

19. L'unica cosa che non risparmiava era il denaro per pagare così tante persone o i fornitori di materie prime. Madrid, secondo una frase coniata da un giornale satirico dell'epoca, teneva i lacci della borsa con i denti.

Un'altra riflessione sull'attività commerciale nella capitale della Spagna.

20. Gli esseri umani, come gli insetti, attraversano tre fasi o fasi di sviluppo: bambini, lavoratori e pensionati. I bambini fanno ciò che sono mandati, anche i grandi lavoratori, ma con una retribuzione per questo, i pensionati ricevono alcuni emolumenti, ma non gli è permesso fare nulla ...

A proposito delle fasi della vita.

21. Siamo più disposti a lavorare sodo e ad essere felici, distaccati, modesti, educati e affettuosi e non scortesi, egoisti, petulanti, maleducati e rozzi, come lo saremmo certamente se non dipendessimo così tanto di cadere nella grazia per sopravvivere.

Sulla natura gentile dell'essere umano.


22. Le persone erano infelici prima che io nascessi e continuerà ad esserlo quando sarò morto. La verità è che ho causato la sfortuna di alcuni, ma: sono stato la vera causa di quella disgrazia o di un semplice agente della fatalità?

Un altro riflesso della città dei prodigi.

23. Il linguaggio degli esseri umani è laborioso e infantile ... Parlano a lungo e ad alta voce, accompagnati da orribili gesti e smorfie. Anche così, la sua capacità di espressione è molto limitata, tranne che nel campo della bestemmia e della volgarità ...

Rumore invece di argomenti.

24. Non so quando mi sono innamorato di te o di com'è successo, perché cerco di ricordare e mi sembra di averti sempre amato e di cercare di capire e non trovo ragione nel mondo per non amarti.

Una bella dichiarazione d'amore.


25. Questo non è un paese povero. Questo è un paese di poveri. In un paese povero, ognuno arrangia come può con ciò che ha. Non qui Qui dice cosa si ha o non si ha.

Sulla Spagna e le sue miserie.

26. Era ammirevole vedere come quei potentati, colpiti duramente dalla crisi finanziaria come avevo appena letto su un giornale, mantenessero ancora l'aspetto di rifiuti e divertimento al solo scopo di non scoraggiare i mercati azionari.

In borsa.


27. La prima volta sono stato attratto dalla novità. Ho letto l'avviso sulla stampa e mi sono detto: Fulgencio, qui è un compagno di disgrazie: fuori dal suo elemento, esposto alla derisione pubblica da una manciata d'argento.

Frammento di tre vite di santi.

28. I giornali parlavano solo di questo. Ognuno dei visitatori, al ritorno nel loro paese, ha detto, viene convertito in apostolo e propagatore di ciò che ha visto, ascoltato e imparato.

Un altro ottimo paragrafo di The City of the Prodigies.


29. Oh, Barcellona, ​​disse con voce spezzata dall'emozione, che bello! E pensare che quando l'ho visto per la prima volta di tutto ciò che vediamo ora non c'era quasi nulla!

Sulla sua città natale, Barcellona.


30. Alla fine ", concluse sconsolato," non sapevo cosa stavo facendo lì. Sapevo solo che, qualunque cosa fosse, non aveva alcun senso. "Questa cosa che hai appena descritto", dissi, "si chiama lavoro.

Una situazione assurda.

31. Perché i catalani parlano sempre della stessa cosa, cioè del lavoro ... Non ci sono persone sulla Terra più affezionate al lavoro dei catalani. Se sapessero come fare qualcosa, sarebbero i padroni del mondo.

Una frase molto acuta contro la mentalità del popolo catalano.

32. Gli spagnoli parlano dai gomiti. Lo sto facendo io stesso, vedi. Ha tenuto un momento di silenzio per dimostrare che poteva fermare il vizio nazionale e poi ha continuato ad abbassare la voce.

In questo frammento ci parla dell'idiosincrasia spagnola.

33. Al tavolo sedeva una vecchia con una faccia di pergamena, così piccola e calda che era difficile distinguerla dai cuscini e dalle gualdrapas distribuite irregolarmente attorno al pezzo per mascherare il deterioramento dei mobili.

Corsa di gatti.


34. Preferisco la barbarie di un inquisitore disposto a bruciare un dipinto per giudicarlo peccatore, all'indifferenza di chi si preoccupa solo della datazione, dello sfondo o della citazione di quello stesso dipinto.

Una questione di principi.

35. Nel corso della mia esistenza sono stato costretto a risolvere alcuni misteri, sempre forzato dalle circostanze e soprattutto dalle persone quando nelle mani di questi erano quelle.

Frase autobiografica

36. (...) Gli occidentali sono dei cattivi matematici. Guarda l'Europa. Per arroganza passano dall'essere una serie di province in guerra e diventano un impero. Ha cambiato la valuta nazionale con l'euro e lì è iniziato il decadimento e la rovina.

Una di quelle frasi di Eduardo Mendoza in cui spiega alcune caratteristiche culturali.

37. La filosofia e la religione sono molto buone, naturalmente, ma sono per i ricchi e, se sei ricco, perché vuoi la filosofia e la religione?

Ragionamento curioso

38. L'esperienza mi ha insegnato che, in un'indagine come quella che stavo conducendo, si ottiene poco con forza o audacia e molto con perseveranza.

Essere costante è il modo migliore.

39. Sono davvero io che ho perso. Pensavo che essere cattivi avrebbe il mondo nelle mie mani eppure mi sbagliavo: il mondo è peggio di me.

Piccolo frammento della città dei prodigi.

40. José Antonio è incoerente, la festa non ha programma o base sociale, e la sua famosa eloquenza sta parlando alla salina senza dire nulla di specifico ...

Madrid, 1936

41. Per secoli abbiamo avuto il dominio straniero e avevamo fame di merda. Ora abbiamo imparato una lezione, abbiamo sfruttato le opportunità e siamo diventati padroni di mezzo mondo.

A proposito della miseria etica nell'aggregazione del mercato azionario e della vita.

42. Retorica orientale, troppo sottile, lo ammetto. Spesso non sai di cosa stanno parlando e te l'hanno già dato, come diceva Sun Tzu.

Frase sarcastica da prendere in considerazione.

43. Con lo stesso gusto avrei mangiato una razione di sardine, ma ho dovuto anche rinunciare perché il denaro speso non rientrava nel mio budget.

Sulle miserie dei suoi primi anni.

44. Aveva un grosso labbro inferiore, appeso e bagnato che incoraggiava a bagnare su di esso la parte posteriore gommata delle guarnizioni.

Descrivere uno dei personaggi in La verità sul caso Savolta.


45. La primavera è stata annunciata soffiando nell'aria quella fragranza che ha qualche piacevole vertigine di follia ...

Dallo stesso libro del frammento precedente.

46. ​​Aveva una fiducia illimitata nella sua capacità di superare qualsiasi battuta d'arresto e di sfruttare qualsiasi ostacolo.

Uno dei suoi lavori più letti per i giovani: nessuna notizia di Gurb.

47. (...) Questo fatto era già stato discusso sui giornali della capitale. Questi stessi giornali avevano raggiunto la conclusione dolorosa ma indiscutibile che dovrebbe essere così. Le comunicazioni tra Barcellona e il resto del mondo, sia via mare che via terra, lo rendono più adatto di qualsiasi altra città della Penisola per l'attrazione degli stranieri, hanno detto.

Frammento della città dei prodigi.


48. María Rosa Savolta esaminò la figura contraddittoria della cameriera con uno sguardo severo. Che cosa era quell'essere della steppa e della maleducazione del dolmen, piatto, curvo, ammaccato e baffuto in una stanza dove ogni oggetto rivaleggiava l'un l'altro in finezza e delicatezza? E chi avrebbe messo quel cappello inamidato, quei guanti bianchi, quel grembiule bordato di scarpe a punta? La signora si è chiesta.

Un mistero da risolvere.


49. Questo premio è un segno di successo e il desiderio di successo è pazzesco. Prima di essere raggiunto, il successo non esiste, è solo causa di ansia; ma quando arriva è peggio: dopo averlo ottenuto, la vita non si ferma e il successo la eclissa; nessuno può costantemente ripetere il successo e dopo un brevissimo tempo il successo diventa un pesante fardello; è necessario di nuovo, costantemente, ma ora conoscendo la sua inutilità.

Avere molto in mente


50. Pensavo che coloro che mi hanno amato male non oserebbero attaccare la mia integrità in piena luce e in un luogo affollato, ma tenterebbero di attirarmi a dove potrebbero portare a termine con la massima discrezione i loro scopi dannosi. Dovevo, quindi, evitare la solitudine e la notte. La prima cosa era essere relativamente facile e il secondo assolutamente impossibile, se non c'era un miracolo celeste che né le mie convinzioni né il mio comportamento passato mi permettessero di impetrare.

Sui nemici e come trattarli


51. Abbiamo tutti difficoltà a riconoscere che in un momento irrecuperabile puntiamo tutto su un singolo giro della roulette prima di apprendere le regole del gioco. Credevo anche che la vita fosse qualcos'altro. Poi continui a giocare, vinci e perdi alternativamente, ma nulla è uguale: le carte sono già segnate, i dadi sono caricati e le fiches cambiano solo di tasca mentre dura la sera. La vita è così ed è inutile descriverla come ingiusta in seguito.

Una frase per prendere la vita con calma.

52. Un criminale non è un eroe, ma un essere abietto che abusa della debolezza del suo prossimo. Ero destinato a seguire questa strada per i risultati più tristi se l'incontro casuale con la letteratura non avesse aperto una breccia attraverso la quale avrei potuto lasciare un mondo migliore. Nient'altro che devo aggiungere. La letteratura può salvare vite cupe e riscattare atti terribili; al contrario, atti terribili e vite degradate possono salvare la letteratura insufflando una vita che, se non posseduta, la trasformerebbe in una lettera morta.

La letteratura nel suo stato più puro, dalla penna di Eduardo Mendoza.


53. (...) Velázquez ha dipinto questo dipinto alla fine della sua vita. Il capolavoro di Velázquez e anche il suo testamento. È un ritratto rovesciato: rappresenta un gruppo di personaggi banali: ragazza, servi, nani, un cane, un paio di funzionari e il pittore stesso.La figura dei re, i rappresentanti del potere, si riflette nello specchio. Sono fuori dal quadro e, quindi, delle nostre vite, ma vedono tutto, controllano tutto, ed è loro che danno al dipinto la sua ragione d'essere.

Madrid, 1936

54. L'autore di questo articolo e quelli che seguiranno si sono dati il ​​compito di rivelare, in modo conciso e accessibile, alle menti semplici degli operai, anche i più analfabeti, quei fatti che, perché sono stati presentati al pubblico in la forma oscura e diffusa, dopo il camuffamento della retorica e la profusione di figure più appropriate alla comprensione e alla comprensione del dotto piuttosto che all'avido lettore di verità chiare e non di intuizioni aritmetiche, rimangono ancora ignorate dalle masse lavoratrici che sono, tuttavia, le sue vittime più importanti.

Un altro frammento di La verità sul caso Savolta, il suo magnum opus.

55. L'esercito rimane, ovviamente. Ma Azaña lo conosce bene: non invano è stato Ministro della Guerra. Sa che i militari, sotto la sua terribile apparenza, sono incoerenti, volubili e malleabili; da una parte minacciano e criticano e dall'altra piagnucolano per ottenere promozioni, destini e decorazioni; preda dei vantaggi e sono gelosi degli altri: tutti credono che qualcuno con meno meriti li abbia superati; In breve, si lasciano ingannare come bambini. (...) Tutte le armi (artiglieria, fanteria, ingegneri) devono uccidersi a vicenda, ed è sufficiente che la Marina faccia una cosa, in modo che l'aviazione faccia il contrario.

Sulla Madrid della prima metà del 20 ° secolo.

56. Non sono voci affidabili, perché, come sempre, provengono da persone invidiose, fantasiose o stupide, o tutte e tre contemporaneamente, ma il semplice fatto che queste persone hanno inventato un simile infuso indica che la verità non dovrebbe essere camminare lontano dalla bugia.

Non devi mai dare credito a una voce.

57. Il cameriere aveva la faccia dipinta di nero a causa del continuo macchiare il sudore con lo straccio per asciugare il vetro.

Descrizione contenuta nel groviglio del mercato azionario e della vita.

58. Attenti alle orecchie, ho detto a titolo di colophon; appaiono sempre dove meno se li aspetta.

Estratto da uno dei suoi libri.

59. Da quel momento ricordo di aver gettato il mio tempo in esalazione con gioia, nella speranza che il pallone decollasse e mi portasse verso un futuro migliore.

A proposito dei suoi tempi giovani.

60. Pensi sempre meglio a stomaco pieno, ad esempio chi ha lo stomaco.

Frase ironica che invita alla riflessione.

61. E qual è la verità? A volte il contrario della bugia; altre volte, il contrario del silenzio.

A volte solo gridare incarna la realtà.

62. La sensazione è la radice e il sostentamento di idee profonde.

Frase filosofica sulle emozioni.

63. Nessun comportamento umano ha bisogno di precedenti.

La cultura è tutto, a volte.

64. Le vocazioni precoci sono alberi con molte foglie, un piccolo tronco e meno radici.

Grande prosa poetica.

65. Nella classe di letteratura ci hanno insegnato alcune cose che poi non mi hanno aiutato, e oggi mi hanno servito poco.

Sfortunatamente, l'interesse per l'arte e la letteratura non può essere spiegato o insegnato.

66. Mi sono mai chiesto se don Chisciotte fosse pazzo o se fingesse di essere pazzo di trasgredire le porte di una società piccola, maldestra e chiusa.

I limiti della pazzia e della sanità mentale.

67. Volevo fare come Alonso Quijano: correre il mondo, avere amori impossibili e annullare i torti.

Come il famoso personaggio di Cervantes.

68. C'è un altro tipo di umorismo nella scrittura di Cervantes, che non è tanto nella scrittura o nei dialoghi come nello sguardo dello scrittore.

Un'altra riflessione sul lavoro di Manchego.

69. Credo di essere un modello di buon senso e penso che gli altri siano come una doccia, per questo motivo sono perplesso e spaventato da come è il mondo.

Sulla sua visione delle cose.

70. Un romanzo è quello che è: né la verità né la menzogna.

Né la finzione, né la realtà, ma una via di mezzo.


Yochai Benkler: Open-source economics (Gennaio 2023).


Articoli Correlati