yes, therapy helps!
Le 9 differenze tra ricerca qualitativa e quantitativa

Le 9 differenze tra ricerca qualitativa e quantitativa

Gennaio 24, 2021

I metodi di ricerca scientifica sono classificati in due grandi categorie: quantitativa e qualitativa. Mentre il primo si concentra sull'analisi matematica dei fenomeni osservabili, la ricerca qualitativa si basa sul linguaggio e mira a una profonda comprensione dei suoi oggetti di studio.

In questo articolo analizzeremo Le 9 principali differenze tra ricerca quantitativa e qualitativa .

  • Articolo correlato: "I 15 tipi di ricerca (e caratteristiche)"

Differenze tra ricerca qualitativa e quantitativa

Le differenze tra ricerca qualitativa e quantitativa si verificano in molti aspetti diversi, dagli obiettivi e le applicazioni degli studi alle loro proprietà psicometriche. Ognuno di loro ha, a sua volta, vantaggi e svantaggi che lo rendono più appropriato in determinate circostanze .


Sebbene molte persone sottovalutino l'utilità dei metodi qualitativi, come vedremo, consentono l'analisi di fenomeni diversi da quelli che costituiscono l'interesse per i metodi quantitativi, oltre a permettere di affrontare gli stessi fatti da una prospettiva più profonda.

1. Oggetto di studio

L'oggetto di studio della ricerca quantitativa sono dati statici dai quali sono tratte conclusioni probabilistiche. I metodi qualitativi si concentrano principalmente sui processi cioè negli aspetti dinamici e si concentra sull'esperienza soggettiva dei fenomeni dal punto di vista dei soggetti di analisi.

2. Obiettivi e applicazioni

La ricerca qualitativa ha come obiettivo principale l'esplorazione, la descrizione e la comprensione iniziali di un fenomeno. In questo senso possiamo dire che i metodi qualitativi si concentrano sulla generazione di ipotesi attorno a eventi specifici; A volte le conclusioni possono essere tratte da questi studi attraverso l'induzione.


D'altra parte, i metodi quantitativi vengono solitamente utilizzati in un punto più avanzato del processo scientifico: la verifica dell'ipotesi, cioè nella sua conferma o confutazione . Pertanto, hanno un carattere prevalentemente deduttivo e in molti casi sono associati all'analisi della teoria e alla raccomandazione di percorsi di azione attorno a problemi specifici.

3. Punto di vista dell'analisi

Poiché la ricerca qualitativa si concentra sull'esplorazione dei fenomeni dal punto di vista di individui particolari, ha inevitabilmente un carattere soggettivo, sebbene ciò non implichi necessariamente una mancanza di rigore metodologico. I metodi quantitativi, d'altra parte, cercano di analizzare gli effetti che possono essere misurati oggettivamente.

Tuttavia, a differenza di quanto viene spesso difeso, I metodi quantitativi non sono totalmente obiettivi : dipendono in particolare dall'azione dei ricercatori, che scelgono le variabili che saranno studiate, eseguono le analisi e interpretano i risultati di queste. Pertanto, sono chiaramente suscettibili all'errore umano.


4. Tipo di dati

I dati delle indagini quantitative sono di tipo numerico; per questo motivo sono presupposti una certa solidità e capacità di replica che consentiranno di fare inferenze oltre i dati stessi. Nella ricerca qualitativa, la profondità e la ricchezza delle informazioni su un evento specifico sono prioritarie e le inferenze sono limitate ad esso.

5. Metodologia

Essendo focalizzati sugli aspetti numerici, i metodi quantitativi consentono la misurazione specifica e controllata di molti aspetti concreti della realtà. Anche questo lo rende possibile effettuare analisi statistiche utilizzando i dati , che a sua volta favorirà il confronto tra diversi gruppi di informazioni e la generalizzazione dei risultati.

Al contrario, la ricerca qualitativa utilizza principalmente dati basati sul linguaggio, in particolare i documenti narrativi. I metodi di analisi hanno un carattere molto più naturalistico e maggiore importanza viene data al contesto e alle relazioni tra gli elementi che costituiscono il fenomeno di studio, e non solo a questi separatamente.

6. Tecniche utilizzate

I ricercatori che usano la metodologia qualitativa impiegano metodi come Interviste approfondite, osservazione dei partecipanti o dibattiti e conversazioni di gruppo. Queste tecniche hanno un livello inferiore di struttura rispetto all'approccio quantitativo, che comprende metodi come questionari e registrazioni sistematiche di osservazione.

  • Articolo correlato: "I diversi tipi di interviste e le loro caratteristiche"

7. Livello di analisi

Mentre la ricerca quantitativa analizza aspetti specifici degli oggetti di studio, la ricerca qualitativa ha un carattere più olistico; questo significa che cerca di capire la struttura dei fatti e le dinamiche tra gli elementi che li compongono in un modo globale piuttosto che in un particolare.

8. Grado di generalizzazione

In teoria, i metodi quantitativi utilizzano campioni rappresentativi di una popolazione più ampia al fine di trarre conclusioni e generalizzare a questo livello superiore; Inoltre, ci sono tecniche che consentono di misurare e ridurre la probabilità di errore . La difficoltà per la generalizzazione dei risultati è il difetto più caratteristico della ricerca qualitativa.

9. Validità e affidabilità

L'affidabilità e l'affidabilità della ricerca quantitativa dipendono principalmente dalle tecniche e dagli strumenti utilizzati per misurare ed elaborare i dati. Nel caso della metodologia qualitativa, queste proprietà sono correlate in misura maggiore con il rigore e la capacità dei ricercatori e possono avere un carattere più soggettivo.


demo videorapporto ricerca qualitativa (Gennaio 2021).


Articoli Correlati