yes, therapy helps!
Le 70 migliori frasi di Miguel Delibes (e Famous Quotes)

Le 70 migliori frasi di Miguel Delibes (e Famous Quotes)

Gennaio 20, 2020

Miguel Delibes (1920 - 2010) è stato un romanziere e giornalista spagnolo nato a Valladolid.

Durante la sua carriera di successo è riuscito a gestire quotidiani nazionali, ma con il progredire della sua carriera si è dedicato alla sua vera vocazione: scrittore di romanzi.

  • Articolo correlato: "89 grandi frasi sull'intelligenza e la conoscenza"

Frasi di Miguel Delibes

Divenne uno dei membri della Royal Academy of the Spanish Language e fu vincitore di numerosi premi letterari di prima classe.

Nell'articolo di oggi passeremo attraverso la vita e il lavoro di questo grande scrittore attraverso le migliori citazioni di Miguel Delibes .


1. La fama non ha un posto in cui tenerlo, è davvero positivo.

A Delibes non piaceva essere popolare.

2. Cacciatore ... Sono un cacciatore che scrive; cioè, ho preso contatto con gli elementi fondamentali della profonda Castiglia attraverso le mie escursioni cacciatore e pescatore. Poi ho imparato a parlare come quei castigliani. E tutti i miei libri hanno quei personaggi dentro, dal ladro dei topi al signor Gaio del voto controverso ... Possiamo dire che la mia comunicazione con la gente e il mio linguaggio delle persone che ho imparato a contatto con questi signori che ci vanno ad una cosa diversa

Estrai dove mostra la sua passione per la caccia.

3. L'uomo moderno vive estraneo a quelle sensazioni inscritte nel profondo della nostra biologia e che sostengono il piacere di uscire sul campo.

La sua passione per la campagna non conosceva limiti.


4. Il progresso non funziona ... se "deve tradursi inesorabilmente in un aumento di incomunicazione e violenza, di autocrazia e sfiducia, di ingiustizia e prostituzione dell'ambiente naturale, dello sfruttamento dell'uomo da parte l'uomo e l'esaltazione del denaro come unico valore ».

Un progresso utile e calmo, l'ideale secondo Delibes.

5. Le persone sono i veri proprietari della lingua.

Nessuna accademia dovrebbe dettare una frase.

6. Nella letteratura nulla è più difficile della semplicità.

Più astruso, meno trasmetti.

7. Sepolture ... Oggi voglio solo occuparmi delle sepolture; dai funerali alla Federica, con carri barocchi, cavalli trapuntati e auricolari con una parrucca, che è come si fanno le sepolture nella mia città. Uno, naturalmente, non è contro le sepolture. Uno è, piuttosto, contro i formalismi fallaci. Uno, insomma, per le sepolture semplici e minoritarie, dove colui che va, va per sentimento e non per educazione. Forse in questo modo si eviterebbe che nei funerali si parlasse tanto di calcio e che, al momento della partenza, il defunto fosse solo per quello di cui i morti sono gli uomini unici e puntuali del paese.

I suoi pensieri sull'ultimo addio agli anziani.


8. Ricordo quel giorno vissuto all'interno di un'altra pelle, spiegato.

A proposito della guerra civile spagnola.

9. Il campo è una delle poche opportunità rimanenti per fuggire.

Lui ci aspetta sempre a braccia aperte.

10. Il giornalismo è una bozza di letteratura ... E la letteratura è giornalismo senza il vincolo della chiusura.

Una grande considerazione per il commercio.

11. La scrittura accurata non consiste solo nel trovare in ciascun caso l'aggettivo appropriato, ma anche il sostantivo, il verbo o l'avverbio, cioè la parola. Ed è nella gestione di quelle parole, nel trovarle nel tempo e nel vestirle adeguatamente, dove risiede il segreto di un buon scrittore.

Grande frase di Miguel Delibes sull'arte della scrittura.

12. Fascismo ... Più difficile che vivere sotto il fascismo era che ogni gruppo credeva di essere in possesso della verità. Ciò ha completamente distrutto le famiglie. Alcune famiglie furono rotte, altre morirono nell'Alcázar de Toledo; E 'stata la fine più triste che si potesse immaginare per quella guerra, iniziata come una barzelletta in Nord Africa ... Credo che la Spagna sia fottuta tanto tempo fa; Non avevo l'età per giudicare quando la Spagna era fottuta, ma si sono fottuti l'uno con l'altro. Non ci sono scuse che era giusto o era sinistra. Tra i due hanno scopato la Spagna.

Riflessione storico-politica.

13. Fedeltà ... Sono stato fedele a un giornale, una ragazza, alcuni amici, tutto ciò su cui mi sono sentito bene. Sono stato fedele alla mia passione giornalistica, alla caccia ... La stessa cosa che ho fatto da bambino l'ho fatto di più, con maggiore perfezione, con maggiore sensibilità, con maggiore cattiveria. Ho sempre fatto lo stesso.

Sul concetto di fedeltà, che rimane invariato nel suo essere.

14. La gloria è un problema di anni, poiché è il momento che decide quale autore è destinato ad essere dimenticato e quale è destinato a sopportare.

Potrebbe anche essere necessario un colpo di fortuna.

15. La lingua nasce dalla gente; Tornerò da lui, che sarà fondato con lui perché le persone sono i veri proprietari della lingua.

Un vero esperto nel dominio della lingua spagnola.

16. La morte ...Ho l'impressione sin da quando ero un bambino che ero minacciato dalla morte; non mio, ma la morte di coloro che dipendevano. Ero un rapace di quattro o sei anni ma temevo che mi sarebbero mancati quelli che mi hanno fornito elementi per vivere, i miei genitori.

Circa dalla metà alla morte dei tuoi cari.

17. Il romanzo è un tentativo di esplorare il cuore umano da un'idea che è quasi sempre la stessa raccontata con un ambiente diverso.

Riflessioni di Delibes sul fatto narrativo.

18. Aveva una spumeggiante immaginazione.

Estratto di Lady in rosso su sfondo grigio.

19. La faccia del dottore era gessosa, spettinata.

Una descrizione di un personaggio secondario.

20. La perdita è uno dei motivi dello scrittore.

Il dolore può aiutarci a scrivere.

21. Letteratura ... È stata una vera dedica. Ho trovato in lei il rifugio che non trovavo così perfetto al cinema o al caffè o nel gioco; la relazione tra due era perfettamente stabilita tra una persona e un libro. La mia voglia di scrivere era di provare a comunicare a due persone, usare la penna come elemento di comunicazione con gli altri. Scrivere è comunicare con un altro.

Il fatto romantico della comunicazione scritta.

22. La vita era il tiranno più conosciuto.

Il lato grigio dell'esistenza.

23. Ha dimenticato l'aria stagnante nel suo cervello.

Un altro piccolo frammento di Lady in rosso su sfondo grigio.

24. La cosa più positiva che è stata dimostrata con regimi di forza, sia di sinistra sia di destra, è che non è abbastanza per l'uomo vivere. Gli uomini hanno bisogno di un'attenzione più intima e personale.

25. Gli uomini sono fatti. Le montagne sono già fatte.

La geografia viene dal passato.

26. I protagonisti delle mie storie sono esseri sotto pressione da parte dell'ambiente sociale, perdenti, vittime dell'ignoranza, politica, organizzazione, violenza o denaro.

Uno sguardo ai punti comuni della sua opera letteraria.

27. Il mio più grande desiderio sarebbe che questa Grammatica [della Royal Academy, 2010] fosse definitiva, che raggiungesse il popolo, che si fondesse con esso, poiché, in breve, le persone sono i veri proprietari della lingua.

La purezza della fusione culturale.

28. La mia patria è l'infanzia.

Dove ci si sente a proprio agio e protetti, l'infanzia.

29. La mia vita di scrittrice non sarebbe come sarebbe se non fosse basata su un background morale inalterabile. Etica ed estetica hanno stretto le mani in tutti gli aspetti della mia vita.

Sull'etica delle loro storie

30. I miei contadini, la mia terra ... Alle radici iniziali che mi legavano alla mia città, ho dovuto aggiungere altri nuovi che non potrei mai disarmare: i miei cari morti, la mia famiglia, i miei amici, il mio Nord di Castiglia, la mia scuola di commercio, le mie strade ogni giorno, i miei contadini, la mia terra ....

Sulle sue radici castigliano.

31. C'erano sempre poveri e ricchi, Mario, e l'obbligo di coloro che, grazie a Dio, ne abbiamo abbastanza, è di aiutare coloro che non ce l'hanno, ma tu immediatamente modifichi il piano, trovi difetti anche nel Vangelo.

Un esempio di posizione ideologica.

32. Non sono uno scrittore che caccia, ma un cacciatore che scrive ... Sono un ecologista che scrive e caccia.

Grande auto-definizione

33. Per scrivere un buon libro, non considero essenziale conoscere Parigi o aver letto il Chisciotte. Cervantes, quando scrisse Don Chisciotte, non l'aveva ancora letto.

Riflessione ironica su esperienza e talento.

34. Giornalismo ... Difetti del giornalista contemporaneo? Il desiderio di curiosità, di mettere le cose fuori controllo. Mi chiesero della guerra civile e poi della mia passione per le pernici da caccia. E il titolo era che Miguel Delibes si era pentito del sangue versato come se fossi andato in giro a sparare colpi al collo. Non si sapeva se fosse dispiaciuto per le pernici che aveva ucciso o per i soldati che avrebbero potuto cadere sotto i miei ipotetici colpi. Ma non sono dispettoso. Ho sempre detto di essere un uomo semplice che scrive semplicemente.

L'arte di scrivere è di raggiungere le persone.

35. Prima ho conosciuto la mia provincia, poi l'ho amata e, infine, quando l'ho vista tormentata dalla meschinità e dall'ingiustizia, ho cercato di difenderla. Per otto decenni ho dovuto sopportare che Valladolid e Castiglia fossero accusati di essere centralisti, quando, a rigor di termini, erano le prime vittime del centralismo ... E quando le circostanze sono peggiorate e la legge del silenzio ha prevalso nel paese, mi sono trasferito a libri la mia preoccupazione per il mio. E non solo per difendere la sua economia, ma per rivendicare il contadino, il nostro contadino, il suo orgoglio, la sua dignità, l'uso saggio della nostra lingua.

Le sue origini hanno formato il suo spirito letterario.

36. Sentimenti che nidificano settant'anni fa nel cuore dei miei personaggi: solidarietà, tenerezza, rispetto reciproco, amore; la convinzione che ogni essere è venuto in questo mondo per alleviare la solitudine di un altro essere.

I principi morali e vitali dei personaggi di Delibes.

37. Se il cielo di Castiglia è così alto, è perché i contadini lo hanno sollevato da così tanto guardarlo.

Divertente riflessione sulla sua terra natia.

38. Tendiamo a ridurre il linguaggio, per semplificarlo. È difficile mettere insieme una frase. In questo modo, quelli che parlano molto inciampano molto e quelli che misurano le loro parole si stanno allontanando dal problema.

Siamo pigri con il modo in cui usiamo il linguaggio.

39. Valladolid e Castilla ... Ecco un dato di fatto: quando ho preso la decisione di scrivere, la letteratura e il sentimento della mia terra si sono sovrapposti. Valladolid e Castilla sarebbero lo sfondo e il motivo dei miei libri in futuro ..., di essi ho preso non solo i personaggi, gli scenari e gli argomenti dei miei romanzi, ma anche le parole con cui sono stati scritti ... Quelle voci che Hanno cullato la mia infanzia sono stati il ​​germe della mia futura espressione.

Un'altra riflessione di Miguel Delibes sulla sua origine contadina.

40. Vita finita ... Il cacciatore che scrive è finito mentre lo scrittore che caccia ... Io finii come avevo sempre immaginato: incapace di rovesciare una pernice rossa o scrivere una pagina con professionalità.

Una frase poetica in cui descrive il suo declino.

41. Il sesso deve essere mistero e scoperta personale.

Feudo di se stessi e di nessun altro.

42. Ci sono cose che la volontà umana non è in grado di controllare.

Siamo, a volte, schiavi delle nostre emozioni.

43. E hanno messo nei loro ricordi alcune note della realtà pulsante.

Estratto da El camino, una delle sue opere.

44. Ha avvertito che i bambini hanno ineluttabilmente la colpa di quelle cose di cui nessuno è responsabile.

Dalla stessa opera dell'estratto precedente.

45. Madrid mi spaventa, perché se Valladolid sembra un enorme parcheggio, Madrid mi sembra cinque volte quel parcheggio.

Pensiero sarcastico sulla capitale spagnola.

46. ​​Non sono stato tanto me stesso quanto i personaggi che ho rappresentato in questo carnevale letterario. Sono, quindi, in buona parte la mia biografia.

In ogni personaggio c'è un po 'della sua personalità.

47. La questione non è se la caccia è crudele o no, ma quali procedure di caccia sono ammissibili e quali altre no.

Riflessione etica sulla pratica della caccia.

48. Nella vita hai ricevuto molte cose, ma hai fallito nell'essenziale, cioè hai fallito. Quell'idea ti deprime profondamente.

Puoi avere successo e allo stesso tempo sentirti inefficace in questioni essenziali.

49. Forse è stata la sua capacità di sorprendere ciò che mi ha abbagliato di lei, che nel corso degli anni mi ha tenuto tenacemente innamorato di lei.

Di uno dei suoi amori.

50. Pensava che la storia potesse essere ripetuta, e dormiva cullato dalla sensazione che l'effluvio di una placida e strana felicità lo avvolgesse.

Un altro frammento del suo romanzo El camino.

51. Gli faceva male che gli eventi passati con quella struttura fossero ricordi; notare l'amara sensazione che nulla, niente del passato, possa essere ripetuto.

52. L'artista non sa chi lo spinge, quale è il suo riferimento, perché scrive o perché dipinge, perché smetterebbe di farlo. Nel mio caso era abbastanza chiaro. Ho scritto per lei. E quando il suo processo fallì, mi mancò il riferimento. Ho smesso di farlo, ho smesso di scrivere e questa situazione è durata per anni. A quel tempo pensavo che a volte tutto fosse finito.

Parole di frustrazione quando sua moglie è morta.

53. Dubito fortemente che nei miei libri ci sia un solo eroe; sono tutti antieroi, ma, allo stesso tempo, sono tutti avvolti in uno sguardo caldo di comprensione. Ho cercato di dotarli di umanità e tenerezza. Una tenerezza che non è sempre in superficie, perché molti dei miei personaggi sono primari e improvvisi, ma puoi indovinare non appena li conosci a fondo.

Un ritratto dei tuoi personaggi preferiti.

54. Sono cose compatibili per cacciare e amare gli animali. Ciò che la nostra moralità ci impone non è usare trucchi o trappole. Il mio equipaggio e io siamo usciti dal campo quando il caldo o le condizioni meteorologiche hanno reso la caccia troppo facile e lo ha snervato. La caccia non uccide, ma abbatte i pezzi difficili dopo una dura competizione. Questo spiega che si ritorna più soddisfatto con due pernici colpite da una dozzina di uova contro la prognosi.

Una concezione molto personale dell'attività di caccia.

55. Ho preso una posizione deliberata nella mia letteratura per i deboli. In tutti i miei libri c'è una molestia dell'individuo da parte della società e vince sempre. E questo in nessuno dei miei protagonisti, per quanto possano essere diversi, dal borghese Cecilio Rubes di "Il mio figlio idolatrato Sisí", ai Nini di "Las ratas", che per sopravvivere devono cacciare e mangiare questi animali. Nonostante la distanza sociale o di classe che evidentemente esiste tra i due personaggi, alla fine ci ritroviamo con due esseri frustrati e molestati da un ambiente sociale inarrestabile.

Sulle sue predilezioni etiche e letterarie.

56. Quando la vita ti afferra, c'è ogni potere di decisione.

Addio controllo.

57. Ogni individuo nel villaggio preferirebbe morire piuttosto che muovere un dito a beneficio degli altri. Le persone vivevano isolate e si preoccupavano solo di se stesse. E a dire il vero, il feroce individualismo della valle si spezzò solo la domenica pomeriggio, quando il sole tramontò.

Frammento del modo.

58. (...) Il sacerdote disse allora che ognuno aveva un percorso segnato nella vita e che si poteva rinnegare su quel sentiero con l'ambizione e la sensualità e che un mendicante poteva essere più ricco di un milionario nel suo palazzo, a carico di marmi e servi.

Una logica di moralità religiosa.

Un altro estratto da una delle sue migliori opere: El camino.

59. Era tutto come un sogno, doloroso e commovente nella sua stessa sazietà.

Una delle frasi di Miguel Delibes basata sull'emotività.

60. Sembrava camminare sotto il peso di un involto invisibile che la costringeva a gorgogliare intorno alla vita. Erano, senza dubbio, il rimorso.

Una descrizione del personaggio che parte dal fisico per mostrare il lato psicologico.

61. Il risparmio, se fatto a spese di un bisogno insoddisfatto, causa negli uomini acrimonia e rancore.

Risparmiare non equivale a non essere in grado di soddisfare un'esigenza prioritaria.

62. Le enormi montagne, con i loro crinali affilati tagliati all'orizzonte, infondevano un'irritante impressione di insignificanza.

Una potente descrizione dell'ambiente naturale.

63. I capelli rossi potrebbero, infatti, essere una ragione per la longevità o, almeno, una specie di amuleto protettivo.

Il folklore è molto presente nel pensiero di Miguel Delibes.

64. Il potere decisionale arriva all'uomo quando non ha più bisogno di nulla

Sulla vecchiaia

65. Quando le persone non hanno muscoli nelle braccia, ne hanno abbastanza della lingua.

Un commento feroce su coloro che criticano molto.

66. Vivere era morire ogni giorno, a poco a poco, inesorabilmente.

La vita vista come un conto alla rovescia.

67. Gli uomini sono fatti; le montagne sono già fatte.

Un aforisma sul nostro legame con la natura.

68. L'istruzione, nel collegio; educazione, a casa

Una distinzione tra due tipi di trasmissione della conoscenza.

69. Le cose devono essere così perché è così che sono sempre state, perché non metterti accanto a quelli che possono corrisponderti?

Una riflessione intrisa di conservatorismo.

70. Viviamo tra persone civili e tra persone civilizzate dobbiamo comportarci come un essere civilizzato.

Un piccolo sacrificio personale per poter vivere nella società.


Millainen on pieni kunta tulevaisuudessa? (Gennaio 2020).


Articoli Correlati