yes, therapy helps!
Le 64 migliori frasi di Baruch Spinoza

Le 64 migliori frasi di Baruch Spinoza

Gennaio 30, 2023

Baruch Spinoza fu uno dei grandi filosofi della modernità. Il suo pensiero ebbe una grande influenza sul pensiero occidentale e, più specificamente, sul modo in cui i suoi contemporanei cominciarono ad interpretare la realtà. Rivedere le frasi più famose di Baruch Spinoza è incontrare costantemente grandi riflessi sugli argomenti più svariati.

  • Articolo correlato: "123 frasi sagge per riflettere sulla vita"

Le migliori frasi di Baruch Spinoza

Di seguito puoi trovare una selezione di frasi di Baruch Spinoza per capire meglio come pensava questo referente della filosofia.

1. Se, secondo quanto afferma l'apostolo in 2 Corinzi, 3,3, hanno in sé la lettera di Dio, non scritta con inchiostro, ma con lo spirito di Dio, e non su tavolette di pietra, ma in le tavole di carne del cuore, che si fermano ad adorare la lettera e ad essere così preoccupate al riguardo.

Una critica alla mancanza di coerenza di molti gruppi cristiani.


2. Il nostro metodo di interpretazione della scrittura è il migliore. Perché, poiché la massima autorità per interpretare la scrittura è nel potere di ciascuno, la norma dell'interpretazione non dovrebbe essere nient'altro che luce naturale, comune a tutti, e non una luce superiore alla natura o qualsiasi autorità esterna.

Il filosofo ha sottolineato ciò che tutti hanno in comune quando interpretano l'ambiguo.

3. Il grande segreto del regime monarchico e il suo massimo interesse sono di tenere gli uomini ingannati e mascherare, sotto il nome specioso della religione, la paura con cui vogliono controllarli, per combattere per la loro schiavitù, come se fosse la tua salvezza, e non consideri l'ignominia, ma l'onore più alto, dai il tuo sangue e la tua anima all'orgoglio di un solo uomo.

Una riflessione sulla monarchia sotto forma di aspre critiche.


4. Il diritto naturale di ogni uomo non è determinato, quindi, da una buona ragione, ma dal desiderio e dal potere.

Ciò che vogliamo ci definisce più della logica che usiamo per raggiungerlo.

5. Se fosse così facile comandare alle anime (animus) come al di sopra delle lingue, tutti regnerebbero in sicurezza e nessuno stato sarebbe violento, poiché tutti vivrebbero secondo l'opinione di coloro che governano e solo secondo la loro decisione giudicherebbero ciò che è vero o falso, buono o cattivo, giusto o iniquo.

Una frase di Baruch Spinoza che parla della sua ontologia.

6. Se nessuno può rinunciare alla sua libertà di opinione e pensare a ciò che vuole, ma ognuno di essi è, per il supremo diritto della natura, proprietario dei suoi pensieri, ne consegue che non puoi mai provare in uno stato, senza condannarti a un clamoroso fallimento, che gli uomini parlano solo con la prescrizione dei poteri supremi, sebbene abbiano opinioni diverse e persino contrarie.

Il fatto che ogni persona prende le proprie decisioni e crea un diverso flusso di pensiero in sé stesso, rende impossibile dominare le proprie opinioni.


7. Con la legge e l'istituzione della natura non comprendo nient'altro che le regole della natura di ciascun individuo, secondo cui concepiamo che ogni essere è naturalmente determinato ad esistere e ad agire in modo preciso.

Gli individui fanno parte di tutta la natura.

8. Per disimpegnarci da quella folla, liberare le nostre menti dai pregiudizi dei teologi e non abbracciare incautamente le invenzioni degli uomini come se fossero dottrine divine, dobbiamo avvicinarci al vero metodo di interpretare la Scrittura e discuterla a fondo; poiché, se non lo sappiamo, non possiamo sapere con certezza cosa la Scrittura vuole insegnare o lo Spirito Santo. In breve, il metodo di interpretazione della Scrittura non è diverso dal metodo di interpretazione della natura, ma è pienamente d'accordo con essa.

Spinoza, figlio del Rinascimento, Volevo liberare la conoscenza dei dogmi che governavano la filosofia durante il Medioevo , anche quelli che si riferiscono alle scritture bibliche.

9. Coloro che eccellono con la loro immaginazione, hanno meno attitudine per la conoscenza puramente intellettuale.

Per questo pensatore, l'immaginazione è una forma diffusa di pensiero che non si adatta all'attività puramente intellettuale.

10 Coloro che si distinguono per la loro intelligenza e lo coltivano al massimo, hanno il potere di immaginare più moderato e più controllato, come se lo tenessero giù con un freno in modo che non si confondesse con l'intesa.

Una frase di Spinoza relativa alla precedente.

11. Tutto ciò che facciamo deve tendere al progresso e al miglioramento.

Questa riflessione mostra la tua fede nel progresso e nel progresso.

12. Chiunque intenda determinare tutto con le leggi, piuttosto provocherà dei vizi, che li correggeranno. Ciò che non può essere proibito è necessario per consentirlo, anche se molte volte c'è ancora qualche danno.Quanti mali, infatti, non provengono da lusso, invidia, avidità, ubriachezza e atti simili? E sono supportati, tuttavia, perché non possono essere evitati dal divieto delle leggi, anche se sono davvero dei vizi.

Una riflessione che sfida la logica delle mentalità più autoritarie.

13. Le cause simultanee più simultanee hanno suscitato un effetto, maggiore è questo.

Una riflessione su alcuni tipi di fenomeni psicologici.

14. La più grande di tutte le imperfezioni è la non esistenza.

Una frase che richiama l'argomento ontologico di San Anselmo.

15. In ogni caso, non sono le armi a superare gli animi, ma l'amore e la generosità.

Le emozioni hanno un impatto più potente sulle persone rispetto alle armi.

16. Le accademie che sono formate dallo Stato sono istituite non tanto per coltivare la mente, quanto per comprenderle.

Un paradosso: puoi insegnare alle persone a limitare le loro abilità e la loro libertà di pensare.

17. Goditi i piaceri nella misura in cui è sufficiente per proteggere la salute.

Una raccomandazione che suggerisce i pericoli dell'eccesso.

18. L'ordine e la connessione delle idee sono gli stessi dell'ordine e della connessione delle cose.

Spinioza credeva in un'equivalenza tra il mondo spirituale e quello materiale.

19. Il peccato non può essere concepito in uno stato naturale, ma solo in uno stato civile, dove è decretato dal consenso comune ciò che è buono o cattivo.

In questo modo, Spinoza ha caratterizzato il peccato come un costrutto sociale.

20. E di tutte le idee, che ognuna ha, creiamo un tutto o, che cosa è lo stesso, un'entità della ragione, che chiamiamo comprensione.

La nostra comprensione è una categoria ampia che comprende tutte le idee a cui abbiamo accesso.

21. La stessa cosa può essere buona, cattiva e indifferente allo stesso tempo. Ad esempio, la musica è buona per la malinconia, cattiva per coloro che sono in lutto, e né buona né cattiva per i non udenti.

La realtà ha diverse sfaccettature.

22. So anche che è impossibile per il volgo essere libero dalla superstizione come dalla paura.

Ci sono alcuni modelli di pensiero e sentimento che ci fanno cadere in loro costantemente.

23. Tutto ciò che è contrario alla natura è anche la ragione, e tutto ciò che è contrario alla ragione è assurdo.

Una derivazione logica sull'innaturale.

24. La libertà di giudizio deve essere garantita, poiché è una virtù e non può essere oppressa.

Informazioni sulle proprietà psicologiche delle persone.

25. Tuttavia, sebbene la scienza naturale sia divina, il nome dei profeti non può essere dato a coloro che lo propagano, poiché ciò che insegnano può essere percepito e accettato anche da altri uomini con pari certezza e dignità, e non da fede semplice.

Una curiosa importante distinzione nel tempo di Spinoza, anche se oggi non così tanto.

26. Ma supponiamo che questa libertà sia oppressa e che sia possibile sottoporre gli uomini al punto che non osano dire una parola senza il permesso dei poteri supremi. Non sarà mai raggiunto con quello che non pensano a niente altro da quello che vogliono.

Circa l'assurdità di cercare di regolare i pensieri.

27. Gli uomini sono, in generale, di natura tale da non sopportare nulla con meno pazienza di quanto abbiano per le opinioni criminali che credono vere.

Circa la verità relativa contenuta nelle opinioni e i dibattiti che questo scontro di idee suscita.

28. Sia il principe che l'intero esercito non potrebbero essere più attratti dalla guerra che dalla pace. In effetti, l'esercito era formato, come abbiamo detto, solo dai cittadini e, quindi, erano gli stessi uomini a amministrare sia la guerra che la pace. Quindi, che era un soldato nel campo, era un cittadino nel forum, e chi era il capo nel campo, era un principe della città. Nessuno potrebbe desiderare, quindi, la guerra per la guerra, ma per la pace e per difendere la libertà.

Spinoza riflette sulle motivazioni che hanno portato le persone alla guerra.

29. Lo Stato più violento sarà, quindi, quello in cui a ciascuno è negata la libertà di dire e insegnare ciò che pensa; e sarà, d'altra parte, moderare ciò in cui tutta la stessa libertà è concessa a tutti.

Un'altra delle riflessioni di Spinoza sulla destra.

30. Proprio come gli uomini sono stati abituati a chiamare divina quella scienza che supera la capacità umana, così hanno chiamato l'opera di Dio o l'opera di Dio a quell'opera la cui causa è ignorata dalla gente comune.

La conoscenza è distribuita in modo diverso da strati sociali.

31. Il volgare, infatti, crede che la potenza e la provvidenza di Dio non siano mai così chiare come quando vede qualcosa di insolito accadere in natura e si oppone all'opinione che ha ricevuto su di esso, specialmente se si traduce in profitto e proprio conforto

Sul tipo di eventi che stimolano l'attribuzione a Dio di un'opera.

32. Il volgare chiama miracoli o opere di Dio alle opere insolite della natura; E, in parte per devozione, in parte per desiderio di opporsi a coloro che coltivano le scienze naturali, si vanta di ignorare le cause naturali e vuole solo ascoltare ciò che ignora e, quindi, ciò che ammira di più.

Un paradosso: la cui spiegazione è sconosciuta può suscitare più interesse ignorando ciò che è noto.

33. Si chiama sacro e divino quell'oggetto che è inteso per la pratica della pietà e della religione, e sarà solo sacro mentre gli uomini ne fanno un uso religioso. Se cessano di essere pio, cesserà ipso facto di essere sacro; e, se lo dedicano a fare cose empie, diventerà impuro e profano come prima era sacro.

Anche gli oggetti sacri sono in qualche modo relativi a ciò che il consenso sociale è fatto con esso.

34. Le Scritture di solito raffigurano Dio a immagine dell'uomo e attribuiscono a lui l'anima, lo spirito, gli affetti e persino il corpo e il respiro, a causa della debole intelligenza del volgo.

Spinoza credeva di aver limitato la concezione di Dio in modo che raggiungesse le masse.

35. Se non vuoi ripetere il passato, studialo.

Un interessante aforisma sull'importanza di conoscere il passato, individuale o collettivo.

36. Niente esiste la cui natura non ha alcun effetto.

Tutto in natura è collegato attraverso l'effetto causa.

37. Che una comprensione finita non possa comprendere nulla da sola, a meno che non sia determinata da qualcosa di esterno.

Un'altra delle riflessioni di Spinoza basata sulla logica.

38. L'attività più importante che un essere umano può raggiungere è imparare a capire, perché capire è essere liberi.

Un'opinione molto in linea con altri ben noti filosofi , come per esempio Platone.

  • Forse ti interessa: "La teoria delle idee di Platone"

39. La causa che emerge, che preserva e alimenta la superstizione è, quindi, la paura.

Spinoza ha posto in questa emozione l'origine delle superstizioni.

40. Ho fatto attenzione a non prendere in giro le azioni umane, non a deplorarle, a non detestarle, ma a capirle.

Una dichiarazione di intenzioni da parte di questo pensatore.

41. Gli uomini si ingannano credendo di essere liberi; e la ragione di questa opinione è che sono consapevoli delle loro azioni, ma ignorano le cause perché sono determinate; quindi, ciò che costituisce la loro idea di libertà, è che non conoscono alcuna causa delle loro azioni.

L'ignoranza ci fa credere che siamo liberi.

42. Colui che si pente di ciò che ha fatto è doppiamente miserabile.

Un'opinione sul pentimento come una perdita.

43. Ciò che è se stesso ed è concepito da se stesso; cioè, quello il cui concetto non ha bisogno del concetto di qualcos'altro, dal quale deve essere formato.

Una definizione di ciò che esiste da solo.

44. Abbiamo detto che l'anima è un'idea, che esiste nella cosa pensante e che proviene dall'esistenza di una cosa che esiste in natura.

Una volta, evidenziando la connessione tra il naturale e il spirituale.

45. Tutto ciò che gli uomini decidono per il loro benessere non implica che sia anche per il benessere di tutta la natura, ma piuttosto, al contrario, può essere per la distruzione di molte altre cose.

Gli interessi dell'essere umano non devono includere il rispetto per il resto degli elementi della natura.

46. ​​Per Dio io comprendo un essere assolutamente infinito, cioè una sostanza costituita da attributi infiniti, ognuno dei quali esprime un'essenza eterna ed infinita.

Una breve definizione di ciò che Spinoza era Dio.

  • Articolo correlato: "Com'era il dio di Spinoza e perché Einstein credeva in lui?"

47. Solo una triste e triste superstizione può proibire la gioia.

In difesa del piacere.

48. Il più grande orgoglio e la più grande abiezione sono la più grande ignoranza di se stessi.

Un curioso paradosso.

49. Molti filosofi hanno creduto che al di fuori del piccolo campo del globo terrestre, dove sono, non ci sia altro, dal momento che non lo osservano.

Una critica a quelli che non pensano oltre i loro referenti.

50. La maggior parte degli errori consiste semplicemente nel fatto che non applichiamo correttamente i nomi alle cose.

Un'idea che secoli dopo fu salvata dai filosofi analitici.

51. La società è estremamente utile e ugualmente necessaria, non solo per vivere in sicurezza contro i nemici, ma anche per avere abbondanza di molte cose; quindi, a meno che gli uomini non vogliano collaborare tra loro, gli mancheranno l'arte e il tempo per sostenersi e preservarsi come meglio possono.

Una giustificazione per l'esistenza della società.

52. L'adulazione genera anche la concordia, ma attraverso il vizio ripugnante del servilismo o della perfidia.

Esistono percorsi diversi per gli stessi modelli di comportamento.

53. Gli orgogliosi, che vogliono essere i primi, non essendo così, sono quelli che più facilmente cadono nelle reti di adulazione.

Un'altra delle frasi di Baruch Spinoza in cui è generalizzata a un gruppo della popolazione.

54. Se l'uomo ha un'idea di Dio, Dio deve esistere formalmente.

Almeno in qualche piano di realtà, Dio esiste.

55. Ciò che non è amato, non provoca mai lotte, né tristezza, né pigrizia, né invidia, se un altro lo possiede, né paura né odio né, in una parola, nessuna commozione interiore.

L'amore ci mobilita , nel bene e nel male.

56.Solo ciò che esiste è libero a causa dei bisogni della sua stessa natura, ed è influenzato solo dalle sue azioni.

Puoi essere libero solo se sei disconnesso dal resto.

57. La vera libertà dell'uomo ha a che fare con la forza, cioè con fermezza e generosità.

Un ritratto delle caratteristiche che rendono l'uomo più libero.

58. La ricerca di onori e ricchezze distrae anche la mente, specialmente quando cercano se stessi, da allora sono considerati il ​​bene supremo.

Ciò che è visto come un segno di potere e ricchezza, può distrarci dai nostri progetti più significativi.

59. Lo scopo delle cerimonie era, quindi, che gli uomini non facevano nulla con la loro propria decisione, ma tutto per mandato degli altri e che con le loro azioni e considerazioni lasciavano un registro che non erano autonomi, ma totalmente dipendenti da un altro.

Le cerimonie regolarizzano i comportamenti.

60. Un uomo libero pensa nientemeno che alla morte, e la sua saggezza non è una meditazione sulla morte, ma sulla vita.

Un altro degli aforismi di Spinoza, questa volta legati a pensieri sulla morte.

61. Qualcuno potrebbe pensare, tuttavia, che in questo modo convertiamo i nostri sudditi in schiavi, credendo che sia uno schiavo che lavora per un ordine e libera chi vive a volontà. Ma questo è ben lungi dall'essere vero, poiché, in realtà, chi è guidato dai loro appetiti e non è in grado di vedere o fare nulla che sia utile a loro, è uno schiavo al massimo.

62. L'anima umana è incline a percepire molte cose, e più è adatta, più disponibile può essere il suo corpo.

Sulla flessibilità di i doni intellettuali .

63. Tutte le cose che sono nella natura sono o cose o azioni. Ora, il bene e il male non sono cose o azioni. Quindi il bene e il male non esistono in natura.

Il bene e il male sono costruzioni sociali.

64. Non è l'obbedienza, ma la fine dell'azione, ciò che rende uno schiavo. Se la fine dell'azione non è l'utilità dell'agente stesso, ma di colui che comanda, allora l'agente è uno schiavo e inutile a se stesso.

Siamo ridotti in schiavitù attraverso l'inazione.


Cómo Ser Feliz - La cura #1 para la depresión, en tiempo récord. (Gennaio 2023).


Articoli Correlati