yes, therapy helps!
Le 6 fasi dell'infanzia (sviluppo fisico e psichico)

Le 6 fasi dell'infanzia (sviluppo fisico e psichico)

Luglio 14, 2024

L'infanzia è lo stadio della vita che va dalla nascita alla giovinezza. Tuttavia, in questa fase ci sono anche diversi momenti che segnano i ritmi dello sviluppo del bambino, sia fisicamente che psicologicamente.

Ecco perché è possibile distinguere tra le diverse fasi dell'infanzia . Questa è una classificazione che sia gli psicologi che i professionisti della salute in generale hanno molto in mente per capire come gli esseri umani pensano, sentono e agiscono quando attraversano i loro primi anni di vita.

Le fasi dell'infanzia

Successivamente daremo una breve rassegna di queste fasi dell'infanzia e dei cambiamenti fisici e mentali che si verificano nel passaggio dall'uno all'altro.


Tuttavia, dobbiamo tenere presente che i limiti tra queste fasi sono diffusi e non si verificano sempre nello stesso modo; ogni ragazzo e ragazza è un mondo.

1. Periodo intrauterino

Sebbene l'infanzia sia considerata iniziata al momento della nascita, a volte si presume che possa iniziare prima, specialmente nei casi di parto prematuro . Questa fase include il periodo fetale precoce e tardivo e comporta processi di rapida formazione e miglioramento dei sensi.

Va tenuto presente che, sebbene in questa fase tu sia totalmente dipendente dagli altri, le principali esperienze si stanno già verificando, specialmente attraverso l'orecchio. Tuttavia, questi sono soggetti ad un tipo di memorizzazione molto semplice e basilare . Ad esempio, in questa fase non sono state ancora sviluppate le aree del cervello che si occupano di dare basi alla memoria autobiografica.


Questo stadio della vita è caratterizzato dal fatto che né le strutture biologiche dell'organismo sono maturate, né il bambino ha avuto l'opportunità di imparare dall'immersione in un ambiente sociale e sensoriale stimolante.

2. Periodo neonatale

Questa fase dell'infanzia inizia alla nascita e finisce approssimativamente alla fine del primo mese. Nel periodo neonatale i bambini imparano le principali regolarità del mondo che li circonda e stabiliscono una comunicazione più diretta con altri esseri umani, sebbene ancora non in grado di comprendere il concetto di "io" e "tu" dal momento che il linguaggio non è ancora padroneggiato .

Inoltre, fin dai primi giorni i bambini mostrano una straordinaria capacità di distinguere i fonemi e, in effetti, sono in grado di discriminare i diversi linguaggi in base a come suonano.

Per quanto riguarda i cambiamenti fisici, in questa fase dell'infanzia inizia a produrre la crescita di tutto il corpo meno della testa. Inoltre, in questa fase è molto vulnerabile e la morte improvvisa è molto più frequente in questo spazio di tempo.


3. Periodo post-neonatale o infantile

Questa è ancora una delle prime fasi dell'infanzia, ma in questo caso, a differenza della fase precedente, i cambiamenti fisici e psicologici sono più facili da notare.

Nella fase infantile inizi a sviluppare una muscolatura sufficiente per mantenere una postura eretta e, inoltre, verso i 6 mesi inizia a emettere balbettamenti e false parole. Inoltre, impari a coordinare parti del corpo in modo che sia facile spostarle contemporaneamente con precisione (sviluppo motorio fine).

Naturalmente, l'allattamento al seno è un elemento molto importante in questa fase di crescita, poiché fornisce sia cibo che un canale di comunicazione con la madre che consente di rafforzare i legami emotivi.

4. Periodo della prima infanzia

La prima infanzia va dal primo al terzo anno di età, e all'incirca coincide con il livello in cui i ragazzi e le ragazze frequentano l'asilo nido . Qui inizi a controllare l'uso della lingua stessa, anche se all'inizio è un linguaggio telegrafico con parole singole e più tardi acquisisci la capacità di formulare frasi semplici con imprecisioni come la generalizzazione (ad esempio chiama un cane "gatto"). ).

D'altra parte, in questa fase iniziamo a prendere il controllo degli sfinteri e dimostriamo una forte volontà di esplorare e scoprire le cose; secondo Jean Piaget, questa curiosità era appunto il motore dell'apprendimento.

Inoltre, in questa fase il pensiero è fondamentalmente egocentrico nel senso che è difficile immaginare cosa pensano o credono gli altri .

Per quanto riguarda i cambiamenti fisici, la dimensione dell'argano e degli arti continua a crescere e la differenza di dimensioni tra la testa e il resto del corpo è ridotta, sebbene questo sviluppo sia più lento rispetto alle fasi precedenti.

5. Periodo prescolare

Il periodo prescolare va da 3 a 6 anni. Questo è lo stadio dell'infanzia in cui si acquisisce la capacità della Teoria della mente, cioè la capacità di attribuire agli altri intenzioni, convinzioni e motivazioni (che sono diverse dalle loro).Questa nuova capacità arricchisce notevolmente le relazioni sociali, ma consente anche che la menzogna sia più utile ed efficace come una risorsa.

Inoltre, qui la sua capacità di pensare in termini astratti si sviluppa di più , in parte a causa della mielinizzazione del loro cervello e in parte perché di solito iniziano a trattare con grandi comunità che non sono solo il padre e la madre.

Da un lato, la mielinizzazione fa sì che più parti del cervello siano collegate l'una all'altra, il che consente di creare più concetti astratti dalla combinazione di idee di molti tipi e dall'altra l'arricchimento del tipo di interazioni a cui Il ragazzo o la ragazza si sottopone affinché le proprie capacità cognitive imparino a svolgere compiti più complessi.

In questa fase iniziamo a raggiungere accordi, a negoziare ea cercare di dare un'immagine concreta. Alla fine di questo, molte volte inizi a provarci adeguare il proprio comportamento ai ruoli di genere e i casi di disforia di genere compaiono frequentemente in questa fase.

  • Forse ti interessa: "Le 5 differenze tra sesso e genere"

6. Periodo scolastico

Il periodo scolastico è l'ultimo stadio dell'infanzia e quello che lascia il posto all'adolescenza. Passa da 6 a 12 anni e in questa fase la capacità di pensare in termini astratti e matematici si sviluppa molto, anche se non raggiunge il suo massimo. Questo perché La mielinizzazione del cervello continua il suo corso (E non rallenterà fino alla terza decade di vita). I lobi frontali iniziano ad essere meglio collegati con altre parti del cervello e questo facilita una migliore padronanza delle funzioni esecutive come la gestione dell'attenzione e il processo decisionale seguendo strategie coerenti.

Inoltre, nella fase scolastica l'immagine che viene data inizia ad avere ancora più importanza e si tratta di vincere l'amicizia di coloro che sono considerati importanti.

Il circolo sociale al di fuori della famiglia inizia a essere uno dei fattori che determinano l'identità dei bambini, e questo fa le norme di famiglia cominciano a rompersi frequentemente e esserne consapevoli. In parte questo fa sì che questa fase dell'infanzia inizi a essere vulnerabile alle dipendenze, che possono lasciare alterazioni significative nel cervello, come nel caso del consumo di alcol che in molti casi inizia con la pubertà all'inizio dell'adolescenza.

Anche l'impulsività è una caratteristica di questo stadio, così come la propensione a preferire obiettivi a breve termine rispetto a quelli che sono molto lontani nel futuro. Alla fine del periodo scolastico il corpo inizia a manifestare i segni della pubertà , segnato dalla voce cambia nei maschi e dalla crescita del seno nelle ragazze, tra le altre cose.


Educare. 7. La funzione materna nello sviluppo per la psicologia analitica di Neumann. (Luglio 2024).


Articoli Correlati