yes, therapy helps!
Le 3 leggi di Mendel e dei piselli: questo è ciò che ci insegnano

Le 3 leggi di Mendel e dei piselli: questo è ciò che ci insegnano

Giugno 12, 2024

È noto da tempo che all'interno delle cellule c'è il DNA, che contiene tutte le informazioni per il corretto sviluppo e funzionamento di un organismo. Inoltre, è un materiale ereditabile, il che significa che viene trasferito da padri e madri a figli e figlie. Ciò che ora può essere spiegato, un tempo fa non aveva risposta.

Nel corso della storia, diverse teorie sono apparse, alcune più accurate di altre, cercando di trovare risposte logiche agli eventi naturali. In questo caso, Perché il figlio ha parte dei tratti della madre ma anche parte del padre? Oppure, perché un figlio ha qualche caratteristica dei suoi nonni? Il mistero dell'eredità ha avuto la sua importanza per gli agricoltori e gli agricoltori che cercavano di ottenere discendenti più produttivi di animali e piante.


La cosa sorprendente è che questi dubbi sono stati risolti da un prete, Gregor Mendel, che ha stipulato le leggi di Mendel e questo è attualmente riconosciuto come il padre della genetica. In questo articolo vedremo di cosa tratta questa teoria, che insieme ai contributi di Charles Darwin ha gettato le basi della biologia come la conosciamo.

  • Forse ti interessa: "La teoria dell'evoluzione biologica"

Alla scoperta delle basi della genetica

Questo prete austro-ungarico durante la sua vita nel convento di Brno, si interessò ai piselli dopo aver visto un possibile modello nella loro prole. È così che ha iniziato a eseguire diversi esperimenti , che consisteva nell'attraversare diversi tipi di piselli e nell'osservare il risultato nella loro progenie.


Nel 1865 presentò il suo lavoro alla Brno Natural History Society, ma rapidamente liquidarono la sua proposta, quindi le sue conclusioni non furono pubblicate. Ci vollero trent'anni perché questi esperimenti venissero riconosciuti e per le cosiddette leggi di Mendel che sarebbero state stabilite oggi.

  • Forse ti interessa: "The Lamarck Theory e l'evoluzione della specie"

Le 3 leggi di Mendel

Il padre della genetica, grazie al suo lavoro, arrivò alla conclusione che ci sono tre leggi per spiegare come funziona l'ereditarietà genetica . In alcune bibliografie ce ne sono due, poiché i primi due si uniscono a loro in un terzo. Tuttavia, tieni presente che molti dei termini che userò qui erano sconosciuti da Mendel, come i geni, le varianti dello stesso gene (allele) o il dominio dei geni.

Nel tentativo di rendere la spiegazione più divertente, i geni e i loro alleli saranno rappresentati da lettere (A / a). E ricorda, il discendente riceve un allele da ciascun genitore.


1. Principio di uniformità

Per spiegare questa prima legge, Mendel fece delle croci tra i piselli giallo (AA) con un'altra specie scarsa di piselli verdi (aa). Il risultato è stato che nella prole domina il colore giallo (Aa), senza la presenza di alcun pisello verde.

La spiegazione di ciò che è accaduto in questa prima legge di Mendel, secondo questo ricercatore, è quella l'allele del colore giallo domina su un allele di colore verde , ha solo bisogno che in un modo di vivere uno dei due alleli sia giallo per esprimersi. Bisogna aggiungere che è fondamentale che i genitori siano razze pure, vale a dire che la loro genetica sia omogenea (AA o aa) in modo che questo si compia. Di conseguenza, la loro prole diventa eterozigote al 100% (Aa).

2. Principio della segregazione

Mendel continuò ad attraversare specie di pisello, questa volta i risultati del suo precedente esperimento, cioè piselli gialli eterozigoti (Aa). Il risultato lo sorprese, poiché il 25% dei discendenti era di colore verde, sebbene i loro genitori fossero gialli.

In questa seconda legge di Mendel ciò che viene spiegato è che se i genitori sono eterozigoti per un gene (Aa), la sua distribuzione nella prole sarà omozigote al 50% (AA e aa) e l'altra metà eterozigote (Aa). Questo principio spiega come un bambino possa avere gli occhi verdi come sua nonna, se i loro genitori hanno il marrone.

3. Principio della segregazione indipendente dei caratteri

Questa ultima legge di Mendel è qualcosa di più complesso. Per arrivare a questa conclusione, Mendel ha attraversato le specie di pisello giallo liscio (AA BB) con altri piselli grezzi (aa bb). Poiché i suddetti principi sono soddisfatti, la progenie risultante è eterozigote (Aa Bb), che l'ha intrecciata.

Il risultato di due piselli gialli lisci (Aa Bb) erano 9 piselli gialli lisci (A_ B_), 3 piselli verdi lisci (aa B_), 3 piselli gialli ruvidi (A_ bb) e 1 pisello verde ruvido (aa bb).

Questa terza legge di Mendel, che intende dimostrare è quella i tratti sono distribuiti in modo indipendente e non interferiscono l'uno con l'altro.

Eredità mendeliana

È vero che con queste tre leggi di Mendel è possibile spiegare gran parte dei casi di eredità genetica, ma si riesce a cogliere tutta la complessità dei meccanismi di ereditarietà. Esistono molti tipi di eredità che non seguono queste linee guida, che sono conosciute come eredità non mendeliane. Ad esempio, l'eredità legata al sesso, che dipende dai cromosomi X e Y; o alleli multipli, che l'espressione di un gene dipende da altri geni non può essere spiegata dalle leggi di Mendel.


Le mille e uno cose... @___@ (Giugno 2024).


Articoli Correlati