yes, therapy helps!
Le 10 strategie di manipolazione di massa più utilizzate

Le 10 strategie di manipolazione di massa più utilizzate

Dicembre 7, 2021

Nel 2002, lo scrittore francese Sylvain Timsit pubblicò un decalogo delle strategie che sono più frequentemente usate dai media e dalle élite politiche manipolare le masse .

È una lista che è stata attribuita da un errore stampa a Noam Chomsky, un filosofo, linguista e politico che ha anche descritto come attraverso l'intrattenimento i mass media raggiungono la riproduzione di alcuni rapporti di dominio.

  • Articolo correlato: "Analisi del discorso: cosa è e utilizza nella psicologia sociale"

Le strategie di manipolazione pubblica di Sylvain Timsit

La lista di Timsit è diventata molto popolare perché descrive in modo concreto dieci situazioni in cui sicuramente tutti noi potremmo identificarci. Ora descriveremo Le strategie di Sylvain Timsit per manipolare l'opinione pubblica e la società .


1. Incoraggiare la distrazione

La distrazione è un processo cognitivo che consiste nel prestare attenzione ad alcuni stimoli e non agli altri involontariamente e per ragioni diverse, tra cui l'interesse generato da questi stimoli e l'intensità o l'attrattiva di questi .

È un processo che può essere facilmente utilizzato come strategia per distogliere l'attenzione dai conflitti politici o economici. Di solito è fatto incoraggiando il sovraccarico di informazioni, o quando tali informazioni contiene una forte carica emotiva .

Ad esempio, quando i notiziari dedicano intere giornate alla segnalazione di eventi tragici e minimizzano i momenti destinati a segnalare eventi politici problematici. Questo tipo di distrazione favorisce il disinteresse nell'acquisire conoscenze approfondite e discutere le implicazioni a lungo termine delle decisioni politiche.


2. Creare i problemi e anche le soluzioni

L'autore spiega questo metodo per mezzo della formula: soluzione-problema-soluzione, e spiega che una situazione può essere spiegata con l'intenzione di provocare una reazione specifica a un pubblico specifico , in modo che questo pubblico esige misure e processi decisionali per risolvere la situazione.

Per esempio, quando i poteri politici restano indifferenti all'aumento della violenza in una città, e poi dispiegano leggi di polizia che influenzano la libertà e non solo riducono la violenza. Lo stesso quando una crisi economica è definita come un male necessario che può essere neutralizzato solo attraverso tagli nei servizi pubblici.

  • Forse ti interessa: "" euristico ": le scorciatoie mentali del pensiero umano"

3. Appello al gradualismo

Si riferisce all'applicazione di cambiamenti che sono importanti gradualmente, in modo che le reazioni pubbliche e politiche siano ugualmente graduali e più facili da contenere.


Sylvain Timsit fornisce come esempio le politiche socioeconomiche neoliberali iniziato negli anni '80 e che ha avuto un impatto graduale senza le sue conseguenze negative aprendo la strada a una rivoluzione veramente massiccia.

4. Rinvia e parti per domani

Molte delle misure adottate dai governi non sono popolari tra la popolazione, quindi una delle strategie più utilizzate ed efficaci è quella di suggerire che questa misura è dolorosa ma necessaria e che è necessario concordarlo nel presente, anche se i suoi effetti saranno percepiti anni dopo.

In questo modo ci abituiamo al processo di cambiamento e anche alle sue conseguenze negative, e non essendo un problema che ci riguarda immediatamente possiamo più facilmente associarci ai possibili rischi.

Ad esempio, Sylvain Timsit menziona il passaggio all'euro proposto nel 1994-1995, ma è stato applicato fino al 2001, o gli accordi internazionali che gli Stati Uniti hanno imposto dal 2001 in America Latina, ma che sarebbero entrati in vigore entro il 2005.

4. Infantilare l'interlocutore

Un'altra strategia che viene utilizzata molto spesso è quella di posizionare il pubblico come un gruppo di persone ingenue o incapaci di assumersi la responsabilità per se stessi o per prendere decisioni critiche e responsabili.

Posizionando gli spettatori in questo modo, i media e i poteri politici rendono più facile per il pubblico identificarsi efficacemente con quella posizione e finiscono per accettare le misure imposte e persino sostenerle con convinzione.

  • Articolo correlato: "Ingegneria sociale: il lato oscuro della psicologia?"

5. Fai appello più alle emozioni che alla riflessione

Si riferisce all'invio di messaggi che hanno un impatto diretto sulla registrazione emotiva e sensibile del pubblico, in modo che attraverso la paura, la compassione, la speranza, l'eccitazione, tra le altre emozioni o sensazioni, sia più facile impiantare ideali di successo o standard di comportamento e di come dovrebbero essere le relazioni interpersonali .

6. Riconoscere l'altro come ignorante e mediocre

Questa strategia si riflette, ad esempio, nelle differenze significative tra la qualità dell'istruzione e le risorse ad essa assegnate in base alla classe socioeconomica e politica a cui è diretta.

Ciò significa che l'uso delle tecnologie è riservato a pochi, il che a sua volta ostacola l'organizzazione sociale su vasta scala. inoltre, fa sì che alcune popolazioni si riconoscano semplicemente vittime , senza possibilità di essere attivo.

7. Promuovere l'autocompiacimento nella mediocrità

Si tratta di rafforzare la sensazione di successo e soddisfazione per la situazione in cui ci troviamo, anche se è una situazione precaria o ingiusta , il che significa che non sviluppiamo un pensiero critico su quella situazione o che nemmeno lo giustifichiamo.

  • Articolo correlato: "Teoria del mondo equo: abbiamo ciò che meritiamo?"

8. Rafforzare l'auto-colpa

All'altro estremo c'è il fatto che pensiamo che la situazione in cui ci troviamo sia colpa nostra, cioè che l'individuo creda di essere responsabile della sua stessa disgrazia (che pensa di non essere molto intelligente o che si sforzi poco; invece di riconoscere che esiste un sistema sociale che tende all'ingiustizia).

così l'organizzazione e l'esercizio della resistenza o della rivolta sono evitati ; e le persone tendono a autovalutarsi e biasimare noi stessi, il che a sua volta genera passività e favorisce la comparsa di altre complicazioni come stati depressivi o ansiosi.

10. Conoscere le persone meglio di loro stesse

Timsit propone che i progressi compiuti dalla scienza nella comprensione degli esseri umani, sia nell'area della psicologia che della biologia o della neuroscienza, abbiano raggiunto una maggiore conoscenza del nostro funzionamento; tuttavia, non hanno generato un processo di auto-conoscenza a livello individuale, con il quale le élite continuano a possedere la saggezza e il controllo degli altri.

Riferimenti bibliografici:

  • Timsit, S. (2002). Stratégies de manipulation. Les stratégies et les techniques de Maîtres du Monde pour la manipulation de l'opinion publique et de la société. Estratto il 9 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.syti.net/Manipulations.html
  • Timsit, S. (2002). Strategie di gestione Le strategie e le tecniche dei Maestri del Mondo per la manipolazione dell'opinione pubblica e della società. Estratto il 9 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.syti.net/ES/Manipulations.html

10 tecniche di MANIPOLAZIONE DI MASSA (Dicembre 2021).


Articoli Correlati