yes, therapy helps!
Le 10 migliori leggende cinesi (e il loro significato)

Le 10 migliori leggende cinesi (e il loro significato)

Marzo 30, 2020

L'Oriente è sempre stato per gli occidentali una terra misteriosa e bellissima, di luoghi bellissimi e di culture molto diverse e antiche. Uno dei paesi che in questo senso ha sempre suscitato un fascino maggiore e che a sua volta ha avuto un impatto e un rapporto maggiore con l'Europa nel corso della storia è la Cina, sin dai tempi di Marco Polo e persino dell'età antica.

Questo paese ha una cultura millenaria in cui attraverso i secoli sono stati elaborati grandi miti e tradizioni. Al fine di esemplificare questa ricchezza e capire un po 'di più sulla sua idiosincrasia In questo articolo vedremo diverse leggende cinesi con la tua spiegazione

  • Articolo correlato: "Le 10 leggende giapponesi più interessanti"

10 grandi leggende cinesi

Di seguito vi mostriamo una piccola selezione di una dozzina di famose leggende cinesi.


1. La leggenda del Re Scimmia

Una delle grandi leggende della Cina, e probabilmente una delle più conosciute al mondo, è la leggenda del Re Scimmia. Questo personaggio ha una storia molto ampia, che ci parla della ricerca dell'immortalità.

Il Re Scimmia Sun Wukong è nato da una pietra magica, proveniente dal caos, nelle montagne Huāguǒ-shān. Dopo essersi unito a un clan di scimmie, Sun Wokong ha mostrato il suo coraggio saltando in una cascata e trovando una nuova casa per le scimmie , che lo nominò re. Tuttavia, il Re Scimmia divenne cosciente dopo la morte di un individuo che un giorno avrebbe raggiunto il tempo, il che decise di iniziare alla ricerca dell'immortalità, camuffandosi con abiti umani.


Dopo aver lasciato avrebbe trovato un grande maestro buddista, che nonostante la sua iniziale riluttanza finisce per dargli il benvenuto, dandogli il suo nome e mostrandogli grandi capacità come la capacità di trasformare o di fare salti impressionanti di quasi un centinaio di chilometri.

Ma un giorno, e dopo aver visto come il Re Scimmia usava i suoi doni come spettacolo, il maestro decise di gettarlo fuori dal tempio. Dopo aver terminato il suo allenamento questo essere Compì numerosi viaggi per raggiungere l'immortalità . Tra questi, viaggio al Palazzo del Re Dragone del Mare Orientale, dal quale ruberebbe la verga Ru Yi Bang che mantenne l'equilibrio dei mari che diventeranno in seguito la sua arma (qualcosa che generò gravi cataclismi) e con cui costrinse i grandi Re Drago per dargli equipaggiamento magico. Viaggiò anche in Inferno per cancellare il suo nome e il nome del resto delle scimmie nel libro della vita e della morte.


È allora che quando tenta di controllarlo, l'Imperatore di Giada decide di prenderlo per garantirgli un titolo nobiliare. Prima gli conferisce il titolo di Protettore dei Cavalli delle Scuderie Imperiali, ma dopo un conflitto decide di aggiungerlo come Custode del Giardino della Pesca dell'Immortalità. Anche così, quando gli viene negato l'accesso a un banchetto in onore dell'imperatrice Sun Wukong, si arrabbia e decide di rubare l'immortalità delle pesche e delle pillole di immortalità del lord Taoista Laozi, distruggendo anche il giardino.

Quindi, l'imperatore invia centomila guerrieri per fermarlo, ma il Re Scimmia riesce a sconfiggerli . Alla fine viene catturato e la sua esecuzione è ordinata, ma dopo aver consumato le pillole e le pesche dell'immortalità, nulla può ucciderlo. Sun Wukong era rinchiuso nel Forno degli Otto Trigram, dove bruciava fino allo scoppio dello strumento. Ma non era abbastanza per finirlo.

L'imperatore chiese l'aiuto di Buddha, che sfidò il Re Scimmia e scommise con lui che non era in grado di saltare oltre il palmo della sua mano. Se ci riuscisse, sarebbe stato nominato imperatore e, in caso contrario, sarebbe stato rinchiuso. Sun Wukong accettò la scommessa e saltò , fino a quando quello che credeva fosse la fine dell'Universo in cui poteva vedere solo cinque colonne. Ha urinato su di loro per segnare dove era arrivato. Scendendo, tuttavia, scoprì che questi pilastri erano le dita del Buddha; Aveva perso la sua scommessa. Ha cercato di fuggire, ma Buddha lo ha sigillato sulla Montagna dei Cinque Elementi per l'eternità.

Secoli dopo sarebbe stato liberato dal monaco Tang, che avrebbe aiutato nel suo viaggio per recuperare le sacre scritture per la Cina (sì, e con l'aiuto di una banda magica che fece sì che il monaco potesse generare grande dolore in caso di bisogno) .

2. La leggenda della perla del drago

I draghi sono creature molto ammirate in Cina. In questo paese di solito sono creature di grande potenza ma anche di grande saggezza, spesso legate al clima. Tuttavia, puoi anche trovare piacere nei beni materiali, alcuni dei quali sono stati ambiti dall'uomo. Come in questa leggenda.

La leggenda narra che una volta esisteva un drago che viveva sull'isola Kinabalu , che era generalmente pacifico e che voleva e giocava a lanciare in aria e collezionare un'enorme perla che era il suo bene più prezioso.

Questo è stato desiderato da molti, e ci fu un tempo in cui l'imperatore voleva incorporarlo nel suo tesoro.Per questo, ha affidato al suo primogenito il compito di prenderla, imbarcandosi con il suo equipaggio. Il giovane principe elaborò un piano per impossessarsi della perla , chiedendo ai suoi uomini di renderlo un aquilone capace di sostenere il peso di un uomo adulto e una torcia elettrica.

Quando la cometa fu costruita, il principe aspettò che fosse buio per addormentare il drago e con l'aiuto della cometa poteva volare fino alla posizione del drago e scambiare la perla con la lampada. Dopo che è stato raccolto dall'equipaggio. Tuttavia, il drago presto si è svegliato e ha fatto un futuro si avventò sulla nave del principe per reclamare il suo possesso .

Il principe ei suoi marinai, disperati prima dell'attacco del serpente, decisero di caricare i cannoni e sparare. Con il primo colpo il drago pensò che stavano lanciando la sua perla, così corse a prenderlo, ma il peso del proiettile lo trascinò giù, precipitando nel mare. Il principe riuscì a tornare a casa sua con il gioiello, che divenne parte del tesoro imperiale, e alla fine sarebbe diventato il nuovo imperatore.

  • Forse ti interessa: "10 brevi leggende messicane basate sul folklore"

3. La leggenda degli amanti delle farfalle

Alcune leggende esistenti in Cina ci parlano di una visione più moderna di quella tradizionale per il tempo in cui sono state scritte. Ci parlano della ricerca del vero amore sulle imposizioni familiari , così come la ricerca di conoscenza in una popolazione che a quel tempo non aveva permesso la scuola: le donne.

La leggenda narra che c'era una giovane donna di nome Zhu Yingtai nell'antichità che aveva un profondo desiderio di imparare, essere educato e acquisire conoscenza. Ma a quel tempo alla donna non fu permesso l'accesso all'educazione oltre a quello ricevuto nella casa del padre, con quello che la ragazza intelligente decise di travestirsi da uomo per realizzare il suo sogno.

In questo modo e con il consenso di suo padre, la giovane donna poté iniziare i suoi studi. Durante la sua formazione ha incontrato un altro giovane, Liang Shanbo con cui avrei condiviso una stanza per anni e con cui avrei iniziato un'amicizia che a poco a poco sarebbe diventata sempre più profonda. Tanto che Zhu Yingtai finì per innamorarsi.

Tuttavia un giorno Zhu Yingtai avrebbe ricevuto la notizia che suo padre si era ammalato e che doveva tornare a casa. La giovane donna consegnò a uno dei suoi addestratori un fan in modo che, in quel momento, lei lo desse a Liang Shanbo e le dicesse che voleva sposarlo.

Dopo ciò, la giovane donna si preparò a tornare a casa, e Liang Shanbo l'accompagnò. Zhu Yingtai cercò di fargli vedere chi era veramente, senza successo. Non sapendo cosa fare, la giovane donna ha cercato di convincerlo a sposare una presunta sorella gemella. Il giovane finì per accettare di incontrarla più tardi e, dopo aver accompagnato Zhu Yingtai a distanza, si separò da lei per tornare ai suoi studi.

Arrivata a casa, la giovane donna vide che suo padre era stato guarito. Ma ha anche trovato cattive notizie: suo padre aveva organizzato un matrimonio per lei . Più tardi Liang Shanbo ricevette il fan e indovinò chi era Zhu Yingtai, così venne rapidamente a visitare Zhu Yingtai e la sua famiglia. Tuttavia, lì la giovane donna gli ha detto cosa è successo. Entrambi pianto e giurato amore eterno, prima di ciò che il padre finì per lanciare il giovane. Liang Shanbo tornò a casa e dopo un breve periodo si ammalò e morì.

Quando arrivò la data, Zhu Yingtai dovette prepararsi per il matrimonio organizzato e, mentre la stavano portando in un palanchino nel luogo in cui si trovava la processione, trovò una tomba. Una tomba con il nome di Liang Shanbo. La donna si avvicinò e pianse per l'amore perduto, ma improvvisamente la tomba si aprì nello stesso momento in cui apparve una grande tempesta. Zhu Yingtai sorrise e si lanciò nella fossa.

Quando lo fece, l'improvvisa tempesta si placò e i membri della festa nuziale loro potevano vedere come due bellissime farfalle emersero dalla tomba , dove vivevano le anime di Zhu Yingtai e Liang Shanbo, che volarono via e volarono insieme per sempre.

4. La creazione dell'universo

Uno dei tipi di miti che possiamo osservare in quasi tutte le mitologie e culture si riferisce a qualcosa che ha risvegliato la curiosità dell'umanità sin dall'inizio dei tempi: come si è formato l'universo. La mitologia cinese ci offre in questo senso la leggenda di Pangu o P'an-Ku come possibile spiegazione.

La leggenda dice che all'inizio c'era solo il caos, con il cielo e la terra uniti e l'universo concentrato in un uovo nero. Al suo interno dormiva un singolo essere, Pangu o P'an-Ku . Quando fu svegliato, si ritrovò intrappolato nell'uovo e procedette a romperlo. Ciò rendeva parte dell'uovo, il più leggero e più chiaro, il cielo addio e la conformità, mentre la parte più bassa e più scura avrebbe conformato la Terra. L'essere gigantesco avrebbe la testa nel cielo e i piedi nella terra, e con il passo del millennio entrambi sarebbero andati ingrandendosi.

Successivamente sono nati quattro esseri: il drago, il Feng Huang (simile alla fenice), la tartaruga e il Qilin. Unendo le forze con Pangu, hanno formato le stagioni e i cinque elementi.

Ma P'an-Ku non era immortale e arrivò un momento in cui morì. La sua morte avrebbe dato luce a un gran numero di elementi del mondo Dal suo alito arrivava il vento e i suoi occhi diventavano il Sole e la Luna. La sua barba le stelle e le sue ossa i minerali. Le sue estremità configurerebbero i pilastri che separano il Cielo e la Terra e il suo sangue i mari.

5. Nüwa e la creazione dell'uomo

Nell'antichità la Cina possedeva anche una serie di antiche divinità creative, spesso legate alla gerarchia imperiale. Uno di questi è Nüwa, la prima divinità , un'entità femminile che tra le sue molteplici attribuzioni alcune leggende considerano il creatore dell'umanità.

La leggenda narra che una volta che l'universo e le stelle, i mari e le montagne, le foreste e gli animali furono creati, nacque la prima dea, Nüwa. Era un essere di torso su umano e drago di busto con la capacità di trasformarsi. Questa divinità ha viaggiato per il mondo, stupita delle sue meraviglie.

Tuttavia, la divinità considerava che il mondo mancava di vita, al punto che lei stessa si sentiva sola dopo un po '. Dopo essere in piedi di fronte a un fiume, lei poteva vedere il suo riflesso sull'acqua e cominciò a pensare di creare esseri simili a se stessa . Ha iniziato a estrarre il fango ea modellarlo finché non ha raggiunto qualcosa in un modo che gli piaceva. Le ha dato gambe e braccia, e quando ha finito il suo lavoro ha deciso di respirare la vita. È così che è nato il primo essere umano.

La dea cominciò a creare sempre più persone, ma vedendo che avrebbe avuto bisogno di molte persone per popolare il mondo, decise di mettere un bastone di vimini per rimuovere l'argilla, così che quando fu estratto emergessero piccoli frammenti che a loro volta sarebbero stati trasformati in altre persone . Inoltre, e dato che non avevo dato loro il dono dell'immortalità, credo che l'uomo e la donna potessero concepire e generare più esseri con cui popolare il mondo.

6. La leggenda di Gun and Yun e il Great Flood

La cultura cinese, come molte altre di grande antichità, ha leggende che ci parlano di una grande alluvione a livello universale. Originariamente si pensava che la Terra fosse piatta mentre il Cielo era sferico, essendo il secondo da quattro pilastri che permetteva l'equilibrio e il funzionamento di entrambi i mondi. Sulla base di questo c'è una leggenda che ci dice Gun, l'eroe che ha rubato la terra e la sua prole .

La leggenda narra che ci fu una volta una grande guerra nei Cieli tra il dio dell'acqua Gong Gong e il dio del fuoco Zhuan Xu, il primo sconfitto e nella sua rabbia dando un potente colpo di testa a una montagna che venne a buttarlo giù. Ma questa montagna era uno dei quattro pilastri che sostenevano il cielo, il che causò una tale inclinazione che colpì le acque del mondo. Ciò ha portato a un'alluvione che ha allagato tutta la terra conosciuta e causato gravi problemi per la sussistenza umana.

Vedendo questo l'imperatore Yao ordinò a Gun di cercare di fermare gli effetti della grande alluvione, per la quale prese dal dio del Paradiso il segreto dello xirang (terreno sacro che cresceva e si moltiplicava da solo). La pistola utilizzava questo potere per creare bacini nelle terre alluvionate, grazie al fatto che la terra cresceva alla stessa velocità dell'acqua fino al punto di bloccarne il passaggio. ma il dio del cielo reclamò lo xirang e ordinò al dio Zhu Rong di recuperarlo . Gun raccolse tutta la terra che aveva creato (con cui le acque allagarono le aree precedentemente salvate) e la nascose. Dopo quasi un decennio che cercava invano di smettere di inondare questo metodo, e con l'arrivo di un nuovo imperatore, Gun fu imprigionato sul Monte Yu Shan e alla fine fu giustiziato.

Tuttavia dopo tre anni il suo corpo è rimasto incorrotto, cosa che ha causato a Zhu Rong di aprire uno squarcio nella sua pancia per vedere cosa è successo. Da lì sorse Yun, figlio di Gun. Gli fu anche assegnato lo stesso dovere di suo padre, ma nel suo caso capì finalmente che non bastava fermare le acque: generò, con l'aiuto di diversi esseri celesti, canali che consentivano il drenaggio dell'acqua e dopo tredici anni (in cui non ha visitato la sua casa a causa della paura di perdere la concentrazione) ha raggiunto ciò che suo padre non era stato in grado di fare.

7. The Legend of the White Snake Lady

L'amore proibito è un altro tema che può essere visto in molte leggende cinesi, uno dei più noti è il serpente bianco. Ci dice anche di non generalizzare le nostre convinzioni, dalla visione di un serpente benevolo e amorevole.

La leggenda narra che sul monte Emei vivessero due grandi serpenti, uno bianco e uno verde, che avevano poteri magici. Con loro sono diventati una donna e hanno esplorato la regione. Un giorno White Snake, prendendo il nome di Bai Suzhen, ha trovato sulla strada un giovane di nome Xu Xien . Il contatto tra i due ha dato origine ad un profondo amore, entrambi sposati in poco tempo e aprendo un farmacista tra di loro.

Ma un giorno, un prete di nome Fa Hai disse a Xu Xien che sua moglie era un demone serpente. Inizialmente lei non gli credette, ma durante alcune celebrazioni la donna accettò di bere vino per non turbare il marito. Questo gli fece perdere il controllo, qualcosa che lo spinse a correre nella sua stanza e lì a trasformarsi.Quando Xu Xien entrò e la vide come un serpente bianco, morì di terrore. Questo fece sì che il grande serpente inizi la ricerca di erbe magiche capaci di ritornare alla vita, erbe che il dio della longevità gli ha concesso di provare dispiacere per la loro situazione.

Tornato in vita, Xu Xien inizialmente pensò di aver vissuto un'allucinazione, ma finii per andare al tempio di Fa Hai e diventare un prete. Bai Suzhen è andato con sua sorella a cercare suo marito, qualcosa che dopo aver rifiutato Fa Hai ha scatenato un magico combattimento in cui le donne hanno fatto inondare il tempio con le acque allo stesso tempo, il monaco ha generato terre che hanno impedito che ciò accadesse. Con il Serpente Bianco in stato di gravidanza e le sue forze diminuite, le Donne Bianche e Verdi si ritirarono.

Ma venne il momento in cui Bai Suzhen partorì e Xu Xian decise di farle visita e incontrare suo figlio. Lì la donna ha confessato a suo marito la verità. Approfittando del momento Fa Hai ha lanciato un incantesimo che ha fatto intrappolare la White Lady in una nave d'oro , sostenendo che la sua unione con un mortale era proibita.

Tuttavia, nel tempo sorella della White Lady, la Green Lady (la sua forma umana chiamata Xiao Qing) ha guadagnato più potere e è riuscita a liberare sua sorella e il prete è stato divorato da un granchio. Con questo la coppia è stata in grado di incontrarsi di nuovo, questa volta accettando e amandosi come loro.

8. La leggenda di Jing Wei

Alcune leggende cinesi hanno uno sfondo triste, ma a loro volta ci parlano dello sforzo e della perseveranza. Un esempio di questo è la leggenda di Jing Wei, un essere mitologico che ha imparato a odiare il mare e cerca di asciugarlo con ogni mezzo .

La leggenda narra che una volta c'era una giovane principessa di nome Nu Wa (in onore della divinità), figlia dell'imperatore Shen Nong. La giovane donna amava il mare e navigava nelle sue acque, qualcosa che faceva con abilità e passione e con la certezza che non le sarebbe successo niente di male. Ma un giorno la corrente prese la sua barca, con tanta fortuna che scoppiò una tempesta e le grandi onde lo fecero affondare e morire.

Tuttavia, la sua anima tornò al mondo sotto forma di Jing Wei, un bellissimo uccello in cui il vecchio amore per il mare era stato trasformato in un profondo odio per averla uccisa. E voleva vendetta. Andò al mare e gli disse che intendeva ucciderlo, qualcosa che lui sbeffeggiava. L'uccello poi è andato alla terraferma, e lì ha raccolto tutto il possibile per gettarlo nelle acque e quindi riempire il mare in modo che nessun altro possa annegare, pronto a spendere tutto il tempo necessario, anche migliaia di anni. E questo è qualcosa che la giovane donna continua a fare giorno per giorno, portando e lanciando con grande perseveranza tutte le pietre, i rami e gli elementi che può far asciugare.

9. La leggenda dei quattro draghi

Il drago è un animale mitologico di grande popolarità in Cina, essendo un essere profondamente associato alla cultura e legato alle piogge e al fiume. Oltre alla leggenda della perla del drago, questi esseri fanno parte di molti altri, inclusi alcuni che si riferiscono al origine dei principali fiumi della Cina .

La leggenda dice che prima non c'erano fiumi o laghi in Cina, solo il mare. Vivevano quattro grandi draghi: il negro che amava volare nell'aria, la Perla che possedeva il fuoco, il Giallo focalizzato sulla terra e il Grande Drago che adorava l'acqua.

Questi esseri volarono e furono felici, finché un giorno videro come sulla terra gli esseri umani imploravano gli dei per la pioggia, senza la quale non potevano ottenere raccolti per nutrirsi. I draghi, angosciati, decisero di andare dall'Imperatore di Giada e gli hanno chiesto di farlo piovere. Era irritato dalla sua interferenza, ma promise di piovere il giorno dopo e disse loro di tornare al mare.

Tuttavia, né il giorno successivo né molti giorni dopo cadde una sola goccia di pioggia, qualcosa che aumentò la disperazione dell'umanità. I draghi erano rattristati dalla mancanza di azione dell'imperatore e dalla sua mancanza di interesse per l'uomo. Poiché l'imperatore non aveva intenzione di farlo, i draghi decisero di agire. Il grande drago Propose di prendere l'acqua del mare e gettarla dal cielo per innaffiare i campi , qualcosa che i quattro hanno fatto in fretta.

Ma il dio del mare avvertì l'imperatore di Giada, che era furioso di non aver avuto il suo permesso e ordinò che i draghi catturassero. L'imperatore ordinò al dio delle montagne di mettere una montagna su ognuno di loro per imprigionarli per sempre. Non rimpiangendo le loro azioni, i draghi trasformarono i fiumi Yangtze, Heilongjiang, Huanghe e Zhujiang.

10. La leggenda delle lacrime di Meng Jiang Nü

Una famosa leggenda tradizionale cinese ci parla del potere dell'amore e della rabbia per la morte dei propri cari, oltre a riferirsi alle dure condizioni e ai rischi che corrono i costruttori della Grande Muraglia cinese.

La leggenda narra che al tempo in cui la dinastia Qin deteneva il potere in Cina e la Grande Muraglia fosse in costruzione, due famiglie erano separate da questo: il Meng e il Jiang . Questi, per simboleggiare la loro amicizia, piantarono due rampicanti (uno per lato) in modo che fossero in cima.Una volta che le piante furono unite, entrambe le famiglie videro che questa unione aveva prodotto un enorme frutto.

Entrambe le famiglie hanno discusso di chi fosse, ma hanno deciso di dividerlo in modo equo. Tuttavia, nel frutto hanno trovato una ragazza, che ha deciso di crescere insieme con il nome di Meng Jiang Nü . Questa ragazza crebbe e divenne una donna, e un giorno incontrò un uomo di nome Wan Xiliang che era perseguitato per l'esecuzione (dal momento che un saggio aveva detto all'imperatore che sacrificare diecimila uomini avrebbe impedito il crollo di parti del muro, e il nome Wan significa esattamente diecimila). Dopo averle detto la situazione, decise di nasconderlo nel suo caso, ma col tempo entrambi si innamorarono e alla fine si sposarono.

Ma proprio nel giorno del matrimonio Wan Xiliang è stato catturato. In linea di principio è stato costretto a svolgere lavori forzati: partecipare alla costruzione della Grande Muraglia cinese. Meng Jiang Nü non perse la speranza e attese che suo marito tornasse da lei. Tuttavia, quando arrivò l'inverno, non tornò. La donna ha proceduto a tessere i vestiti in modo che suo marito potesse ripararsi dal freddo, per poi portarla sul luogo della Grande Muraglia dove avrebbe dovuto essere Wan Xiliang.

Tuttavia, quando arrivò, una brutta notizia lo attese: durante la costruzione, l'uomo era morto ed era stato sepolto da qualche parte nella Grande Muraglia. La donna pianse e pianse per tre giorni e tre notti con tale forza che il Muro ebbe pietà di lei, lasciandosi affondare per circa 400 chilometri. Tra loro c'era il luogo in cui Wan Xiliang fu sepolto , qualcosa che ha permesso alla donna di rivedere la sua amata.

Riferimenti bibliografici:

  • Christie, Anthony (1968). Mitologia cinese Feltham: Hamlyn Publishing.
  • Wu, K. C. (1982). Il patrimonio cinese. New York: Crown Publishers.
  • Yang, Lihui e Deming An, con Jessica Anderson Turner (2005). Manuale di mitologia cinese. New York: Oxford University Press.

12 dei Più Famosi Loghi Con Un Significato Segreto (Marzo 2020).


Articoli Correlati