yes, therapy helps!
Interactionism simbolico: che cosa è, sviluppo storico e autori

Interactionism simbolico: che cosa è, sviluppo storico e autori

Gennaio 24, 2023

L'interazionismo simbolico è una teoria sociologica che ha avuto un grande impatto sulla psicologia sociale contemporanea, nonché su altre aree di studio nelle scienze sociali. Questa teoria analizza le interazioni e i loro significati per comprendere il processo attraverso il quale gli individui diventano membri competenti di una società.

Dalla prima metà del 20 ° secolo, l'interazionismo simbolico ha generato molte correnti diverse, nonché le proprie metodologie che hanno avuto una grande importanza nella comprensione dell'attività sociale e nella costruzione dell'io.

  • Articolo correlato: "Cos'è il costruttivismo in psicologia?"

Cos'è l'interazionismo simbolico?

L'interazionismo simbolico è una corrente teorica che si pone in sociologia (ma si spostò rapidamente verso l'antropologia e la psicologia), e studia l'interazione e i simboli come elementi chiave per comprendere sia l'identità individuale che l'organizzazione sociale.


In un senso molto ampio, ciò che suggerisce l'interazionismo simbolico è che le persone si definiscono secondo il senso che "l'individuo" acquisisce in uno specifico contesto sociale ; problema che dipende in gran parte dalle interazioni che ingaggiamo.

Nelle sue origini sono il pragmatismo, il comportamentismo e l'evoluzionismo, ma lontano dall'iscriversi in nessuno di essi, l'Interactionismo simbolico transita tra di loro.

Tra i suoi antecedenti c'è anche la difesa delle verità "situate" e parziali, in contrapposizione alle "verità assolute", che sono stati criticati da buona parte della filosofia contemporanea considerare che la nozione di "verità" è stata abbastanza confusa con la nozione di "credenze" (perché, da un punto di vista pragmatico sull'attività umana, le verità hanno la stessa funzione delle credenze).


  • Articolo correlato: "Cos'è la psicologia sociale?"

Fasi e proposte principali

L'interazionismo simbolico ha attraversato molte proposte diverse. In termini generali, ci sono due grandi generazioni le cui proposte sono collegate l'una all'altra, condividendo le basi e lo sfondo della teoria, ma che sono caratterizzate da alcune proposte diverse.

1. Gli inizi dell'interactionismo simbolico: le azioni hanno sempre un significato

Una delle proposte principali è quella l'identità è costruita principalmente attraverso l'interazione , che è sempre simbolico, cioè significa sempre qualcosa. Vale a dire, l'identità individuale è sempre in relazione con i significati che circolano in un gruppo sociale; dipende dalla situazione e dai luoghi che ogni individuo occupa in quel gruppo.

Quindi, l'interazione è un'attività che ha sempre un significato sociale, in altre parole, dipende dalla nostra capacità di definire e dare un significato ai fenomeni individuali e sociali: l '"ordine del simbolico".


In questo ordine, il linguaggio non è più lo strumento che rappresenta fedelmente la realtà, ma piuttosto è piuttosto un modo di esprimere atteggiamenti, intenzioni, posizioni o obiettivi del relatore, con il quale, la lingua è anche un atto sociale e un modo di costruire quella realtà.

Pertanto, le nostre azioni sono comprese al di là di un insieme di abitudini o comportamenti automatici o comportamenti espressivi. Le azioni hanno sempre un significato che può essere interpretato.

Da ciò segue ciò l'individuo non è un'espressione; è più di una rappresentazione , una versione di sé che viene costruita e scoperta attraverso il linguaggio (un linguaggio che non è isolato o è stato inventato dall'individuo, ma appartiene a una logica ea uno specifico contesto sociale).

Cioè, l'individuo è costruito attraverso significati che circolano interagendo con altri individui. Qui sorge uno dei concetti chiave dell'interactionismo simbolico: il "sé", che è servito a cercare di capire come un soggetto costruisce queste versioni di se stessi, cioè la loro identità.

In breve, ogni persona ha un carattere sociale, in modo che i comportamenti individuali devono essere compresi in relazione ai comportamenti di gruppo. Per questo motivo, molti autori di questa generazione si concentrano particolarmente su capire e analizzare la socializzazione (il processo attraverso il quale interiorizziamo la società).

Metodologia nella prima generazione e autori principali

Nella prima generazione di interazionismo simbolico emergono proposte metodologiche qualitative e interpretative, ad esempio l'analisi del discorso o l'analisi di gesti e immagini; che sono intesi come elementi che non solo rappresentano ma costruiscono anche una realtà sociale.

L'autore più rappresentativo degli inizi dell'Interazionismo simbolico è Mead, ma anche Colley, Pierce, Thomas e Park, influenzati dal tedesco G. Simmel, sono stati importanti. anche La scuola Iowa e la scuola di Chicago sono rappresentative e Call, Stryker, Strauss, Rosenberg e Turner, Blumer e Shibutani sono riconosciuti come autori della prima generazione.

2. Seconda generazione: la vita sociale è un teatro

In questa seconda fase dell'Interazionismo simbolico, l'identità è anche intesa come il risultato dei ruoli che un individuo adotta in un gruppo sociale, con cui, è anche una sorta di schema che può essere organizzato in modi diversi a seconda di ciascuna situazione.

Ci vuole particolare rilevanza il contributo della prospettiva drammaturgica di Erving Goffman , che suggerisce che gli individui sono fondamentalmente un insieme di attori, perché recitiamo letteralmente costantemente i nostri ruoli sociali e ci si aspetta da noi secondo questi ruoli.

Agiamo per lasciare un'immagine sociale di noi stessi, che non accade solo durante l'interazione con gli altri (che riflettono le richieste sociali che ci faranno agire in un certo modo), ma si verifica anche negli spazi e nei momenti in cui che quelle altre persone non ci vedono

Proposte metodologiche e principali autori

La dimensione quotidiana, lo studio dei significati e le cose che appaiono durante l'interazione sono oggetti di studio scientifico. A livello pratico, la metodologia empirica è molto importante . Ecco perché l'interazionismo simbolico è legato in modo importante alla fenomenologia e all'etnometodologia.

Questa seconda generazione è anche caratterizzata dallo sviluppo dell'etogenesi (Lo studio dell'interazione uomo-sociale, che analizza al di sopra di tutti questi quattro elementi: l'azione umana, la sua dimensione morale, la capacità di agire che abbiamo le persone e il concetto stesso di persona in relazione alla loro prestazione pubblica).

Oltre a Erving Goffman, alcuni autori che hanno influenzato gran parte dell'interazione simbolica di questo momento sono Garfinkel, Cicourel e l'autore più rappresentativo dell'etogenia, Rom Harré.

Relazione con la psicologia sociale e alcune critiche

L'interazionismo simbolico ha avuto un impatto importante la trasformazione della psicologia sociale classica in psicologia sociale postmoderna o Nuova psicologia sociale. Più specificamente, ha avuto un impatto su Discorsive Social Psychology e Cultural Psychology, dove dalla crisi della psicologia tradizionale degli anni '60, concetti che erano stati precedentemente respinti, come la riflessività, l'interazione, lingua o significato.

Inoltre, l'interazionismo simbolico è stato utile per spiegare il processo di socializzazione, che inizialmente è stato sollevato come oggetto di studio sociologico, ma rapidamente collegato alla psicologia sociale.

È stato anche criticato per aver considerato che riduce tutto all'ordine dell'interazione, cioè riduce l'interpretazione dell'individuo alle strutture sociali. anche è stato criticato a livello pratico considerando che le sue proposte metodologiche non fanno appello all'obiettività né a metodi quantitativi.

Infine, c'è chi ritiene che ponga un'idea abbastanza ottimistica dell'interazione, dal momento che non tiene necessariamente conto della dimensione normativa dell'interazione e dell'organizzazione sociale.

Riferimenti bibliografici

  • Fernández, C. (2003). Psicologie sociali alle soglie del XXI secolo. Fondazioni editoriali: Madrid
  • Carabaña, J. e Lamo E. (1978). La teoria sociale dell'interazionismo simbolico. Reis: Spanish Journal of Sociological Research, 1: 159-204.

PSICOLOGIA - LA PSICOLOGIA SOCIALE 4 (Gennaio 2023).


Articoli Correlati