yes, therapy helps!
Tempo cognitivo lento: cause e disturbi correlati

Tempo cognitivo lento: cause e disturbi correlati

Gennaio 24, 2021

Sebbene in precedenza si ritenesse che il tempo cognitivo lento (TCL) fosse un sottotipo di disturbo da deficit dell'attenzione e iperattività (ADHD) con predominanza di sintomi di disattenzione, ora è noto che si tratta di una sindrome differenziata che si manifesta in altri alterazioni psicopatologiche.

In questo articolo descriveremo le caratteristiche cliniche, le cause del tempo cognitivo lento e della sua relazione con altri disturbi . La ricerca intorno a questo insieme di sintomi è nella fase iniziale, ma sta avanzando ad una velocità importante per alcuni anni.

  • Forse ti interessa: "I 16 disturbi mentali più comuni"

Qual è il tempo cognitivo lento?

Il concetto di "tempo cognitivo lento" si riferisce a uno stile cognitivo-emotivo che è caratterizzato principalmente dalla presenza continua di uno stato di confusione, perdita di vista, sogni a occhi aperti, mancanza di motivazione e lentezza o pigrizia. Se queste manifestazioni sono intese come sintomi, possiamo concettualizzare l'LCL come una sindrome.


Oltre a questi cinque segni cardinali, è normale rilevare anche il seguente in persone con tempo cognitivo lento:

  • Bassa precisione e velocità nell'elaborazione delle informazioni.
  • Aspetto frequente delle sensazioni di affaticamento o stanchezza cronica.
  • Livelli di energia e attività relativamente bassi.
  • Sonnolenza durante il giorno.
  • Difficoltà a mantenere l'allerta o la veglia in piccole situazioni stimolanti.
  • Ritiro, minor interesse e partecipazione alle attività.
  • Difficoltà a trasformare i pensieri in parole.
  • Perdita del filo di pensiero, blocchi dimenticando quando si parla.

Inizialmente si credeva che il tempo cognitivo lento era un sottotipo di Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività in cui predominavano i sintomi della disattenzione. Il progresso della ricerca scientifica ha dimostrato che si tratta di una categoria clinica indipendente, sebbene non vi sia accordo sul fatto che si tratti di un disturbo o meno.


In questo senso, le caratteristiche cliniche del tempo cognitivo lento apparire nel contesto di vari disturbi psicologici e psichiatrico, tra cui depressione maggiore, ansia generalizzata, diversità funzionale intellettuale o diversi disturbi legati all'apprendimento, oltre all'ADHD.

  • Articolo correlato: "Deficit di attenzione o attenzione selettiva nell'ADHD"

Cause di questa sindrome

Le cause del tempo cognitivo lento non sono note in profondità al momento. Si ritiene, tuttavia, quello le reti nervose associate all'attenzione della parte posteriore del cervello , nei lobi parietali, sono più associati a questa sindrome rispetto ai lobi frontali, come nel caso dell'ADHD.

D'altra parte, è stato scoperto che l'esposizione a elevate quantità di alcol durante lo sviluppo fetale favorisce la comparsa di questi segni neurocognitivi.


Il tempo cognitivo lento sembra avere una base biologica simile a quella del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività . Tuttavia, l'ereditabilità dell'ADHD è maggiore nel sottotipo in cui predominano i sintomi dell'iperattività.

Al contrario, i casi di ADHD correlati alla presenza di tempo cognitivo lento sono quelli che hanno un peso inferiore di eredità genetica. È stato ipotizzato che questo stile di pensiero e di emozione sorga come conseguenza di cambiamenti nelle influenze ambientali causati dalla presenza stessa di sintomi disattenti.

Relazione con altri disturbi

Attualmente c'è un dibattito irrisolto sulla natura clinica del tempo cognitivo lento. La sua correlazione con altri disturbi psicologici potrebbe far luce su questo aspetto.

1. Disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Le indagini lo indicano tra il 30 e il 50% dei bambini con diagnosi di ADHD mostra la sindrome caratteristica del tempo cognitivo lento. Le somiglianze cliniche tra questo modello e l'ADHD con predominanza di disattenzione sono significative, ma entrambi i costrutti differiscono in alcune caratteristiche neurologiche e cognitive.

Per molti esperti l'accresciuto interesse per il tempo cognitivo lento è un'opportunità per mettere in discussione la stessa diagnosi di ADHD, che comprende manifestazioni molto diverse e diventa restrittiva nell'area della disattenzione nel passaggio dal DSM-III al DSM -IV, ma guadagna capacità esplicativa se il TCL è incluso tra i criteri.

2. Depressione maggiore

È stato trovato una chiara associazione tra il tempo cognitivo lento e la presenza di sintomi di interiorizzazione , in particolare quelli che sono caratteristici dei disturbi dell'umore e dell'ansia.

Sebbene questa relazione abbia un'intensità modesta, è un po 'più potente nel caso della depressione che in quella dell'ansia. Inoltre, alcuni autori sostengono che il tempo cognitivo lento è associato in misura maggiore con l'interiorizzazione rispetto all'ADHD.

3. Disturbi d'ansia

Per quanto riguarda la categoria dei disturbi d'ansia, sono state riscontrate comorbilità tra tempo cognitivo lento e alterazioni come la fobia sociale, i pensieri ossessivi e soprattutto disturbo d'ansia generalizzato, che è strettamente connesso alla depressione da un punto di vista biologico.

I segni di disattenzione mediano la relazione tra i disturbi d'ansia e il lento tempo cognitivo: le difficoltà nel frequentare la TCL sono aumentate dagli effetti dell'ansia, che a sua volta comporta alterazioni in questa funzione psicologica.

4. Disturbi comportamentali

I bambini e gli adolescenti con disturbo da deficit di attenzione e iperattività hanno maggiori probabilità di sviluppare problemi comportamentali, come disturbo della condotta, disturbo da deficit negativo o abuso di sostanze. Tuttavia, nei casi che avvengono con tempo cognitivo lento questa relazione è ridotta; di conseguenza, il TCL funge da fattore di protezione .

5. Difficoltà di apprendimento

Il lento tempo cognitivo interferisce con l'apprendimento attraverso l'apparenza di Deficit nell'auto-organizzazione e risoluzione dei problemi , così come in altre funzioni esecutive. La gravità delle difficoltà associate dipende dall'intensità dei sintomi in ciascun caso specifico.

Riferimenti bibliografici:

  • Camprodon, E., Duñó, L., Batlle, S., Estrada, X., Aceña, M., Brown, M., Torrubia, R., Pujals, E., Martin, LM e Ribas-Fitó, N. (2013). Tempo cognitivo lento: revisione di un costrutto. Journal of Psychopathology and Clinical Psychology, 18 (2): 151-168.
  • Mueller, A. K., Tucha, L., Koerts, J., Groen, T., Lange, K. W. e Tucha, O. (2014). Tempo cognitivo pigro e suoi correlati neurocognitivi, sociali ed emotivi: una revisione sistematica della letteratura corrente. Journal of Molecular Psychiatry, 2: 5.

Ipotiroidismo: Cause, sintomi e terapie sostitutive di ultima generazione (Gennaio 2021).


Articoli Correlati