yes, therapy helps!
Predatori sessuali su Internet: i loro tratti e strategie di manipolazione

Predatori sessuali su Internet: i loro tratti e strategie di manipolazione

Settembre 20, 2019

Tra il 1915 e il 1919, un francese di nome Henri Désiré Landru uccise almeno undici donne, sebbene la polizia stimasse che il numero effettivo delle sue vittime fosse superiore a cento.

Approfittando degli effetti della guerra, pubblicò annunci pubblicitari sui giornali in cui si presentava come un uomo ben posizionato Voleva incontrare una vedova e, dopo aver incontrato le sue vittime, le faceva scomparire rimanendo con la sua fortuna.

Attualmente, questo modo di attrarre le vittime attraverso i media è stato perfezionato con la comparsa di Internet. La rete di reti consente di avere una serie di risorse che fanno di una trappola un'occasione in cui il pericolo è sorprendentemente camuffato.


Ma ... Quali caratteristiche definiscono i predatori? In che modo si comportano?

Il profilo del predatore digitale

Le persone che impostano le trappole attraverso Internet per incontrare persone e ucciderle o abusarle sono, per lo più, uomini tra i 18 ei 60 anni. Oltre questa descrizione fisica, tuttavia, ci sono tutta una serie di caratteristiche psicologiche e di abilità questo spiega come agiscono per impostare la trappola. Sono i seguenti:

1. Sono molto abili nel rilevare vulnerabilità

Il mascheramento offerto dall'anonimato di Internet rende sorprendentemente facile conoscere i dettagli delle vittime che possono essere utilizzate per intuire le loro vulnerabilità.


Da un lato, i social network offrono la possibilità di conoscere una quantità significativa di informazioni su una persona: gusti musicali, i luoghi più visitati, come è la cerchia di amici, ecc.

D'altra parte, il fatto di non essere faccia a faccia con una persona rende più facile rivelare informazioni intime , tra le altre cose perché perdi la paura di vedere come reagisce l'interlocutore a disagio.

Questi due fattori significano che il predatore digitale può sfruttare le proprie capacità quando si tratta di offrire un'immagine personale che si adatta perfettamente a ciò che l'altra persona cerca o vuole conoscere. Cadere bene è più facile se ci sono gusti in comune, se si fa finta di aver vissuto esperienze simili, ecc.

In altre parole, queste persone sono molto brave a leggere tra le righe e ad immaginare quali sono le vulnerabilità con cui l'altra persona può essere costretta ad agire in modi prevedibili.


2. Agisci da solo

La possibilità di agire attraverso Internet significa che i predatori sessuali non hanno bisogno dell'aiuto di nessuno per tessere il loro piano; se vogliono, può fingere di essere due persone alla volta per influenzare maggiormente la vittima, utilizzando profili utente falsi. Al momento di tracciare la trappola, i loro sforzi sono fondamentalmente intellettuali e in questo aspetto sono autosufficienti e molto metodici.

3. Sanno come utilizzare le risorse pubblicitarie

I predatori digitali sono in grado di progettare annunci pubblicitari particolarmente attraenti per quel profilo di vittima che desiderano attrarre. Usano messaggi che catturano l'attenzione al momento e esprimono un messaggio chiaro e metterli in forum, applicazioni per incontrare persone, gruppi virtuali specifici, ecc.

A volte, possono rendere il contenuto del loro messaggio in sintonia con ciò che è noto su una potenziale vittima in modo che, una volta pubblicato in un gruppo con un numero relativamente piccolo di persone, qualcuno notifichi chiunque sia interessato. Se questo tentativo fallisce, puoi modificare l'annuncio e ripubblicarlo.

Questo modo di attirare le vittime fa scendere la difesa dell'altro, poiché è inserito in un quadro psicologico in cui è la vittima che deve "sedurre" il predatore, il che gli conferisce un ampio margine di manovra.

4. L'abuso di depersonalizzazione

La depersonalizzazione, che consiste nel percepire gli altri come oggetti, è una delle caratteristiche delle persone con un alto livello di psicopatia o narcisismo, e nel caso dei predatori digitali è anche molto presente.

Internet rafforza solo questo grado di spersonalizzazione, il che rende il potenziale senso di colpa, che è già molto basso negli psicopatici, scompare quasi completamente.

Il predatore dei media digitali sfrutta entrambe le opzioni per coprire la propria identità con un falso profilo utente e i vantaggi di non dover interagire faccia a faccia con l'altra persona fino a quando la trappola non è già stata posta e "non c'è nessuna marcia" indietro. "

5. Stabilire obiettivi a lungo termine

Nei casi in cui la trappola non è una pubblicità, i predatori sessuali che cercano vittime attraverso Internet sono in grado di fissare un obiettivo a lungo termine in modo che il tempo di apparire appaia un passo naturale con meno implicazioni.

Attualmente è relativamente normale avere un contatto costante con persone che non sono conosciute di persona, e questo rende nascosto questo tipo di trappole. All'inizio può darsi che ci sia una conversazione angosciante e che dopo alcune settimane inizi a parlare. Ciò avviene perché in questo modo, quando il dialogo è iniziato, la vittima ha già iniziato ad abituarsi alla presenza (virtuale, al momento) dell'altro.

Contrariamente a quanto si crede, predatori sessuali non devono essere chiaramente impulsivi, e in effetti ciò è penalizzato ; Nel caso di coloro che agiscono attraverso Internet, il tuo piano deve avere una serie di passaggi intermedi per funzionare.

  • Articolo correlato: "Profilo del tossicodipendente psicologico: 21 caratteristiche in comune"

Descubre si tu pareja es un psicópata integrado (Settembre 2019).


Articoli Correlati