yes, therapy helps!
Memoria semantica: funzionamento e disturbi associati

Memoria semantica: funzionamento e disturbi associati

Marzo 9, 2021

La memoria è un concetto psicologico in cui di solito pensiamo come se fosse una cosa: l'atto di ricordare ciò che abbiamo cenato ieri sembra avere la stessa natura di ricordare la capitale dell'Egitto o come sono i passi di una coreografia che abbiamo praticato. Tuttavia, dal punto di vista della psicologia non è così, dal momento che ci sono diversi tipi di memoria.

Ad esempio, parte della memoria non è composta da concetti, ma da emozioni, schemi e movimenti. Tuttavia, all'interno del tipo di memoria composta da aspetti verbalizzabili della conoscenza, che è chiamata memoria dichiarativa, c'è anche una suddivisione. Da una parte c'è la memoria episodica, che è quella che contiene ricordi di informazioni narrative dalle nostre esperienze passate (come quello che ci è successo ieri quando andiamo a comprare il pane), e dall'altra troviamo la memoria semantica , in cui ci concentreremo su questo articolo.


  • Articolo correlato: "Tipi di memoria: come la memoria immagazzina il cervello umano?"

Cos'è la memoria semantica?

In breve, la memoria semantica è ciò che contiene tutte le informazioni relative ai concetti con cui comprendiamo il mondo e a noi stessi. Vale a dire, è qualcosa come il deposito di concetti su tutto ciò che conosciamo: il nome dei paesi, le caratteristiche dei mammiferi, la storia della regione in cui viviamo, ecc.

Vale a dire, quella memoria semantica ci consente di comprendere l'ambiente in cui ci troviamo, e anche a noi stessi, poiché ci consente di riflettere sulle nostre caratteristiche personali.


mentre essere un tipo di memoria dichiarativa è composto da concetti a differenza della memoria episodica, non segue una progressione narrativa. Il fatto che l'Africa sia un continente non ha nulla a che fare con un'esperienza di inizio, sviluppo e risultati, basta conoscere il termine "Africa" ​​e collegarlo a un territorio che siamo stati in grado di vedere su una mappa e che esiste oltre quella mappa, non solo come parte di un aneddoto della nostra vita privata.

L'informazione che contiene la memoria semantica può essere intesa come una piramide di concetti; alcuni di loro sono molto generali e sono composti da altri concetti, che a loro volta sono formati da altri, fino a raggiungere unità di informazioni molto semplici e insignificanti perché troppo specifiche.

Quindi, è una capacità mentale quella è espresso consapevolmente e spesso volontariamente , per esempio, quando abbiamo bisogno di accedere alle informazioni rilevanti per rispondere correttamente a una domanda d'esame (qualcosa che non accade con la memoria emotiva, o non nella stessa misura).


  • Potresti essere interessato: "Come funziona la memoria umana (e come ci inganna)"

Funzioni di memoria semantica

Tutti i tipi di memoria hanno un'importanza cruciale e si completano a vicenda, ma il caso della memoria semantica è speciale perché grazie ad esso siamo in grado di creare i concetti necessario per sviluppare la lingua e diventare in grado di pensare in modo astratto.

Se la memoria non dichiarativa è utile al momento di orientare il nostro comportamento dalla nostra memoria di apprendimento ed episodica ci permette di capire il contesto specifico in cui viviamo e in quali situazioni specifiche abbiamo passato, la semantica è ciò che genera tutte quelle idee di cui abbiamo bisogno per costruire convinzioni, aspettative, obiettivi ecc.

Quindi, questo tipo di memoria è strettamente legata alla capacità di usare il linguaggio, che non è altro che un sistema di simboli con un significato astratto non legato a un luogo e un tempo specifici.

Parti del cervello coinvolte

La differenziazione tra memoria semantica e altri tipi di memoria non è semplicemente teorica: è materialmente incorporata nel cervello.

Ad esempio, la memoria emotiva è strettamente correlata all'attività svolta da una parte del cervello chiamata amigdala, mentre la memoria episodica è correlata a un'altra struttura chiamata ippocampo e corteccia cerebrale.

Riguardo alla memoria semantica, dipende anche in parte dall'ippocampo, ma in misura minore rispetto alla memoria episodica. Si ritiene che, rispetto all'episodio, l'importanza dell'attività generale della corteccia cerebrale è maggiore .

Disturbi correlati

Poiché ogni tipo di memoria ha diverse strutture cerebrali più orientate rispetto ad altre, ciò rende certe patologie neurologiche anche più importanti delle altre.

Nel caso della memoria semantica, questo sembra essere particolarmente vulnerabile alle lesioni nella corteccia prefrontale, sebbene anche le alterazioni dell'ippocampo influiscono su di esso molto, come con l'episodio.

Tuttavia, in pratica, molte patologie che riducono la capacità di ricordare i concetti danneggiano contemporaneamente diverse aree del cervello. Questo è ciò che accade ad esempio con le demenze; praticamente tutti giocano contro questo tipo di capacità mentale, dal momento che uccidono molti neuroni distribuiti in quasi tutto il cervello (anche se più in alcune aree che in altre).


La memoria, le emozioni e altro: il Sistema Limbico (Marzo 2021).


Articoli Correlati