yes, therapy helps!
Sindrome del Savant, persone con capacità cognitive superumane

Sindrome del Savant, persone con capacità cognitive superumane

Potrebbe 16, 2021

I meccanismi che fanno funzionare il cervello non sono rivelati solo attraverso i deficit causati da lesioni.

In alcuni casi, lo è l all'esistenza di capacità speciali o aumentate che ci offrono indizi sul funzionamento del sistema nervoso umano e come un funzionamento anormale del cervello non debba essere sinonimo di deficienze. il Sindrome del Savant, noto anche come Sindrome di salvia, ne è un chiaro esempio.

Cos'è la sindrome del Savant?

Savant Syndrome è un concetto ampio che comprende una serie di sintomi cognitivi anomalie che sono correlate a prodigiose capacità mentali . Può sembrare una definizione ambigua, ma la verità è che il cosiddetto dotto Possono visualizzare diversi tipi di facoltà cognitive aumentate: da una memoria quasi fotografica alla capacità di scrivere frasi capovolte ad alta velocità o di eseguire complessi calcoli matematici in modo intuitivo senza avere precedenti corsi di matematica.


Tuttavia, le aree in cui le persone con savantism Tendono ad essere più o meno ben definiti e non devono coinvolgere solo i processi legati al pensiero logico e razionale. Ad esempio, è perfettamente possibile che la sindrome del Savant sia espressa attraverso una capacità spontanea di creare pezzi artistici.

Sebbene la Sindrome del Savant serva da categoria di catchall per etichettare molti casi molto diversi, quasi tutti hanno in comune il fatto di coinvolgere processi psicologici automatici e intuitivi, che non costano alla persona con savantismo alcuna pratica o sforzo.

Il caso di Kim Peek

Uno dei casi più famosi di savantismo è quello di Kim Peek , di cui abbiamo parlato in un precedente articolo. Peek è riuscito a memorizzare praticamente tutto, incluse tutte le pagine dei libri che ha letto. Tuttavia, non è l'unico caso di una persona che presenta la Sindrome di Savant, e molti di loro hanno la stessa capacità di fare tutto ciò che è registrato nei ricordi.


Alcuni problemi

Sebbene la Sindrome di Salvia si riferisca a un aumento delle capacità cognitive, in molti casi è associata a deficit in altri aspetti, come ad esempio scarsa abilità sociale o problemi di linguaggio, e alcuni ricercatori ritengono che sia correlata allo spettro autistico o alla Sindrome. di Asperger.

Questo è coerente con una concezione del cervello come un insieme di risorse limitate che devono essere ben gestite. Se molte aree del cervello contestano costantemente le risorse necessarie per funzionare e c'è un scompenso Nel modo di distribuirli, non è irragionevole che alcune capacità crescano a spese degli altri.

Tuttavia, parte dei motivi per cui presentare il savantismo non deve essere tutti vantaggi va al di là del funzionamento autonomo del cervello. Nello specifico, nel pizzo sociale di queste persone. Avere una serie di facoltà che possono essere etichettate con l'idea della Sindrome dei Savant è, in parte, percepire il mondo in un modo molto diverso rispetto agli altri.


Pertanto, se le due parti non sono sufficientemente sensibilizzate per mettersi al posto dell'altro e facilitare la vita in comune, la persona con il savantismo può subire le conseguenze di emarginazione o altri ostacoli difficili da salvare.

Cos'è che origina il savantismo?

La rapida risposta a questa domanda è quella non lo sai . Tuttavia, ci sono indicazioni che molti di questi casi possono essere spiegati da un asimmetria funzionale tra i due emisferi cerebrali, o qualcosa che altera il modo di lavorare insieme di queste due metà.

In particolare, si ritiene che l'espansione di alcune aree funzionali dell'emisfero destro che sembra compensare alcune deficienze nell'emisfero sinistro potrebbe essere la causa di una serie così variegata di sintomi. Tuttavia c'è ancora abbastanza per noi per avere il quadro completo di un fenomeno neurologico così complesso come questo.

Riferimenti bibliografici:

  • Corrigan, N. (2012). Verso una migliore comprensione del cervello savant. Psichiatria completa, 53 (6), pp. 706-717.
  • Howlin, P. (2012). Comprendere le abilità savant nell'autismo. Developmental Medicine and Child Neurology, 54 (6), pp. 484-484.
  • Treffert, D. (2014). Sindrome dei Savant: realtà, miti e equivoci. Journal of Autism and Developmental Disorders, 44 (3), pp. 564-571.

La sindrome di Savant (Potrebbe 2021).


Articoli Correlati