yes, therapy helps!
Recensione del libro

Recensione del libro "Pensa in fretta, pensa lentamente" di Daniel Kahneman

Dicembre 11, 2019

Pensa in fretta, pensa lentamente è un libro pubblicato nel 2011 dallo psicologo Daniel Kahneman (Tel Aviv, 1934). Attualmente è professore di psicologia all'Università di Princeton.

Specialista in psicologia cognitiva, il contributo principale di Kahneman all'Economia consiste nello sviluppo, accanto ad Amos Tversky, della denominata Teoria delle prospettive (teoria del prospetto), secondo la quale gli individui prendono decisioni, in ambienti di incertezza, che si discostano dai principi di base della probabilità . Questo tipo di decisioni sono state definite scorciatoie euristiche.

Kahneman ha vinto il premio Nobel per ... Economia!

Nel 2002, insieme a Vernon Smith, Ha ricevuto il premio Nobel per l'economia per aver integrato aspetti della ricerca psicologica nella scienza economica, in particolare per quanto riguarda il giudizio umano e il processo decisionale in condizioni di incertezza.


Di recente abbiamo incluso Daniel Kahneman nella nostra classifica dei 12 psicologi più influenti di oggi. Essendo l'unico psicologo che è riuscito a vincere un premio Nobel, la sua inclusione è più che meritata.

Pensa in fretta, pensa lentamente: una raccolta delle tue idee principali

Nel libro Pensa in fretta, pensa lentamenteKahneman sintetizza la sua ricerca sul modo di pensare degli esseri umani . L'autore mantiene la tesi ampiamente accettata in psicologia corrente circa le due modalità di pensiero: Sistema 1, veloce, intuitivo ed emotivo, e il Sistema 2, più lento, riflessivo e razionale.

Il primo fornisce le conclusioni automaticamente e le seconde risposte coscienti. La cosa peculiare è che, nella maggior parte delle occasioni, non riflettiamo su quale dei due abbia preso le redini del nostro comportamento.


Un libro diviso in cinque sezioni tematiche

Il libro è diviso in cinque parti. Nella prima parte, presenta come funzionano i due sistemi e come i giudizi e le decisioni vengono presi da entrambi. La seconda parte approfondisce l'euristica dei giudizi e pone l'accento sulle difficoltà del sistema 1 di pensare statisticamente. La terza parte si concentra sull'incapacità di riconoscere l'incertezza e la nostra ignoranza e sovrastima di ciò che pensiamo di capire del mondo che ci circonda.

La quarta parte approfondisce la natura delle decisioni economiche e propone la teoria delle prospettive sotto l'ipotesi dei due sistemi. Nella quinta parte del libro, Kahneman fa una distinzione tra ciò che chiama "il sé che sperimenta" (collegato al Sistema 2) e "il sé che ricorda" (riferito al Sistema 1). A volte l'obiettivo della felicità di entrambi io porta a situazioni chiaramente opposte.


Infine, e in una sorta di conclusione, vengono esaminate le implicazioni delle tre distinzioni fatte nel libro: io che si ricorda di fronte io che sperimenta, il prendere decisioni nell'economia classica di fronte al processo decisionale nell'economia comportamentale, e il Sistema 1 di fronte al Sistema 2.

Diverse considerazioni e riflessioni su questo libro

Possiamo considerare l'ipotesi di partenza di Kahneman estremamente originale e attraente. A mio parere, estende i concetti di Sistema 1 e Sistema 2 alla totalità dei processi mentali. Questa visione modella perfettamente il processo decisionale della "prima cosa che mi è passata per la mente" di fronte a quelle decisioni che abbiamo preso dopo aver attentamente riflettuto. Possiamo vedere un esempio di ciò in un semplice problema sollevato dallo stesso Kahneman:

Un pipistrello e una palla insieme costano $ 1,10

Il pipistrello costa $ 1 in più della palla

Quanto costa la palla?

La risposta immediata è data dal Sistema 1:

La palla costa $ 0,10

Solo una chiamata al Sistema 2 ci darà la risposta corretta.

il Sistema 1 e il Sistema 2, un modo semplice per concettualizzare il pensiero

Dal punto di vista fisiologico, potremmo anche postulare che le risposte del Sistema 1 emergano direttamente dal sistema limbico, trasformate e processate naturalmente dalle aree neocorticali, mentre quelle del Sistema 2 implicano un'elaborazione più elaborata (la riflessione intellettuale-cognitiva-riflessiva) potevano essere eseguiti solo nelle più moderne aree corticali situate nella zona corticale frontale prefrontale.

Questa considerazione collocherebbe il Sistema 2 come una struttura caratteristica unica degli animali superiori, evoluta come complemento del Sistema 1.

Possibili critiche al lavoro di Kahneman

Le ipotesi di Kahneman potrebbe essere etichettato come eccessivamente semplicistico e in qualche modo antropocentrico , ma a poco che riflettiamo, l'analisi del comportamento sotto questo punto di vista consente di spiegare un gran numero di reazioni osservate nel comportamento umano in generale e in particolare, nel processo decisionale che in misura maggiore o minore dovrebbe essere presa sempre in ambienti di incertezza.

Le descrizioni delle diverse ipotesi che appaiono nel libro sono, a mio parere, eccessivamente ripetitive e non molto sintetiche (potrebbero essere descritte in alcuni paragrafi) e l'autore cerca di dimostrare la loro validità con la presentazione un po 'disorganizzata dei risultati di un numero considerevole di esperimenti, quello non sempre sembrano essere le più appropriate e alcune non forniscono argomenti troppo coerenti .

Sfortunatamente, Kahneman non approfondisce troppo i processi di gestazione e nascita delle diverse ipotesi che presenta, processi che probabilmente faciliterebbero la loro assimilazione da parte dei lettori.

Tra l'accademico e il commerciale ...

Il libro Sembra più concepito come un libro di sensibilizzazione per il grande pubblico (nella linea di a best seller o un libro di auto-aiuto) che come lavoro scientifico. Gli esempi, gli esperimenti e i casi particolari appaiono profusamente descritti, a volte in un modo un po 'caotico e disordinato e senza un filo ben definito, che illustrano vari aspetti delle dualità presentate.

Nonostante la sua natura informativa, il libro non è esente dal rigore scientifico. Tutte le affermazioni fatte e ciascuno degli esperimenti sono adeguatamente referenziati. Alla fine sono inclusi tutti i riferimenti bibliografici, le note dell'autore e anche le conclusioni.

Il più interessante: lo studio su effetto di ancoraggio

Dopo averlo letto, non si può fare a meno di provare allo stesso tempo identificato e sorpreso da alcuni dei processi mentali descritti nel libro . L'avversione per la perdita e l'effetto di ancoraggio sembrano particolarmente interessanti. Nel primo, ci viene mostrata la naturale tendenza delle persone a evitare di perdere prima di ottenere profitti. Questo porta all'avversione al rischio quando si valuta un possibile guadagno, dal momento che si preferisce evitare una perdita per ricevere un beneficio.

La chiamata effetto di ancoraggio (o 'effetto di ancoraggio') tende a farci prendere come riferimento la prima offerta (primi dati) che ci hanno dato, soprattutto quando non abbiamo informazioni complete e accurate. Vale anche la pena di notare lo sforzo fatto da Kahneman di quantificare numericamente l'intensità dell'effetto di ancoraggio, una quantificazione che non è facile da eseguire nella maggior parte dei processi psicologici.L'effetto di ancoraggio è ampiamente usato negli ambienti economici di marketing o di marketing.

Un libro consigliato a professionisti e curiosi

In sintesi, si consiglia di leggere questo libro non solo per i professionisti delle scienze psicologiche, ma in generale a chiunque sia interessato a conoscersi un po 'meglio , per approfondire i processi che determinano le loro decisioni e dotarsi di meccanismi che consentano loro di compiere un ulteriore passo sulla strada della loro felicità.


Data Science Careers, or, how to land a 6-figure Wall Street job (Dicembre 2019).


Articoli Correlati