yes, therapy helps!
Frenologia: misurare il cranio per studiare la mente

Frenologia: misurare il cranio per studiare la mente

Luglio 12, 2020

La frenologia era una pseudoscienza che lo difendeva la forma del cranio forniva informazioni sulle facoltà e le caratteristiche mentali delle persone. Questo movimento fu reso popolare nel 18 ° secolo dal medico Franz Gall e ebbe un grande seguito, anche se perse importanza dopo alcuni decenni.

In questo articolo descriveremo la storia della frenologia, i postulati di base di questa disciplina e la concezione del cervello che ha avuto i discepoli di Gall. Infine, parleremo dell'eredità della frenologia nella neuroanatomia moderna.

  • Articolo correlato: "Storia della psicologia: autori e teorie principali"

Storia della frenologia

Le ipotesi frenologiche non nascevano nel vuoto, ma erano derivate da concezioni preesistenti. In particolare, la fisiognomica godette di una certa popolarità durante il XVIII secolo, che proponeva che l'aspetto fisico delle persone potesse essere usato come base per analizzare la loro psicologia, e Charles Bonnet influenzò la localizzazione del cervello.


Il medico tedesco Franz Joseph Gall (1758-1828) Cominciò a tenere lezioni di frenologia nel 1796. Fu il suo collaboratore Johann Gaspar Spurzheim, anche lui una figura chiave, a diffondere la parola "frenologia", di cui Gall rinnegò da quando vide se stesso principalmente come fisiologo e neuroanatomista.

Come il mesmerismo, la frenologia si estendeva come probabile verità scientifica tra le classi medio-basse dell'Europa del diciottesimo secolo, molto aperta ai progressi in diversi campi a causa dell'influenza della Rivoluzione francese e dell'Illuminismo. Edimburgo divenne il nucleo della frenologia e lì è stata fondata la prima società frenologica.


Negli anni Quaranta dell'Ottocento, a soli 40 anni dalla sua comparsa, le ipotesi di frenologia erano state screditate dalla comunità scientifica. Tuttavia, l'interesse per queste pratiche si diffuse in America e in Africa con la colonizzazione europea, e in molti luoghi sono riemersi in momenti specifici, soprattutto come strumento di dominio razziale.

  • Articolo correlato: "Morfopsicologia: le tue caratteristiche facciali ... indicano la tua personalità?"

Postulati di base di Franz Joseph Gall

Gall pubblicò nel 1819 il suo lavoro chiave: "Anatomia e fisiologia del sistema nervoso in generale, e del cervello in particolare, con osservazioni sulla possibilità di riconoscere molte disposizioni intellettuali e morali dell'uomo e degli animali dalla configurazione delle loro teste".

In questo testo, Gall ha descritto i sei postulati di base della frenologia .


1. Il cervello è l'organo della mente

Per i frenologi la mente era localizzata nel cervello; Oggi questa idea, che non era nuova ai tempi di Gall, gode di grande popolarità. Questo approccio era contrario alla concezione della mente come manifestazione dell'anima, più diffusa nel diciottesimo secolo che oggi.

2. La mente è composta da facoltà

La mente non è un'entità unitaria, ma è composta da più facoltà. In frenologia il concetto "facoltà" si riferisce al diverso specializzazioni o tendenze della mente come l'ambizione, la perseveranza o la benevolenza. Successivamente faremo un elenco delle facoltà descritte da Gall.

3. Ogni facoltà si trova in un organo

Gall considerava che, poiché le facoltà mentali erano diverse e uniche, dovevano necessariamente essere situate in "organi" separati del cervello. Questo postulato trasforma la frenologia in a antecedente delle teorie localizzazioniste sulle funzioni del sistema nervoso centrale.

4. La dimensione di un organo indica il suo potere

La dimensione relativa di ciascun organo rispetto al resto del cervello può essere presa come un segno dello sviluppo di una certa facoltà, secondo la frenologia. Allo stesso modo, un organo può essere più grande in uno degli emisferi cerebrali che nell'altro.

5. Gli organi determinano la forma del cranio

Gall ha detto che durante lo sviluppo infantile le ossa del cranio prendono la loro forma in base alle dimensioni degli organi cerebrali . Queste idiosincrasie strutturali e quelle psicologiche che derivano da esse sono mantenute durante il resto della vita una volta terminata la crescita del cervello.

6. La superficie del cranio rivela la mente

Probabilmente questo è il più famoso principio di frenologia : dato che lo sviluppo degli organi (e quindi delle facoltà) influenza la forma del cranio, l'analisi della sua superficie consente di determinare la personalità e il resto delle caratteristiche mentali di una persona.

Gall e la maggior parte dei frenologi hanno esaminato il cranio con le dita e i palmi delle mani per rilevare le peculiarità, come le fessure o le regioni sovrasviluppate. Hanno anche utilizzato misure a nastro e, occasionalmente, un calibratore speciale chiamato "gruometro".

Organi frenologici e facoltà mentali

Gall propose 27 facoltà associate agli organi cerebrali cemento. Sebbene la sua proposta sia la più conosciuta in questo campo, tra i frenologi non c'è mai stato un vero consenso riguardo al numero e alle caratteristiche di queste regioni.

  • 1. Impulso di propagazione (riproduttivo)
  • 2. Amore dei genitori
  • 3. Attaccamento e fedeltà amichevoli
  • 4. Valore e autoprotezione
  • 5. Omicidio e carnivorismo
  • 6. Astucia
  • 7. Furto e senso di proprietà
  • 8. Orgoglio, arroganza e amore per l'autorità
  • 9. Ambizione e vanità
  • 10. Prudenza
  • 11. Fitness per l'apprendimento e l'istruzione
  • 12. Senso di posizione
  • 13. Memoria delle persone
  • 14. Verbo senso e memoria
  • 15. Capacità linguistiche, talento per le parole
  • 16. Preferenza per il colore
  • 17. Senso per suoni e talento musicale
  • 18. Senso numerico e temporale
  • 19. Forma fisica meccanica
  • 20. Nitidezza comparativa
  • 21. Acuità metafisica
  • 22. Ingenuità, senso di causalità e inferenza
  • 23. Talento poetico
  • 24. Benevolenza, compassione e senso morale
  • 25. Mimetismo, capacità di imitare
  • 26. Teosofia, sentimento religioso
  • 27. Perseveranza e fermezza

Frenologia oggi

Sebbene i loro metodi fossero errati, alcune affermazioni di Gall sono state confermate nel tempo e nei progressi scientifici. Quindi, è noto che efficacemente ci sono strutture cerebrali rilevanti per determinate funzioni e che alcuni di essi si sviluppano con l'uso, come accade con l'ippocampo, implicati nella memoria.

Tuttavia, gli approcci frenologici erano molto riduttivi e rigidi rispetto a quanto si sa attualmente sulla distribuzione dell'attività cerebrale intorno alle regioni e ai percorsi. inoltre, gli "organi" identificati da Gall non corrispondono alle facoltà a cui li ha associati .

L'eccezione è la regione a cui ha attribuito la facoltà per la lingua e la memoria verbale, che si trova vicino alle aree di Broca e Wernicke. Queste strutture, rispettivamente nei lobi frontali e temporali, sono state correlate alla comprensione e alla produzione del linguaggio.

I contributi di frenologia e di altre posizioni di localizzazione sulle facoltà cerebrali hanno perso importanza oggigiorno, ma hanno permesso l'estensione delle conoscenze scientifiche. Sono particolarmente conosciuti le aree cerebrali descritte da Korbinian Brodmann , che può essere considerata una versione più seria della proposta di Gall.


I Simpson - Burns e la frenologia (Luglio 2020).


Articoli Correlati