yes, therapy helps!
Panofobia: sintomi e trattamento di questo curioso tipo di fobia

Panofobia: sintomi e trattamento di questo curioso tipo di fobia

Settembre 25, 2020

Abbiamo tutti paura di qualcosa in questa vita. In alcuni casi, anche questa paura arriva a prendere la forma di un'autentica fobia che può limitarci più o meno e che può essere diretta verso qualche stimolo concreto o meno. Ragni, altezze, sangue o iniezioni, parlare in pubblico, spazi chiusi, aeroplani o l'impossibilità di essere aiutati se abbiamo una crisi d'ansia sono alcuni tipici esempi di fobie.

Ma ora immagina che tutto ci abbia spaventato. Che eravamo costantemente spaventati dal fatto che qualcosa sarebbe successo. È quello che succede a quelli persone che presentano panofobia o omnifobia .

  • Articolo correlato: "Tipi di fobie: esplorare i disordini della paura"

Panofobia: la paura di tutto

Panofobia o omnifobia è intesa come un tipo di fobia che è piuttosto particolare. In realtà, può essere considerato uno dei più strani tipi di fobia. Ed è che le fobie di solito si riferiscono all'esistenza di un alto livello di paura o di panico verso uno stimolo o un tipo di stimolazione specifica che è riconosciuta come irrazionale e sproporzionata rispetto al livello di rischio reale coinvolto nello stimolo in questione. . La presenza dello stimolo in questione genera un alto livello di ansia, al punto che il soggetto evita le situazioni in cui può apparire ed evita il suo apparire.


Tuttavia, anche se in panofobia, se troviamo le reazioni precedenti, la verità è questa non esiste uno stimolo concreto per provocarli . O meglio, tutto diventa fobico. Ci troveremmo di fronte a un senso di panico e terrore, continuo e vago, senza un oggetto fisso che lo spieghi, che rimane continuo nel tempo.

Allo stesso modo, è anche possibile osservare una fluttuazione della paura tra diversi stimoli, passando a quelli più fobici di altri a seconda della situazione. La Panofobia non è attualmente registrata come una fobia nelle classificazioni diagnostiche come il Manuale Diangostico e Statistico dei Disturbi Mentali (o DSM) o la Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD), ma potrebbe entrare nella categoria di altri disturbi d'ansia non specificati .


  • Forse ti interessa: "Tipi di disturbi d'ansia e loro caratteristiche"

Interferenze nella vita quotidiana e nel corpo

Se una fobia specifica e specifica può diventare molto invalidante, è chiaro che la panofobia porta un alto livello di sofferenza, frustrazione e stanchezza a coloro che ne soffrono. Ha anche il potenziale per generare un'alterazione in tutte le aree vitali: la persona può avere paura di tutto ciò che percepisce, sia dal mondo esterno che dall'interno, e tende a soffrire di continua ansia e isolamento. La famiglia, gli amici, il lavoro o il tempo libero sono molto limitati e le persone intorno all'argomento potrebbero non comprendere la situazione della persona in questione.

È comune che i sintomi depressivi, la bassa autostima e il concetto di sé e le diverse alterazioni somatiche compaiano nel tempo. A livello fisico, la presenza di tachicardia, accelerazione del ritmo cardiorespiratorio, sudorazione, disturbi gastrointestinali , vomito, mal di testa, vertigini e svenimento sono comuni (come accade in altre fobie contro lo stimolo fobico). È necessario tenere presente che questo livello di continua agitazione può essere dannoso per l'organismo, esaurendo le nostre risorse e rendendo difficile la concentrazione e il mantenimento dell'energia.


Cause di questo disturbo

Le cause di questo disturbo non sono completamente note, e la panofobia è molto insolita e ci sono pochi studi su questo. Tuttavia, l'ipotesi dell'esistenza di un alto livello di eccitabilità del cervello di base potrebbe essere considerata, specialmente nel sistema limbico, che potrebbe aver interagito con la presenza di molteplici esperienze traumatiche. Con il passare del tempo, la paura generata da tale interazione sarebbe generalizzata alla maggior parte degli stimoli , o persino catturare la realtà come qualcosa di pericoloso nella sua interezza.

Anche il condizionamento e l'apprendimento di modelli genitoriali estremamente insicuri e con un altissimo livello di ansia e paura continuamente, o con scarsa capacità di fornire sentimenti di sicurezza o affetto al bambino, possono contribuire a questo fatto.

Relazione con altri disturbi psichiatrici

La panofobia è stata spesso collegata a condizioni psichiatriche diverse e molto conosciute. Infatti, viene spesso identificato (sebbene non sia esattamente lo stesso) con disturbo d'ansia generalizzato o GAD, in cui persistono agitazione e ansietà di fronte alle preoccupazioni quotidiane che il soggetto non può controllare. la cui anticipazione teme (spesso gli dà eccessiva importanza in relazione al possibile divenire).

Un altro disturbo con cui è stato strettamente collegato è con la schizofrenia questa paura può apparire a tutto con il passare del tempo sia nei pazienti con deterioramento che in quelli con un alto livello di agitazione. Di solito è un sintomo secondario piuttosto che definitivo del disturbo.

Infine, è stato anche collegato al disturbo borderline di personalità, caratterizzato da un'emotività intensa e traboccante, altamente labili e in cui chi ne soffre ha grandi difficoltà a gestire le emozioni. È un sintomo comune la presenza di sentimenti cronici di vuoto profondo, così come la disperazione all'idea di essere abbandonati e l'esecuzione di comportamenti diversi per evitarlo, idee deliranti e atteggiamenti aggressivi e autolesionisti.

Il trattamento della panofobia

Tenendo conto delle suddette caratteristiche della panofobia, il suo trattamento può sembrare più complicato di quello di altre fobie. Ma questo non significa che non è possibile combattere questo problema.

Come con tutte le altre fobie, La terapia dell'esposizione diventa una tecnica davvero utile . Tuttavia, c'è una difficoltà: la creazione di una gerarchia dell'esposizione. E in questo caso lo stimolo fobico non è specifico e in molti casi i pazienti non sono in grado di determinare ciò che temono. Mentre di solito ci concentriamo su un tipo di stimolo fobico, in questo caso è molto meno probabile. Quindi in questo tipo di fobia a cui il soggetto in questione dovrebbe essere esposto è la sensazione di paura in questione, potendo essere applicate le diverse paure che vanno narrando.

Inoltre, la desensibilizzazione sistematica è molto utile , in cui il soggetto deve imparare a emettere un comportamento incompatibile con l'ansia o la paura. Se necessario, al fine di facilitare il processo e il controllo estremo delle condizioni di esposizione, è possibile utilizzare l'esposizione nella realtà virtuale.

La ristrutturazione cognitiva è un'altra delle tecniche più utilizzate e può essere molto utile. Spiegare le convinzioni del soggetto su se stesso, rispetto al mondo e alla loro situazione per provare più tardi a proporre interpretazioni alternative e integrarle gradualmente nella psiche del paziente può consentire un migliore autocontrollo e nel tempo un livello inferiore di attivazione nervosa .

Anche la programmazione neurolinguistica e la tecnica dell'autoistruzione possono essere utili, in modo che riprogrammando come esprimiamo noi stessi e le auto-istruzioni che ci diamo, possiamo visualizzare noi stessi da una prospettiva più positiva e auto-efficace.

Anche l'apprendimento delle tecniche di rilassamento è importante. In casi estremi, potrebbe essere richiesto anche l'uso di farmaci al fine di controllare il livello di attivazione fisiologica, sebbene debba essere fatto del lavoro per esplorare l'origine che tale paura può avere ed eseguire terapie come quelle sopra menzionate.


TOP 5 FOBIE PIù ASSURDE DEL MONDO CHE NON CREDERAI VERE (Settembre 2020).


Articoli Correlati