yes, therapy helps!
Sovradiagnosi in salute mentale: principali cause e conseguenze

Sovradiagnosi in salute mentale: principali cause e conseguenze

Marzo 9, 2021

La sovradiagnosi in salute mentale è la tendenza a diagnosticare in modo generalizzato e sproporzionato una o più categorie cliniche di psichiatria. È una pratica recentemente messa in discussione all'interno dell'associazione specialistica a causa del recente aumenta in diverse diagnosi psichiatriche .

Tuttavia, questa è una tendenza che si verifica non solo nel campo della salute mentale, ma in altre specialità a causa di alcuni elementi che caratterizzano la pratica medica contemporanea.

in particolare, la sovradiagnosi della salute mentale può avere impatti diversi a livello individuale, economico e sociale , problemi che vedremo sviluppati di seguito


  • Articolo correlato: "Antipsychiatry: storia e concetti di questo movimento"

Sovradiagnosi in salute mentale

La sovradiagnosi della salute mentale è stata rivista soprattutto nei Disturbi dell'Umore dell'età adulta, nel Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) nell'infanzia e nel Disturbo dello Spettro Autistico nello stesso stadio di sviluppo . Quanto sopra, dopo che le sue cifre aumentarono in modo allarmante e sproporzionato nell'ultimo decennio, specialmente negli Stati Uniti, in Canada e in alcuni paesi europei (Peñas, JJ e Domínguez, J., 2012).

Secondo Pascual-Castroviejo (2008), in alcuni anni la prevalenza di ADHD è aumentata dal 4% al 6% fino al 20%, secondo diversi studi epidemiologici. Quando si parla di Disturbo da deficit di attenzione, è più diagnosticato nelle ragazze; mentre il disturbo da deficit di attenzione e iperattività è più diagnosticato nei bambini.


A sua volta, la depressione è più diagnosticata nelle donne che negli uomini . In questo caso, Leon-Sanromà, Fernández, Gau e Gomà (2015) mettono in dubbio la tendenza a mostrare le overdiagnosi su riviste specializzate. Ad esempio, uno studio condotto nella zona sud della Catalogna e pubblicato sulla rivista Atención Primaria, allertato di una prevalenza del 46,7% della depressione nella popolazione generale (53% nelle donne e 40% negli uomini), il che significa che quasi metà della popolazione totale di questa zona era in depressione.

Al contrario, secondo gli stessi autori, altri studi condotti con la popolazione consultante mostrano una prevalenza solo del 14,7% per la depressione maggiore e del 4,6% per la distimia, che ammonta a un totale del 19,3%. Questa cifra continua ad essere allarmante; tuttavia, ci allontana dal considerare che quasi la metà della popolazione vive con questa diagnosi.


Seguendo diversi autori, vedremo di seguito alcune delle pratiche che portano alla sovradiagnosi e quali sono i suoi principali rischi in termini fisiologici, psicologici, sociali ed economici .

  • Forse ti interessa: "Psicologia della salute: storia, definizione e campi di applicazione"

Perché viene generata l'overdiagnosi?

La sovradiagnosi è una conseguenza dei problemi metodologici presenti nello studio e / o nella definizione dei disturbi mentali, nel rilevamento di questi e nell'indagine sulla loro prevalenza. In altre parole, lo studio e la promozione delle malattie sono spesso mediati dai loro processi di definizione, nonché da l'uso strategico degli strumenti di rilevazione e delle statistiche (García Dauder e Pérez Saldaño, 2017, Leon-Sanromà, et al., 2015).

Nello specifico nel campo della salute mentale la validità della categoria "disturbo", la sua non specificità e la sua differenziazione rispetto al termine "malattia", così come i criteri che definiscono cosa "sano" e cosa non lo è. La stessa cosa è successa quando si parla di come vengono diagnosticati i disturbi mentali.

Ad esempio, alcuni casi di depressione sono stati confermati dopo l'uso di tecniche imprecise come l'applicazione di un test a cui viene attribuita erroneamente la qualità dell'offerta di diagnosi definitive (i test sono strumenti di rilevazione e differenziazione, non sono di per sé tecniche diagnostiche ) (Leon-Sanromà, et al., 2015).

D'altra parte, quando si valuta la proporzione di individui che hanno depressione, sono state utilizzate anche tecniche che non sono molto precise, come sondaggi telefonici o interviste strutturate che sovrastimano facilmente la loro prevalenza (Ezquiaga, García, Díaz de Neira e García, 2011). ). Oltre a questo, la letteratura scientifica di solito presta più attenzione alle diagnosi insufficienti rispetto alla sovradiagnosi .

In linea con quanto sopra, il problema metodologico legato alla definizione dei disturbi mentali diventa visibile nella facilità con cui sono generalizzati.Un esempio di questo è la tendenza a considerare che qualsiasi stato di umore decomposto è patologico, quando non è sempre il caso (Leon-Sanromà, et al., 2015). Questo stato può essere una risposta adattiva e normale a un evento doloroso, e non necessariamente una risposta sproporzionata e patologica.

Nello stesso senso, un altro dei problemi metodologici legati alla sovradiagnosi in salute mentale ha a che fare con la tendenza a esagerare o, per minimizzare le differenze tra i gruppi in base a diverse variabili come sesso, genere, classe sociale, tra gli altri. . spesso questa tendenza è implicita nei disegni, nell'ipotesi, nella raccolta e nell'analisi dei dati nelle indagini , generando una serie di pregiudizi sullo sviluppo e sulla prevalenza di diverse malattie (García Dauder e Pérez Sedeño, 2017).

5 modi per sapere cosa sta succedendo in questa pratica

Ci sono diversi fattori che possono avvisarti che una malattia viene sovradiagnosticata. Allo stesso modo, questi fattori rendono visibili alcuni processi che contribuiscono a questa tendenza. Per spiegarlo seguiremo il lavoro di Glasziou e Richards (2013); Leon-Sanromà, et al. (2015); e Martínez, Galán, Sánchez e González de Dios (2014).

1. Ci sono più tecniche di intervento, ma le malattie non diminuiscono

È possibile mettere in guardia sulla possibile sovradiagnosi di una malattia quando c'è una contraddizione importante tra l'intervento e la prevalenza delle malattie: c'è un aumento nel numero di tecniche di intervento della malattia (ad esempio, una maggiore produzione di farmaci e una maggiore indici di medicalizzazione). Tuttavia, questo aumento non si traduce in una diminuzione della prevalenza del disturbo .

2. Aumentare la soglia diagnostica

Al contrario, può succedere che non ci sia innovazione significativa e costante sulle tecniche di intervento; tuttavia, la soglia diagnostica non diminuisce, o addirittura aumenta. In altre parole, i cambiamenti nei criteri diagnostici aumentano il numero di persone colpite. Questo è un caso comune nei disturbi mentali , ma può anche essere visto in altre classificazioni mediche come l'osteoporosi, l'obesità o l'ipertensione.

Allo stesso modo, i pregiudizi attraversati dallo stigma della salute mentale, presenti sia nel personale sanitario che nella popolazione non specializzata, possono contribuire a una diagnosi generalizzata (Tara, Bethany e Nosek, 2008).

3. Anche i fattori di rischio sono considerati una malattia

Un altro indicatore è quando i fattori di rischio o le sostanze che indicano processi o stati biologici (biomarcatori) sono presentati come malattie. In relazione a ciò, le definizioni delle malattie vengono modificate in base a distinzioni non chiare tra loro; che genera poche prove sui benefici di tali modifiche di fronte agli effetti negativi che possono causare. Quest'ultimo è in parte una conseguenza di la scarsa accuratezza diagnostica che circonda alcuni disagi .

Allo stesso tempo, e come abbiamo detto, questa imprecisione è una conseguenza della metodologia utilizzata nello studio e della definizione di essi. Cioè, ha a che fare con il modo in cui determina ciò che è e ciò che non è una malattia, quali elementi vengono utilizzati per la sua spiegazione e quali elementi sono esclusi.

4. La variabilità clinica non è considerata

Lo spettro diagnostico dei disturbi mentali non è solo molto ampio, ma anche la sua definizione e i suoi criteri si basano principalmente su accordi tra specialisti , al di là delle prove oggettive.

Allo stesso modo, la gravità dei loro sintomi è determinata dall'intensità, dal numero di sintomi e dal grado di compromissione funzionale. Tuttavia, questa gravità è spesso generalizzata o considerata l'unica faccia della diagnosi, che non solo aumenta il numero di persone diagnosticate ma anche il numero di persone con diagnosi gravi.

5. Il ruolo degli specialisti

Secondo Martínez, Galán, Sánchez e González de Dios (2014), qualcosa che contribuisce alla sovradiagnosi è la parte della pratica medica il cui interesse è puramente scientifico e continua l'inerzia della ricerca di diagnosi sotto la rigidità del modello organicista .

Nello stesso senso, la posizione del professionista durante le consultazioni gioca un ruolo importante (ibidem). Questo è il caso poiché un profilo di salute occupato da contenimento emotivo non genera lo stesso effetto del profilo di salute quando attraversa la ri-produzione della domanda. Nel primo caso, la pseudorency non è favorita e, quindi, non viene trasmessa all'utente. Nel secondo può facilmente generare una banalizzazione della pratica medica .

Infine, in considerazione della crescente partecipazione dell'industria farmaceutica alla salute mentale, i conflitti di interesse sono considerevolmente aumentati in alcuni professionisti, centri sanitari e di ricerca e amministrazioni pubbliche, che a volte promuovono o supportano la medicalizzazione attraverso la diagnosi eccessiva.

Molte delle sue conseguenze

La sovradiagnosi della salute mentale è un fenomeno che si manifesta a breve e lungo termine, poiché ha conseguenze non solo a livello individuale ma anche a livello economico e sociale. Nella loro analisi della sovradiagnosi della depressione, Adán-Manes e Ayuso-Mateos (2010), stabiliscono tre impatti principali:

1. Impatto medico

Si riferisce al maggiore rischio di iatrogenesi, mentre L'eccessiva attenzione medica e la sovra-viralizzazione possono generare una cronologia del disagio . Allo stesso modo, la sovradiagnosi di certi disturbi può andare di pari passo con la sottodiagnosi degli altri e la loro conseguente mancanza di attenzione.

2. Impatto psicologico e sociale

Si traduce in una maggiore stigmatizzazione, con la possibile diminuzione dell'autonomia dell'utente e una mancanza di responsabilità dei fattori sociali coinvolti nel disagio. Si riferisce anche alla generalizzazione della psicopatologia come risposta più immediata nelle domande della vita di tutti i giorni , anche al di fuori del settore specializzato.

3. Impatto economico

Si manifesta in due sensi: il primo è rappresentato dai costi elevati legati all'assistenza sanitaria mentale, in particolare nei servizi di assistenza primaria, ma anche nei servizi specializzati, il che implica una spesa in infrastrutture, risorse umane e trattamenti farmacologici . E il secondo impatto è la progressiva diminuzione della produttività delle persone con diagnosi.

conclusione

Tenere conto di questi elementi e conseguenze non significa negare i disagi e le sofferenze, né significa che è necessario smettere di investire in indagini e interventi tempestivi e rispettosi. Significa questo è necessario stare all'erta in considerazione dei possibili effetti negativi dell'estrapolazione delle pratiche biomediche verso la comprensione e l'approccio a tutti gli aspetti della vita umana.

Inoltre, ci mette in guardia sulla necessità di rivedere costantemente i criteri e la metodologia che definisce e interviene nella salute mentale.

Riferimenti bibliografici:

  • Adán-Manes, J. e Ayuso-Mateos, J.L. (2010). Sovradiagnosi e sovra-trattamento del disturbo depressivo maggiore nelle cure primarie: un fenomeno in aumento. Primary Care, 42 (1): 47-49.
  • Ezquiaga, E., Garcia, A., Diaz de la Neira, M. e Garcia, M. J. (2011). "La depressione". Imprecisione diagnostica e terapeutica. Importanti conseguenze nella pratica clinica. Rivista dell'Associazione Spagnola di Neuropsichiatria, 31 (111): 457-475.
  • García Dauder. (S). e Pérez Sedeño, E. (2017). Le bugie scientifiche sulle donne. Cascata: Madrid.
  • García Peñas, J. J. e Domínguez Carral, J. (2012). Esiste una sovradiagnosi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)? Evidenza in pediatria, 8 (3): 1-5.
  • Glasziou, P. e Moynihan, R. (2013). Troppa medicina; troppa poca cura, British Medical Journal, 7915: 7
  • Leon-Sanromà, M., Fernández, M.J., Gau, A. e Gomà, J. (2015). Metà della popolazione è stata diagnosticata con la depressione? Primary Care, 47 (4): 257-258.
  • Martínez, C., Riaño, R., Sánchez, M. e González de Dios, J. (2014). Prevenzione quaternaria. Contenimento come imperativo etico. Associazione spagnola di pediatria, 81 (6): 396.e1-396.e8.
  • Pascual-Castroviejo, I. (2008). Disturbi del deficit di attenzione e iperattività. Associazione Spagnola di Pediatria. Recuperato il 18 settembre 2018. Disponibile all'indirizzo //www.aeped.es/sites/default/files/documentos/20-tdah.pdf.
  • Valdecasas, J. (2018). La salute mentale al bivio: cercare una nuova psichiatria per un mondo sempre più malato. Piattaforma No, grazie. Recuperato il 18 settembre 2018. Disponibile su //www.nogracias.eu/2018/01/07/la-salud-mental-la-encrucijada-seeking-a-new-psiquiatria-mundo-vez-mas-enfermo-jose -valdecasas /.

La Osteoporosis no es una cuestión ni de Calcio ni de Lácteos, por la Dra. Olga Cuevas (Marzo 2021).


Articoli Correlati