yes, therapy helps!
Nosophobia (paura di ammalarsi): sintomi, cause e trattamento

Nosophobia (paura di ammalarsi): sintomi, cause e trattamento

Giugno 11, 2024

Sebbene la preoccupazione per la propria salute e il fatto di non voler ammalarsi è una reazione normale e razionale data dalla necessità di evitare il dolore e la propria sopravvivenza, quando questa preoccupazione diventa una paura eccessiva e irrazionale possiamo essere di fronte a un caso di nosophobia .

In questo articolo parleremo di questa paura esagerata di contrarre una malattia; così come i sintomi che presenta, le cause e le possibili cure a cui il paziente può essere sottoposto.

  • Articolo correlato: "Tipi di fobie: esplorare i disordini della paura"

Cos'è la nosophobia?

La nosofofobia è classificata all'interno dei disturbi specifici dell'ansia ed è caratterizzata dal fatto di causare al paziente una paura esacerbata, irrazionale e incontrollabile di soffrire o sviluppare una malattia mortale.


Anche se non deve essere sempre così, la nosophobia è più comune nelle persone il cui lavoro o contesto è strettamente correlato al mondo delle malattie o della salute , così come negli studenti di scienze della salute. Si ipotizza che la ragione di questa maggiore incidenza possa essere correlata all'impronta o impressione che alcune patologie possono causare nella mente della persona.

Una delle caratteristiche delle persone che soffrono di nosophobia è che, sebbene per loro qualsiasi sintomo possa essere un segno di una malattia mortale, evitare a tutti i costi andare dal medico . La ragione di questo è la paura esasperata di scoprire che hanno una condizione pericolosa o letale, quindi preferiscono vivere senza scoprirlo.


Inoltre, questi pazienti sentono totale avversione per il passare del tempo e il fatto di aver completato gli anni. Poiché all'età avanzata più possibilità di sviluppare una malattia mortale e più vicina è la morte.

Come differenziarlo da una paura normativa?

Sperimentare una certa paura di contrarre o sviluppare qualsiasi tipo di malattia, specialmente se è letale o rappresenta un serio rischio per la salute, è completamente normale; poiché è una reazione evolutiva e segue un istinto di sopravvivenza. Quindi, è così importante specificare le caratteristiche che distinguono una paura fobica da una paura abituale o normativa.

La prima differenza è questa la paura fobica è completamente irrazionale, la persona non è in grado di trovare un ragionamento logico o una base da temere chi sperimenta e può persino arrivare ad accettare questa irrazionalità, ma non può ancora combatterlo.


La seconda distinzione propria di questo tipo di disturbo è che la paura sperimentata è completamente sproporzionata rispetto alla reale minaccia che esiste. Sebbene al momento ci sia sempre la possibilità di sviluppare una malattia mortale, il livello di paura vissuto da queste persone è eccessivo ed esagerato.

Infine, nelle paure fobiche la persona non è assolutamente in grado di controllare la paura sperimentata. Questo significa che la persona non può impedire ai sentimenti e alle sensazioni di ansia di apparire , così come l'intrusione di pensieri e convinzioni intrusive che migliorano questa ansia.

Nosophobia e ipocondria: differenze

Anche se è vero che entrambe le alterazioni psicologiche sono correlate e che una persona ipocondriaca può sviluppare la nosophobia, ci sono alcune caratteristiche che differenziano ciascuno dei disturbi.

Il primo, e più distintivo, è quello a differenza di una persona ipocondriaca, chi soffre di nosophobia non crede di aver sviluppato la malattia , sperimenta solo una profonda paura di farlo.

Inoltre, come accennato in precedenza, una persona con ipocondria fa visite costanti al centro di salute per confermare i loro sospetti mentre in nosophobia è evitata con tutti i mezzi andare dal medico.

È un meccanismo di evitamento con cui la persona può evitare qualsiasi rischio di scoprire una malattia mortale. Allo stesso modo, le persone affette da nosofobia evitano il contatto con persone malate, parlano, leggono o guardano film o documentari che possono essere correlati a malattie.

A differenza degli ipocondriaci, che si dedicano alla ricerca o trovano tutte le informazioni possibili su qualsiasi malattia, la nosophobia è preferibile ignorare e ignorare qualcuno di questi problemi per paura di essere riconosciuti.

  • Forse ti interessa: "Ipocondri: cause, sintomi e possibili trattamenti"

Quali sono i sintomi di questo disturbo d'ansia?

In tutto l'articolo, alcuni dei sintomi caratteristici della nosophobia sono già stati menzionati. Tuttavia, è necessario specificare che, poiché si tratta di un disturbo d'ansia specifico, Ci sono molti altri sintomi in relazione a questo tipo di fobie .

Come nel resto delle fobie, il quadro clinico della nosophobia è diviso in tre gruppi: sintomi fisici, sintomi cognitivi e sintomi comportamentali.Tuttavia, anche se la maggior parte delle persone sperimenta gli stessi sintomi, questa fobia presenta una grande variabilità tra le persone.

Nei sintomi fisici la persona sperimenta un aumento dell'attività del sistema nervoso , che si traduce in molti altri sintomi come aumento della pressione sanguigna, tachicardia, tensione muscolare o dolori allo stomaco.

Per quanto riguarda la sintomatologia cognitiva questo si distingue per la presenza di una serie di idee e credenze irrazionali in relazione alla possibilità di sviluppare una malattia potenzialmente mortale.

Infine, come menzionato nel punto precedente, la persona sperimenta anche una serie di sintomi comportamentali. Nel caso specifico della nosophobia, la persona tende ad eseguire comportamenti di evitamento come non andare dal medico, evitando visite mediche e cercando di evitare qualsiasi informazione o esposizione correlata in qualche modo a malattie letali.

Quali sono le cause?

Sebbene sia molto difficile scoprire la causa specifica di una fobia, Si ipotizza che una predisposizione genetica, unita alla sperimentazione di esperienze altamente traumatiche Può portare allo sviluppo di fobie.

Nel caso specifico della nosophobia, l'esperienza della morte di una persona cara o vicino a una malattia mortale può essere sufficiente per sviluppare questa fobia. Inoltre, il fatto di essere costantemente esposti a media o ambienti in cui la morte per malattia è un evento comune (ospedali, case di cura, centri sanitari) o essere uno studente di qualsiasi ramo della salute, sono anche fattori di rischio al momento di acquisire questo tipo di disturbo d'ansia.

C'è un trattamento?

Fortunatamente, ci sono diverse terapie psicologiche che possono aiutare a ridurre l'intensità dei sintomi della nosophobia fino al punto di scomparire. L'intervento attraverso la ristrutturazione cognitiva può favorire l'eliminazione di pensieri e credenze irrazionali, che costituiscono la base di questo disturbo,

Allo stesso modo, il trattamento mediante desensibilizzazione sistematica, in cui il paziente è mentalmente e gradualmente esposto ai pensieri o alle situazioni temute, accompagnato da un allenamento in tecniche di rilassamento sono molto efficaci nel momento in cui la persona può ripristinare il tuo solito ritmo di vita.


Nosophobia & The Law of Attraction (Giugno 2024).


Articoli Correlati