yes, therapy helps!
Sindrome neurolettica maligna: sintomi, cause e trattamento

Sindrome neurolettica maligna: sintomi, cause e trattamento

Potrebbe 1, 2024

L'uso di farmaci antipsicotici nell'ambito della salute mentale è uno dei rimedi più utilizzati quando si interviene in un paziente con qualche tipo di disturbo o malattia in cui vi sono una serie di sintomi psicotici. Inoltre, è sempre più comune la prescrizione per i cambiamenti nei disturbi dell'umore e della personalità.

Tuttavia, a volte il consumo di questo farmaco antipsicotico è associato a determinati effetti collaterali, che interferiscono con il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale. Una strana malattia associata agli effetti di questo farmaco è la sindrome neurolettica maligna , che può portare a numerose complicazioni nel corpo e persino alla morte.


Definizione di sindrome neurolettica maligna

La sindrome neurolettica maligna è una condizione rara causata da una risposta avversa agli effetti dei farmaci antipsicotici, in primo luogo, o da altri farmaci associati nel secondo. Questa risposta può essere causata dall'azione del farmaco o dal suo ritiro improvviso.

Questa sindrome insolita si distingue per complicazioni come disautonomia, aumento della temperatura corporea, cambiamenti nello stato di coscienza e morte in quei casi in cui non vi è alcun intervento nel tempo.

Questa sindrome deve interessare in misura maggiore i maschi ei giovani ai quali viene somministrato un rilascio prolungato neurolettico . Così come nei pazienti con Parkinson che sono moderati nel dosaggio o il consueto trattamento dopaminergico è annullato.


sintomatologia

I sintomi associati alla sindrome neurolettica maligna tendono ad apparire durante i primi tre giorni dopo l'inizio della terapia . Questi sintomi iniziano con la comparsa della sensazione di ansia che precede le alterazioni dello stato di coscienza.

Le manifestazioni più caratteristiche di questa sindrome sono l'ipertermia e la rigidità muscolare. Per quanto riguarda l'ipertermia, la persona può soffrire febbri comprese tra 38,5 ° e oltre 40 °, che è considerato un requisito essenziale per la diagnosi di questa condizione.

D'altra parte, la rigidità muscolare può causare complicazioni come disartria o difficoltà nell'articolazione dei suoni, problemi di deglutizione e eccessiva secrezione di saliva. Così come l'ipoventilazione e l'asfissia o difficoltà respiratorie.

Altri sintomi riscontrati nella persona affetta da questa sindrome includono:


  • tachicardie
  • Diaforesi o sudorazione eccessiva
  • Pallore cutaneo
  • incontinenza
  • ipertensione
  • Obesità, ottusità o coma
  • Alterazione dei riflessi
  • Convulsioni generalizzate
  • tremori
  • Insufficienza renale

Cause di questa sindrome

Le principali teorie nello studio della sindrome neurolettica maligna indicano i diversi effetti che i neurolettici possono avere sulla corretta articolazione del sistema piramidale e sull'ipotalamo.

L'ipotesi più supportata dalla comunità scientifica e medica propone che una diminuzione dell'attività dopaminergica del sistema nervoso centrale possa interferire nel corretto funzionamento dei nuclei basali e dell'ipotalamo.

  • La base di questa teoria si basa su due giustificazioni:
  • La sindrome ha origine dopo la somministrazione di farmaci antidopaminergici
  • La dopamina è un neurotrasmettitore che media le patologie nel sistema nervoso centrale che includono alterazioni del tono muscolare e termoregolazione

inoltre, Altri sintomi come rigidità muscolare, movimenti lenti, mutismo e strappi o palpitazioni possono essere causati da instabilità o alterazione del sistema dopaminergico nell'ipotalamo.

Infine, è stato osservato che la somministrazione di farmaci agonisti della dopamina, come la bromocriptina, è efficace nel ridurre i sintomi associati alla sindrome neurolettica maligna.

Diagnosi e diagnosi differenziale

Ci sono una serie di criteri fermamente stabiliti per la diagnosi di questo disturbo. Questi criteri sono classificati in maggiore e minore e la persona deve soddisfare, almeno, i tre criteri principali, o due principali e quattro minori.

Criteri principali

I criteri principali includono ipertermia, tensione muscolare, aumento della creatina chinasi (CPK).

Criteri minori

Tachicardia, pressione arteriosa anomala, aumento della frequenza respiratoria, cambiamenti nella coscienza, sudorazione e leucocitosi.

Tuttavia, ci sono discrepanze all'interno della comunità medica quando si tratta di evidenziare l'aumento della creatina chinasi (CPK) come criterio di maggiore importanza.Da questo punto di vista, una serie di criteri diagnostici alternativi sono stati progettati in base al quale, per una diagnosi efficace, la persona deve soffrire di questi tre sintomi:

  • Ipertermia o innalzamento della temperatura superiore a 37,5 °, senza che vi sia un'altra patologia che lo giustifichi.
  • Grave manifestazioni extrapiramidali come tensione muscolare, disfagia, eccessiva secrezione di saliva, alterazioni del movimento oculare, arcata della colonna vertebrale o digrignamento dei denti.
  • Depressione del sistema nervoso autonomo

Poiché il potenziale di mortalità della sindrome neurolettica maligna è considerevolmente elevato, È necessario escludere qualsiasi altro tipo di condizione o malattia, nonché corrente nel modo più rapido possibile .

Per la diagnosi differenziale, deve essere esclusa la possibilità che la persona subisca una delle seguenti alterazioni:

Sintomi causati dallo sviluppo di un'infezione nel sistema nervoso centrale

  • Catatonia letale
  • Ipertermia maligna prodotta da farmaci anestetici o da rilassanti muscolari
  • Colpo di calore
  • Atropinismo o avvelenamento da overdose di farmaci anticolinergici

trattamento

Nei casi in cui la sindrome è prodotta dagli effetti dei neurolettici sarà necessario, prima di tutto, ritirare i farmaci e fornire supporto e cure di soccorso sia per abbassare la temperatura corporea sia per invertire l'ipotensione arteriosa ripristinando i liquidi e l'uso di farmaci vasoattivi.

Nella maggior parte dei casi in cui la sindrome viene rilevata nel tempo l'intervento di supporto è efficace ed è sufficiente che la sindrome si riferisca e conduca il paziente a un recupero senza alcun tipo di sequela .

  • Il farmaco di riferimento usato per trattare la sindrome neurolettica maligna include:
  • Farmaci anticolinergici per il trattamento dei sintomi extrapiramidali.
  • Dantrolene sodio per rilassare i muscoli e terminare la tensione muscolare
  • Benzodiazepine per ridurre l'ansia e bassi livelli di agitazione
  • Clozapina per ripristinare i farmaci neurolettici

Prognosi e possibili complicanze

Nel momento in cui il farmaco viene sospeso e inizia il trattamento per la sindrome neurolettica maligna, l'evoluzione dei sintomi dovrebbe essere positiva, cioè il paziente dovrebbe migliorare progressivamente.

Tuttavia, ci sono serie relativamente frequenti di complicazioni che potrebbero ostacolare questa ripresa. Queste difficoltà includono:

  • Insufficienza renale
  • Insufficienza respiratoria o embolia polmonare
  • Battute d'arresto come insufficienza epatica, insufficienza cardiaca o convulsioni

Nonostante la gravità dei sintomi e le possibili complicanze la persona può superare la malattia finché è trattata in tempo . Altrimenti, la probabilità di morte aumenta considerevolmente, essendo le cause più comuni di morte: insufficienza cardiaca, polmonite, embolia polmonare, sepsi ed insufficienza epatorenale.


Mario Amore la sindrome maligna da neurolettici (Potrebbe 2024).


Articoli Correlati