yes, therapy helps!
'Namaste': cosa significa esattamente?

'Namaste': cosa significa esattamente?

Marzo 30, 2020

Se hai il privilegio di essere una persona nel mondo del rilassamento e pratica alcune discipline come lo yoga, potresti aver notato che gli istruttori usano spesso una parola intrigante: Namaste .

Allo stesso modo, è anche molto comune che tu abbia sentito lo stesso termine in certe occasioni in certi ambienti di approfondimento spirituale e in alcune culture dell'Asia. Ma qual è il significato di questa parola?

Cosa significa la parola "Namaste"?

Namaste (puoi anche trovarlo scritto come 'Námaste', con tilde in 'a') è un termine che viene dalla lingua sanscrita (il linguaggio classico del India ), e il suo significato è sconosciuto alla maggior parte delle persone proprio per questo: il termine Namaste ha origine in terre lontane da qualsiasi regione di lingua spagnola. Quindi, nel testo di oggi, saremo incaricati di scoprire la storia e le applicazioni di questa bellissima parola.


L'origine di Namaste

il radici etimologiche della parola Namaste si trovano nella cultura atavica indù . Una delle molte lingue parlate nella geografia indiana e nepalese è la sanscrito, che è considerato una lingua sacra per i professionisti dell'Induismo.

Il termine Namaste, quindi, è usato come un modo tradizionale di saluto, sia in un momento di incontro che negli addii, e di solito è fatto gesto di unire i palmi delle mani davanti al petto quando pronunciato (gesto che viene chiamato mudra) . È anche usato per rendere grazie o per chiedere qualcosa, e sempre come un segno inequivocabile di rispetto verso l'interlocutore.


Il significato di Namaste

L'etimologia della parola Namaste rivela che ci sono due radici che costituiscono il termine. Il primo, namas , è un nome neutro che significa qualcosa come "saluto", "riverenza" o "cortesia", ed è una particella derivata dalla radice nam , il cui significato è: "inchinarsi" o "riverenza".

La seconda radice di Namaste è costituita dal pronome voi , che è la seconda persona del singolare dell'oggetto indiretto: "a ti". Per questa ragione, una traduzione esatta, etimologicamente parlando, di Namaste potrebbe essere: "Ti saluto" o "Mi inchino a te".

Al momento, la lingua hindi e molti dei suoi dialetti usano il termine in modo abituale, essendo uno dei tanti modi di Saluta o saluta di qualcuno


  • Vi invitiamo a leggere questo articolo: "20 frasi sagge per riflettere sulla vita"

Spiritualità, yoga e Namaste

  • Prima di tutto: se ancora non lo sai i benefici psicologici dello yoga , ti invitiamo a scoprirli leggendo in questo articolo

Essendo il significato di Namaste qualcosa di così concreto, Perché viene usato così spesso nelle discipline orientali di relalizzazione e meditazione?

Il significato spirituale e filosofico del sanscrito dà a Namaste uno sguardo che sfugge alla sua definizione puramente semantica. Il buddismo incorpora questa parola nella sua tradizione spirituale.

Secondo gli esperti, la particella "namas" può acquisire il significato di "niente di me "Dimostrando che il sé della persona che afferma il termine è ridotto al nulla, essendo questo un segno dell'atteggiamento di assoluta umiltà verso l'interlocutore. Quando il saluto Namaste è fatto dall'autenticità dell'anima, dicono, si crea un vero legame tra le due persone, oltre interessi, aspettative e ruoli sociali .

Essenza divina: buddismo e purificazione dell'anima

Un'altra caratteristica interessante del significato spirituale di questa parola risiede nella convinzione che c'è un'essenza divina in ogni persona . Quindi, secondo le tradizioni religiose in cui questo termine è radicato, pronunciando la parola Namaste accompagnata dal mudra (mani unite in posizione di preghiera e un leggero inchino del tronco in avanti, il cui significato culturale proviene dalle religioni Orientali), stiamo assistendo alla presenza dell'essenza di Dio in se stessi e nell'altra persona. Le essenze divine sono riconosciute e accolte.

Sebbene nelle sessioni di yoga di Namaste Namaste sia spesso usato come addio, alla fine della lezione, la verità è che è più un saluto che un modo di dire addio. In effetti, i professionisti delle discipline orientali della conoscenza di sé raccomandano che Namaste sia usato nell'introduzione e i primi esercizi di ogni sessione, a titolo di Mantra (anche se non vi è alcuna ragione basata sul metodo scientifico con cui la parola Namaste dovrebbe essere usata in un contesto e non in un altro).Questa espressione è spesso usata nel mondo occidentale come un modo per esprimere gli auguri verso l'altro.

Tuttavia, gli insegnanti di yoga preferiscono usare il mantra alla fine della lezione, poiché questo è il momento in cui l'ambiente e la psiche di ciascuno degli studenti sono in una situazione più incline a beneficiare di Namaste.

L'uso secolare di questo termine

Certamente, non è necessario credere nella fede buddista per usare questo termine. Tuttavia, dobbiamo tenere a mente che poiché la pratica di molte forme di meditazione di solito si verifica in ambienti associati al buddismo, può essere un elemento che contribuisce all'impostazione delle sessioni e ad aumentare il loro potere di suggestione.

Non dimenticarlo compiti relativi alla regolazione dell'attenzione focalizzata gli aspetti associati alla suggestione sono molto importanti, motivo per cui vale la pena sfruttare il suo potenziale per ottenere l'effetto desiderato e facilitare il lavoro di coloro che partecipano a queste esperienze.

Riferimenti bibliografici:

  • Borges, Jorge Luis con Alicia Jurado (1976). Cos'è il buddismo?. 2000. Madrid: Alleanza editoriale.
  • Gethin, Rupert (1998). Le basi del buddismo. Oxford University Press.



OSHO: I Leave You My Dream (Marzo 2020).


Articoli Correlati