yes, therapy helps!
Mirmecofobia (fobia delle formiche): sintomi e trattamento

Mirmecofobia (fobia delle formiche): sintomi e trattamento

Agosto 10, 2020

Le formiche sono molto comuni e facili da trovare insetti nel nostro giorno, anche all'interno di una città. Basta andare in un parco per trovare un formicaio o una fila di questi esseri che raccolgono cibo. A differenza di quanto accade con altri insetti come gli scarafaggi, di solito le formiche non si vedono con eccessivo dispiacere dalla maggior parte della popolazione. In effetti, molti addirittura appaiono nelle favole e nelle storie come esempio di tenacia, impegno e organizzazione.

Tuttavia, per molte persone l'idea stessa di vedere uno di questi esseri suppone la comparsa di panico e ansia estremi, insieme alla necessità di fuggire da quell'essere ed evitare i luoghi dove possono essere. Lo è cosa succede a quelli con la morfecofobia .


  • Articolo correlato: "Tipi di fobie: esplorare i disordini della paura"

Mirmecofobia: la fobia delle formiche

È inteso come mirmecofobia per la fobia delle formiche, cioè, una variante del disturbo d'ansia . È una delle fobie specifiche legate alla presenza di qualche tipo di animale, essendo questo tipo di fobie relativamente frequente nella popolazione.

Come una fobia che suppone l'esistenza di una paura irrazionale o sproporzionata legata alla comparsa di uno stimolo o di una situazione , in questo caso le formiche. Questa paura o paura appare costantemente ogni volta che l'organismo è esposto alla presenza di formiche, un bisogno urgente di fuggire o evitare di essere in loro presenza o mantenere il contatto con loro. Questo bisogno di solito porta all'elusione effettiva di entrambe le formiche e dei luoghi in cui il loro aspetto è frequente. Se la persona che ne soffre non può fuggire, può rimanere prima della stimolazione, ma sperimentare un livello molto elevato di ansia e disagio.


Per quelli che hanno questa fobia, vedere una fila di formiche o anche una sola di esse è un calvario . Lo stesso accade con la vista di un formicaio, anche se non vi è alcuna presenza visibile dei suoi abitanti nelle vicinanze. Il senso di panico genera un'alta sensazione di attivazione fisiologica, essendo abituale la presenza di sudorazione, tremori, tachicardia, iperventilazione, tensione muscolare e persino alterazioni gastrointestinali come nausea e vomito. Può verificarsi una crisi d'ansia o un attacco di panico. Inoltre, non è raro che durante la visualizzazione di una formica possano avvertire formicolio o la sensazione che stiano salendo attraverso il loro corpo.

Mirmecofobia può far sì che la persona eviti luoghi come la campagna, i parchi o le aree verdi. Ciò può causare un'interruzione o una limitazione nella vita del paziente, evitando, ad esempio, di portare i bambini a giocare nel parco, a giocare all'aperto oa visitare aree rurali. Tuttavia, a livello generale, di solito non genera un'affettività nella maggior parte delle aree vitali, poiché sebbene sia relativamente facile trovare formiche, esse non sono presenti e visibili nella maggior parte dei luoghi che frequentiamo.


Anche se non è una condizione pericolosa di per sé per la salute, la verità è che in alcuni casi può portare a comportamenti potenzialmente pericolosi . Ci sono casi documentati di persone che si sono date fuoco a causa del panico quando hanno notato che avevano formiche nei loro corpi.

  • Articolo correlato: "Tipi di disturbi d'ansia e loro caratteristiche"

Cause: una fobia di origine adattiva?

Le cause della mirmecofobia e le altre fobie specifiche non sono del tutto chiare e dipendono in larga misura da ciascun caso. Ci sono diverse ipotesi in questo senso, che collegano principalmente aspetti biologici e gli eventi e l'apprendimento sperimentato dal soggetto.

Nel caso delle fobie relative agli animali e in particolare agli insetti, come nel caso in esame, una delle ipotesi più valide e considerate è la teoria della preparazione di Seligman . Questa teoria stabilisce che la paura o il panico di certi animali sia il prodotto dell'evoluzione: durante il nostro sviluppo come specie l'essere umano ha appreso che il morso di molti insetti era pericoloso, sopravvivendo in misura maggiore a quei soggetti con una naturale tendenza ad evitarli . In questo modo, la risposta di panico che porta all'elusione dell'animale in questione (in questo caso le formiche) sarebbe il prodotto dell'eredità trasmessa dai nostri antenati.

Imparare dall'esperienza di situazioni avversive legata alle formiche è anche un'altra ipotesi, associando la figura della formica con elementi negativi attraverso il condizionamento.

trattamento

Mirmecofobia è un disturbo fobico che può essere trattato con la terapia . Il metodo che si è dimostrato più efficace nella lotta e nella risoluzione è, sebbene possa sembrare crudele, la terapia dell'esposizione.

Questa terapia si basa sul fatto che il paziente sia esposto allo stimolo temuto, in questo caso le formiche, senza comportamenti evitanti. In generale, per eseguire la terapia di esposizione è necessario un approccio graduale: prima dell'esposizione, paziente e terapeuta costruiscono congiuntamente una gerarchia di situazioni o stimoli che generano ansia, ordinandoli in base al grado di ansia e panico generato. Ad esempio, non genererà lo stesso livello di ansia vedere un formicaio che le formiche si muovono o non è lo stesso vedere una formica che lasciamo camminare per mano.

Si consiglia di iniziare con stimoli di media intensità, anche se si baserà su ciò che il paziente è in grado di supportare. Il soggetto dovrà rimanere nella situazione fino a quando l'ansia generata è in gran parte scomparsa e la necessità di evitare la situazione non appare. Lo stesso stimolo continuerà fino a quando non si verificano almeno due esposizioni con un livello minimo di ansia, prima di passare allo stimolo successivo nella gerarchia. Una fuga temporanea può essere consentita se l'ansia lo supera, finché si impegna a tornare.

Generalmente, la versione dell'esposizione più utilizzata e più apprezzata è l'esposizione dal vivo (cioè con stimoli reali), ma è anche possibile utilizzare la realtà virtuale (specialmente nel caso in questione) in modo che il terapeuta possa controllare in maggiore misurare la stimolazione che il paziente riceve. L'esposizione all'immaginazione può essere usata anche nei casi in cui c'è un'ansia iniziale molto alta, a volte come preambolo dell'esposizione dal vivo.

Potrebbe anche essere utile usare le tecniche di rilassamento ridurre l'ansia percepita dal paziente, sia quando si affronta lo stimolo sia come modo di prepararsi per la mostra. Ovviamente, questa tecnica dovrebbe essere usata per rilassarsi, essendo importante che non venga usata come evitamento o fuga mentale dallo stimolo temuto. A volte può essere necessario applicare una ristrutturazione cognitiva, al fine di combattere le convinzioni disfunzionali che possono essere l'origine o il fattore di mantenere il panico (ad esempio, la credenza nell'incompetenza o l'impossibilità di affrontare la paura).

  • Forse sei interessato: "6 tecniche di rilassamento facili per combattere lo stress"

Riferimenti bibliografici

  • American Psychiatric Association. (2013). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Quinta edizione DSM-V. Masson, Barcellona.

Top 10 Fobias Más Aterradoras Del Mundo (Agosto 2020).


Articoli Correlati