yes, therapy helps!
Kodokushi: l'ondata di morti solitarie che devastano il Giappone

Kodokushi: l'ondata di morti solitarie che devastano il Giappone

Marzo 9, 2021

Se pensiamo al Giappone, probabilmente le prime cose che vengono in mente sono la sua miscela di tradizione e avanguardia, il suo potere economico e tecnologico (specialmente per quanto riguarda la robotica), samurai e geishe o anche frequenti disastri naturali. quelli che di solito devono affrontare.

Concentrandosi più specificamente sul loro modo di vivere, si tende a mettere in evidenza l'estremo livello delle richieste personali e sociali della loro società, la loro alta produttività del lavoro e la ricerca di una buona reputazione per se stessi, le loro famiglie e antenati.

Tuttavia, poche persone tendono a pensare all'alto livello di solitudine che ha una gran parte della loro popolazione, soprattutto quando raggiungono la pensione e la vecchiaia. Questo fatto ha portato all'apparizione un fenomeno triste che sta diventando più frequente: il kodokushi , di cui parleremo in seguito.


  • Articolo correlato: "Sindromi culturali: cosa sono, quali sintomi presentano e 7 esempi"

Kodokushi: una morte in solitudine

È inteso come kodokushi o morte solitaria a un fenomeno in aumento in Giappone, al punto di diventare un problema sociale .

È, come indica la traduzione del termine, il processo attraverso il quale un gran numero di persone muoiono nella più assoluta solitudine nelle loro case, la loro morte è sconosciuta per un po 'e di solito viene trovata giorni o settimane dopo a causa degli odori di decomposizione.

Generalmente questo fenomeno si osserva in persone dai quarantacinque ai cinquant'anni, specialmente nel caso dei maschi.


In molti casi non hanno rapporti di amicizia stretti e non sono riusciti a formare una famiglia (molti di loro sono single), o nonostante il mantenimento dei legami familiari non sono stati visti su base frequente o giornaliera. Di solito sono persone che sono sole negli ultimi momenti della loro vita , generalmente anziani.

Tuttavia, sono stati osservati casi anche in giovani che non hanno i mezzi per sopravvivere, così come in persone che soffrono di disabilità mentale o che si trovano in situazioni di dipendenza o grave malattia in persone che vivono da sole e non hanno contatti o rete di supporto. sociale. In alcuni casi, non solo muore una persona, ma diverse persone che vivevano insieme, come coppie, madri e bambini. In quest'ultimo parleremo più di koritsushi .

Le cause specifiche della morte variano enormemente in ciascun caso, anche se è comune trovare casi di incidenti cerebrovascolari, attacchi cardiaci, fame o mancanza di nutrienti o conseguenze di dipendenze, tra cui la cirrosi derivante dall'alcolismo (spesso usato per alleviare sensazione di solitudine).


Cause di morte solitaria

Il kodokushi o la morte solitaria non ha una sola causa, essendo un fenomeno multicausale, ma è generalmente considerato che la sua alta prevalenza sia dovuta principalmente alle difficoltà che possono generare combinazione di uno stile di vita così impegnativo e orientato professionalmente, fattori culturali e il progressivo invecchiamento della popolazione.

Andando più nel dettaglio, una delle sue cause principali e uno dei suoi elementi determinanti è la solitudine: l'alto livello di domanda professionale e la costante ricerca dell'eccellenza fanno sì che gran parte della popolazione giapponese lasci fuori aspetti importanti come le relazioni sociali e la vita personale, rimanendo una proporzione significativa di persone single (infatti, in alcuni settori circa un quarto della popolazione oltre i cinquanta) e con pochi contatti sociali.

Spesso si afferma che parte della colpa della situazione è che difficilmente hanno tempo per farlo, al di là dei contatti di lavoro che si concludono dopo il pensionamento. Infatti, nonostante l'alto livello di popolazione in un territorio relativamente piccolo e la visione tradizionale in cui le persone anziane vivono con i loro figli e nipoti, Il Giappone è uno dei paesi considerati tra i più solitari del mondo .

Parte della causa è anche il fatto che la domanda di eccellenza che rende la società, estremamente focalizzata sulla crescita economica e per essere produttiva, genera alti livelli di stress che finiscono per generare apatia e mancanza di desiderio di relazionarsi e attivarsi.

Tutto ciò influenza anche il livello demografico: ci sono sempre meno nascite, con le quali la popolazione invecchia nel tempo.

In molti casi, una volta in pensione (o nei giovani, dopo aver vissuto difficoltà economiche non ottenendo un lavoro) le persone stanno perdendo sempre più risorse, al punto che possono finire per avere una grande precarietà economica e avere fame. In effetti, una delle cause della morte è la fame. In alcuni casi soffrono anche di demenza o di qualche tipo di dipendenza , come abbiamo detto sopra.

Infine, anche se molti di questi anziani muoiono dopo un periodo di solitudine e uno stato che li renderebbe precisi e dipendono anche dall'aiuto degli altri, la solitudine, la vergogna e il pensiero di non voler essere un peso fanno Molti non hanno il coraggio di chiedere aiuto anche quando ne hanno bisogno, spesso fingendo di stare bene nei loro ultimi momenti.

  • Forse ti interessa: "Hikikomori: i giovani sono permanentemente chiusi nella loro stanza"

Un tipo di morte sempre più comune

I primi casi noti di kodokushi apparvero per la prima volta negli anni '80 e da allora il fenomeno ha continuato ad aumentare nel corso degli anni.

Anche se si può pensare che questo sia un fenomeno che si verifica effettivamente in tutto il mondo (e sfortunatamente lo è, conoscendo casi di persone che sono state trovate giorni o settimane dopo la sua morte dopo aver informato i vicini della presenza di odori) , in Giappone questo fenomeno è estremamente frequente: solo nel 2008 e nella città di Tokyo più di duemila persone furono trovate morte nella più assoluta solitudine .

In realtà, si stima che circa il 4-5% dei funerali in Giappone siano collegati a questo tipo di morte. E non si ferma: sempre più persone muoiono dimenticate, senza legami con l'ambiente e senza che nessuno se ne accorga della loro mancanza.

Questo è qualcosa di così comune che ci sono persino aziende specializzate nella pulizia delle case di queste persone, al fine di eliminare sia gli effetti personali che le macchie lasciate dall'effluvio dei corpi sulle superfici degli edifici (ricorda che molti hanno stato in decomposizione settimane e persino mesi).

La necessità di misure preventive in Giappone

Il fenomeno ha raggiunto un tale livello (e non solo in Giappone, essendo qualcosa di sempre più frequente in tutto il mondo), quello È diventato necessario iniziare a stabilire misure preventive . Nel paese giapponese, ad esempio, il governo collabora con le compagnie elettriche e idriche per cercare di rilevare l'improvvisa cessazione dell'uso di queste forniture che potrebbero essere collegate a un caso.

Anche le politiche educative e la promozione di valori più prosperi e comunitari potrebbero essere di aiuto, così come la ricerca di un rafforzamento dei legami familiari e dell'integrazione socio-comunitaria attraverso attività, dispositivi ed eventi.

È anche fondamentale affrontare la povertà e la mancanza di risorse minime , essendo parte delle morti derivate dalla fame, e la creazione di istituzioni dove poter socializzare e svolgere attività al di là del lavoro.

Inoltre iniziative come quelle che si osservano oggigiorno in alcuni paesi, in cui i volontari vanno nelle case di anziani soli, possono aiutarli a sentirsi più accompagnati e favorire la loro socializzazione.

Riferimenti bibliografici:

  • Otani, J. (2003). Caso studio del kodokushi (morte isolata, morte da solo, morte da solo). Geriatrics and Gerontology International, 3 (S48).
  • Tamaki, T. (2014). Vivi e muori in solitudine lontano dalla famiglia: questioni relative alla morte incustodita di Kodokushi in Giappone. Housei Riron, 45 (4).

Mihka! X Kyoto Black – Kodokushi (孤独死) (Marzo 2021).


Articoli Correlati