yes, therapy helps!
Cervelletto umano: le sue parti e funzioni

Cervelletto umano: le sue parti e funzioni

Potrebbe 6, 2024

il cervelletto è molto più di una specie di fratello minore della neocorteccia, messo in una angolo nascosto tra il lobo occipitale e il tronco cerebrale. In effetti, questa curiosa struttura simile a una palla di lana appiattita è una delle parti più importanti del cervello.

Inoltre, si ritiene che nella maggior parte dei casi il corretto funzionamento del cervelletto sia essenziale per noi per sopravvivere e i casi in cui questa regola non è soddisfatta diventano notizie.

Sebbene sia una struttura apparentemente abbastanza discreta perché parzialmente nascosta dalla corteccia cerebrale, il cervelletto è una delle aree del cervello con la più alta densità di neuroni . In effetti, circa la metà dei neuroni nel cervello si trovano in questa struttura. Ma ... perché è così importante che il cervelletto sia in buone condizioni? Di quali processi sei responsabile?


Le funzioni del cervelletto

Sono passati anni il funzionamento del cervelletto e il coordinamento dell'attivazione muscolare sono stati correlati . Pertanto, si è ritenuto che il compito del cervelletto fosse, fondamentalmente, quello di rendere possibile il mantenimento dell'equilibrio, che possiamo coordinare movimenti semplici e complessi e, in generale, che i muscoli del nostro corpo rispondano fedelmente ed efficacemente ai comandi emessi dal corpo. cervello.

Ad esempio, è stato considerato che uno dei principali sintomi di alterazioni nel cervelletto è la perdita di equilibrio dopo aver bevuto troppo alcol. Tuttavia, negli ultimi anni è stato scoperto che l'idea che il ruolo del cervelletto abbia a che fare con il coordinamento motorio è troppo semplicistico. in tal modo, il cervelletto non interviene solo nei processi motori, ma svolge anche un ruolo importante in molte altre funzioni .


Il cervelletto nella regolazione delle emozioni

Una delle vie di collegamento del cervelletto unisce questa struttura a vaste aree del sistema limbico, che è quella che si relaziona con l'aspetto e il mantenimento nel tempo degli stati emotivi che colorano le nostre esperienze. Essendo in comunicazione con strutture come l'amigdala, il cervelletto ha la capacità di intervenire nella regolazione degli stati emotivi che appaiono .

Così, per esempio, parte delle funzioni del cervelletto hanno a che fare con la creazione di associazioni tra sensazioni e sentimenti, che serve come supporto per l'apprendimento futuro mettendo in relazione determinate esperienze con sentimenti specifici.

Il cervelletto e i processi cognitivi

Il fatto che il cervelletto abbia una tale densità di neuroni e che sia collegato a vaste aree della corteccia cerebrale significa che l'idea che abbia qualcosa a che fare con i processi cognitivi come la memoria o la gestione dell'attenzione non sembra stravagante. Attualmente ci sono alcune indagini che puntano in quella direzione.


Ad esempio, è stato visto che le dimensioni del cervelletto potrebbe essere correlato al livello di intelligenza che hai . Inoltre, da studi in cui si osservano gli effetti che una lesione nel cervelletto ha sulle capacità mentali dei pazienti, è stato possibile correlare la disfunzione in questa struttura con deficit dell'attenzione e l'uso del linguaggio.

La difficoltà di indagare su questo è che da questi studi basati su casi di danno cerebellare, non è noto se la diminuzione delle capacità cognitive sia dovuta al fatto che i neuroni coinvolti in essi sono morti (poiché si trovano nella zona del cervello). lesioni) o se questi effetti sono dovuti a uno squilibrio nel funzionamento del cervello causato dalla ferita. Così, hai bisogno di investigare molto di più per sapere se il ruolo del cervelletto nelle funzioni cognitive è tanto importante quanto sembrano suggerire quegli studi.

Il cervelletto e la coordinazione motoria

Le vecchie idee sul ruolo del cervelletto come centro di coordinamento dell'attivazione muscolare non sono state confutate. Oggi è ancora considerato che questa struttura abbia un ruolo guida nel coordinamento dei movimenti, nel mantenimento dell'equilibrio e nel monitoraggio dei segnali neuronali finalizzati all'attivazione dei muscoli.

Poiché il cervelletto è collegato a molte aree del cervello, attraversa le informazioni motorie elaborate nelle regioni superiori del cervello con le informazioni motorie più "concrete" e operative volte ad attivare le fibre muscolari e controlla che non vi siano incongruenze tra i due. Inoltre, c'è un dibattito generato intorno alla possibilità che una delle funzioni del cervelletto sia l'apprendimento motorio cioè la capacità di lucidare un modello di movimenti per essere perfezionati sempre di più.

Struttura del cervelletto

Il cervelletto può essere relativamente piccolo, ma la sua composizione è molto complessa . Sebbene possiamo parlare a lungo delle diverse parti e suddivisioni delle parti del cervelletto, questa volta ci concentreremo solo sulla più ampia categorizzazione delle strutture del cervelletto, cioè le parti che possono essere viste ad occhio nudo facilità (a patto che abbiate un encefalo in anticipo, ovviamente).

Gli emisferi del cervelletto

Il cervelletto assomiglia al resto del cervello in quanto è anche coperto da uno strato di cellule che creano una superficie rugosa e ruvida. Anche se, sì, nel caso del cervelletto queste pieghe sono ancora più strette e sottili, come si può vedere ad occhio nudo. Ecco perché una delle strutture o sottoregioni del cervelletto è conosciuta come la corteccia cerebellare .

La corteccia del cervelletto è divisa in due emisferi cerebellari, nello stesso modo in cui la corteccia cerebrale è divisa in un emisfero destro e un emisfero sinistro. Nel mezzo di questi emisferi c'è una regione chiamata verme , che è una striscia verticale che unisce entrambe le parti e le collega tra loro.

I lobi del cervelletto

Oltre questa classificazione delle parti della corteccia cerebellare, ci sono diversi lobi del cervelletto, nello stesso modo in cui ogni emisfero della corteccia cerebrale è diviso in lobi del cervello. Questi lobi sono il lobo anteriore, il lobo posteriore e il lobo flocculonodulare, disposti dall'alto verso il basso.


8 - I tre cervelli dentro il nostro cervello e funzioni (Potrebbe 2024).


Articoli Correlati