yes, therapy helps!
Come educare i bambini in modo che non siano razzisti: 4 consigli

Come educare i bambini in modo che non siano razzisti: 4 consigli

Aprile 27, 2024

Il razzismo rimane una realtà che si incarna praticamente in tutti gli aspetti della società. Praticamente tutti i paesi soffrono di questo fenomeno, il risultato di credenze irrazionali radicate da secoli e la lotta contro questo tipo di discriminazione è necessaria per socializzare bene.

D'altra parte, il razzismo non è solo una cosa da adulti. I suoi sintomi compaiono già nell'infanzia e in questa fase della vita possono portare a episodi di crudeltà e sofferenza senza alcun senso: bullismo scolastico, emarginazione, ridicolo, pregiudizio, ecc. In questo articolo vedremo diversi suggerimenti su come educare i bambini in modo che non siano razzisti .

  • Articolo correlato: "Gli 8 tipi più comuni di razzismo"

Educare i bambini a rifiutare il razzismo

Tieni presente che il razzismo, per esistere, non ha bisogno di essere interiorizzato prima di concetti molto sviluppati su cosa sia una razza, o come si suppone che si comportino con la popolazione nera, il bianco o simili. È basato, fondamentalmente, su pregiudizi che derivano dall'interpretazione di alcune caratteristiche estetiche .


Ciò significa che i bambini possono iniziare a sviluppare il razzismo quasi spontaneamente, senza bisogno di "memorizzare" nulla, semplicemente esponendosi alla dinamica di interazione tra persone che hanno un contenuto razzista. Passivamente, cominciano a imparare che coloro che hanno un certo aspetto fisico, si vestono in un certo modo o parlano in modo concreto, si comportano in un certo modo.

Sapendo questo, vediamo cosa fare per educare i bambini lontano dal razzismo.

1. Non far vedere alle persone che le persone razzializzate non esistono

Il primo passo per combattere il razzismo è riconoscere che esistono una serie di caratteristiche in base alle quali determinati gruppi di persone vengono discriminati da fattori legati al loro aspetto o origine familiare. Non è fattibile per far vedere, ad esempio, che non esiste qualcosa chiamato "popolo nero" o "gente bianca".


La chiave è, tuttavia, che dal rifiuto del razzismo queste differenze tra le persone sono viste come costrutti culturali, qualcosa che è sorto dal modo in cui interpretiamo la realtà, e non come qualcosa che è presente nella biologia umana, indipendentemente dal fatto che pensiamo dentro o no. Cioè, nonostante il fatto che per la biologia il concetto di razza umana non abbia significato, si ce l'hai per le scienze sociali .

Quindi, per esprimere senza complessi che ci sono persone razzializzate (vale a dire, coloro che sono stati storicamente discriminati a causa di caratteristiche come il loro colore della pelle) è necessario andare verso i prossimi passi per educare alla consapevolezza della condanna del razzismo .

  • Forse ti interessa: "Psicologia dell'educazione: definizione, concetti e teorie"

2. Insegna perché ci sono gruppi di persone con caratteristiche diverse

Ovviamente, alle ragazze e ai bambini molto piccoli non è possibile spiegare i dettagli della genetica , ma è bene chiarire che quei tratti a cui è attribuita un'interpretazione razziale sono come qualsiasi altra caratteristica fisica, come essere più alti o più corti, avere denti più o meno grandi, ecc.


Questo è importante in modo che comprendano che l'aspetto non ci dice nulla sulla personalità di qualcuno in particolare, né sui loro interessi, sulla loro lingua, ecc.

3. Spiega che ci sono visioni contrastanti

Inutile parlare del razzismo ai bambini come se non ci fosse alcun problema sociale collegato ad esso. Questo è il motivo per cui devi prevenirli spiegando che alcune persone credono che le caratteristiche associate alle razze aggiungano o distruggano le persone o addirittura descrivano il loro modo di pensare e di sentire, e allo stesso tempo mostra perché si sbagliano .

Fondamentalmente, l'idea che deve essere difesa è che qualsiasi persona, indipendentemente dal loro aspetto o se si adatta più o meno agli stereotipi razziali, può essere buona o cattiva, timida o socievole, diffidente o calorosa, o in qualsiasi altro modo in cui Per quanto riguarda il loro modo di essere e di comportarsi. Il razzismo non nasce da corpi di persone, ma da situazioni di ingiustizia avvenute molto tempo fa (schiavitù, conquiste, ecc.) E i cui effetti sono ancora percepiti nelle credenze di molte persone.

È vero che il razzismo non ha solo un'origine basata su convinzioni e che ci sono altri fattori materiali che lo alimentano (per esempio, certi tipi di confini), ma è meglio rinunciare a spiegazioni così complesse in modo che il messaggio principale sia compreso meglio.

È anche utile fornire esempi dei soliti argomenti usati dai razzisti per cercare di difendere il loro atteggiamento, in modo che sappiano riconoscere alcuni di loro in futuro e, in quel momento, ricordare la spiegazione relativa al perché non è detto vero.

4. Non collegare le razze alle regioni

È importante che i bambini siano sicuri che i territori non hanno razze, e le razze non hanno territori . Ad esempio, una persona con gli occhi obliqui non è "asiatica", poiché in Asia vivono molte persone che non hanno questa caratteristica e molte persone con quel tratto vivono là fuori.

Naturalmente, per capire che queste caratteristiche sono più comuni in certe aree, puoi insegnare alcune nozioni basilari su come la vita non rimane statica, ma cambia nel tempo (evoluzione) e nello spazio (migrazioni).


Psicologia sociale 4. Gli atteggiamenti (Aprile 2024).


Articoli Correlati