yes, therapy helps!
Effetto corno: è così che agiscono i nostri pregiudizi negativi

Effetto corno: è così che agiscono i nostri pregiudizi negativi

Marzo 9, 2021

Gli esseri umani sono imperfetti. A causa dell'eredità biologica dei nostri antenati più primitivi, le persone concepiscono un'immagine o la prima impressione degli altri in pochi secondi.

Questo fenomeno è attribuito alla velocità e all'agilità del cervello di decidere e agire in modo appropriato. bene, l'effetto Horn è qualcosa di simile : risulta essere una tendenza a formare un'opinione negativa di qualcuno basandosi solo su un'osservazione semplice e poco meticolosa.

  • Articolo correlato: "Distorsioni cognitive: scoprire un interessante effetto psicologico"

Pregiudizi come punto di partenza

Prima di entrare pienamente nella definizione tecnica di ciò che implica l'effetto Horn, dobbiamo capire qualcosa di fondamentale sul comportamento umano. Siamo esseri sociali, abbiamo bisogno di essere accettati dagli altri e fare una buona impressione . Non possiamo evitarlo, vogliamo essere sempre parte di un'identità, di un gruppo.


Come al solito, nello stesso modo in cui diamo un'immagine intenzionalmente o un'altra intenzionalmente, pensiamo anche agli altri. Pre-giudichiamo costantemente, e lo facciamo in modo pessimista e molti altri in modo ottimista. Vediamo di seguito quanto detto finora.

Qual è l'effetto Horn?

L'effetto Horn è tutto antagonistico all'effetto Halo . Quest'ultimo consiste nella generazione di un'opinione favorevole su una persona nel suo complesso, basata sull'osservazione di un'unica caratteristica che lo definisce: normalmente, il suo aspetto fisico. Costruiamo un quadro mentale fittizio basato su informazioni molto limitate.

Al contrario, l'effetto Horn semplifica la percezione del osservato dall'attenzione fissata in negativo. Quando ci uniamo a una squadra di calcio, prestiamo attenzione all'arringa che l'allenatore gioca. Secondo il tono, la gesticolazione e il vocabolario usato, penseremo che sia una persona seria, con una tendenza a uno stato di tensione e rabbia. Una volta terminata la sessione, si scopre che si offre di trasportarci all'indirizzo e abbiamo una bella chiacchierata con lui. Ancora una volta, spezziamo la forma psicologica che avevamo montato .


In un modo un po 'riassunto, sia l'effetto Halo che l'effetto Horn sono opinioni distorte e soggettive che sono state analizzate dalle nostre capacità cognitive . Anche l'attenzione selettiva ai tratti che osserviamo fa parte di questo processo. A volte, insistiamo nel continuare a disegnare un'immagine cattiva (o buona) di quella persona per mantenere le nostre convinzioni prestabilite.

Nel mercato del lavoro ...

Viviamo in un tempo in cui tutto conta, ogni dettaglio aggiunge o sottrae, ogni parola denigra o loda, e sul posto di lavoro questa è una tendenza molto pericolosa. Soprattutto quando si effettua una selezione di personale . Secondo i dati statistici, l'80% dei nuovi candidati non completa con successo il colloquio personale.

Ci sono molte volte quando andiamo a un colloquio di lavoro, con il profilo più che adeguato, che soddisfa al cento per cento tutti i requisiti richiesti dall'offerta di lavoro, e torniamo a casa delusi e senza aver aderito alla posizione. Sia per il bene che per il male, l'effetto Horn ha un impatto terribile sul processo di selezione dei candidati alla ricerca di una nuova opportunità professionale.


Secondo uno studio rivelato dal quotidiano economico Expansión, oltre l'80% dei potenziali candidati per un nuovo lavoro ha perso tempo a depositare CV o partecipare a interviste chiamate dalle aziende. I gestori o i responsabili delle risorse umane non passano più di 1 minuto a leggere il CV o, in molti casi, ne buttano via metà per mancanza di tempo Sono fissi nel minimo e un'opinione è formata da pochissimi dati.

Alcune linee guida per evitare l'effetto Horn

Per cominciare, dobbiamo insistere sull'idea che sarà praticamente impossibile evitare di esprimere giudizi di valore sugli altri. Siamo esseri umani, ed è una tendenza completamente naturale. Tuttavia, qui sotto troverai alcuni consigli da seguire per evitare, per quanto possibile, questo comportamento.

1. Autoanalisi

Quando siamo immersi in un'analisi a prima vista di una persona che abbiamo appena incontrato e ci rendiamo conto degli aspetti che evidenziamo, dovremo fare il punto. Se guardiamo da vicino il negativo, dovremo cercare il positivo, e viceversa. Solo allora ci avvicineremo a una migliore percezione di ciò che osserviamo .

2. Sii paziente ed evita le precipitazioni

Abbiamo sempre fretta su tutto. Viviamo in un momento in cui tutto accade molto velocemente, tutto è istantaneo e il consumo è immediato. Ciò accade anche a livello umano. Devi prendere tempo, interagire di più con quella persona e quindi valutare la loro personalità.

3. Non fidarti della prima impressione

L'effetto Horn risponde, come non potrebbe essere altrimenti, a una prima impressione. Questo punto è correlato con il precedente. DDovremmo insistere per cercare più esperienze con quella persona di cui abbiamo una brutta relazione personale. Forse uno è in un modo al lavoro, e un altro diametralmente opposto nella vita sociale.

4. Condividi opinioni con gli altri

In alcune situazioni siamo un gruppo o una coppia di persone che conoscono un altro o altri in un determinato momento. Un consiglio altamente raccomandato consiste di scambiare opinioni con il partner . È sorprendente vedere come diversi modi di analizzare gli elementi cambiano radicalmente i giudizi di valore.

Riferimenti bibliografici:

  • Belloch, A., Sandín, B. e Ramos, F. (Eds.) (1995). Manuale di Psicopatologia (2 voll.). Madrid: McGraw Hill.
  • Bulbena, A., Guimón, J. e Berrios, G. (1993). Misura in Psichiatria. Barcellona: Salvat.

FIBROMIALGIA: Il Documentario "CE L'HO FATTA!" (vers integrale) Evelyn Carr- Life Trainer (Marzo 2021).


Articoli Correlati