yes, therapy helps!
L'esperimento di Harlow e la privazione materna: sostituire la madre

L'esperimento di Harlow e la privazione materna: sostituire la madre

Gennaio 22, 2023

Quando si parla di psicologia, molte persone possono pensare a tratti della personalità, disturbi mentali o pregiudizi cognitivi. In breve, elementi che possiamo mettere in relazione con una singola persona: ognuno ha il suo livello di intelligenza, la presenza o l'assenza di un disturbo diagnosticato o la propensione a cadere in certi inganni della mente. Tuttavia, c'è un argomento che è anche molto avvicinato dalla psicologia: il modo in cui le relazioni interpersonali ci cambiano.

I paradigmi prevalenti nella psicologia della prima metà del ventesimo secolo, che erano la psicodinamica nata con Sigmund Freud e il comportamentismo difeso da BF Skinner, sostenevano l'idea che il fondamento dell'affetto tra le madri e i loro giovani figli e figlie fosse alimentazione e, più specificamente, allattamento al seno. A loro modo, ognuna di queste due correnti psicologiche così diverse l'una dall'altra nella maggior parte dei loro approcci ha proposto la stessa idea: che i bambini e le madri hanno cominciato a impegnarsi in comportamenti affettivi grazie al bisogno del primo ad essere nutrito. Subito dopo la nascita, il ruolo principale delle madri era quello di fornire cibo alla loro prole.


Tuttavia, gli psicologi John Bowlby e, più tardi, Harry Harlow, hanno inferto un duro colpo a questa teoria. È grazie a loro che oggi sappiamo che l'affetto nel suo senso più puro e più letterale è un bisogno fondamentale dei bambini. Nello specifico, l'esperimento sulle scimmie di Harry Harlow sulla deprivazione materna è un esempio di ciò.

Il precedente: Bowlby e la teoria dell'attaccamento

A metà del 20 ° secolo, uno psichiatra e uno psicologo inglese chiamarono John Bowlby Ha condotto una serie di indagini inquadrate in quella che è nota come teoria dell'attaccamento. Questo è un quadro di discussione in cui vengono esplorati i fenomeni psicologici che stanno dietro il nostro modo di stabilire legami emotivi con altri esseri, e in questo modo il modo in cui padri e madri si relazionano ai loro bambini durante un periodo di tempo è particolarmente importante. i primi mesi della vita di quest'ultimo.


La ragione di questo interesse nelle prime fasi della formazione dei link è semplice: si presume che il modo in cui il piccolo vicino ha continuato le relazioni , vicino e con segni di affetto con gli altri influenzerà il loro sviluppo verso l'età adulta e avrà un impatto, possibilmente per la vita, su molte delle loro caratteristiche psicologiche.

Le indagini di Bowlby

Attraverso diversi studi, John Bowlby ha concluso che il fatto che ogni bambino abbia regolarmente a che fare con affezioni materne è uno dei bisogni più importanti di fronte alla sua corretta crescita.

In parte, ciò si basava sulle loro convinzioni: Bowlby adottò un approccio evolutivo e difese l'idea che sia le madri che i neonati esprimessero geni appositamente selezionati per far sì che entrambi formassero un forte legame emotivo. Cioè, credeva che l'instaurazione dell'attaccamento materno fosse programmata geneticamente, o almeno una parte di esso. Inoltre, ha sostenuto che il legame più forte che ogni persona può stabilire è basato sulla relazione che ha avuto con sua madre durante i primi anni di vita.


Questo fenomeno, che ha chiamato monotropy, non era possibile consolidare se questo scambio di gesti affettuosi accompagnato da contatto fisico (classicamente, durante l'allattamento durante l'allattamento) si verificava una volta completato il secondo anno di vita del bambino, e non prima. Cioè, che il privazione materna, l'assenza di contatti regolari con una madre che ha fornito affetto durante i primi mesi di vita, è stata molto dannosa per andare contro ciò che la nostra genetica ci avrebbe programmato per.

In cosa consistevano questi studi?

Bowlby si è anche basato su dati empirici . In questo senso, ha trovato alcuni dati che hanno rafforzato la sua teoria. Ad esempio, attraverso un'indagine commissionata dall'Organizzazione mondiale della sanità sui bambini separati dalle loro famiglie durante la seconda guerra mondiale, Bowlby ha trovato prove significative del fatto che i giovani che hanno sofferto di privazioni materne hanno vissuto in Gli orfanotrofi tendevano a presentare ritardo intellettuale e problemi per gestire con successo le loro emozioni e le situazioni in cui dovevano relazionarsi con altre persone.

In un'indagine simile, ha osservato che tra i bambini che erano stati incarcerati per diversi mesi in un sanatorio per curare la tubercolosi prima di raggiungere l'età di 4 anni, avevano un atteggiamento marcatamente passivo e cavalcavano con rabbia molto più facilmente rispetto al resto dei giovani.

Da quel momento, Bowlby continuò a trovare dati che rafforzavano la sua teoria.Ha concluso che la deprivazione materna tendeva a generare nei giovani un quadro clinico caratterizzato dal distacco emotivo verso le altre persone. Le persone che non erano state in grado di creare un legame di attaccamento intimo con le loro madri durante i loro primi anni non erano in grado di entrare in empatia con gli altri, perché non avevano avuto l'opportunità di connettersi emotivamente con qualcuno durante la fase in cui erano stati sensibili a questo tipo di apprendimento .

Harry Harlow e l'esperimento con le scimmie Rhesus

Harry Harlow era uno psicologo americano che, durante gli anni '60, aveva deciso di studiare in laboratorio la teoria dell'attaccamento e della deprivazione materna di Bowlby. Per questo, condusse un esperimento con le scimmie Rhesus che secondo gli attuali standard etici sarebbe irrealizzabile dalla crudeltà implicata.

Quello che Harlow ha fatto è stato, fondamentalmente, Separa alcune scimmie bambino dalle loro madri e osserva come è stata espressa la loro materna privazione . Ma non si limitò ad osservare passivamente, ma introdusse in questa ricerca un elemento con il quale sarebbe stato più facile sapere cosa provavano i cuccioli di macaco. Questo elemento era il dilemma della scelta tra qualcosa di simile al contatto fisico legato all'affetto e al calore, o al cibo.

Sostituendo la madre

Harlow ha introdotto questi cuccioli dentro le gabbie, spazio che dovevano condividere con due artefatti. Uno di questi era una struttura metallica con una bottiglia piena incorporata, e l'altra era una figura simile a un macaco adulto, rivestito con morbido peluche, ma senza bottiglia . Entrambi gli oggetti, a modo loro, fingevano di essere una madre, anche se la natura di ciò che potevano offrire al bambino era molto diversa.

In questo modo, Harlow voleva testare non solo le idee di Bowlby, ma anche una diversa ipotesi: quella di amore condizionale. Secondo quest'ultimo, la prole si riferisce alle loro madri fondamentalmente per il cibo che forniscono, che oggettivamente è la risorsa più utile a breve termine da una prospettiva razionale ed "economicistica".

Cosa è stato scoperto

Il risultato ha dato ragione a Bowlby. I cuccioli mostravano una chiara tendenza ad aggrapparsi alla bambola di peluche, nonostante non fornissero cibo. L'attaccamento a questo oggetto era molto più evidente di quello che professavano verso la struttura con la bottiglia, il che era a favore dell'idea che sia il legame intimo tra madri e bambini che è davvero importante, e non solo il cibo.

In realtà, questa relazione era evidente anche nel modo in cui la prole esplorava l'ambiente. La bambola di peluche sembrava fornire una sensazione di sicurezza che era decisiva per i piccoli macachi che avevano deciso di intraprendere determinati compiti di propria iniziativa e persino abbracciati più fortemente quando avevano paura. Nei momenti in cui è stato introdotto un cambiamento nell'ambiente che generava stress, i giovani correvano ad abbracciare la bambola morbida. E, quando gli animali furono separati da questo artefatto peloso, mostrarono segni di disperazione e paura, urlando e cercando continuamente la figura protettiva. Quando la bambola di peluche fu restituita alla loro portata, recuperarono, anche se rimasero sulla difensiva nel caso in cui avessero perso di vista di nuovo questa madre artificiale.

Causando l'isolamento nelle scimmie

L'esperimento della bambola peluche e della bottiglia era di dubbia moralità, ma Harlow andò oltre peggiorando le condizioni di vita di alcuni macachi. Lo ha fatto confinando i cuccioli di questa specie animale in spazi chiusi, mantenendoli isolati da qualsiasi tipo di stimolo sociale o, in generale, sensoriali.

In queste gabbie di isolamento c'era solo un abbeveratoio, un alimentatore, che era una decostruzione totale del concetto di "madre" secondo i comportamentisti e i freudiani. Inoltre, in questo spazio era stato incorporato uno specchio grazie al quale si poteva vedere cosa stava facendo il macaco ma il macaco non poteva vedere i suoi osservatori. Alcune di queste scimmie rimasero in questo isolamento sensoriale per un mese, mentre altre rimasero nella loro gabbia per diversi mesi; alcuni, fino a un anno.

Le scimmie esposte a questo tipo di esperienze avevano già evidenti alterazioni nel loro modo di comportarsi dopo aver trascorso 30 giorni in gabbia, ma quelli che restavano un anno intero erano in uno stato di totale passività (correlata alla catatonia) e indifferenza verso gli altri che non si sono ripresi. La grande maggioranza ha finito per sviluppare problemi di socialità e attaccamento quando hanno raggiunto la fase adulta, non erano interessati a trovare un partner o avere figli, alcuni non mangiavano e finivano per morire.

Madri negligenti ... o peggio ancora

Quando Harry Harlow decise di studiare il comportamento materno dei macachi a cui era stato sottoposto all'isolamento, trovò il problema che queste scimmie non rimanevano incinte. Per questo ha usato una struttura ("il puledro degli stupri") in cui le femmine sono state fissate con cinghie, costringendole a essere fecondate.

Osservazioni successive hanno mostrato che queste femmine non solo non svolgevano i compiti tipici di una madre della loro specie, ignorando i loro piccoli per la maggior parte del tempo, ma a volte persino mutilavano la loro prole. Tutto questo, in linea di principio, a causa della privazione materna, ma anche a causa dell'isolamento sociale, durante i primi mesi di vita.

Conclusioni: l'importanza dell'attaccamento

Sia la ricerca di John Bowlby che gli esperimenti di Harry Harlow sono molto presi in considerazione oggi, sebbene questi ultimi siano anche un caso di chiara tortura verso gli animali, e a causa delle sue implicazioni etiche hanno ricevuto forti critiche .

Entrambe le esperienze hanno portato a idee simili: gli effetti dell'assenza di interazioni sociali che vanno oltre i bisogni biologici più immediati e che sono legati al comportamento affettivo durante le prime fasi della vita tendono a lasciare un'impronta molto seria e difficile. cancellare nella vita adulta.


HARLOW: Il vero amore (Gennaio 2023).


Articoli Correlati