yes, therapy helps!
Demenza frontotemporale: cause, sintomi e trattamento

Demenza frontotemporale: cause, sintomi e trattamento

Luglio 12, 2020

Nel corso degli anni il cervello delle persone è suscettibile di soffrire di qualche tipo di condizione o disturbo che colpisce un gran numero di abilità come la lucidità e la capacità di parlare o l'umore.

Una di queste condizioni è la demenza frontotemporale . È una malattia di base genetica su cui parleremo in questo articolo, spiegandone sintomi, cause, come viene diagnosticata e qual è il suo trattamento.

  • Articolo correlato: "Ci sono diversi tipi di depressione?"

Cos'è la demenza frontotemporale?

La demenza frontotemporale (FTD) è una condizione clinica causata da un deterioramento del lobo frontale del cervello . Questo deterioramento può espandersi, interessando anche il lobo temporale. La demenza frontotemporale è anche il tipo più comune di demenza dopo l'Alzheimer.


All'interno della categoria della demenza frontotemporale troviamo un numero di demenze progressive, che si manifestano attraverso alterazioni di personalità, comportamento e linguaggio orale della persona .

Le malattie legate a questo tipo di demenza sono:

  • La malattia di Pick
  • Il deterioramento del lobo frontotemporale.
  • Afasia progressiva .
  • Demenza semantica
  • Deterioramento cortico basale.

La principale differenza tra demenza frontotemporale e altri tipi di demenza è che in questo primo la memoria non viene influenzata fino a quando la malattia non si trova in una fase molto avanzata .


Inoltre, questa demenza si distingue anche per apparire in persone di età non avanzata come il resto delle malattie. Di solito appare nelle persone tra i 40 ei 60 anni; sebbene questo possa apparire a qualsiasi età.

Che sintomatologia presenta?

All'interno della sintomatologia della demenza frontotemporale ci sono due gruppi principali: alterazioni della personalità e compromissione della capacità di comunicare oralmente . Come accennato in precedenza in questa demenza, la memoria non è influenzata precocemente.

Alterazioni della personalità

Il deterioramento dell'area frontale e del cervello destro fa sì che il giudizio, la personalità e la capacità di svolgere compiti complessi siano seriamente compromessi in questi pazienti.

Le persone con demenza prefrontale possono condurre comportamenti negativi come comportamento inappropriato nei luoghi pubblici, disinibizione, aggressività o dimostrazione di apatia . Allo stesso modo, anche le abilità sociali possono essere influenzate, causando la perdita di empatia, discrezione o diplomazia quando si è impegnati in una conversazione.


In molte occasioni, questi pazienti sono interessati dalla loro capacità di risolvere problemi e prendere decisioni; influenzare le tue attività quotidiane in modo molto serio.

Quando questa sintomatologia è molto ovvia o di notevole ampiezza può essere confuso con la depressione o con un disturbo psicotico come la schizofrenia o il disturbo bipolare.

Alterazioni nel discorso

Come discusso sopra, la demenza prefrontale può interferire con la capacità della persona di usare e comprendere il linguaggio orale. Quando questi sintomi si manifestano possiamo parlare di demenza semantica o afasia progressiva primaria, a seconda della combinazione dei sintomi che presentano.

Nella demenza semantica ci sono entrambi i lobi temporali che sono colpiti, danneggiare la capacità di riconoscere e comprendere parole, volti e significati . Nel frattempo, nell'afasia progressiva primaria è la parte sinistra del cervello che sperimenta il deterioramento, interferendo così nella capacità di articolare le parole, oltre a trovare e usare la parola corretta al momento di parlare.

Quali sono le cause della DFT?

Sebbene le cause di questa demenza non siano ancora note, circa il 50% della popolazione affetta da demenza frontotemporale ha una storia di demenza o qualche altro tipo di demenza nella storia clinica familiare; quindi è stato ipotizzato che questo abbia un'importante componente genetica.

Ci sono una serie di mutazioni che sono state correlate alla demenza frontotemporale. Questa mutazione si verifica nel gene TAU e nelle proteine ​​che questo gene aiuta a generare . L'accumulo di queste proteine ​​difettose forma i cosiddetti corpi Pick, che interferiscono con il lavoro delle cellule cerebrali in modo simile alle placche che appaiono nella malattia di Alzheimer.

Tuttavia, nella demenza frontotemporale le aree principali colpite sono i lobi frontali e temporali, responsabili della ragione, della parola e del comportamento.

Come viene fatta la diagnosi?

È comune che la demenza frontotemporale non mostri sintomi significativi durante le prime fasi della malattia, quindi questo tende a passare inosservato, in molti casi per più di tre anni prima della sua diagnosi , finché qualche significativa alterazione del comportamento induce la famiglia a pensare che qualcosa di strano sta accadendo al paziente. Questo è quando vengono fatte la maggior parte delle diagnosi della malattia.

Seguendo le indicazioni del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-IV), le linee guida per la valutazione della demenza frontotemporale sono essenzialmente cliniche. Questi dovrebbero includere una registrazione dei cambiamenti comportamentali e un esame delle alterazioni linguistiche . Inoltre, saranno condotti una serie di test neuroimaging e neuropsicologici.

Con l'analisi strutturale eseguita con i test di risonanza magnetica, intendiamo trovare segni di atrofia nei lobi frontali caratteristici dei primi stadi della malattia.

Per escludere la possibilità che si tratti di malattia di Alzheimer è necessario eseguire una tomografia ad emissione di positroni , che dovrebbe mostrare un aumento del metabolismo frontale e / o temporale da considerarsi demenza frontotemporale.

Qual è il trattamento?

Come in altre forme di demenza, non è stato ancora trovato un rimedio per questo tipo di condizione. Tuttavia, ci sono un certo numero di Farmaci per alleviare l'effetto dei sintomi della demenza frontotemporale , così come per cercare di fermare la sua avanzata.

Di solito, lo staff medico fa affidamento sulle esigenze del paziente quando sceglie il farmaco più efficace. I trattamenti farmacologici di scelta in questi casi includono:

  • Inibitori delle colinesterasi .
  • Antagonisti del recettore NMDA.
  • Farmaci antipsicotici .
  • Farmaco per i sintomi legati all'ansia e alla depressione.
  • Integratori alimentari

Trattamento farmacologico, insieme con supporto psicosociale e assistenza nello svolgimento delle attività quotidiane sono essenziali affinché il paziente possa godere di una qualità di vita ottimale. Di solito, l'aspettativa di vita media data a questi pazienti è di circa 8 anni dal momento della diagnosi.


I sintomi della demenza (Luglio 2020).


Articoli Correlati