yes, therapy helps!
Sviluppo frequente di molestie sul posto di lavoro: 3 fasi

Sviluppo frequente di molestie sul posto di lavoro: 3 fasi

Ottobre 14, 2019

Le molestie sul posto di lavoro, chiamate anche mobbing, sono una forma sottile di violenza che viene esercitata negli ambienti di lavoro. Molte volte, e talvolta per ragioni spurie, aziende o organizzazioni, aggressori, osservatori o testimoni usano gli eufemismi per riferirsi a questo tipo di violenza.

Quindi, vengono usate parole come "conflitto di lavoro", "lotte di potere", "combattimenti tra pari", "personaggi incompatibili", ecc., Come se questi problemi fossero qualcosa di isolato tra i lavoratori o avessero più a che fare con le normali dinamiche interne delle organizzazioni.

Ma la verità è questa Le molestie sul posto di lavoro vanno oltre una mera relazione conflittuale tra pari . Approfondiamo le caratteristiche di questo tipo di problemi.


  • Articolo correlato: "Gli 11 tipi di violenza (e i diversi tipi di aggressione)"

Caratteristiche del mobbing

Possono essere identificate almeno tre caratteristiche distintive delle molestie sul luogo di lavoro.

1. La violenza è esercitata nei confronti di una vittima che difficilmente oppone resistenza

Inoltre, ci sono spesso testimoni di questa violenza che guarderanno dall'altra parte, evitando di interferire nella questione o, se lo faranno, prenderanno le parti con l'aggressore.

2. È una violenza sistematica e ripetuta nel tempo

Tuttavia, di solito sono episodi di media o bassa intensità. A volte sono ridotti solo a frasi e commenti che potrebbero essere giudicati irrilevanti da un osservatore esterno. Gli atti di violenza ad alta intensità sono rari.


Tuttavia, è proprio questa bassa intensità e ripetizione a rendere la situazione più pericolosa a medio termine (a titolo di confronto potremmo paragonarla alla tortura della "caduta cinese").

3. La violenza è esercitata intenzionalmente e con uno scopo

La vittima potrebbe non realizzare o comprendere tali interessi nascosti . È anche possibile che gli osservatori non li comprendano, sia perché evitano di prestare attenzione alla situazione di ingiustizia, sia perché spesso gli atti di aggressività sono sottili e vengono percepiti solo dalla vittima.

Per raggiungere questo obiettivo, lo stalker segue una serie di strategie che attraversano l'isolamento, l'ostilità, la perdita di prestigio e altre forme di violenza psicologica.

  • Forse ti interessa: "Mobbing: molestie psicologiche sul lavoro"

Sviluppo di molestie sul posto di lavoro

Questi atti di violenza si esercitavano continuamente causare danni significativi alla salute e altri tipi di danni economici e sociali . Le molestie sul posto di lavoro potrebbero essere intese come un processo prolungato nel tempo in cui la vittima attraversa una serie di fasi che lasciano sequele psicologiche diverse.


Un possibile corso potrebbe essere, ad esempio, il seguente.

1. Fase di sottovalutazione del danno

All'inizio delle molestie lavorative il lavoratore pensa che si tratti di una situazione temporanea a causa di un problema o di un malinteso che gli impediscono di stare in guardia e prendere misure per difendersi.

2. Incolpare te stesso

Più tardi, una volta percepito che capisce che la situazione non si fermerà, potrebbe chiedere "perché io?" cosa erode la loro autostima perché attribuisce la molestia a certe caratteristiche della sua personalità, incolpando se stesso per questo.

In queste fasi iniziali non è raro che la vittima si domandi anche se non è troppo sensibile o esagerato di fronte alla situazione. Il fatto che gli episodi abbiano un'intensità bassa che molte volte solo la vittima percepisce ha a che fare con questi pensieri. Ciò inizia a mettere in dubbio le proprie percezioni che possono portare a un fenomeno noto come "derealizzazione" (una percezione del mondo esterno come qualcosa di strano o irreale).

3. Ansia

La continuità delle molestie nel tempo causa sintomi ansiosi e depressivi che, a loro volta, peggiorano la situazione in parte perché facilita l'impunità dell'aggressore che giustifica il loro comportamento in base alla situazione problematica che la vittima subisce.

È frequente anche la "somatizzazione" dell'esperienza che, insieme allo stress che crea, può causare dolori di stomaco, irritazioni della pelle, mal di testa, ecc.

In breve, le molestie sul posto di lavoro hanno conseguenze molto più gravi per la vittima di un semplice "conflitto di lavoro".


179th Knowledge Seekers Workshop July 6, 2017 (Ottobre 2019).


Articoli Correlati