yes, therapy helps!
Paura dei peni (follofobia): cause, sintomi e trattamento

Paura dei peni (follofobia): cause, sintomi e trattamento

Agosto 10, 2020

Le fobie sono uno dei motivi più frequenti per cui i pazienti visitano lo psicologo.

Esistono diversi tipi di fobie e all'interno di specifici disturbi fobici possiamo trovare idrofobia (paura dell'acqua), aerofobia (paura del volo) o aracnofobia (paura dei ragni), tra gli altri. Una delle fobie specifiche non è così comune ma è molto curiosa la follofobia , la paura irrazionale dei peni.

In questo articolo parleremo di questa fobia e approfondiremo i suoi sintomi, le sue cause e il suo trattamento.

Cos'è la follofobia?

La Falofobia è solitamente compresa nelle diverse fobie o erotofobie sessuali, tra cui anche la coofobia (paura dei rapporti sessuali), la ginnastica (paura della nudità) o l'hafobia (paura del contatto o essere toccati), tra gli altri. Di solito è considerato una fobia sessuale perché molte persone che ne soffrono, specialmente nel caso delle donne, evitano il contatto sessuale per evitare di dover affrontare lo stimolo fobico. Ora, sia uomini che donne possono soffrire di questo tipo di fobia.


La paura irrazionale è tanto nei confronti dei flaccidi come peni eretti (medortofobia). Il pene, che sia eretto o no, è qualcosa di naturale e la maggior parte della gente lo capisce. Tuttavia, ci sono uomini e donne che hanno paura di vedere, pensare o avere un pene eretto. Per molte personalità fobiche, eCiò può causare molta ansia e disagio, che li induce ad evitare queste situazioni di disagio .

Cause: situazioni traumatiche

È generalmente accettato che le fobie derivino da una combinazione di eventi esterni (ad esempio eventi traumatici) e predisposizioni interne (ad esempio ereditarietà o genetica), sebbene la prima opzione abbia molto più peso. Cioè, molte fobie hanno la loro origine in un evento che innesca il passato, di solito un'esperienza traumatica che si verifica in tenera età. Ad esempio, la fotofobia può avere la sua origine in una brutta relazione sessuale del passato, che ha causato un grande dolore alla persona che soffre.


L'apprendimento delle fobie avviene attraverso il condizionamento classico, un tipo di apprendimento associativo.

  • Se vuoi saperne di più sul condizionamento classico, puoi leggere il nostro articolo: "Il condizionamento classico e i suoi esperimenti più importanti"

L'origine biologica delle fobie

Anche se questo è di solito fatto in quasi tutti i casi di fobia specifica, fobie sociali e agorafobia possono avere cause più complesse.

Per quanto riguarda le cause biologiche, Sembra che il corpo sia progettato per temere certi stimoli come un modo di sopravvivere . Qualcosa che potrebbe essere stato molto utile in passato, ma non così tanto ai nostri giorni. Pertanto, le fobie si verificherebbero attraverso associazioni primitive e non cognitive e gli argomenti logici sarebbero inefficaci nel modificare queste associazioni.

sintomi

I sintomi delle fobie sono comuni in tutti i tipi di fobie, poiché queste patologie appartengono al gruppo dei disturbi d'ansia. Ecco perché il sintomo principale è l'ansia e il disagio, e la caratteristica principale dei pazienti con fobia è l'evitare lo stimolo temuto.


Lo stimolo fobico produce una grande paura e ansia, e per questa ragione la persona cerca di stare alla larga da qualsiasi situazione in cui possa sentirsi in questo modo. Se i rapporti sessuali includono la possibilità di vedere lo stimolo fobico, i pazienti con follofobia evitano i rapporti sessuali e, quindi, presentano serie difficoltà nelle loro vite amorose.

In sintesi, la follofobia presenta i seguenti sintomi:

  • Sintomi fisici : iperventilazione e mancanza di respiro, ipersione, tachicardia, tremori, brividi, senso di oppressione al petto, secchezza delle fauci, mal di stomaco, vertigini, mal di testa ....
  • Sintomi psicologici Pensieri distorti e catastrofici e grande ansia, disagio e paura.
  • Sintomi comportamentali : comportamenti evitanti in presenza dello stimolo fobico: i peni.

trattamento

Come ogni fobia, il trattamento psicologico può essere molto efficace . La psicoterapia, quindi, è l'opzione migliore, sebbene in casi estremi si possano applicare anche farmaci.

Gli psicologi di solito usano diverse tecniche per il trattamento di questo disturbo, e la terapia comportamentale cognitiva di solito funziona molto bene, il che mira a correggere quelle credenze o comportamenti che interferiscono con il benessere del paziente. Le tecniche più comunemente utilizzate sono tecniche di rilassamento e tecniche di esposizione. Per quanto riguarda quest'ultimo, evidenzia la desensibilizzazione sistematica, che implica l'esposizione progressiva del paziente alle situazioni temute mentre si apprendono gli strumenti adattivi . Inoltre, il terapeuta può aiutare il paziente a comprendere la funzione naturale del corpo umano e il perché avvengono le erezioni, cosa significano e cosa non significano.

In tempi recenti, terapie contestuali come Mindfulness o Acceptance e Commitment Therapy si stanno rivelando molto efficaci per il trattamento di qualsiasi tipo di disturbo d'ansia, poiché aiutano il paziente ad accettare l'esperienza ansiosa e, in questo modo, a diminuire l'intensità dei sintomi. L'ipnoterapia può anche funzionare molto bene per alcuni pazienti.

Nei casi più gravi, inoltre, possono essere somministrati farmaci prescritti da uno psichiatra, ma questa opzione terapeutica deve sempre essere accompagnata dalla psicoterapia, poiché gli studi dimostrano che non è efficace a lungo termine se viene eseguita come unica forma di trattamento.

Nuove tecnologie e trattamento delle fobie

Negli ultimi decenni, le nuove tecnologie hanno fatto irruzione nelle nostre vite in modi diversi. Ora è possibile acquistare mobili online, leggere il giornale del giorno dal computer, studiare un master senza la necessità di andare al college o fare terapia psicologica online.

Inoltre, è possibile trattare le fobie dal cellulare stesso , dal momento che negli ultimi anni sono apparse delle applicazioni che utilizzano la realtà virtuale e la realtà aumentata per esporre il paziente a stimoli fobici.

  • Puoi conoscere le migliori applicazioni del mercato nel nostro articolo: "8 app per trattare fobie e paure dal tuo smartphone"

Ho paura di averlo piccolo. Cosa fare? (Agosto 2020).


Articoli Correlati