yes, therapy helps!
Evoluzione della schizofrenia: sintomi e prognosi

Evoluzione della schizofrenia: sintomi e prognosi

Ottobre 14, 2019

L'evoluzione della schizofrenia può essere studiata considerando diversi aspetti . Ad esempio, secondo la manifestazione, lo sviluppo e la riduzione della sintomatologia cognitiva, comportamentale o affettiva.

Allo stesso modo, e come con altre diagnosi psichiatriche e mediche, l'evoluzione di queste manifestazioni dipende da molte variabili. Alcuni di essi sono la suscettibilità psicologica e biologica, e anche le condizioni oi modelli di recupero in cui la persona è.

Successivamente faremo una breve rassegna della ricerca che ha analizzato l'evoluzione della schizofrenia, concentrandosi in particolare sui sintomi della dimensione cognitiva.


  • Articolo correlato: "Che cos'è la schizofrenia? Sintomi e trattamenti"

Evoluzione della schizofrenia e prognosi

Il termine "schizofrenia" si riferisce a una classificazione psichiatrica, ed è generalmente definita come un disturbo cronico e grave ciò influenza il modo in cui le persone pensano, sentono e agiscono. È uno dei disturbi mentali meno frequenti, sebbene più rappresentativo della psichiatria.

Come spiega la definizione precedente, la schizofrenia si sviluppa sia in una dimensione comportamentale (il modo di agire) che in una affettiva (il modo di sentire) e un altro conoscitivo (nel pensiero). Quest'ultima è, infatti, una delle dimensioni più rappresentative per la diagnosi.


Questo perché molte delle persone con la diagnosi di schizofrenia sentono o vedono cose che le altre persone non percepiscono. Queste cose possono essere minacciose, ma non necessariamente.

A seconda di come vengono presentati e di come vengono ricevuti da altre persone, lo sviluppo e l'evoluzione delle manifestazioni di tipo cognitivo può essere un ostacolo per la persona a sviluppare regolarmente le loro attività e le interazioni quotidiane.

Quanto sopra dipende in gran parte dallo sviluppo e dalla storia clinica individuale , così come le opzioni di trattamento a cui la persona e la loro famiglia hanno accesso. Per questo motivo, uno degli argomenti più rilevanti per la comunità scientifica è stato lo studio dell'evoluzione di queste manifestazioni e delle variabili coinvolte in questo.

  • Potresti essere interessato: "Che cos'è la psicosi? Cause, sintomi e trattamento"

Come si sviluppano le manifestazioni cognitive?

In una revisione di 30 studi longitudinali (cioè, un realizzatore nel tempo) sull'evoluzione dei sintomi cognitivi nella schizofrenia, Ojeda, et al. (2007) riportano che la cognizione è significativamente modificata sin dall'inizio.


Lo segnalano anche l'alterazione aumenta gradualmente e specialmente nei pazienti istituzionalizzati e non sono riportati casi che raggiungano il grado di alterazione cognitiva dei disturbi neurodegenerativi.

Vedremo alcuni dettagli su questi studi, dall'apparizione dei primi episodi psicotici alla schizofrenia di lunga data.

1. Nei primi episodi psicotici

Gli studi condotti fin dai primi episodi psicotici confermano la presenza di un deficit cognitivo dalle prime fasi di sviluppo della schizofrenia .

Tuttavia, gli stessi studi suggeriscono che, dopo aver svolto compiti di attenzione, fluenza verbale, psicomotricità e memoria visiva e verbale; Questo deficit tende a migliorare significativamente nel primo anno. Quest'ultimo è stato associato alla stabilizzazione dei sintomi positivi durante i primi dodici mesi.

In altri studi condotti verso i primi 2 e 5 anni del disturbo, viene anche riportata la stabilità dei sintomi. Inoltre riferiscono stabilità nelle attività linguistiche e nella memoria visiva e un notevole miglioramento in altri, come compiti concettuali e attenzione / concentrazione.

Tuttavia, altri studi che hanno anche seguito i primi due anni riportano pochi miglioramenti, o anche un lieve deterioramento nel ragionamento visuospaziale e nella velocità di elaborazione. D'altra parte, esplorazioni più lunghe suggeriscono che il corso delle manifestazioni cognitive presenti stabilità generale nei primi anni, anche se un progressivo deterioramento verso periodi successivi .

2. Nella schizofrenia di lunga data

I primi studi sulla schizofrenia della lunga evoluzione o della cronaca, realizzati a partire dagli anni '60, avevano riportato una stabilità generale della performance, con un lieve deterioramento della dimensione del linguaggio. Quest'ultima è stata successivamente discussa, poiché non era noto se questo deterioramento fosse la causa della schizofrenia o fosse causato dal naturale processo di invecchiamento.

In generale, studi successivi confermano la stabilità dei sintomi cognitivi nell'evoluzione della schizofrenia, sebbene in alcuni casi siano riportati miglioramenti significativi e, in altri casi, menomazioni. Nel secondo caso, una delle variabili importanti è stata l'istituzionalizzazione, da allora molte persone erano in ricovero per lunghi periodi .

In effetti, da quest'ultimo punto è aumentato l'interesse a conoscere la differenziazione tra l'evoluzione della schizofrenia e altri quadri clinici. Allo stesso modo, ha aumentato l'analisi scientifica delle variabili coinvolte nella stabilità, miglioramento o deterioramento delle funzioni cognitive in persone con diagnosi di schizofrenia. Recentemente la schizofrenia è stata collegata a lo sviluppo della demenza , specialmente nei pazienti geriatrici ospedalizzati.

Riferimenti bibliografici:

  • Istituto Nazionale di Salute Mentale (2015). La schizofrenia. Estratto l'11 ottobre 2018. Disponibile su //www.nimh.nih.gov/health/publications/espanol/la-esquizofrenia/index.shtml.
  • Ojeda, N., Sánchez, P., Elizagárate, E., Yöller, A.B., Ezcurra, J., Ramírez, I. e Ballesteros, J. (2007). Evoluzione dei sintomi cognitivi nella schizofrenia: una revisione della letteratura. Spanish Acts in Psychiatry, 35 (4): 253-270.

13/20 Oppressione e schizofrenia (Ottobre 2019).


Articoli Correlati