yes, therapy helps!
Ethel Puffer Howes: biografia di questo psicologo e attivista

Ethel Puffer Howes: biografia di questo psicologo e attivista

Potrebbe 16, 2021

Ethel Puffer Howes (1872-1950) era uno psicologo di origine americana che ha fatto diversi studi sulla psicologia della bellezza e dell'estetica, che rappresentava uno dei passi importanti per consolidare la psicologia nel campo sperimentale e oltre la filosofia.

In questo articolo ci avviciniamo alla biografia di Ethel Puffer Howes . Uno psicologo che, pur sviluppandosi nell'area sperimentale, ha fortemente messo in dubbio le difficoltà delle donne del diciannovesimo e ventesimo secolo nel conciliare una vita matrimoniale con una carriera accademica.

  • Articolo correlato: "Storia della psicologia: autori e teorie principali"

Ethel Puffer Howes: biografia di questo pioniere della psicologia scientifica

Ethel Dench Puffer (in seguito Ethel Puffer Howes), è nato il 10 ottobre 1872 nel Massachusetts, negli Stati Uniti, in una famiglia che promuoveva l'istruzione superiore per le donne . Sua madre era un'insegnante e aveva ricevuto una formazione professionale allo Smith College, che fungeva da guida per Ethel e le sue quattro sorelle più giovani. Non appena si è laureata, Ethel Puffer ha iniziato a insegnare matematica nella stessa scuola e, allo stesso tempo, ha sviluppato uno speciale interesse per la psicologia. In questo campo Puffer è stato riconosciuto da diversi accademici in associazioni tra cui uno psicologo pioniere.


Come facevano molti degli psicologi dell'epoca, e in riconoscimento del lavoro sperimentale di Wundt; Puffer Howes si trasferì a Berlino, in Germania, nel 1895. Con sorpresa si scoprì che in Germania c'era una maggiore esclusione delle donne nella psicologia scientifica e nei laboratori.

In questo contesto ha incontrato lo psicologo Hugo Münsterberg, che era interessato a lavorare con Ethel e i suoi interessi professionali. Nello specifico, lo psicologo era interessato alla ricerca della bellezza e dell'estetica da una prospettiva sociale. Questo interesse si adattava bene al processo di consolidamento della psicologia scientifica, da allora il tema dell'estetica si era concentrato unicamente sul campo della filosofia .


Per questo motivo ha ottenuto una borsa di studio dall'Association of College Alumni per fare un dottorato con Münsterberg, che ha insegnato ad Harvard, negli Stati Uniti. Tornò nel Massachusetts e fu addestrato al college femminile, il Radcliffe College. Come è successo con altre donne della stessa epoca, Puffer ha terminato il dottorato dopo aver adempiuto agli stessi compiti dei suoi compagni; tuttavia, è stato premiato con una laurea in equivalente qualità lavorativa.

Anni dopo, Ethel ha intrapreso varie azioni da applicare ad Harvard per il riconoscimento ufficiale del dottorato . In risposta, lei e altri tre psicologi ottennero l'offerta di un dottorato da Radcliffe, che Puffer accettò. La sua ricerca sperimentale sull'estetica ha portato alla pubblicazione del libro La psicologia della bellezza del 1908.

Tra matrimonio e carriera scientifica

Successivamente, Ethel Puffer lavorò come insegnante in diverse scuole per donne e nel 1908 sposò Benjamin Howes, un ingegnere civile che si incontrò dopo essersi laureato alla Smith School. In questo contesto, qualcosa che sembrava innocuo come l'acquisizione del cognome del marito, generò a Ethel diverse difficoltà sia per continuare il loro sviluppo nella scienza sia per soddisfare le aspettative del matrimonio.


Dalla sua esperienza personale, Ethel Puffer è stato uno dei primi scienziati a mettere in discussione pubblica i conflitti che le donne devono affrontare per fare sia la scienza che una vita matrimoniale "di successo", cioè, rispettando le aspettative sociali e normative della stessa .

Come parte del tuo impegno matrimoniale ha dovuto trasferirsi in una comunità rurale a causa del lavoro del marito e, tra le altre cose, ciò la spinse a riflettere sulla scarsa compatibilità tra il peso delle attività domestiche e le richieste intellettuali della psicologia scientifica. Allo stesso modo, questa incompatibilità rappresentava un importante fattore di stress per le donne che stavano gradualmente rinunciando agli ideali di formazione professionale a cui avevano dedicato anni.

Insomma, Ethel Puffer ha messo in dubbio la richiesta di condurre una "perfetta vita personale"; con il percorso della realizzazione personale, che genera diverse contraddizioni quando il primo corrisponde al matrimonio e il secondo con un compito già associato ai valori maschili: fare scienza.Dopo aver trascorso diversi anni di riflessione privata, Ethel ha portato questa discussione alla scienza stessa, sotto forma di ricerca e vari articoli accademici in cui descrive le tensioni che le donne hanno attraversato e le possibili strategie di conciliazione, ad esempio lo sviluppo di centri diurni e servizi speciali per madri lavoratrici .

Tra le sue opere principali ci sono "Accettazione dell'universo" e "Continuità per le donne", entrambe del 1922. Tra le altre cose si propone di riformare le condizioni professionali delle donne, senza affrontare la possibilità di ridefinire il matrimonio e la divisione sessuale del lavoro.

  • Forse ti interessa: "Margaret Floy Washburn: biografia di questo psicologo sperimentale"

Identità generata vs. identità scientifica

Le donne che optarono per un'educazione superiore alla fine del diciannovesimo secolo e all'inizio del ventesimo, vivevano una tensione importante tra l'immagine pubblica della moglie obbediente e sottomessa e il silenzio di un "io" con desideri e iniziative che corrispondevano a una sfera associata a valori opposti . Nell'immaginario sociale, gli scienziati erano uomini e l'attività delle donne era associata più allo spazio privato.

L'attività scientifica, essendo associata a valori opposti a quelli che erano legati alle donne, significava anche esposizione a sanzioni sociali legate allo scetticismo sulle loro capacità e sulla validità delle loro attività. Quest'ultimo era angosciante per le donne che si consideravano "atipiche" per praticare nella scienza e non rimanere nei limiti dello spazio domestico.

Riferimenti bibliografici:

  • Rodkey, E. (2010). Profilo. Ethel Puffer Howes. Estratto il 2 luglio 2018. Disponibile su //www.feministvoices.com/ethel-puffer-howes/
  • García Dauder, S. (2005). Psicologia e femminismo. Storia dimenticata di donne pioniere in psicologia. Madrid: Narcea.

Accepting the Universe: Ethel Puffer Howes 1922 (Potrebbe 2021).


Articoli Correlati