yes, therapy helps!
Psicologia emotiva: principali teorie dell'emozione

Psicologia emotiva: principali teorie dell'emozione

Ottobre 14, 2019

il emozioni Esercitano una grande forza su di noi e influenzano il nostro modo di pensare e il nostro comportamento, ecco perché hanno un grande peso nello studio della psicologia. Negli ultimi anni sono emerse diverse teorie che cercano di spiegare il come e il perché delle emozioni umane e, inoltre, nel mondo della psicologia, l'intelligenza emotiva ha guadagnato terreno per i suoi benefici nel benessere delle persone e nello sviluppo emotivo .

Concetti come la convalida emotiva, l'autocontrollo emotivo o la gestione emotiva ci sono sempre più familiari, e nel mondo organizzativo così come nello sport, una corretta gestione emotiva è strettamente correlata alle prestazioni.


Articolo da approfondire: "Le emozioni di base sono quattro e non sei come si credeva"

Emozioni: cosa sono esattamente?

Le emozioni sono generalmente definite come uno stato affettivo complesso , una reazione soggettiva che si verifica a seguito di cambiamenti fisiologici o psicologici che influenzano il pensiero e il comportamento. In psicologia, sono associati a diversi fenomeni, tra cui temperamento, personalità, umorismo o motivazione.

Secondo David G. Meyers, esperto di psicologia delle emozioni, le emozioni umane implicano "l'eccitazione fisiologica, il comportamento espressivo e l'esperienza cosciente".

Teorie dell'emozione

Le teorie più importanti dell'emozione possono essere raggruppate in tre categorie : fisiologico, neurologica e conoscitivo.


Le teorie fisiologiche suggeriscono che le risposte intracorporali sono responsabili per le emozioni. Le teorie neurologiche propongono che l'attività nel cervello porti a risposte emotive. E, infine, le teorie cognitive sostengono che i pensieri e le altre attività mentali svolgono un ruolo essenziale nella formazione delle emozioni.

ma, Quali teorie dell'emozione esistono? Qui presentiamo le teorie più note della psicologia emotiva.

Teoria evolutiva dell'emozione (Charles Darwin)

La teoria evolutiva dell'emozione ha la sua origine nelle idee di Charles Darwin, che ha affermato che le emozioni si sono evolute perché erano adattive e hanno permesso agli esseri umani di sopravvivere e riprodursi . Ad esempio, l'emozione della paura ha costretto le persone a combattere o evitare il pericolo.


Pertanto, secondo la teoria evolutiva dell'emozione, le nostre emozioni esistono perché ci aiutano a sopravvivere. Le emozioni motivano le persone a rispondere rapidamente a uno stimolo proveniente dall'ambiente, che aumenta le possibilità di sopravvivenza.

Inoltre, la comprensione delle emozioni di altre persone o animali svolge anche un ruolo cruciale in termini di sicurezza e sopravvivenza.

Teoria dell'emozione di James-Lange

Questa è una delle teorie fisiologiche più conosciute dell'emozione. Proposto in modo indipendente da William James e Carl Lange, questa teoria suggerisce che le emozioni avvengano come conseguenza delle reazioni fisiologiche agli eventi .

Inoltre, questa reazione emotiva dipende dal modo in cui interpretiamo quelle reazioni fisiche. Ad esempio, immagina di camminare attraverso la foresta e vedere un orso. Inizi a tremare e il tuo cuore accelera. Secondo la teoria di James-Lange, interpreterete la vostra reazione fisica e concluderete che siete spaventati: "Sto tremando e, quindi, ho paura". Quindi, questa teoria afferma che non tremi perché sei spaventato, ma che hai paura perché tremi.

Teoria dell'emozione di Cannon-Bard

Un'altra ben nota teoria dell'emozione è quella di Cannon-Bard. Walter Cannon non era d'accordo con la teoria precedente per diversi motivi. prima, Ha suggerito che le persone provano le reazioni fisiologiche associate alle emozioni senza provare l'emozione . Ad esempio, il cuore può essere accelerato perché pratichi sport, non necessariamente a causa della paura. Inoltre, Cannon ha suggerito di provare emozioni allo stesso tempo delle reazioni fisiologiche. Cannon propose questa teoria negli anni '20, ma il fisiologo Philip Bard, durante il decennio dei 30 decise di espandere questo lavoro.

In particolare, questa teoria suggerisce che le emozioni si verificano quando il talamo invia un messaggio al cervello in risposta a uno stimolo, che provoca una reazione fisiologica. Allo stesso tempo, il cervello riceve anche un messaggio sull'esperienza emotiva. Questo succede simultaneamente.

Teoria di Schachter-Singer

Questa teoria fa parte delle teorie cognitive dell'emozione, e suggerisce che l'attivazione fisiologica avvenga prima . Successivamente, l'individuo deve identificare i motivi di questa attivazione per sperimentare l'etichetta dell'emozione.Uno stimolo provoca una risposta fisiologica che viene poi interpretata ed etichettata in modo cognitivo, che diventa l'esperienza emotiva.

La teoria di Schachter e Singer è ispirata ai due precedenti. Da un lato, come la teoria di James-Lange, propone che le persone deducano le loro emozioni da risposte fisiologiche. Tuttavia, è differenziato da esso dall'importanza della situazione e dall'interpretazione cognitiva che gli individui fanno per etichettare le emozioni.

D'altra parte, proprio come la teoria di Cannon-Bard, sostiene anche che reazioni fisiologiche simili provocano una grande varietà di emozioni.

Teoria della valutazione cognitiva

Secondo questa teoria, il pensiero deve avvenire prima dell'esperienza dell'emozione . Richard Lazarus fu il pioniere di questa teoria, motivo per cui questo di solito riceve il nome della teoria dell'emozione di Lazzaro. In sintesi, questo artefatto teorico afferma che la sequenza degli eventi implica prima uno stimolo, seguito da un'emozione.

Ad esempio, se sei in una foresta e vedi un orso, per prima cosa penserai di essere in pericolo. Ciò causa l'esperienza emotiva della paura e della reazione fisiologica, che può finire in volo.

Teoria dell'emozione del feedback facciale

Questa teoria afferma che le espressioni facciali sono collegate all'esperienza emotiva . Qualche tempo fa, sia Charles Darwin che William James hanno notato che, a volte, le risposte fisiologiche avevano un impatto diretto sulle emozioni, piuttosto che essere semplicemente una conseguenza dell'emozione. Secondo i teorici di questa teoria, le emozioni sono direttamente correlate ai cambiamenti prodotti nei muscoli facciali.

Ad esempio, le persone che devono forzare il proprio sorriso in un determinato ambiente sociale, avranno un tempo migliore di quelli che hanno un'espressione facciale più neutra.

La relazione delle emozioni con il benessere

Nell'ultimo decennio, la teoria dell'intelligenza emotiva ha iniziato a guadagnare terreno. Questo tipo di intelligenza, che ha cominciato a diventare popolare grazie a Daniel Goleman , ha la sua origine nella visione dell'intelligenza del professor Howard Gardner, la teoria delle intelligenze multiple.

Vi sono numerosi studi che affermano che l'intelligenza emotiva è la chiave per il benessere delle persone, perché l'auto-conoscenza, la regolazione emotiva o l'empatia influenzano positivamente il benessere psicologico degli individui, così come le relazioni personali o lo sviluppo lavorativo o sportivo. .

Per saperne di più sull'intelligenza emotiva, ti consigliamo di leggere i seguenti articoli :

  • "Cos'è l'intelligenza emotiva? Scoprire l'importanza delle emozioni"
  • "I 10 benefici dell'intelligenza emotiva"

Le teorie sulle emozioni (Ottobre 2019).


Articoli Correlati