yes, therapy helps!
La guida aiuta a prevenire il declino cognitivo

La guida aiuta a prevenire il declino cognitivo

Gennaio 30, 2023

Chi guida quotidianamente non si rende conto della complessità di questo atto. Questo perché, Nel tempo, guidiamo automaticamente . Ma guidare richiede una serie di abilità cognitive tra cui funzioni esecutive, elaborazione delle informazioni, elaborazione visiva e memoria.

Dobbiamo essere consapevoli di molti stimoli allo stesso tempo, avere il piede nella frizione e il freno, cambiare marcia, osservare le macchine che ci attraversano, ecc. Se non fosse per il cervelletto, guideremmo come novizi per tutta la vita.

La guida è positiva per la salute cognitiva degli anziani

Ma certo, tutte queste funzioni cognitive si deteriorano nel tempo rendendo la guida difficile e pericolosa. Tuttavia, uno studio recente suggerisce che le esigenze cognitive della guida possono aiutare a prevenire il declino cognitivo causato dall'invecchiamento. In altre parole, la guida potrebbe avere un ruolo benefico per la salute cognitiva degli anziani.


Si è sempre parlato di quanto sia importante che le persone anziane rimangano attive, ma non si è mai parlato di guida che abbia portato anche questi benefici. È chiaro che le persone che non sono in grado di guidare in sicurezza devono rinunciare a prendere le chiavi e accendere il veicolo, ma diversi studi precedenti avevano già dimostrato che lasciare la guida è associato a una diminuzione della salute emotiva e fisica per gli anziani . Adesso anche al deterioramento cognitivo.

Dati e risultati dello studio

Il recente studio è stato condotto da tre scienziati comportamentali, Moon Choi (Università del Kentucky) Matthew C. Lohman (Università del Kentucky) e Brian Mezuk (Commonwealth University of Virginia) ei loro risultati hanno dimostrato che guidare un veicolo aiuta a mantenere funzioni cognitive.


"Precedenti ricerche hanno indicato che esiste un'associazione negativa tra il cattivo funzionamento cognitivo e l'interruzione della guida", spiegano Choi ei suoi colleghi. "Tuttavia, i nostri risultati suggeriscono che fermare la guida può anche essere un fattore di rischio che accelera il declino cognitivo nel tempo, il che suggerisce che la relazione tra la cessazione dell'azionamento e il funzionamento cognitivo potrebbe essere bidirezionale".

Choi e i suoi collaboratori analizzato i dati di oltre 9000 individui più anziani per 10 anni: dal 1998 al 2008 . I soggetti hanno completato un test cognitivo per telefono che ha valutato la memoria, la velocità di elaborazione mentale, il livello di conoscenza e il linguaggio. Ai soggetti è stato anche chiesto quale fosse il loro stato di guida corrente, cioè se guidavano o meno, o se non avevano mai guidato.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che avevano smesso di guidare hanno mostrato un declino cognitivo accelerato durante i 10 anni dopo aver smesso di guidare, rispetto ai conducenti attivi.


Le persone anziane che non guidano sono un gruppo con un maggiore rischio di deterioramento cognitivo

"Questo studio suggerisce che le persone anziane che non hanno mobilità attraverso la guida di un veicolo sono un gruppo con un maggiore rischio di soffrire di disturbi cognitivi. Quindi trarrebbero beneficio da interventi sociali che promuovono l'impegno sociale, psicologico e cognitivo ", sostengono i ricercatori,

Per quanto riguarda questo tipo di interventi, un team di scienziati guidato dallo psicologo Jerri Edwards (University of South Florida) ha progettato un programma incentrato sulla formazione cognitiva per gli anziani che erano a rischio di incidenti automobilistici e una diminuzione cognitivo.

Il programma di allenamento cognitivo

Edwards e i suoi colleghi hanno reclutato circa 500 anziani (60 anni e oltre) per partecipare al processo. Tutti i partecipanti hanno completato un compito visivo di velocità di elaborazione in cui prestazioni scadenti in questo compito indicavano un aumento del rischio di incidenti automobilistici. I 134 partecipanti che hanno ricevuto i punteggi bassi in questo test sono stati assegnati a uno dei due gruppi a caso: un intervento di allenamento cognitivo o un gruppo di controllo in cui hanno ricevuto un addestramento al computer.

I partecipanti a entrambi gli interventi hanno incontrato un coach in piccoli gruppi per 10 sessioni di un'ora . Coloro che facevano parte del gruppo di formazione cognitiva hanno completato esercizi al computer progettati per migliorare la velocità di elaborazione delle informazioni, come l'identificazione e la posizione visiva (automobili e camion) e gli oggetti uditivi (serie di toni). I partecipanti al gruppo di addestramento informatico hanno completato gli esercizi di formazione sull'uso di base del computer, come, ad esempio, l'uso della posta elettronica.

I 366 partecipanti che non hanno mostrato segni di rallentamento cognitivo nella velocità di elaborazione dei compiti visivi sono serviti come gruppo di riferimento.

La fase di follow-up

Tre anni dopo è stato seguito, e i ricercatori hanno scoperto che i conducenti più anziani che avevano ricevuto un allenamento cognitivo guidavano e avevano un basso tasso di rischio. Al contrario, i partecipanti assegnati al gruppo di addestramento al computer (o gruppo di controllo) hanno sperimentato una diminuzione della guida, oltre a una maggiore difficoltà nel realizzarlo, come indicato nella successiva valutazione.

L'allenamento nella velocità dell'elaborazione cognitiva può non solo migliorare le prestazioni cognitive, ma può proteggere il declino della mobilità negli anziani ", scrivono nel suo articolo Edwards e i suoi collaboratori. I programmi di formazione cognitiva, secondo la scienza, hanno il potenziale per migliorare la vita quotidiana delle persone anziane in molti modi ", aggiungono gli autori.

Ci sono alcune limitazioni nello studio

Anche così, entrambi i gruppi di ricercatori sono cauti con i loro risultati e ammettere che ci sono dei limiti . Oltre ai problemi cognitivi o di salute, anche le persone anziane riferiscono spesso difficoltà finanziarie come uno dei motivi per cui smettono di guidare.

Coloro che vivono nelle aree più densamente popolate possono avere un maggiore accesso a mezzi di trasporto alternativi e pertanto possono avere esiti cognitivi diversi rispetto agli anziani che vivono in aree più isolate o rurali.

Articoli Correlati