yes, therapy helps!
Coltiva l'autostima: 3 chiavi per raggiungerlo

Coltiva l'autostima: 3 chiavi per raggiungerlo

Agosto 12, 2020

Credo che tutti noi, in vari momenti della nostra vita, abbiamo sentito il peso delle credenze implicite ed esplicite della nostra società e della nostra cultura, che sono espanse e trasmesse attraverso diversi mezzi di comunicazione, pubblicità e sono rafforzate nel a casa, al lavoro, nelle istituzioni e nelle interazioni quotidiane. Uno di questi è l'idea che valiamo secondo alcune caratteristiche che possediamo, per ciò che facciamo e abbiamo.

Quando pensi in questo modo è difficile amare e apprezzare te stesso incondizionatamente e ancora di più per affrontare sconfitte temporanee, perdite e brutti momenti. Il nostro senso del valore dipende da fattori esterni e varia in base a loro, il che influisce sulla nostra autostima. Coltivare una sana autostima è un lavoro continuo , che richiede di ripensare le nostre convinzioni, dandoci amore e permettendoci di crescere e che è utile in quanto è centrale per il nostro benessere fisico e mentale.


  • Articolo correlato: "Concetto di sé: cos'è e come si forma?"

Cos'è l'autostima?

Glenn Schiraldi, autore di numerosi articoli e libri sulla salute mentale e fisica, definisce l'autostima come "un'opinione realistica e riconoscibile di se stessi". È valutato in modo preciso e onesto, per amarsi, per prendersi cura di sé e per piacere a se stessi.

È possedere un sano orgoglio; rispettati, sentirsi degni e riconoscenti per i propri successi, talenti , servizi o appartenenza a una famiglia, gruppo etnico, ecc. Ha anche una sana umiltà; Credo che tutte le persone abbiano lo stesso valore, apprezzino i successi e i fallimenti degli altri e riconoscano quanto ancora devono imparare.


L'autore spiega che una sana autostima è diverso dalla vergogna autodistruttiva e dall'orgoglio autodistruttivo . Nella vergogna o nell'umiltà autodistruttiva, le persone hanno un'opinione negativa di se stesse, che è imprecisa e realistica. Credono di essere inferiori agli altri, provano sentimenti di vergogna e disgusto. Tendono ad essere sottomessi e mancano di rispetto per se stessi.

D'altra parte, le persone con l'orgoglio controproducente credono di essere superiori e più importanti di altre. Cercano di impressionare gli altri e sperimentano un bisogno eccessivo e il desiderio di essere ammirati. Si comportano in modo arrogante, compiaciuto e narcisista. Questi due estremi sono radicati nell'insicurezza e nella paura.

  • Forse ti interessa: "Bassa autostima? Quando diventi il ​​tuo peggior nemico"

Come coltivare l'autostima

Schiraldi descrive tre importanti basi per la costruzione dell'autostima; ne vale la pena, amore incondizionato e crescita, essendo essenziale per sviluppare le prime due basi sicure, al fine di concentrarsi sulla crescita.


1. Valore incondizionato

Questa prima base per costruire una sana autostima, ci invita a riconoscere il valore incondizionato e intrinseco degli esseri umani . Qualcosa forse difficile da assimilare per alcune persone, dato il bombardamento di informazioni che associa il valore di una persona al suo aspetto, intelligenza, popolarità, ecc.

Il valore umano incondizionato è descritto da cinque assiomi sviluppati dalla dott.ssa Claudia A. Howard (1992):

  • Tutti noi abbiamo un valore infinito, interno e incondizionato come persone.
  • Abbiamo tutti lo stesso valore delle persone. Non competi per il valore . Sebbene una persona possa essere migliore nello sport, negli studi o nel mondo degli affari, e un'altra potrebbe essere migliore nelle abilità sociali, entrambe hanno lo stesso valore degli esseri umani.
  • I fattori esterni non aggiungono o sminuiscono il valore. L'esterno include cose come denaro, aspetto, prestazioni, risultati. Questo aumenta solo il nostro valore di mercato o sociale. Il valore come persona, tuttavia, è infinito e inalterabile.
  • Il valore è stabile e non è mai in gioco (anche se è respinto da qualcuno).
  • Il valore non deve essere guadagnato o testato. Esiste già Devi solo riconoscerlo, accettarlo e apprezzarlo.

Scartare l'idea di un valore condizionato

Schiraldi spiega che "siamo importanti e preziosi come persone perché il nostro essere spirituale ed essenziale è unico, prezioso, buono e di valore infinito, eterno e inalterabile".

Descrivi che, come un bambino appena nato, il nostro sé interiore è fondamentalmente buono, completo e pieno di potenziale. Tuttavia, nel tempo l'Io interiore si circonda di elementi esterni (critiche, maltrattamenti, azioni negative e modelli di pensiero) che possono nascondersi o far sì che sia difficile vedere e sperimentare il nostro valore, mentre altri (amore, espressione i nostri talenti, aiutando gli altri) ci aiutano a vederlo e a sentirlo più facilmente. Questi fattori esterni cambiano il modo in cui sperimentiamo il nostro valore , ma non il valore stesso.

Comprendi che il nostro valore è incondizionato ci libera da quella costante ricerca di approvazione . Non c'è bisogno di fare cose per dimostrare il nostro valore, non devi essere come qualcun altro per ottenere valore.Allo stesso modo, possiamo affrontare meglio le avversità e i cambiamenti nella vita, poiché comprendiamo che il nostro valore non entra in gioco a causa di errori, rifiuti, cattive situazioni ed esperienze. Una cosa è stare male per eventi e comportamenti e un'altra per sentirsi male o vergognarsi del sé interiore.

Allo stesso modo iniziamo a riconoscere il valore intrinseco negli altri. Non è necessario fomentare violenza, separazione e disuguaglianza dovute a differenze di razza, genere, religione, condizione economica, ecc. La competizione che passa sopra l'altra, l'invidia o l'odio non è giustificata se riusciamo a capire questa semplice verità, siamo tutti uguali come persone.

2. Amore incondizionato

Schiraldi, descrive l'amore come un sentimento e un atteggiamento in cui vogliamo il meglio per noi stessi e gli altri. È una decisione e un impegno fatti ogni giorno e un'abilità che può essere appresa e coltivata attraverso la pratica. L'amore non ci definisce, né ci fornisce valore, ma ci aiuta a riconoscerlo, a sperimentarlo e ad apprezzarlo più facilmente. Abbiamo tutti bisogno di sentirci amati, rispettati, accettati e preziosi. Se non abbiamo ricevuto questo amore dagli altri, è importante che noi stessi ci assumiamo la responsabilità di darlo incondizionatamente, poiché l'amore guarisce ed è la base per crescere.

Un modo per coltivare l'amore è attraverso la pratica dell'auto-compassione. Kristin Neff, ricercatrice e professore all'Università del Texas, parla di tre componenti che ci aiutano a farlo. Descritto brevemente, il primo è essere gentili e capire con noi stessi, invece che con i critici, quando soffriamo, falliamo o commettiamo errori. La prossima componente implica riconoscere la nostra umanità in comune. È per ricordare che siamo interconnessi e che tutti condividiamo esperienze di imperfezione, facciamo errori e abbiamo difficoltà.

infine, il terzo componente è la consapevolezza . La volontà di osservare chiaramente le nostre esperienze interiori (pensieri, emozioni) come sono nel momento presente. Senza esagerare, ignorandoli o giudicandoli, per rispondere e affrontare la realtà in modo compassionevole ed efficace.

3. Crescita

Questo componente si focalizza su sviluppare il potenziale fisico, mentale, sociale ed emotivo che esiste in noi e anche per condividerlo con gli altri.

Shiraldi spiega che la crescita è un processo continuo che richiede sforzo, aiuto e che non finisce mai completamente, ma che è soddisfacente perché nasce da basi sicure di valore, amore e una sensazione di calma, invece di delle voglie. Se queste basi sono assenti, i successi e le realizzazioni raramente portano a una sana autostima.

Allo stesso modo, lo sviluppo delle nostre capacità non aumenta o modifica il nostro valore, perché siamo nati con esso. Piuttosto, quando cresciamo vediamo il nostro essere essenziale più chiaramente, stiamo esprimendo il nostro valore, cambiamo le percezioni che abbiamo di noi stessi e sperimentiamo chi siamo con più gioia e soddisfazione.

Crescere consiste nel scegliere di agire in integrità con i nostri valori , elimina i comportamenti che non ci fanno bene e goditi il ​​processo senza temere il fallimento e preoccuparti troppo dei risultati. Ogni persona ha la sua strada e va al suo ritmo. L'autostima, quindi, è una combinazione di auto-accettazione (valore e amore) e crescita.

referenze:

  • Neff, K. (2012). Sii gentile con te stesso L'arte della compassione verso se stessi. Barcellona, ​​Spagna: Oniro.
  • Schiraldi, G.R. (2016). La cartella di lavoro sull'autostima. Seconda edizione. Oakland, CA: New Harbinger.

Audiolibro: "Motivarsi E Motivare" - Come Stare Bene Con Se Stessi Partendo Da Cio' Che Si Ha (Agosto 2020).


Articoli Correlati