yes, therapy helps!
Critical Psychiatry: cos'è e cosa pretende?

Critical Psychiatry: cos'è e cosa pretende?

Agosto 10, 2020

La psichiatria, una specialità medica che è responsabile per la rilevazione e il trattamento delle malattie mentali, ha attraversato una crisi importante negli ultimi tempi a causa dell'emergere di diverse domande sulle caratteristiche delle loro conoscenze e pratiche.

Da queste domande è emersa la Critical Psychiatry , una corrente teorica che mette in discussione e cerca di riformare le pratiche dell'assistenza psichiatrica. Tra le altre cose, mostra che la psichiatria tradizionale ha alcuni limiti fondamentali nel modo di comprendere e affrontare la sofferenza psichica, che in particolare genera dilemmi etici nell'uso della loro conoscenza.

  • Forse ti interessa: "Tipi di psicofarmaci: usi ed effetti collaterali"

Da dove viene la Critical Psychiatry?

Uno degli antecedenti più recenti è la conferenza della Critical Psychiatry Network (Rete di critica psichiatrica) tenutasi a Bradford, in Inghilterra, nel 1999, dove la necessità di promuovere una trasformazione radicale nel nostro approccio ai problemi di salute mentale ; ciò che migliaia di professionisti hanno sottoscritto in tutto il mondo, principalmente attraverso pubblicazioni accademiche, ma anche attraverso la mobilitazione politica.


Allo stesso modo, la Critical Psychiatry ha molti dei suoi antecedenti nell'antipsichiatria, un movimento teorico e politico guidato da professionisti della salute mentale che ha avuto inizio nella seconda metà del secolo scorso e che ha fortemente messo in discussione il modo in cui la psichiatria ha operato, in particolare in Europa e negli Stati Uniti.

Sebbene l'antipsichiatria e la psichiatria critica siano movimenti che si presentano in momenti diversi, ciò che hanno in comune è quello respingere la patologizzazione dell'eterogeneità umana e si sono impegnati a trasformare l'assistenza psichiatrica.

Infine, questa corrente è stata guidata da diversi movimenti associativi in ​​prima persona, cioè da collettivi gestiti da utenti di servizi di assistenza psichiatrica. Ad esempio, il collettivo britannico Hearing Voices Network che rifiuta la tradizionale comprensione psichiatrica di quell'esperienza, cercando di eliminare lo stigma e rafforzare i gruppi di mutuo aiuto.


Quanto sopra è articolato in seguito con il paradigma dei diritti che è stato formalizzato dal 2006 nella Convenzione internazionale sui diritti delle persone con disabilità approvato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite, nonché attraverso altri documenti e relazioni sulla prevenzione di torture in psichiatria che si sono sviluppate in diversi paesi.

Principi fondamentali

In termini generali, Critical Psychiatry cerca di rendere visibile l'intersezione tra relazioni psicologiche, sociali e somatiche , sia della gente che della stessa pratica psichiatrica, così che sia possibile riformarla.

Più specificamente, possiamo seguire Philip Thomas (2013) per elencare cinque argomenti di discussione che emergono dalla Critical Psychiatry: il problema delle diagnosi psichiatriche, il problema della medicina basata sull'evidenza in psichiatria (e il suo rapporto con l'industria farmaceutico), il ruolo del contesto in cui la psichiatria sviluppa e agisce, il problema delle pratiche coercitive e, infine, le basi teoriche e filosofiche della conoscenza psichiatrica e delle sue pratiche .


1. Il problema delle diagnosi psichiatriche

La psichiatria critica rende visibile che le barriere tra "normalità" e "disordine" sono facilmente manipolabili e in larga misura arbitrarie. In effetti, frequentemente varia la quantità di diagnosi psichiatriche disponibili ; questi appaiono e scompaiono e vengono aggiornati ogni volta (alcuni di essi ogni volta che la stessa popolazione diagnosticata si manifesta per essere considerati malati o sconvolti, per esempio, quello che è successo con l'omosessualità che fino alla seconda metà del secolo passato cessato di essere considerato un disturbo mentale).

Allo stesso modo, le basi scientifiche della diagnosi psichiatrica cominciarono a essere messe in discussione perché sebbene siano stati trovati substrati organici, l'evidenza scientifica che postula che i disturbi mentali hanno un'origine biologica e una cura definitiva nello stesso senso, è insufficiente.

2. La medicina basata sull'evidenza e l'industria farmaceutica

La medicina basata sull'evidenza è un concetto che si riferisce alla pratica medica basata su studi clinici, statistiche e manuali che offrono informazioni generiche su una determinata condizione.

Questo è stato contestato dalla Critical Psychiatry, da allora le cause dei disturbi mentali non sono specifiche e la medicina basata sull'evidenza può promuovere e generalizzare pratiche non specifiche, ma anche potenzialmente dannose in qualche modo, perché le pratiche psichiatriche sono per eccellenza di intervento diretto (farmacologico o meccanico).

Allo stesso modo, in molti casi sono la diagnosi e il trattamento farmaceutico fortemente influenzato dagli interessi economici delle industrie responsabili della produzione e distribuzione di droghe, oltre a finanziare gran parte della formazione dei professionisti. Questo è stato molto discusso negli ultimi decenni da un settore significativo di professionisti della salute mentale in tutto il mondo.

  • Articolo correlato: "Parti del cervello umano (e funzioni)"

3. Il contesto della psichiatria

La gamma delle diagnosi psichiatriche è legata al contesto in cui sono costruiti, cioè alla percentuale di persone a cui determinati problemi sono attribuiti in base alla popolazione specifica a cui appartengono.

La stessa pratica psichiatrica si trova all'interno di un contesto sociale, il che significa che nella diagnosi e nella relazione di benessere, le ideologie sono riprodotte e modi di relazionarsi; e quella sofferenza psichica è più di un'esperienza individuale, è un'esperienza che ha a che fare con le condizioni di possibilità o vulnerabilità dello stesso ambiente.

4. Pratiche coercitive

Tra le più forti critiche che sono state fatte alla psichiatria sin dal secolo scorso sono forzate le pratiche di internamento e contenimento psichiatrico come legami, terapia elettroconvulsiva e sovra-viralizzazione.

Lungi dall'essere concepito come un set tecnico (e quindi privo di valori), Critical Psychiatry cerca di rivedere costantemente le pratiche che vengono promosse e i loro possibili effetti dannosi (dal paternalismo intrinseco nella pratica clinica agli atteggiamenti stigmatizzanti o alle pratiche esplicitamente aggressive).

In molti contesti sono state promosse alternative, che vanno dalla chiusura di ospedali psichiatrici o graduale demedicalizzazione, alla creazione di centri comunitari e al rafforzamento di una salute mentale che viene promossa in un modo più collettivo e meno coercitivo.

5. Basi teoriche e filosofiche della psichiatria

Psichiatria critica mette in discussione il dualismo mente-corpo che fonda la tradizionale psichiatria biomedica, così come l'ideologia dei biologi che riduce la salute e le malattie mentali alle scienze molecolari del cervello.

Quest'ultimo significa che vengono considerate una serie di richieste sociali in cui la psichiatria si posizionava come l'unica o la migliore soluzione per comprendere i problemi delle persone; qualunque molte volte si traduce nell'omissione di carenze affettive, sociali o economiche promosso da strutture sociali.

Infine, dato che l'attenzione ai problemi di salute mentale è un fenomeno globale, nonostante sia stata generata e guidata in base alle esigenze del contesto europeo e americano, l'attuale Critical Psychiatry ha avuto ripercussioni in tutto il mondo.

Tuttavia, questa non è l'unica critica che è stata fatta alla psichiatria tradizionale. Ad esempio, le scienze sociali come l'antropologia, la psicologia sociale o la sociologia in America Latina hanno recentemente studiato le forme di assistenza sanitaria della comunità (compresa la salute mentale), così come i modi preispanici di comprendere ciò che chiamiamo al momento "Disturbo" o "malattia mentale"; insieme alle carenze nell'assistenza istituzionale e nei servizi di salute mentale più tradizionali.

Riferimenti bibliografici:

  • Critical Psychiatry (2018). Psichiatria in transizione - Rapporto della conferenza sulla Critical Psychiatry Network 2017. Estratto il 17 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.criticalpsychiatry.co.uk
  • Hearing Voices Network (HVN). (2018). L'obiettivo della rete. Hearing Voices Network per persone che ascoltano voci, vedono visioni o hanno altre percezioni insolite. Estratto il 17 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.hearing-voices.org
  • Nmucia (2017). Sulla medicina (preoccupante) basata su prove (di Germán Barrios). Piattaforma No, grazie. Estratto il 17 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.nogracias.eu/2017/29/about-the-inquietante-medicina-basada-en-la-evidencia-por-german-barrios/
  • Ortiz, A. (2013). Verso una psichiatria critica. Gruppo editoriale 5: Spagna
  • Thomas, P. (2013) Cos'è la Critical Psychiatry? Pazzo in America: scienza, psichiatria e giustizia sociale. Estratto il 17 aprile 2018. Disponibile all'indirizzo //www.madinamerica.com/2013/01/what-is-critical-psychiatry/
  • Thomas, P. (2013). Cos'è la psichiatria critica? Estratto il 17 aprile 2018. Disponibile su //discapacidades.nexos.com.mx/?p=113#_ftnref1
  • Vásquez, A. (2013). Antipsichiatria. Decostruzione del concetto di malattia mentale e critica della "ragione psichiatrica". Nomads. Giornale critico delle scienze sociali e giuridiche, 31: //dx.doi.org/10.5209/rev_NOMA.2011.v31.n3.368
  • Desviat, M.(2006). Antipsychiatry: critica della ragione psichiatrica. NORTH of Mental Health, 25: 8-14
  • Moncrieff, J. (2005). La psichiatria e l'industria farmaceutica: chi paga il pifferaio? Psychiatric Bulletin, 29: 84-85

Clinical depression - major, post-partum, atypical, melancholic, persistent (Agosto 2020).


Articoli Correlati