yes, therapy helps!
Psicologia criminale: com'è un serial killer?

Psicologia criminale: com'è un serial killer?

Gennaio 24, 2021

Psicologia del serial killer, psicologia criminale

Forse a causa dell'allarme che genera, a causa della sua asprezza o della sfida intellettuale che il suo studio richiede, gli omicidi seriali sono stati fin dall'apparizione di Forensic Psychiatry uno dei fondamenti principali dello studio del criminale. Fino ad ora, non è stato possibile stabilire definitivamente quale sia il profilo psico-clinico che delimita l'assassino in serie di un normale cittadino.

È noto che lo sfondo psicologico del profilo di un serial killer è quello di un bambino umiliato, maltrattato e violato. Nella metà dei casi ha subito un'assenza paterna e considera sua madre un pericolo da proteggere.


ricerca

Anche così, in una recente scoperta presentata nel New England Journal of Medicine le differenze anatomiche tra serial killer e persone comuni sono confermate. Nel serial killer possiamo vedere un lobo frontale più grande e quindi più funzionale, caratteristica che dà loro una maggiore aggressività e meno empatia rispetto alla media .

Il comportamento, la strategia, la memoria di lavoro e la capacità di pianificazione risiedono nel lobo frontale. Si potrebbe dire che è la parte più "umana" del nostro cervello. La sua ipertrofia indica un'alta aggressività e, a sua volta, un aumento della capacità di strategia e una bassa capacità di empatia che può portare ad alcuni rischi di sadismo.


La neurochimica del serial killer

Secondo il Dr. Reid Meloy, un'altra caratteristica differenziale tra i serial killer e il resto della popolazione è un livello anormalmente alto di manganese, ferro e rame, tale che ha un impatto diretto sulla diminuzione della dopamina e della serotonina che sono sostanze rilassanti che abbassano i livelli di testosterone (un ormone che provoca non solo un'aggressione eccessiva ma anche il bisogno di padronanza), in modo tale che l'individuo subisca un'alterazione comportamentale che prevale sull'atto criminale nel tentativo disperato di imporre il suo superiorità ai loro pari.

Sfortunatamente, anche con l'avanzare di questa scoperta, che ci consente di avvicinarci un po 'alla mente del serial killer referenziale, queste scoperte cliniche non ci permettono ancora di prevedere o prevenire la pulsione sadica di questi soggetti.


È necessario decifrare l'esatta combinazione di fattori che conduce a questo comportamento criminale . La scienza ha una risposta a questa sfida? Senza dubbio, forse tra qualche anno verrà trovata la risposta.

Scoprire la vita e le menti di alcuni serial killer

Per analisi dettagliate della psicologia criminale di alcuni famosi assassini, raccomandiamo le seguenti monografie:

Ed Gein, "il macellaio di Plainfeld"

Jack 'lo squartatore'


TEST PSICOLOGICI - Sei Pazzo? Fai il Test di Rorschach Online (Gennaio 2021).


Articoli Correlati