yes, therapy helps!
La coscienza continua a funzionare dopo la morte clinica, secondo uno studio

La coscienza continua a funzionare dopo la morte clinica, secondo uno studio

Potrebbe 4, 2024

Un paio di giorni fa i media generali hanno diffuso la notizia un gruppo di scienziati ha scoperto che la coscienza delle persone può continuare a funzionare fino a 3 minuti dopo la morte . Cioè, in alcuni casi le persone sono consapevoli di ciò che accade intorno a loro diversi secondi dopo la morte, e che questa conclusione è stata raggiunta attraverso lo studio di molti casi in cui le persone rianimate sono in grado di ricordare cosa è successo loro in "il loro passaggio alla morte". Tuttavia, i risultati che sono stati realmente ottenuti in questo studio sono in qualche modo diversi.

Il concetto di ciò che è il morte Non è così semplice come potrebbe sembrare. C'è il morte clinica , in cui il cuore e i polmoni smettono di funzionare, e il vera morte , in cui le lesioni prodotte negli organi vitali (e, soprattutto, nel cervello) rendono impossibile il recupero e innescano l'inizio della degradazione di tutte le cellule del corpo.


Ciò significa che ciò che spesso chiamiamo "morte" è in realtà a processo reversibile ed è per ragioni che non hanno nulla a che fare con forze misteriose che agiscono dall'aldilà, ma da fattori perfettamente accessibili dalla scienza. Ecco perché un team di ricercatori dell'Università di Southhampton ha cercato di scoprire cosa succede con la nostra coscienza in quello spazio tra la morte clinica e quella effettiva, e abbiamo concluso che in molti casi può continuare a funzionare quando il cuore ha smesso di battere .

L'articolo che hanno scritto è stato reso pubblico quasi un anno fa attraverso la rivista rianimazione.


Qual era lo studio?

Il team di ricercatori ha studiato 2.600 casi di pazienti provenienti da 15 ospedali nel Regno Unito, in Australia e negli Stati Uniti per indagare su diversi casi di esperienze di pre-morte. I risultati hanno dimostrato che Il 39% dei pazienti in grado di sottoporsi a colloqui strutturati ha dichiarato di avere la sensazione di essere stato cosciente durante la morte clinica, nonostante non sia in grado di ricordare cose specifiche.

D'altra parte, il 2% di questi pazienti Hanno affermato di ricordare aspetti specifici di ciò che stava accadendo intorno a loro durante la morte clinica o hanno descritto esperienze di vedere le cose da un punto di vista diverso da quello corrispondente alla posizione del loro corpo (Esperienze fuori dal corpo).

Reale o allucinazione?

il Esperienze fuori dal corpo e le sensazioni della percezione visiva in esperienze al limite della morte sono attribuite a allucinazioni dalla comunità scientifica e, naturalmente, è difficile sapere se le persone che sostengono di aver mantenuto un certo tipo di coscienza mentono o parlano dell'inganno di aver sperimentato allucinazioni.


Il fatto che molti non ricordino aspetti specifici di ciò che è successo a loro sull'orlo della morte potrebbe significare che questa sensazione fuorviante è il prodotto della sua guarigione dopo un arresto cardiaco e che quindi la memoria non è riuscita a riempire uno spazio "vuoto" di coscienza, ma potrebbe anche essere perché sono stati a conoscenza di molte cose accadute ma i ricordi concreti sono scomparsi a causa dell'effetto di farmaci o processi organico correlato al recupero.

Un caso contrastato di coscienza dopo la morte clinica

Tuttavia, in almeno uno dei casi è stato possibile verificare che i loro ricordi concreti corrispondano a quanto è successo nella realtà . In questo studio c'è un caso paziente convalidato che mantiene la coscienza collegata all'esterno, poiché è stato testato con stimoli sonori dopo l'arresto cardiaco e quindi è stato possibile confrontare questi marcatori obiettivi con le informazioni che ha dato.

Questo è notevole, poiché la coscienza è considerata come disconnessa dalla realtà prima o subito dopo che il cuore si è fermato, e tuttavia in questo caso questa norma non è stata soddisfatta, poiché è un esempio di esperienza cosciente non basata su allucinazioni.

Riassumendo

I risultati di questo studio non ci dicono nulla sull'aldilà o su un piano diverso dell'esistenza . Il fatto che alcune persone rimangano consapevoli dopo la morte clinica non significa che sia stato dimostrato che esiste una vita dopo la morte o che la coscienza è indipendente da ciò che accade nel nostro corpo.

Semplicemente ce lo dice il cervello e altri organi vitali lavorano con tempi diversi in esperienze sull'orlo della morte, e che è possibile che dopo l'arresto cardiaco la nostra percezione della realtà continui a funzionare almeno in parte. Il che, ben pensato, non è un'idea troppo piacevole.

Riferimenti bibliografici:

  • Parnia S, et al. (2014).AWARE-AWAreness durante REsuscitation: uno studio prospettico. Rianimazione, 85 (12), pp. 1799-18.005.

La coscienza sopravvive alla morte. Anche la scienza sembra confermarlo (Potrebbe 2024).


Articoli Correlati