yes, therapy helps!
Ischemia cerebrale: sintomi, cause e trattamento

Ischemia cerebrale: sintomi, cause e trattamento

Agosto 10, 2020

Uno dei più temuti fenomeni e problemi cerebrali in tutto il mondo è la comparsa di un ictus o ictus, che è una delle cause più frequenti di morte in tutto il mondo.

Il motivo è il fatto che la loro presenza genera la morte di parte delle cellule del cervello, qualcosa che può generare conseguenze diverse più o meno invalidanti e compromettere la sopravvivenza a seconda delle aree che sono danneggiate.

Ma la verità è che quando parliamo di ictus stiamo parlando di due tipi principali di ictus: possiamo essere affetti da emorragia cerebrale o ischemia cerebrale .

È su quest'ultimo tipo che ci concentreremo su questo articolo, per discutere di cosa si tratta, per quali ragioni può accadere e quale tipo di intervento può essere effettuato in coloro che lo hanno sofferto.


  • Articolo correlato: "Le 12 più importanti malattie del cervello"

Cos'è un'ischemia cerebrale?

Si chiama ischemia cerebrale per uno dei grandi tipi di ictus che esistono, che è caratterizzato dalla comparsa di una degenerazione o morte neuronale nel cervello derivata dall'esistenza di un qualche tipo di blocco in uno qualsiasi dei vasi sanguigni che riforniscono il cervello .

Questo blocco fa sì che il sangue non raggiunga le cellule nervose che il vaso sanguigno deve irrigare, in modo che non ricevendo un livello sufficiente di ossigeno e sostanze nutritive le cellule colpite degenerino e muoiano rapidamente. Quindi, tecnicamente parliamo di ischemia quando, per qualche motivo, la fornitura di nutrienti e ossigeno che le cellule cerebrali hanno bisogno di sopravvivere viene interrotta.


  • Potresti essere interessato: "Parti del cervello umano (e funzioni)"

sintomi

Ischemia cerebrale è un'alterazione che può generare una grande varietà e diversità di sintomi , dal momento che l'ostruzione può verificarsi in uno qualsiasi dei vasi sanguigni che irrigano qualsiasi area del cervello. Pertanto, i sintomi specifici dipenderanno in larga misura dall'area interessata.

Tuttavia, ci sono alcuni sintomi che sono comuni sia nell'ischemia che in altri incidenti cerebrovascolari: l'improvvisa comparsa di paralisi o intorpidimento di una parte del viso o della metà del corpo, improvvisi cambiamenti nel linguaggio (incluse afasie in cui si perde la capacità di comprendere e / o produrre parole) e l'improvvisa ipotonia o mancanza di tono muscolare in una parte del corpo.

Inoltre, possono sorgere altri tipi di alterazioni, come ad esempio vertigini, mal di testa, allucinazioni, cambiamenti di personalità, tremori e / o convulsioni visione offuscata o perdita di specifiche capacità sensoriali.


Tra ischemia e ischemia emorragica cerebrale è molto più comune, ci sono un sacco di fattori e situazioni in cui può comparire un blocco di vasi cerebrali.

I suoi tipi principali

All'interno delle ischemie possiamo anche trovare diversi tipi, a seconda di come e perché il blocco in questione appare e anche in che misura colpisce più o meno regioni cerebrali. Tra i diversi tipi, spiccano i seguenti.

1. ischemia trombotica

Questo tipo di ischemia si verifica quando si trovano all'interno dei vasi sanguigni del cervello c'è un'ostruzione che impedisce il passaggio del sangue . Questa ostruzione è chiamata trombo e solitamente deriva dalla presenza di placche di colesterolo nella vena o dall'arteria o dall'esistenza di un coagulo che si forma all'interno del sistema cerebrovascolare stesso.

2. Ischemia embolica

L'ischemia o l'embolia embolica differiscono da quella precedente perché l'elemento che causa il blocco del vaso sanguigno cerebrale, in questo caso chiamato embolus, sorge in una parte dell'organismo diverso dal cervello e viaggia insieme al flusso sanguigno in tutto il corpo fino a quando che alla fine raggiunge il sistema cerebrovascolare, causando a un certo punto un tamponamento se incontra una nave più piccola di lui. È ciò che può accadere per esempio con alcuni coaguli di sangue .

3. Incidente ischemico transitorio

L'attacco ischemico transitorio è un tipo di ischemia cerebrale in cui, come nel resto, compare improvvisamente un elemento che blocca i vasi cerebrali, ma il corretto funzionamento dell'organismo riesce a sbloccarlo da solo rapidamente (ad esempio perché il flusso sanguigno riesce a spingere o frammentare l'embolo o il trombo).

In questi casi i sintomi di solito hanno una durata breve e il soggetto può riprendersi completamente, sebbene il fatto che sia apparso significa che il soggetto è a rischio di apparire più gravi.

4. Ictus lacunare

È inteso come tale tipo di ischemia cerebrale in cui il vaso sanguigno interessato è un'arteriola, cioè uno di i piccoli rami delle arterie che entrano nelle profondità delle diverse aree del cervello .

L'ischemia che si verifica a questo livello implica che le aree colpite saranno generalmente piccole e i loro effetti minori rispetto ad altri tipi di ictus, ma possono anche avere gravi ripercussioni e persino causare la morte a seconda della regione in cui si verifica.

  • Articolo correlato: "Infarto lacunare: cause, sintomi e trattamento"

5. Ischemia cerebrale focale

È chiamato come un tale tipo di ischemia in cui l'interruzione del flusso sanguigno si verifica in un vaso sanguigno che irriga un'area cerebrale specifica , in modo che l'effetto a livello neuronale sia specifico per l'area specifica che è danneggiata o muore.

6. Ischemia cerebrale globale

In questo caso, l'ischemia non si verifica in un vaso specifico ma si verifica a un livello più globalizzato, essendo tutto o quasi tutto il cervello che non riceve abbastanza ossigeno o sostanze nutritive. In questo caso il problema è globale e ha il potenziale di generare molte più ripercussioni sull'argomento che soffre.

7. Ischemia emodinamica

In questo tipo poco conosciuto di ischemia non c'è blocco in quanto tale, ma un'interruzione dell'arrivo di ossigeno o sostanze nutritive al cervello . La causa di questo tipo di ictus è l'assenza di un deficit nel livello di pressione del sangue che porta il sangue a circolare alla velocità necessaria per nutrire le cellule.

cause

Tecnicamente, la presenza di ischemia implica l'esistenza di qualche tipo di blocco o difficoltà nell'arrivo del sangue con ossigeno e sostanze nutritive alle cellule del cervello. In questo senso, le cause più comuni sono solitamente i coaguli di sangue o piastre di colesterolo e lipidi che ostruiscono le arterie . Ma oltre a questo ci sono molte possibili cause che possono portare a questo tipo di ictus.

Tra i numerosi fattori di rischio per il suo aspetto troviamo la presenza di ipertensione, diabete mellito, colesterolo, precedenti lesioni cerebrali (ad esempio a causa di cicatrici di alcune lesioni vascolari), problemi cardiaci (come nel caso dell'ischemia cerebrale emodinamica), malformazioni, traumatismi (che possono generare coaguli di sangue), mancanza di nutrienti sufficienti, tumori, fumo o consumo di determinati farmaci .

Affettazione nella vita del soggetto

La sofferenza di un'ischemia cerebrale di solito presuppone una grande affettazione nella vita del paziente, che può subire importanti sequele durante un periodo o anche durante tutta la sua vita.

A livello diretto, il paziente può soffrire di una grande diversità di problemi derivati ​​dalla morte dei loro tessuti, che può variare dall'afasia alla paralisi di una parte del corpo, inclusi formicolio, difficoltà cognitive (come la concentrazione, ecc.). o memoria), deficit sensoriali, problemi di sonno, movimento, sessualità o nutrizione. E sfortunatamente, questi problemi non verranno sempre risolti o compensati, qualcosa che può portare al paziente avere diversi gradi di disabilità .

Va anche tenuto presente che a livello sociale e occupazionale le conseguenze dell'ischemia possono avere conseguenze: ad esempio, se il paziente soffre di afasia associata all'ischemia, troverà difficile comunicare in modo efficace, qualcosa che può essere molto frustrante per il soggetto e generare malintesi con l'ambiente.

Finalmente e al di là delle conseguenze dirette dell'ischemia, non possiamo ignorare il grande impatto emotivo della sofferenza di questo tipo di disturbo . Il soggetto ha vissuto una situazione di grande rischio per la sua vita e non è raro che compaiano ansia o problemi depressivi, nonché una grande paura della possibilità che possa accadere di nuovo.

trattamento

Nei casi di ischemia cerebrale, la corsa per andare al centro medico è fondamentale e può salvare la vita del sofferente, così come ridurre i possibili effetti della distruzione cellulare .

Una volta identificato il problema, a livello medico è possibile iniettare sostanze che consentono la dissoluzione dei coaguli o addirittura utilizzare un intervento chirurgico per rimuovere il coagulo (essendo in grado di raggiungere le arterie cerebrali con procedure come l'angioplastica da altre parti del corpo).

Una volta che il problema è stato trattato e la fornitura di sangue è tornata alla normalità, e dopo un periodo in cui il paziente è sotto osservazione e in cui è possibile ridurre parte dell'area interessata dalla mancanza di rischio (la cosiddetta penombra ischemica in cui un'area del cervello è stata parzialmente colpita ma non è completamente morta e in alcuni casi può ripristinare parzialmente o completamente la funzionalità), sarà necessario valutare lo stato neuropsicologico del paziente .

A tale scopo, sarà necessario valutare la sua funzionalità nelle diverse aree, sia a livello motorio che cognitivo, al fine di identificare i possibili deficit e le alterazioni causate dalla morte delle cellule nervose. Una volta fatto questo, sarà necessario elaborare un trattamento individualizzato, in cui, a seconda dei casi, potrebbe essere necessario utilizzare terapia occupazionale, stimolazione cognitiva (in cui possono essere trattati aspetti come la memoria, le funzioni esecutive o l'attenzione), logopedia e / o fisioterapia.

Si tratta di eseguire una riabilitazione neuropsicologica del paziente, favorendo il recupero o la compensazione delle funzioni interessate.

Può anche essere utile terapia psicologica per il malato, dal momento che le sequele di ischemia possono essere vissute con panico e sofferenza e causa (sia direttamente come risultato di ischemia o indirettamente derivante dalla percezione di deficit) disturbi emotivi, ansia, distorsioni cognitive e problemi di regolazione psicosociale.

Riferimenti bibliografici:

  • Kuźma, Elżbieta; Lourida, Ilianna; Moore, Sarah F .; Levine, Deborah A; Ukoumunne, Obioha C; Llewellyn, David J. (2018-08). "Rischio di ictus e demenza: una revisione sistematica e una meta-analisi". Alzheimer e demenza. 0 (0)
  • Lewis. S.L (2008). Infermieristica medico-chirurgica. Disturbo vascolare

Ischemia cerebrale, ecco chi colpisce e i sintomi da non sottovalutare (Agosto 2020).


Articoli Correlati