yes, therapy helps!
Aracnoide (cervello): anatomia, funzioni e disturbi associati

Aracnoide (cervello): anatomia, funzioni e disturbi associati

Luglio 14, 2024

Le meningi sono una serie di membrane che insieme al cranio e alla colonna vertebrale proteggono il sistema nervoso centrale , in modo da prevenire piccoli colpi o lesioni che possono alterarne il funzionamento o distruggerlo completamente.

Oltre a ciò, consentono al cervello di essere a posto e, poiché ci sono diversi tipi di recettori del dolore, possiamo percepire che esiste qualche tipo di problema o di lesione. In questo articolo esploreremo la membrana aracnoidea per analizzare ciò che è, le sue particolarità e funzioni.

  • Articolo consigliato: "Parti del cervello umano (e sue funzioni)"

Aracnoidi: la meninge intermedia

L'aracnoide, insieme alla dura madre e alla pia madre, è uno dei tre meningi . Queste sono membrane che proteggono il nostro cervello e il midollo dalle lesioni provenienti dall'esterno e che hanno un ruolo importante nella nostra sopravvivenza. Sono posizionati uno sotto l'altro, formando tre piccoli strati protettivi.


Nel caso dell'aracnoide ci troviamo di fronte alla membrana intermedia, essendo in contatto con la dura madre e la pia madre. Risulta essere la più fragile e incline alla rottura dei tre. Un'altra delle sue caratteristiche principali è che non è vascolarizzato.

Sebbene siano a stretto contatto, l'aracnoide viene separato dalla dura attraverso lo spazio subdurale, che è più di uno spazio un sottile strato di cellule tra cui viene trovato il liquido interstiziale. Rispetto alla pia madre, è separato da esso dallo spazio subaracnoideo, e a sua volta si connette con esso per mezzo delle trabecole aracnoidee.

Uno degli aspetti principali che lo distinguono dagli altri due meningi è il fatto che contiene lo spazio subaracnoideo attraverso il quale circola il liquido cerebrospinale.


Componenti principali

Osservando l'aracnoide possiamo identificare l'esistenza in essi di diversi strati o parti.

1. Strato barriera aracnoidea o aracnoidea

Corrisponde alla parte dell'aracnoide che è in contatto con la dura madre . Le loro cellule sono molto vicine e difficilmente permettono il passaggio del liquido interstiziale, essendo la parte più resistente dell'aracnoide. Questo strato impedisce agli ioni e alle molecole di entrare o uscire. Tuttavia, in esso, si possono distinguere una serie di granuli o villi aracnoidi con cui si collegano con le vene esistenti nella dura, che consente al liquido cerebrospinale di essere espulso alla fine del suo ciclo.

2. Trabecole aracnoide o strato aracnoide reticolare

Le cellule dello strato barriera aracnoidale si proiettano verso la pia madre, formando una rete che attraversa lo spazio subaracnoideo che a sua volta forma una rete o una maglia che di fatto dà il nome alla meninge (a causa della somiglianza con il tessuto di un ragno). All'interno di queste proiezioni troviamo fibre in rete, fibre di ancoraggio e microfibre. L'esatta funzione delle trabecole non è ancora del tutto nota, anche se si ipotizza che siano in grado di percepire la pressione causata dal liquido cerebrospinale.


3. Spazio subaracnoideo

Sebbene più di una parte dell'aracnoide sia uno spazio situato tra le sue pale, lo spazio subaracnoideo è una delle parti più importanti dell'aracnoide. Questo è così perché è attraverso di essa che passa il liquido cerebrospinale . In questo spazio possiamo anche trovare una serie di pozzi e cisterne cerebrali importanti in cui si accumula il liquido cerebrospinale e che consentono la sua distribuzione.

Oltre al cervello stesso, si può trovare uno spazio subaracnoideo orbitale che circonda il nervo ottico.

Funzioni principali

L'aracnoide è una membrana che, come le altre meningi, ha diverse funzioni che consentono e favoriscono la nostra sopravvivenza.

1. Protegge il sistema nervoso

Nonostante sia relativamente fragile, l'aracnoide, insieme al resto delle meningi, consente di proteggere il cervello e il midollo spinale da colpi e ferite , così come la contaminazione e l'infezione da agenti nocivi.

2. Distribuzione del liquido cerebrospinale

È nell'aracnoide e nelle diverse cisterne dello spazio subaracnoideo attraverso cui circola il liquido cerebrospinale , elemento essenziale per mantenere in vita i neuroni del sistema nervoso nutrendoli e consentendo a loro volta l'eliminazione dei residui del funzionamento cerebrale.

3. Connessione del sistema del fluido vascolare-cerebrospinale

Il liquido cerebrospinale trasporta lo spreco dell'attività cerebrale, ma è necessario espellerli . Ciò avviene attraverso il sangue delle vene della dura madre, con cui l'aracnoide comunica. Allo stesso modo impedisce al liquido cerebrospinale di accumularsi eccessivamente, che non smette di essere secreto.

4. Permette la galleggiabilità del cervello

Il fatto che il liquido cerebrospinale circoli attraverso il suo interno consente al cervello di fluttuare leggermente , che riduce il suo peso e consente il mantenimento della sua morfologia.

5. Percezione della pressione intracranica

Anche se è qualcosa che non è completamente noto, si sospetta che siano le trabecole aracnoidee quelli che permettono al corpo di rilevare aumenti della pressione intracranica.

Disturbi associati

Ci sono diverse influenze che sono collegate alle alterazioni dell'aracnoide o in un'altra delle meningi. Tra queste alterazioni possiamo trovare quanto segue.

1. Cisti aracnoide

Piccole strutture cistiche possono formarsi all'interno dell'aracnoide che si riempie di liquido cerebrospinale. Mentre non possono causare problemi, possono generare una pressione che danneggia il sistema nervoso. Mal di testa, problemi di sensibilità, parestesia o paralisi sono comuni.

2. Meningite

Sia l'aracnoide che il resto delle meningi possono soccombere a un'infezione virale o batterica, infiammandosi e causando sintomi diversi come vertigini, mal di testa o debolezza. La composizione del liquido cerebrospinale che circola nell'aracnoide può essere alterata , oltre a causare la compressione del cervello.

3. Comunicare l'idrocefalo

È un disturbo in cui il liquido cerebrospinale si accumula all'interno del cranio , in questo caso perché le parti dell'aracnoide che consentono la comunicazione tra esso e il sangue delle vene non funziona correttamente, accumulando troppo fluido e non rientrando nel sangue.

4. Emorragia subaracnoidea

Si verifica quando a causa di malattia o infortunio (come ad esempio a causa di una lesione cerebrale traumatica) , il sangue entra e inonda lo spazio subaracnoideo. Può essere mortale. Mal di testa, alterazioni della coscienza e problemi gastrointestinali come nausea e vomito sono frequenti.

Riferimenti bibliografici:

  • Kandel, E.R .; Schwartz, J.H; Jessell, T.M. (2001). Principi di neuroscienza. Madrid: McGraw Hill.
  • Martínez, F; Domani, G.; Panuncio, A. e Laza, S. (2008). Rassegna anatomo-clinica delle meningi e degli spazi intracranici con particolare riferimento all'ematoma subdurale cronico. Messicano Journal of Neuroscience; 9 (1): 47-60

Etg - Sant'anna, operazione a cervello aperto con il paziente cosciente (Luglio 2024).


Articoli Correlati